Vai al contenuto

Il Gatto senza Stivali

Scrittore
  • Numero contenuti

    30
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

7 Neutrale

2 Seguaci

Su Il Gatto senza Stivali

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 05/08/1989

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Valencia

Visite recenti

1.531 visite nel profilo
  1. Il Gatto senza Stivali

    Cercasi Beta Reader

    Buongiorno a tutti! Mi trovo anch'io a cercare beta reader per la mia ultima fatica. Occhio: è un po' lunghetta. Cioè, dipende dai punti di vista, è lunghetta secondo me. L'ideale sarebbe ridurla di 10.000 parole, anche se la vedo difficile... Ho anche seri problemi a decidere di che genere si tratti: non è un fantasy. Cioè, sì lo è, ma non ci sono draghi né elfi. E poi è umoristico, ma non per questo senza intreccio... Avete presente Christopher Moore? Ecco, a me piace un sacco Christopher Moore, e in Italia non c'è nessuno che scriva come lui. Quindi mi ci candido io. Genere: Umoristico / Fantasy (non medievale) / Avventura Lunghezza: 112.000 parole / 680.000 caratteri Numero di beta reader che desidero: 2 Requisiti beta reader: Qualsiasi Tipo di commento richiesto: Un parere sincero su testo e storia, trovare eventuali buchi di trama, scivoloni, errori... Data entro cui desidero il commento: Entro fine settembre, direi!
  2. Il Gatto senza Stivali

    Con che font stampano i libri? Una ricerca approfondita.

    Riesumo il topic per segnalare un aggiornamento della mia ricerca circa i migliori font con cui stampare: Forte del lavoro di impaginazione realizzato di mio pugno e della mia professione, ho selezionato i migliori font gratis o open source con cui chiunque può stampare il proprio lavoro e perfino pubblicarlo senza preoccupazioni. Si tratta di font professionali che nulla hanno a che invidiare a quelli usati in fase di stampa dalle case editrici vere e proprie, e alcuni sono delle vere e proprie alternative gratuite a font come Garamond, Baskerville e Palatino. Se a qualcuno può interessare, lascio qui il link: Miglior font gratuito per pubblicare un libro
  3. Il Gatto senza Stivali

    Non tutti i principi nascono azzurri

    Layne Cantrell non è un principe azzurro. Per uno scherzo del destino, però, è nato nel Regno Capitale, patria dei principi azzurri, e come se non bastasse la sua famiglia l’ha praticamente inventata la professione, molti anni or sono: Arcival Cantrell, il primo paladino, colui che salvò il regno dai pirati, colui che sconfisse il drago, colui che… bla bla bla. Ci sono così tante leggende sul suo conto che in ognuna ha i capelli di un colore diverso e la sua principessa non ha mai lo stesso nome. Sono solo storie, ma purtroppo il padre di Layne non la pensa allo stesso modo. Lui sì che è un vero principe azzurro, anche se ormai tende al giallino – sapete, è un po’ itterico. Be', fatto sta che crede ciecamente nella superiorità della sua famiglia ed è convinto che non possa fallire. Mai. Layne invece fallisce. Spesso. Fa uscire suo padre di senno. Dopo anni di delusioni, però, l'anziano principe è riuscito a incastrare suo figlio: l'ha iscritto all’Accademia per Principi Azzurri™, "un pozzo senza fondo dove i sogni se ne vanno a morire" – secondo Layne – nel quale spera che gli venga la voglia di essere un principe azzurro per davvero. Del resto, cosa può essere più efficace che vivere in cattività assieme ad altri cento ragazzotti sudati pronti a compensare qualsivoglia mancanza con spade d’acciaio. Quello che Layne non sospettava è che proprio suo padre, IL principe azzurro, sarebbe scomparso in mezzo al deserto. Quello che nessuno sospettava è quanto rapidamente possano mischiarsi i colori quando tutto va a rotoli. Perché tutto rotolerà. Oh, se rotolerà.
  4. Il Gatto senza Stivali

    Richiesta suggerimenti per una corretta impaginazione: font, indice, suddivisione

    Ahhhh! No, probabilmente sono io che ho letto di fretta e ho capito quel che volevo capire XD In questo caso posso dirti che non c'è assolutamente nessuna regola a riguardo. Io nella mia auto-pubblicazione ho diviso --istintivamente più che altro-- la pagina in tre, iniziando con il corpo del testo nella seconda parte e mettendo il nome del capitolo a metà della prima. Ma qui sì che dipende tutto dai gusti. Prendi il libro meglio formattato che hai in casa e copia spudoratamente! Posso anche consigliarti, essendoci appena passato, di passare alla formattazione vera e propria solo quando avrai scelto con CHI autopubblicherai. Ho una cartella piena di word formattati secondo il mio gusto e un'altra secondo i gusti di amazon, lulu, youcanprint... tutto il lavoro fatto prima di scegliere non è servito a niente e mi ha solo distratto da cose più importanti. E finché si tratta di un file word passi, ma con la copertina sono volate ingiurie. Quindi ti consiglierei prima di tutto di scegliere con chi pubblichi e poi il formato (scelto tra quelli offerti). Perché se magari preformatti tutto in A5 e poi noti che CreateSpace non offre l'A5 ma il 5,5"x8,5" possono volare molte cose poco piacevoli.
  5. Il Gatto senza Stivali

    Richiesta suggerimenti per una corretta impaginazione: font, indice, suddivisione

    Ciao! Niente è banale finché non lo impariamo a fare! 1) Devi anche impostare la sillabazione, cioè che il testo vada a capo. Così non lascerà quegli orrendi spazi enormi tra parola e parola. Lo trovi sempre nelle impostazioni del paragrafo. 2) Non so se ci sia uno standard, sinceramente... Io lascio 0,30 cm, che poi, se non sbaglio, sono 3 mm. Avevo letto tempo fa di uno standard, ma si trattava di un articolo americano e parlava di pollici... E non ricordo la cifra esatta... Comunque se sfogli i vari libri che hai in casa vedrai che, col tempo, il rientro si è assottigliato. Ho dei libri piuttosto vecchi con un rientro bestiale, di circa 1,5 cm, mentre i libri moderni non si allontanano ma troppo dai 3 mm, chi più chi meno, chi menissimo.
  6. Il Gatto senza Stivali

    Richiesta suggerimenti per una corretta impaginazione: font, indice, suddivisione

    Altrimenti c'è una gran bella estensione per libreoffice (apache open office, openoffice...) che si chiama Writer2ePub, di Luca Calcinai. Di solito crea file epub di ottima qualità, che passano senza problemi l'epubcheck. Convertire con Calibre questo file epub in mobi è una passeggiata, e la qualità resta intatta. Così dal tuo .doc ben formattato ti ritrovi con entrambi i formati digitali più usati.
  7. Il Gatto senza Stivali

    Con che font stampano i libri? Una ricerca approfondita.

    Con che font vengono stampati i libri? Non parlo di che font usino gli scrittori mentre sono al lavoro, ma proprio quello che viene poi messo in stampa. Per anni me lo sono chiesto. Per anni sono saltato da un font all'altro su word solo per avere la parvenza di avere quasi finito e di vedere il mio libro il più simile possibile a come sarebbe stato una volta stampato. Perdevo più tempo a mettere a posto gli stili che a scrivere. Ogni ricerca su google, però, dava risultati sommari, e spesso chi prendeva posizione difendeva a spada tratta Times New Roman, sostenendo che fosso il font con cui si stampassero tutti i libri. Un giorno ho detto basta! e mi sono rimboccato le maniche per scoprire cosa venisse usato davvero. Riporto qui, col permesso di Mrs C, l'articolo completo, che prende in esami alcune delle C.E. più importanti italiane, spagnole, inglesi e americane, così chiunque altro abbia avuto questo dubbio potrà risolverlo, o anche solo togliersi la curiosità. Che font si usa per scrivere e stampare un libro? Se conoscete più esempi (di cui avete la certezza) fatecelo sapere!
  8. Il Gatto senza Stivali

    Richiesta suggerimenti per una corretta impaginazione: font, indice, suddivisione

    Sia per Garamond che per Baskerville ci sono dei progetti open source: EB Garamond Open Baskerville E a parte questi ci sono molti altri font professionali open source o gratuiti!
  9. Il Gatto senza Stivali

    Longanesi

    Nop. Fogli A4 sfusi. Ho spedito così a ogni editore, avendo letto da qualche parte (probabilmente qui) che non gradiscono/non è necessario rilegare. Poi 2,50€ per manoscritto non sono mica pochi.
  10. Il Gatto senza Stivali

    Longanesi

    A me hanno risposto con una lettera standard, credo. Credo fosse standard, dico. In realtà io avevo inviato a Salani, ma la risposta è arrivata da Longanesi. Avranno finito la cencelleria al piano della Salani? XD
  11. Il Gatto senza Stivali

    Richiesta suggerimenti per una corretta impaginazione: font, indice, suddivisione

    Per il font, oltre a quanto ti hanno consigliato qui, posso chiartirti le idee io. Ho appena fatto una ricerca sui libri in casa al momento, uno per casa editrice. Ho scannerrizzato una pagina, usato due servizi disponibili a tutti online (whatdafont e identifont) e stilato una lista con C.E. - libro - font. Ti riporto i risultati delle italiane: Guanda - Simoncini Garamond Adelphi - Baskerville Feltrinelli - SImoncini Garamond E/O - Simonicini Garamond Vallecchi - Garamond 3 Bompiani - Garamond Classico Mondadori - Palatino Non ci sono tutte le BIG, purtroppo in Spagna non ho tutti i miei libri... L'ultimo articolo del mio blog è proprio su questo tema e prende in cosiderazione anche alcune C.E. inglesi, americane e spagnole. Per l'italia quindi, come vedi, con garamond vai tranquillo. Office viene con Garamond classico (quello della Bompiani) preinstallato, quindi dovresti averlo. Altrimenti ti consiglio EB Garamond, un font open source e gratuito che puoi usare liberamente. Per l'indice ti consiglio anch'io di metterlo alla fine, non sia caso che alcuni titoli siano troppo rivelatori. E la suddivisione spetta a te. Di esempi per non sentirti troppo fuori strada ne trovi a bizzeffe aprendo libri a caso, ma è pur sempre una scelta tua. C'è gente che mette capitoli uno di fila all'altro senza cambio pagine, gente che lascia buchi ogni capitolo, gente con capitoli di due pagine, gente che struttura fino a cinque livelli... Insomma quello che ti sembra più adatto al tuo romanzo è quello che andrà bene. Non credo che nessuno storca il naso.
  12. Il Gatto senza Stivali

    Buonasera a tutti!

    Ciao anche a voi! Lascia stare, Njagan, va'... Quanto tempo perso... E speranze. E quanta rabbia. Va be', pietra sopra.
  13. Il Gatto senza Stivali

    Buonasera a tutti!

    Grazie a tutti! E spero che con collega non ti riferissi a archeologo, Alexander XD So che anche in Italia la situazione è grama... Ma a noi ci piace soffrire
  14. Il Gatto senza Stivali

    Buonasera a tutti!

    Hai fatto benissimo, economicamente parlando. Per il resto, puoi benissimo tenerti aggiornato su scavi e non scavi, scoperte, eccetera... anche senza studiarlo o farlo per professione. Mi sa che è la cosa più furba, anzi. Grazie Frà, lo rileggerò!
  15. Il Gatto senza Stivali

    Buonasera a tutti!

    Salve! Sono appena arrivato, di nuovo. Mi ero iscritto ormai due anni e passa fa, credo, quand'ero giovane e inesperto. Ora sono solo inesperto. Ai tempi avevo avuto la apparente fortuna di essere selezionato dalla fatiscente (già ai tempi) EditAutori, e l'amaro in bocca risultante mi aveva portato ad allontanarmi da forum, blog e social per qualche tempo. Ora il bruciore è passato, ed è tempo di riprendere in mano ciò che avevo abbandonato. Questo forum è uno di quei posti, sebbene non sia mai stato molto attivo, nemmeno prima della bufera. Be', vista la lunga assenza mi ripresento. Mi chiamo Andrea, ho 25 anni, e molto è cambiato dalla mia ultima visita: ora vivo in Spagna e non mi dedico più a rimandare la data di laurea, sono ormai archeologo e ricostruttore 3D (brutta parola) del patrimonio, anche se non c'è affatto lavoro per quelli come me (italiani, intendo. Ma anche archeologi in generale). Nel tempo libero continuo a scrivere, tanto romanzi (be', uno solo a dir la verità) quanto articoli sul blog, e mi dedico alla riscoperta passione per il disegno, soprattutto digitale. Se ogni tanto faccio scivoloni linguistici o uso parole strane e probabilmente inventate è solo il mio piccolo cervello che fa fatica a usare due lingue così simili una di fila all'altra, e spero mi perdonerete! Ciao a tutti!
×