Vai al contenuto

༺ Ꮹ ༻

Lettore
  • Numero contenuti

    55
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

17 Piacevole

2 Seguaci

Su ༺ Ꮹ ༻

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 4 luglio

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Santa Marinella
  • Interessi
    leggere, soprattutto romanzi di genere | scrivere, ma sono un principiante | fotografare, era la mia professione divenuta ora un hobby | programmare, era un hobby divenuto la mia professione

Visite recenti

271 visite nel profilo
  1. Non conosco la persona direttamente ma l’associazione che organizza il concorso opera anche nella mia città e ne ho sempre sentito parlare bene. Io parteciperò e sarà la mia prima volta ad un concorso. Non mi aspetto assolutamente di vincere però accetto volentieri gli auguri di poter passare almeno la prima selezione
  2. ༺ Ꮹ ༻

    Al Denny's

    @Darkmiryam ma come? Leggings di lattex e bigolo... che immagine orrenda Non ho pensato ad un continuo. È stata un'idea spuntata all'improvviso e bruciata così, in pochi minuti. Hai perfettamente ragione. Qui ho toppato alla grande. Ne sono contento però perché così mi rimarrà da monito per il futuro. Non posso dare per scontato che il lettore mi capisca; non è uno stupido ma non è nella mia testa. Anche qui concordo con te. Potevo gestire meglio i tempi Potrebbe essere un buon esercizio riscrivere questo racconto per migliorarlo. Non so se posso pubblicare una revisione dello stesso racconto. Devo chiedere allo Staff, @Niko @wyjkz31 @ElleryQ si può? @Darkmiryam scrivi anche tu? Se pubblichi qualcosa fammi sapere.
  3. ༺ Ꮹ ༻

    Al Denny's

    Grazie per il commento @Unius Decisamente sì. Volutamente, dato che con il suo nome alla fine speravo passasse da misteriosa a molto conosciuta. Non sono riuscito a trasmettere quello che volevo allora Un bel po' di paura. O almeno questo era il mio intento. Ripercorrendo il mio racconto: Una giovane dai capelli neri... Che si sia arrochita perché ha urlato? O forse è stata in luoghi umidi? Potrebbe essere perché chi la vede in TV una volta non la rivede una seconda... Tipo gli umidi pozzi... Simile ad una persona che si muove con piedi e mano Come chi non prende il sole perché rinchiusa Tipo "la gente morta" [cit.] Dopo sette giorni... Cognome, Morgan. Ok, ok. Spiegare un racconto è come spiegare una barzelletta; vuol dire che è stato rappresentato male e se ne perde tutto il gusto. Non ho fatto un buon lavoro PS: abbiamo capito di chi parliamo, vero?
  4. ༺ Ꮹ ༻

    Hope

    Non si dice che "la speranza è l'ultima a morire"? Allora il mio frammento è preludio alla fine del mondo Grazie @Poeta Zaza penso di avere ancora molta strada da percorrere ma ricevere commenti positivi dà voglia di impegnarsi.
  5. ༺ Ꮹ ༻

    Viola

    Cosa dire se non, Grazie (volutamente con g maiuscola). Mi fa molto piacere leggere il tuo commento perché quello che tu hai espresso è proprio quello che volevo trasmettere. Per chi scrive, sapere che il lettore comprende quello che si vuol dire è un grande successo. Ti prego @LupoNero se hai qualche minuto da dedicarmi, evidenzia i miei errori. Non ho esperienza e anche le cose che per altri restano ovvie per me non lo sono affatto. A rileggerci
  6. ༺ Ꮹ ༻

    Al Denny's

    Macché, pura ignoranza Fantozziana Penso si tratti di un refuso... Il racconto vuole essere solo un gioco di riferimenti al personaggio di Samara Morgan, non credo ci sia spazio per molto altro. Potevo diluirlo di più ma lo avrei solo annacquato e riempito di aspettative disilluse. Grazie per i tuoi commenti @OMST6912280 hai colpito l'obiettivo numero uno tra quelli dove devo migliorare: i verbi.
  7. ༺ Ꮹ ༻

    Al Denny's

    Fosse l'unico dubbio Ne ho così tanti che alcuni li lascio dubbiare per conto loro e vado avanti. Farò tesoro del tuo consiglio.
  8. ༺ Ꮹ ༻

    Layout sezioni ed "Elenco di Lettura"

    Ciao @wyjkz31 @Niko mi aggancio a questo post dato che la mia richiesta è pari a quella di @gecosulmuro Nel forum sento la mancanza di poter memorizzare collegamenti a post, commenti o sezioni che vorrei leggere successivamente o mantenere sotto mano per consultarle al bisogno. Utilizzare il 'segui' non è un'alternativa funzionale. Ho visto che ora è disponibile un plugin che sarebbe perfetto e credo farebbe felici molti utenti: https://invisioncommunity.com/files/file/8582-bookmarks/ Potrebbe essere un regalo di Natale per tutti noi, che ne dite?
  9. ༺ Ꮹ ༻

    Al Denny's

    Ciao @Lauram grazie per i tuoi commenti. Forse qui è voluta la ripetizione? Sì, qui è voluta. Un gioco di parole che aveva l'intenzione di dare un tono meno formale al racconto. Denny's usato già nella frase precedente. Anche qui la ripetizione non mi stonava, ma potrei sbagliare. Cosa proponi? Se non ripeto 'Denny's' ripeto 'pub'. Dovrei riformulare tutto il periodo? Mi fa piacere ti sia piaciuto e apprezzo i tuoi commenti. Grazie. Non credo di aver letto ancora nulla di tuo, cercherò i tuoi scritti. A presto.
  10. ༺ Ꮹ ༻

    Al Denny's

    Erano passate quattro settimane da quando io e Marta ci eravamo lasciati. Trascinavamo il rapporto da troppo tempo: era una fine già scritta. Finalmente ora ero libero. Libero di uscire con gli amici, libero di vedere altra gente, libero di rientrare all’ora che preferivo e di mangiare quando e cosa volevo. Una noia bestiale. Lavoravo tutta la settimana: il sabato sera ero solo e non sapevo che fare. Dove abito non c’è molta scelta. Quattro bar pieni di pensionati che, distribuiti quattro a quattro, intervallano bestemmie a sorsi di vino mentre si sfidano a carte. Due pizzerie, meta di famiglie urlanti con ragazzini isterici e di famiglie isteriche con ragazzini urlanti. Un pub, il Denny’s, un locale che faceva il verso ai fast food americani; il posto meno peggio del paese. Decisi di andare a bere una birra al Denny’s. I miei amici, solitamente, non lo frequentavano ed era un bene perché non avevo voglia di compagnia. Almeno all’inizio perchè, a metà della mia Guinness, la persona che entrò nel pub mi fece cambiare decisamente idea. Il rumore dei tacchi catturò lo sguardo di tutti gli uomini presenti, il suo aspetto fece proprio anche l’interesse delle donne. È strano come sia un rumore che proviene dal basso a destare la curiosità, ma si parti dall’alto a squadrare la persona che provoca quel rumore. Lunghi capelli neri cadevano, lisci come ali a riposo, su di un viso dai lineamenti dolci. Un corto giubbotto di pelle nera era tenuto aperto, incapace di contenere due seni tondi e tonici. Il leggero top, nero anche quello, non lasciava dubbi sulla prestante atleticità di quelle curve ipnotiche. Una bassa cintura di pelle nuda faceva da confine ai leggings di lattex neri che abbracciavano delle gambe da modella; ma non di quelle modelle stuzzicadenti che si vedono alle sfilate, lì c’era la giusta quantità di ossa, muscoli e vita da far pensare che ultimamente Dio dovesse aver preso ripetizioni da Michelangelo. Si sedette su uno dei sgabelli liberi al bancone. La fortuna volle che al Denny’s di sgabelli ce ne fossero solo due, quindi, si sedette su quello accanto al mio. Io ero solo, lei era sola, il barista era ancora imbambolato vicino alla casa a fissare quella Nikita apparsa dal nulla. Perché non prendere spunto dalle tante sit-com viste? Qual’era la classica battuta? «Posso offrirti da bere?» Funzionò! «Un Sazerac, grazie» Non so se fu più stupefacente che lei accettasse il mio approccio o che il barista conoscesse il Sazerac e avesse l’assenzio tra le tante bottiglie dietro al banco. La sua voce, calda e leggermente roca, mi raccontò che era qui di passaggio; lavorava in televisione ma dubitava che l’avessi gia vista; visitava, per i suoi impegni, sia grandi città che piccoli paesi come questo; le davano fastidio i luoghi chiusi e bui; avrebbe voluto andare in un posto più tranquillo. «Se vuoi possiamo fare due passi sulla spiaggia» Mi fissò sollevando un sopracciglio. ‘Ma quanto sono idiota?’ «Oh… Ecco, beh… Potremmo bere qualcosa a casa mia…» Una sola parola piena di promesse: «Andiamo!» e si alzò. Al pub parlammo poco, a casa ci superammo: non appena chiusa la porta le nostre bocche furono impegnate in ben altro. Raggiungemmo la camera con il passo incerto di un solo corpo con quattro gambe. Cademmo sul letto ancora abbracciati. La spogliai lentamente mettendo a nudo la pelle diafana che contrastava nettamente con l’abbigliamento total-black. Io mi sentivo bruciare ma lei era fresca, il contatto piacevole. Mentre facevamo l’amore ricordo che per un momento mi passò per la testa una domanda sciocca: ’Come si chiama la febbre al contrario? Quando una persona ha la temperatura sotto i 36.’ Fu lento, dolce, intenso; e breve. Non ci volle molto per essere pronti ad un nuovo round. Se prima facemmo un viaggio uno alla scoperta dell’altro questa volta condividemmo un’avventura da restare senza fiato. Fu energico, passionale, travolgente; e lungo. Il miglior sesso mai fatto. «Ora devo proprio andare» disse mentre scendeva dal letto e raccoglieva i vestiti, «tu non ti alzare, mi vesto e vado» Rimasi a guardarla mentre il nero ricopriva il bianco e realizzai che stava davvero andando via. Volevo incontrarla ancora, conoscerla meglio… Ok, lo ammetto, volevo fare ancora il miglior sesso mai fatto. «Ti rivedrò?» «Certo! Sabato prossimo tornerò qui per te» Si chinò e mi diede un bacio mentre i lunghi capelli neri coprivano i nostri visi. Avevo ancora il sapole della sua bocca sulla mia quando dalla porta la sentii dire: «Ci vediamo fra sette giorni» Corsi da lei: «Non conosco il tuo nome» Scese le scale e, senza girarsi, rispose: «Samara»
  11. ༺ Ꮹ ༻

    Cjan e l'uva passa

    Ciao @paolati avevo detto che sarei passato a leggerti e così eccomi qui. Ho scelto un racconto a caso tra i tuoi, e non un frammento, perché volevo qualcosa di autoconclusivo (e perché volevo pubblicare anche io un breve racconto ) L'idea che la voce narrante sia quella di un cane non è una novità ma la trovo sempre piacevole. Sposta il punto di vista. Bisogna però in questi casi stare attenti a non umanizzare troppo l'animale altrimenti diventa solamente il punto di vista di una terza persona. Tu sei riuscita a mantenerlo 'cane'. Caratterizzarlo maggiormente potrebbe essere un esercizio di stile. Come me possono farlo però anche gli altri cani; e gatti, uccelli e bambini, per cui, quando sono in casa... Non sono un esperto di punteggiatura ma a me suona meglio così. Perché 'sembra'? È un rantolio che proviene dalla tromba... Piccole cose qua e là: Come si fa a pulire il gas? Questa mi piace un sacco! Qui è poco cane Un brano bello, scorrevole. Sembra più un frammento che un racconto. Crea molte domande senza dare risposte e questo, per un racconto autoconclusivo, non è il massimo. Chi è il Paron? Cosa lo porta ad essere burbero? Che rapporto ha con la vecjate? Perché non la sopporta? Cosa farà con l'intraprendente Ucraina? La ricerca del CD dei Buena Vista lascia intendere qualcosa? Sono stato cattivo ma non fraintendere, mi è piaciuto molto. Ho visto che ci sono altri racconti con Cjan, me li leggerò con molto piacere (forse le risposte le troverò lì). A presto.
  12. ༺ Ꮹ ༻

    Viola

    Grazie @paolati per il tuo commento: il tuo come, quello degli altri, è prezioso. Non il primo giorno di scuola ma elementari, esatto! Viene detto chiaramente in alcuni periodi omessi. Davvero? Grazie. Marco è fantasia ma in ciò che scriviamo c'è sempre qualcosa di noi. Non credi? Mi sono detto per anni che volevo provare ma ho iniziato davvero da due settimane, però ho letto tanto. Le altre due segnalazioni non le riporto, che vergogna. Questa invece sì e la faccio mia: suona molto meglio assai Grazie ancora @paolati ti leggerò. A presto.
  13. ༺ Ꮹ ༻

    Viola

    Non è così semplice, che gusto ci sarebbe?
  14. ༺ Ꮹ ༻

    Vita a colori

    Ciao @Elisabetta Rosata non ti spaventare del molto che @luca c. ma messo nel suo messaggio. Il regolamento sembra più complicato di quello che è in realtà, ma è facile da seguire. Ti do il benvenuto anche io e aspetto i tuoi scritti, i nostri li trovi già qui, in giro per il forum
  15. ༺ Ꮹ ༻

    Viola

    Ciao @Kyuss bentornato a leggermi. Hai capito perfettamente. La voce narrante è del protagonista, ormai adulto, che racconta un periodo della sua infanzia con la consapevolezza della maturità. Esagerato
×