Vai al contenuto

Fabio1143

Scrittore
  • Numero contenuti

    21
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

6 Neutrale

1 Seguace

Su Fabio1143

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. La realtà a volte supera l'immaginazione. Non vorrei sbagliare ma nel fu Mattia Pascal era presente un prologo che spiegava come fosse accaduto un caso analogo. Trovo che un epilogo o un prologo con una piccola spiegazione possano aiutare. Comunque il fatto dell'abitudine al buio a me pare credibile.
  2. Fabio1143

    Il dilettantismo che nuoce al sistema

    Certamente. L'importante è divertirsi e migliorare.
  3. Fabio1143

    Il dilettantismo che nuoce al sistema

    Che dire, confesso e alzo le mani. Mi arrendo Scherzosamente, ma non troppo. Per me la scrittura è un divertimento, uno spazio felice, di creatività. Però, è evidente che non posseggo né il talento né l'attitudine per essere considerato uno scrittore. Ho quindi trovato la mia vita naturale nell'auto-pubblicazione, come mezzo per condividere comunque il frutto del mio passatempo. Ne ho venduta qualche copia, ma certamente solo per il prezzo bassissimo. A mia discolpa posso dire che non ho mai mandato nulla a nessuna casa editrice, anche perché mi spiacerebbe far perdere del tempo a chi lavora ... Forse, a queste condizioni, aveva più senso tenere il libro nel cassetto ed evitare di espormi a figuracce. Beh, è una serata in cui sono un po' demoralizzato.
  4. Fabio1143

    Richieste abilitazione Narrativa over 18

    Classe 1984! Vecchio e pelato
  5. Fabio1143

    Babbaluci a Mosca

    errata corrige Scusate, ho commesso un errore nella compilazione della scheda. Avrei dovuto cancellare la voce "casa editrice" e compilare quella dell'autopubblicazione.
  6. Fabio1143

    Babbaluci a Mosca

    Titolo: Babbaluci a Mosca Autore: фабио Casa editrice: Amazon Kindle self publishing ASIN: B07NNQJG7V Data di pubblicazione (o di uscita): 14 febbraio 2019 Prezzo: (della versione cartacea e/o digitale) 0,99 Genere: Fantascienza Pagine: 120 Quarta di copertina: Simona è una studentessa italiana immersa in una Mosca-metafisica, sospesa tra il 1962 e un tempo indefinito. Nelle sue avventure, Simona si imbatterà in un marinaio senza nave, un uomo-lumaca, una bambola giapponese, un vecchio kirghiso, strani matematici cecoslovacchi e altri paradossali arnesi umani. Link all'acquisto: https://www.amazon.it/dp/B07NNQJG7V
  7. Fabio1143

    Purismo letterario...si o no?

    Personalmente, dato che conosco mediamente l'italiano, mi infastidiscono solo gli errori grossolani e la punteggiatura sbagliata (comunque se mi accorgo che l'autore la usa in modo strano cerco mentalmente di intuire dove andrebbe). Immagino che se io fossi un perfetto conoscitore della lingua, sarei molto più esigente. In generale comunque la cosa più importante per me è che l'autore riesca a coinvolgermi.
  8. Fabio1143

    Il profumo di cedro

    Ciao. Premetto che non avrei saputo scrivere meglio e che l'atmosfera del racconto è molto bella e mi è piaciuta. Quindi, non mi permetto di fare una critica "tecnica" nel merito, ma solo fare qualche considerazione da uomo della strada che legge e può dire "questo mi è piaciuto, questo no ..." provando ad azzardare anche il perché. Per quanto riguarda l'italiano utilizzato, effettivamente è un po' diciamo "ruspante". Comunque, se nel complesso si riesce sempre a ricostruire il significato delle frasi, bisogna anche dire che il "ritmo" della narrazione risulta un po' ... "ostico". Per intenderci, è molto difficile riuscire a gestire un periodo molto lungo, con un ritmo quasi da "fiatone". In qualche caso, si può anche fare, ma se non c'è una buona ragione e se non si è in qualche modo studiato la "cosa" (ad esempio: penso ad un monologo scritto per essere recitato e quindi con la possibilità di preparare con l'attore il ritmo della lettura) è meglio evitare. Nel complesso, si ha un po' l'impressione di leggere un tema di prima superiore; manca quindi quell'illusione, quella magia, quel coinvolgimento che un racconto dovrebbe riuscire ad evocare. Nel merito della storia, a mio avviso una cosa che manca (e la cui mancanza si sente) è l'assenza di un "contrasto", di una delusione, di una difficoltà da superare. La questione della disabilità, della "fidanzatina", della paura della nonna per la possibile delusione sono accenni, agganci a possibili "scogli" per il protagonista, ma rimangono solo abbozzati.
  9. Fabio1143

    Purismo letterario...si o no?

    Dipende. Se lo stile è un po' ruspante ma in linea con l'uso comune della lingua (ad esempio: piuttosto che disgiuntivo oppure indicativo invece del congiuntivo) ci passo sopra. La sgrammaticatura se non giustificata per qualche ragione strana (esempio: in un dialogo) rovina l'esperienza e la comprensione.
  10. Fabio1143

    Fare di persone reali i propri protagonisti

    Buongiorno. Sono un Avvocato ma non specializzato in materia di proprietà intellettuale. In linea di massima credo occorra distinguere tra profili civili (eventuali diritti di tutela dell'immagine / sfruttamento commerciale) e penale (oltre alla riconoscibilitá della persona occorre il carattere diffamatorio dello scritto). La fattispecie è delicata e nel caso di pubblicazione consiglio di sottoporre il caso concreto (considerando il concreto contenuto dell'opera) ad un legale all'uopo incaricato.
  11. Fabio1143

    Cercasi Beta Reader

    Mi offro come beta-lettore. Il genere e il tema mi interessano.
  12. Fabio1143

    Cercasi Beta Reader

    Buona sera cerco beta reader per un romanzo, sostanzialmente finito, ambientato a Mosca negli anni '60 con elementi fantascientifici e vagamente surreali. Tra i temi sfiorati, il viaggio nel tempo, l'intelligenza artificiale ed altri paradossi. Numero di cartelle: circa 120 cartelle (non escludo qualche lieve modifica tra l'inserimento di questo annuncio e l'invio). Numero di Beta Readers che cerco: minimo 3. Tipo di commento richiesto: commenti sinceri per comprendere se il lavoro è completamente scentrato rispetto a quello che dovrebbe essere libro di narrativa. Data entro cui desidero il commento: a seconda della disponibilità dei beta readers.
  13. Fabio1143

    Cosa state scrivendo?

    Sto cercando di scrivere un romanzo con elementi fantascientifici, ambientato a Mosca nel 1962. L'idea di basa sarebbe quella di giochicchiare con paradossi matematici / logici e fisici, ma sempre con una modalità scanzonata, non certo rigorosa. Probabilmente il risultato è una schifezza, però è un bel passatempo e l'idea è - a lavoro ultimato - quello di passare all'auto-pubblicazione.
  14. Fabio1143

    Scrivere e demolire trame, e così all'infinito

    Ciao. Alla fine secondo il mio modesto parere potresti aiutarti: 1 . Definendo 1 storia nella sua "estrema essenza" 2. Strutturando 1 scaletta
  15. Fabio1143

    Il mostro della procrastinazione

    La procrastinazione è il mio male per ciò che ě "dovere". La scrittura per fortuna non lo è: se non ho un'idea e una predisposizione che mi porti a correre al pc o al taccuino... Beh meglio fare altro. Il risultato sarebbe brutto e il mezzo non divertente
×