Vai al contenuto

fcwfex

Scrittore
  • Numero contenuti

    72
  • Iscritto

  • Ultima visita

2 Seguaci

Su fcwfex

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 19 febbraio

Contatti & Social

  • Sito personale
    https://federicamilella.blogspot.com/

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Pisa

Visite recenti

629 visite nel profilo
  1. fcwfex

    Come navi oltre l’orizzonte

    Buongiorno @Valerie hai compreso bene ciò che ho scritto, forse sono versi più semplici da capire per chi è nato e cresciuto su una spiaggia, come me, che nel tempo ha notato il differente rapporto che si andava a creare con l'acqua. Spero di trasmette queste immagini, che io vedo chiare, anche a persone che non le hanno vissute direttamente. Grazie.
  2. fcwfex

    Come navi oltre l’orizzonte

    Mare fanciullo, scherzi, spruzzi, schizzi. Sulla battigia, come le onde dispettose capovolgono mille conchiglie tintinnanti, giocava vivace insieme ai bambini. Poi si quietava, bagni, tuffi, sole e risate. Cresceva, smanioso e irrequieto, come la marea influenzata dalla luna. Calmo, ci accompagnava al largo, col patino, nascondendo, a occhi indiscreti la nostra adolescente intimità; poi si faceva mosso e impavidi volavamo divertiti, su imprudenti cavalloni sicuri. Ci siamo persi, da grandi, come navi oltre l’orizzonte. Donne lontane a prendere il sole, Uomini, pochi, distanti anche loro. Un mare con la spuma imbiancata, da un tempo cocciuto e ostinato che non rallenta, che ci ha separati, invecchiati, scacciati da quel caldo ricordo di un mare bambino.
  3. fcwfex

    La solitudine di averti accanto

    Buongiorno @Lesa Maestà L'incipit preannuncia burrasca. Un rapporto sentimentale concluso, a causa di un Lui pieno di difetti. Perché è di questo Lui che si intravede il carattere fin dalle prime parole. Lei, la protagonista, invece si definisce solo nell'incapacità di ripulire sé stessa dalle macchie che le ha vomitato addosso il compagno nel corso della relazione. Dopo "non arriva" avrei sostituito il punto fermo con una virgola, sembra appartenere allo stesso elenco. A proposito di elenco, dava l'idea di un crescendo, dal caffè freddo al graffio sulla macchina, per arrivare al contatto fisico con la mano, uno sguardo... e poi il calzino stona tutto. Prova a dare un valore ad ogni elemento per arrivare ad un culmine. Il "calzino troppo grande", forse sono due, spaiato potrebbe avere più senso buttarlo via, a meno che il calzino incriminato non sia di Lui. Errore di battitura. Mi garba questa contrapposizione! "Quei particolari" ti riferisci a quelli sopra elencati? nessuno di loro è piacevole, perché avrebbe sorriso associandoli a Lui? Anche questa frase è molto bella. Il distacco con quell'uomo è stato davvero difficile e tormentoso. Non capisco, c'è un distacco completo tra i due personaggi, così capisco leggendo, come può, dunque, ferirla ancora? Essendo un frammento, può anche darsi che alla domanda risponda il resto del testo. Si sono lasciati, ma la presenza di uno continua a tormentare la vita dell'altra. Il sospetto che Lui sia morto mi è venuto, leggendo solo questo stralcio, io non lo riesco a capire. "La solitudine di averti accanto" non la vive più, perché questo non la rincuora? Le parole che hai scritto trasmettono davvero tormento e inquietudine, il suo compagno doveva davvero avvilirla per portare la sua mente a tali pensieri e associazioni. Ogni situazione negativa, subito le porta Lui alla mente. Come avrà mai vissuto quest'uomo per averla tubata tanto? Mi piacerebbe davvero saperlo. Un saluto, Fede.
  4. fcwfex

    Come una chioccia

    Buongiorno @Giangix96 grazie per il commento. Pensa che il tono l'ho distaccato molto, essendo la poesia scaturita da un forte momento di rabbia, posso dire di averla contenuta già senza specificare chiaramente i soggetti. Una metrica vera e propria ammetto di non essere capace ad applicarla. Le due prime strofe però seguono una certa coerenza (a mio dire!), la terza invece è più un vomitare tutta una serie di pensieri in modo veloce senza prendere fiato, come fosse un aumento di ira. A presto e benvenuto!
  5. fcwfex

    Concorso di poesia Dantebus [12/11/2020]

    Ho inviato la mia opera il 17 novembre. Il 18 mi hanno telefonato elogiando la poesia e facendomi una piccola intervista. Dicendo che la telefonata nulla ha a che vedere con il risultato del concorso, mi propone un contratto di tutto rispetto per la pubblicazione in antologia di ben dodici mie poesie, più due pagine per la biografia corredata da critica letteraria. E-book sui più importanti siti on-line anche esteri, un app. per cellulare col mio nome da cui si possono leggere tutte le mie pubblicazioni, biografia e quant'altro. I costi per una pubblicazione sono alti, mi dice, si aggirano sui 1500,00 euro, noi ci investiamo e proponiamo agli autori un contributo simbolico di 399,90 euro. Ho rifiutato.
  6. fcwfex

    Come una chioccia

    Buongiorno @Gianfranco P e @Lo scrittore incolore grazie per i commenti, mi fanno davvero piacere. Scrivo poche poesie perché nascono solo da forti sentimenti, altre situazioni preferisco esporle in prosa. In quest'opera i protagonisti a cui pensavo sono un genitore separato e i suoi due figli (cantano a tre voci, perché sono in tre). Il genitore è quello economicamente meno fortunato che educa i figli con valori che prescindono dai soldi, al contrario dell'altro che attira a sé l'affetto dei figli regalando loro delle belle giacche, portandoli a cena fuori, ma tutto con la fretta di liberarsi di loro per poter passare il resto del tempo con l'amante. Ho usato il plurale da ambo le direzioni per non creare accuse, ho generalizzato portando leggermente il lettore fuori strada. Non mi dispiace comunque la libera interpretazione e la modalità di applicare i miei versi ad altre mille situazioni analoghe.
  7. fcwfex

    Come una chioccia

    Non ci interessano le vostre giacche nuove. Insieme, noi abbiamo costruito una stalla, due innamorati con loro figlio, sotto una splendente cometa gialla; racchiudendo l'immagine in un guscio di noce. Non ci interessano inviti a cene lussuose. In auto, noi abbiamo cantato a tre voci Modugno, volato in un cielo di stelle, gridato, sorriso e scherzato. Non ci attira la superficialità di sterili giornate, trascorse velocemente, con l'ansiosa bramosia di arrivare a sera. A noi appassiona l'idea, la tradizione, brevi momenti solo nostri, carichi di personalità diverse, fuse a creare una famiglia.
  8. fcwfex

    Benvenuta nel Maine

    Buongiorno @rocasolino simpatico il tuo frammento. Un incipit che si manifesta a piccoli passi portandoti alla curiosità di capire cosa intendesse la nonna a dire che la nipote era già stata in quella casa: ci avrà vissuto da neonata, come suppone la ragazzina o nasconde una trama più fitta? Dal breve stralcio non si delineano ancora caratteristiche peculiari dei personaggi, Joe sembra una ragazzina tranquilla senza tanta voglia di evasione che accetta il compromesso di attendere i genitori a casa della nonna. La padrona di casa sa il fatto suo a livello di arredamento, probabilmente avrà carattere anche nella gestione della nipote. Leggo il testo scorrere bene e chiaro, fatto salvo qualche punto che riporto sotto (ometto di ripetere i suggerimenti dell'utente precedente): E' stata nella nuova casa meno di 24 ore, dalla sera alla mattina, tempo in cui ha dormito, difficile abituarsi in così breve tempo. con "resuscitata" mi dai l'idea che i genitori avessero detto alla figlia che la nonna era morta. Ci ho messo un paio di letture a capirlo. Joe intendeva seguire le lezioni in viaggio insieme ai genitori? Cambiare cosa? Avrei scritto: "trecento chilometri" Lo stai ripetendo, puoi non scriverlo Avrei scritto: "sedici" Questa frase mi garba un sacco! da veramente l'idea di magnificenza. Ganza anche questa cosa di "catalogare" quando si osserva qualcosa di nuovo. Questa frase è poco chiara. "brevi momenti trascorsi in sua presenza ed era già riuscita..." o simile. Capisco il senso che vuoi dare, ma sembra che gentili siano le collane. Metterei una virgola per non confondere la descrizione Per dare un indizio su dove vuoi andare a parare la nonna poteva anche dire: "Bentornata nel Maine". La frase che ho messo in grassetto invece convince poco anche me, "qui ti sentirai a casa" a meno che la nonna non volesse darla a intendere La prima frase citata, la nonna l'ha pensata tra sé e sé, oppure detta ad alta voce? sembra che la nipote abbia udito. "Glissato" mi sembra un eufemismo, non ha proprio menzionato di avere una madre! Da quanto si legge in precedenza. Ciò che ho scritto è solo un mio punto di vista, difficile commentare correttamente alcuni aspetti di frammenti di cui non si conoscono altri dettagli. Però incuriosisce, continuerei a leggere se avessi in mano l'intero libro.
  9. "Depennatore" In fin dei conti, li depenna dalla lista
  10. fcwfex

    Il falco miope

    Ciao @Chiara1981 , m'è garbato parecchio il tuo frammento! Solo due appunti: 1. Leggendo il titolo ho pensato istintivamente che fosse di un genere più comico, a me ha richiamato questo sentire. Invece il testo non lo è affatto, anzi. Mi aspettavo una cosa e ne ho letta un'altra, io do peso alle parole che si usano per nominare, dunque descrivere, un testo; prova a pensare a delle alternative, anche solo come esercizio; 2. E' un falco, come può conoscere l'esistenza di missili? Penso che ognuno parli e pensi sulla base delle proprie conoscenze, un falco può esprimere la stessa metafora paragonando il rapido volo dei propri simili agli aculei lanciati da un istrice quando si sente in pericolo, per fare un esempio al volo. Sono solo spunti su cui può essere interessante riflettere.
  11. fcwfex

    Montegrappa edizioni

    Buongiorno, questa CE è ancora in auge? Il sito web non funziona e su Facebook non scrivono dall'anno scorso.
  12. fcwfex

    Freccia d'oro

    @LilyJackson16 Certo! Buongiorno, vi racconto la mia esperienza con questa Casa Editrice. Nel 2018 partecipai a un loro concorso. Il testo salì sul terzo gradino del podio, vincendo la pubblicazione. Accettai l'offerta, del tutto gratuita. La casa Editrice effettuò la correzione bozze e la scelta della copertina, io ebbi la possibilità di dare la mia opinione su entrambe le cose, trovando subito un accordo. Il volume fu stato pubblicato nei primi mesi dell'anno successivo (la premiazione avvenne nel mese di ottobre 2018). Mi furono inviate 5 copie gratuite più altre su mia richiesta. Il titolo fu inserito immediatamente sul loro sito per la vendita poi sui normali canali di vendita on-line. Non e-book. Era un racconto, un piccolo volume di 40 pagine. Non abbiamo fatto presentazioni anche perché io abito lontano da Ferrara. Se avete domande su dettagli che non ho descritto, sono a disposizione.
  13. fcwfex

    [H2019] Non voglio più dormire

    Ciao ragazzi. Seguendo più o meno i vostri consigli, ho riscritto il testo, stravolto direi. Ora è in maturazione. Ho cambiato pure il titolo. Grazie.
  14. fcwfex

    [H2019] Non voglio più dormire

    @Poeta Zaza "Camerina"? Non lo avevo nemmeno notato. La mia mamma ha sempre chiamato camera sua "camera", quella mia e di mia sorella "camerina". Stessa cosa faccio io coi miei figli. Forse ho dato per scontato un "dialetto" familiare che al di fuori del mio contesto non viene usato. L'idea di cosa e come sarebbe accaduto l'avevo chiaro in testa, ma non l'ho maturato sotto forma di testo. Non ho il dono dello scrivere di getto, non l'ho riletto, ma se riesco a sistemarlo secondo un paio di intuizioni suggerite, io quella ragazza la terrorizzo fino alla morte! Grazie Fede
  15. fcwfex

    [H2019] Non voglio più dormire

    Buongiorno. L'idea di spiegare chi fosse il "mostro" non è stata brillante, e pensare che all'inizio non l'avevo scritta. "non rispondo al nome di Matteo" a me già inquietava. Nella mia testa, la ragazza immagina il suo Matteo e si inventa quello che le pare. La presenza del mostro non è direttamente collegata al ragazzo, non sono la stessa persona. Le emozioni che prova Antonella la caricano di energia, è questa che alimenta l'entità. Poteva anche sognare di avere gli omini LEGO space di tutti i colori con saturno ancora dorato, per quanto mi riguarda, ma in pochi avrebbero capito. Ci sarebbero dovute essere sere senza sogni, ma non avevo spazio e mi sarebbe piaciuto confondere meglio la natura di questa mano che riesce a toccarla. Quando senti una mano che ti tocca il ventre e l'associ al sogno, difficile non pensare che possa anche farti del male. Chissà, potrei svilupparla senza limiti di battute, applicando i vostri consigli. Grazie Fede
×