Vai al contenuto

Ivrelia

Scrittore
  • Numero contenuti

    6
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Ivrelia

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Ivrelia

    Dimenticare i nomi dei personaggi

    Non mi è mai capitato di dimenticare i nomi, mi capita invece di creare personaggi senza ancora avergli dato un nome. Devo aspettare che il personaggio faccia qualcosa per trovare il nome più adatto
  2. Ivrelia

    Dialoghi e coerenza: incubi atroci

    "o al massimo quel che è sufficiente scoprire." Scusate, stavo scrivendo, ma devo aver inviato il post per sbaglio prima di concludere.
  3. Ivrelia

    Dialoghi e coerenza: incubi atroci

    Da questo punto di vista, anch'io mi muovo allo stesso modo: è un mio bisogno, più che un pensiero finalizzato a chi legge. Poi credo che in un mondo immaginario la coerenza acquisti ancora più importanza, è il modo migliore per stabilire delle regole, dei limiti, la distinzione tra possibile e impossibile, per non cadere nel banale. Non è detto però che serva spiegare tutto, evi avere tu ben chiari tutti i perché, e poi muovere personaggi ed eventi, anche gradualmente, per permettere al lettore di scoprire queste "regole" o al massimo .
  4. Ivrelia

    Buonasera a tutti

    Un po' di tutto All'epoca cominciai con Rumiko Takahashi (Ranma, Lamù, Maison Ikkoku), hanno seguito vari Shoujo e Shonen classici come Dragon Ball, One Piece… Al momento sono più presa da opere più mature, come quelle di Naoki Urasawa (Monster, 20th Century Boys, Billy Bat). Tra i cartoni animati resto legata alle opere della vecchia Gainax (Il mistero della pietra azzurra, Evangelion), poi ovviamente tutti i film d'animazione di Miyazaki, DIsney, pixar…
  5. Ivrelia

    Buonasera a tutti

    Grazie mille!
  6. Ivrelia

    Buonasera a tutti

    Buonasera a tutti, sono approdata nella vostra community cercando informazioni sulle case editrici Ho letto varie discussioni davvero interessanti e trovato un sacco di consigli, così ho pensato che mi sarebbe piaciuto partecipare… La pagina "10 errori che il nuovo utente non deve fare" mi ha convinta ufficialmente a procedere con l'iscrizione, inoltre mi piace moltissimo la scelta di definirci tutti sognatori. È quello che siamo e son felice di urlarlo ad alta voce! Ho 34 anni, vivo a Roma, sono laureata in giapponese e lavoro da non molto (prima ero segretaria in uno studio di fisioterapia) per una catena di negozi di abbigliamento come segretaria/responsabile merce/di tutto un po'. Non ho mai pubblicato nulla, anche se scrivo da parecchi anni ormai… Fin da piccola mi è sempre piaciuto inventare storie, non ho mai smesso di giocare, se così vogliam dire, all'epoca però non amavo molto i libri, preferivo i cartoni animati e i fumetti, giapponesi soprattutto (che mi hanno portato poi alla laurea), così disegnavo per portare in vita tutte le idee che mi frullavano in testa. Poi, all'ultimo anno di liceo, circa una quindicina di anni fa sono stata colpita da un'ispirazione senza precedenti, una storia che mi ha segnata, personaggi ai quali ancora oggi faccio fatica a dire addio. Non potevo lasciare quell'ispirazione in balia del disegno perché avevo raggiunto un limite che non mi avrebbe permesso di narrare al meglio una trama tanto ricca e complicata. Così mi sono messa a leggere seriamente (ed era già tardi), a leggere e rileggere (l'università mi ha aiutato moltissimo), e ho scoperto che in fin dei conti ero già innamorata dei libri, l'unico problema è che a scuola non mi avevano fatto leggere quelli giusti. Ho iniziato a scrivere, ho scritto e riscritto non so quante volte ormai, all'inizio sembrava davvero impossibile, col tempo sono migliorata e alla fine sono riuscita a tirare fuori un'operuccia, una corposa trilogia, che ha in sé tutto quello che avevo in mente, che ritrae i personaggi così come li avevo sognati per la prima volta e che è scritta decentemente. In realtà sono anni che l'ho terminata, nel frattempo ho anche cominciato un altro progetto… Ho perso tanto tempo a revisionarla e a sistemarla al meglio, mi sono persa nel lavoro e nella vita quotidiana, ma ora sono arrivata al punto di voler provare a inviarla a qualche editore. Se poi non dovessi riuscire, proverei comunque a metterla on line perché sento più che altro il bisogno di condividere con altri l'idea che tanto mi ha fatto sognare in questi anni. Mi sono dilungata anche troppo, smetto di tediarvi ulteriormente e vi auguro una buona serata!
×