Vai al contenuto

Donny

Scrittore
  • Numero contenuti

    26
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

3 Neutrale

Su Donny

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Nord

Visite recenti

255 visite nel profilo
  1. Donny

    [Prima pagina romanzo] Alessy e la principessa

    Ciao @Mos Ho detto che Sofya non è un personaggio POV, non che non abbia un ruolo importante nella storia. È naturale che da un frammento di tremila caratteri non si possa discutere del conflitto, la trama, la crescita dei personaggi e tutto il resto. Da questo frammento io cercavo consigli e impressioni sullo stile, sulla verosomiglianza dei dialoghi (sono artificiosi? I personaggi sembrano tutti uguali o hanno una voce propria?), sulla scorrevolezza. Come ti sono parsi questi aspetti?
  2. Donny

    [Prima pagina romanzo] Alessy e la principessa

    Ciao @Mos, grazie del parere. La storia non ruoterà attorno a Sofya e Alessy e alla loro relazione. Ci sono altri personaggi con le loro vicende e il romanzo viene narrato attraverso il punto di vista di quattro personaggi, cambiando a ogni capitolo. In questo caso era Alessy, Sofya non è presente tra i personaggi attraverso cui viene narrata la storia. Lo sviluppo della relazione tra i due non va a finire nel modo che hai ipotizzato, tranquillo. Cosa intendi dicendo che non aggiungo carne al fuoco? Intendi che avrei duvuto raccontare il passato dei personaggi? Questo non mi è chiaro. Per i nomi, vedrò che fare. Per quelli posso sempre pensarci dopo
  3. Donny

    [Prima pagina romanzo] Alessy e la principessa

    commento L'inizio del romanzo fantasy che spero di riuscire a finire, che ne pensate? ALESSY «E fu così che Aral L'Indistruttibile conquistò la Cinta Montuosa.» gli occhi di Alessy si posarono sulla principessa. Le labbra di Sofya erano contratte in una smorfia. «Più passeggiate facciamo, più le tue storie si rivelano noiose.» La principessa diede un colpo di talloni e il cavallo scattò, i boccoli biondi che fendevano l'aria della notte. "Dolce, mia dolce principessa" Alessy la raggiunse. «Mia signora, intendevo darti speranza.» «Non sono un barbaro e non so nemmeno combattere. Forse dovresti smetterla di duellare con Gyon, o quantomeno utilizzare un elmo di miglior fattura per proteggere quello che tu osi chiamare cervello.» Alessy si costrinse a esibire uno dei suoi migliori sorrisi. «Sei davvero spiritosa, mia signora. Tuttavia, è il principe Gyon che soffre i miei colpi, di solito.» Sofya scosse la testa. «Fatico a crederci. Non è delle tue stupide leggende che ho bisogno, comunque.» Sofya gettò la chioma dorata dietro le spalle. «Credo che invece possano esserti utili, principessa. Quando il tuo esercito attaccherà i Banditi Della Roccia, conoscerai il tuo nemico.» Alessy portò la mano al petto, sul cuore. «E io sarò in prima linea a combattere per Sofya, la regina della Cinta Montuosa.» La principessa portò una mano alla bocca e rise. «Fammi indovinare come va a finire, noi due ci sposiamo e dal tuo seme nascono i miei bambini.» Sofya continuava a ridere. «Hai una bella fantasia.» Il suo sguardo si piantò su Alessy e il sorriso scomparve «Mio padre non mi fornirebbe mai degli uomini per marciare contro i Banditi Della Roccia. Dice che conosciamo troppo poco le montagne e finiremmo vittime di agguati da parte dei nemici. Dovrò persuaderlo in altro modo.» Giunsero davanti alla Fortezza Sovrana. Alessy smontò da cavallo e porse la mano a Sofya. Lei accettò l'aiuto, le dita della principessa sprigionavano calore, la pelle era delicata. Non appena fu scesa, si diresse verso l'entrata della fortezza. Alessy consegnò i cavalli allo stalliere e accelerò il passo per raggiungere la sua protetta. "Forse, un giorno, sarà davvero una regina". Odori dolciastri fuggivano dalle cucine poste ai lati del corridoio principale della Fortezza Sovrana. «Mia signora, desideri toglierti uno sfizio prima di coricarti?» «Mi piacerebbe che fossi tu a toglierti di dosso, una volta tanto.» "Un po' di dolcezza farebbe bene a questa tua acidità" Ma questo Alessy non lo disse, si limitò a sorridere. Continuarono fino alla fine del corridoio, salirono la rampa di scale a destra, le torce adagiate sulle pareti di pietra. Servetta, così la chiamava sempre Sofya, attendeva davanti alla camera della principessa, il volto pallido accarezzato dai capelli corvini. «Riempi la vasca con acqua calda, oli e sali.» ordinò Sofya. «Subito, mia signora.» Servetta s’inchinò, aprì la porta e si fiondò dentro. «Gradisci compagnia in vasca, principessa?» Sofya entrò nella stanza. «L’unica cosa che ha bisogno della tua compagnia è il letto della tua stanza.» Chiuse la porta, le ombre che si azzuffavano sul legno. “E sia. Un giorno anche tu giacerai nel mio letto.”
  4. Donny

    Incipit Romanzo fantasy.

    Ciao! Ti dico subito che il tuo stile non è semplice, anzi, è abbastanza complesso e arzigogolato. Ma questo non è necessariamente un bene. Ho avuto parecchie difficoltà a leggere questo frammento, talvolta credevo di essermi perso o non trovavo il nesso tra due frasi, ho dovuto rileggere più volte. Inoltre, come mai vai a capo dopo ogni riga? Ci va uno spazio dopo i puntini di sospensione, questo l'ho notato più volte nel corso del racconto, intuisco che non sia un semplice errore di battitura. Qui, secondo me, si può semplificare omettendo quando ho barrato. O, magari, utilizzando i due punti "L’avidità o forse la paura, giocano brutti scherzi, possono portare a risvolti inaspettati: decine e decine di tonnellate [...]". Inoltre, sei andato a capo dopo la virgola, non credo sia un errore di battitura nemmeno questo, visto che lo fai anche dopo. Mi viene un dubbio, che il racconto sia una poesia? Tuttavia non vedo né rime né metrica, quindi sono confuso. Questa frase non significa nulla e denota una certa insicurezza del narratore: è troppo generale e approssimata. "non si poteva certo dire" "il massimo" "probabilmente" sono tutte approssimazioni, non fanno apparire nulla nella mente. (Inoltre, quando possibile, cerca di evitare gli avverbi in -ente, sono quasi sempre inutili). Poi cosa significa che non sono il massimo sotto qualsiasi altro profilo? Quindi anche sotto il profilo non-etico non sono il massimo? Quella virgola dopo "diversa" stona parecchio. Anche quel "ben" confonde solo le idee e può essere omesso tranquillamente. Anche "qualsiasi" non serve a nulla. Provo a pulirla: "Ma per quanto l’atmosfera a bordo non fosse diversa da quella che si respira in un regime dittatoriale Questa doppia negazione appesantisce e confonde. Il sì affermativo vuole l'accento. La "d" eufonica va tolta poiché le due vocali non sono uguali. Puoi omettere quel "in parole povere", non aggiunge nulla alla narrazione. Inoltre, non mi sembrano esattamente "parole povere"! Avverbi in -ente evitabili. Inoltre, non so in che futuro sia ambientato questo racconto, ma dovrai fornire una giustificazione sull'esistenza di Wikipedia, e come ha fatto a resistere nel tempo (nel caso in cui sia un futuro remoto). Il racconto non mi pare fantasy, o sbaglio? Tra cannoni laser e flotte di astronavi non tende di più alla fantascienza? Da quel che mi è parso hai voluto mettere troppa carne al fuoco in queste righe, sembra che siano successe tante cose ma io non ci ho capito molto. Se non ho capito male, questa flotta sta andando contro la Regina? A rileggerci!
  5. Donny

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Ciao! Il tuo è l'ultimo racconto del contest che leggo, ed è totalmente diverso da tutti gli altri! (in modo positivo). Molto poetico, aulico. Mi sono fatto trascinare dalla bellezza delle parole, una riflessione profonda contenuta in uno scrigno tempestato di gemme preziose, complimenti! A rileggerci!
  6. Donny

    [MI 134] L’ultima carta

    Ciao! Hai avuto un'ottima idea, bellissimo il tranello teso al padre di Donatella! Mi è piaciuto un sacco che prima fosse molto professionale e poi sbotta di colpo. Dovrebbe forse farci riflettere sulla validità di certi psicologi? Ottimo racconto, i miei più sinceri complimenti. A rileggerci!
  7. Donny

    [MI 134] Non lo sapevo

    Ciao! Un racconto molto riflessivo, si potrebbe dire che il punto di vista è proprio la mente della protagonista. Ho apprezzato la penna, quella maledetta penna, che va su e giù in modo inesorabile. A un certo punto sentivo pure il rumore che si faceva sempre più fastidioso. A rileggerci!
  8. Donny

    [MI134] Il Baobab

    Ciao! Ho trovato molto buono il contrasto tra la parte iniziale, dolce, poetica, suggestiva e la parte finale, cruda e terribile. Mi sarebbe piaciuto capire meglio tutto il processo che ha portato la donna a compiere l'omicidio. A rileggerci!
  9. Donny

    [MI 134] Vacanze estive

    Ciao! Hai uno stile molto particolare e interessante. Oltre a questo, se devo essere sincero ho avuto qualche difficoltà a seguire il racconto, mi sono perso qua e là. Mi è comunque piaciuto, è spietato. Il padre disposto a rischiare la vita del figlio per qualche migliaio di euro. A rileggerci!
  10. Donny

    [MI 134] La vita con Matilde

    Ciao! Il racconto si lascia leggere bene, ho trovato il colpo di scena ben riuscito. Come ti ha già detto qualcuno, anche a me l'invito a cena pare un po' forzato, e anche che lo psicologo accettasse e consigliasse al protagonista di uscire insieme, anche se questo dipende dal rapporto che hanno, che però non è stato sviluppato qua nel racconto, quindi difficile a dirsi. A rileggerci!
  11. Donny

    Mito urbano semiserio

    Ciao @Olly Qui avrei evitato la ripetizione di "vestito", secondo me stona un po'. "Ciò che odio maggiormente è essere obbligato a indossare un vestito. È come una violenza:" così mi sembra funzionare lo stesso, che ne pensi? Sempre nella stessa frase, toglierei la d eufonica che non serve, visto che "a indossare" sono due parole che iniziano con vocali diverse tra loro. Qui ci racconti che la signora è emozionata, va bene. Tuttavia, avrei preferito che tu mostrassi. Cosa fa dedurre al protagonista che la signora è emozionata? Ha un tono di voce acuto e parla veloce? Ha un sorriso da un'orecchio all'altro? Insomma, in cosa consiste questo essere emozionata? Per fare la "È" puoi usare la seguente combinazione di tasti: Alt+212 (I numeri sul tastierino numerico) Non sono un fan degli inglesismi. Comunque, non ho mai sentito un'espressione del genere Da te si dice, o se l'è invetato il tuo personaggio? Inoltre, mancherebbe una "h" per essere corretto. Quindi, "whatsappo". Più la guardo più non mi convince per niente magari un "le scrivo su Whatsapp" anche se è più lungo. Anche qua mi sembra troppo linguaggio da SMS, mi viene da pensare che potrebbe essere una peculiarità del tuo personaggio? Comunque, secondo me, due "abbreviazioni" messe così, una dietro l'altra, stonano abbastanza. Potresti utilizzarne solamente una, oppure nessuna. "una volta l'ha vista in televisione sul tg locale" "una volta l'ha vista in tv sul telegiornale locale" "una volta l'ha vista in televisione sul telegiornale locale" Devo dire che il racconto mi ha rapito, pur non essendo il mio genere. L'ho letto interessato e tutto d'un fiato. Il personaggio è ben caratterizzato e penso che chiunque ci si possa rivedere un po'. D'altronde siamo stati tutti adolescenti. In questo racconto, oltre al protagonista narratore, il secondo personaggio che mi è piaciuto di più per come lo hai caratterizzato è la signora ingioiellata: che rompiballe . Ahahah, ti è uscita proprio bene, sapessi quante ne ho conosciute così! Da quanto ho letto, il racconto fa parte di un contesto più ampio, infatti non ha una vera e propria trama e conclusione. Ma questo non è un problema, anzi, mi ha invogliato a leggere il proseguimento per sapere come se ne esce sto povero ragazzo. Sei riuscita a trasmettere veramente bene cosa prova un adolescente durante quella fase della vita. In questo caso l'equilibrio tra lo snaturarsi della propria persona e il mantenere buoni rapporti con i propri genitori. Il "non è mai abbastanza" che mi ha toccato molto, perché ho avuto esperienze simili in altri ambiti della vita. Dovresti eliminare qualche avverbio in -ente di troppo, ognuno ogni tanto va bene, anche se rallenta l'azione, quindi usali con cautela. Te lo dico, anche se ti è già stato fatto presente. "Lentamente" è un avverbio e indica lentezza quindi secondo me è perfetto In conclusione, come ho già detto, il racconto mi ha preso e mi ha invogliato a leggere di più, esplorare la vita e i conflitti di questo ragazzo, per vedere come se ne esce. Ben fatto! A rileggerci! (Ho sempre desiderato dirlo )
  12. Donny

    Mezzogiorno d'inchiostro 134 – Topic ufficiale

    racconto Traccia di mezzanotte: È finita
  13. Donny

    [MI 134] Libertà

    Uhm ma mi hai detto in generale come consiglio di indicarla o hai notato che io non l'ho fatto? Perché nel primo messaggio di questo topic l'ho indicata
  14. Donny

    Mezzogiorno d'inchiostro 134 – Topic ufficiale

    racconto Purtroppo ho sbagliato sezione Ho segnalato allo staff per spostare la discussione, il link sarà valido anche dopo lo spostamento? Vogliate perdonarmi per questa svista, posso offrirvi dei biscotti
  15. Donny

    [MI 134] Libertà

    Grazie, dal regolamento ho letto che la traccia è sufficiente indicarla nella discussione del racconto, non è così?
×