Vai al contenuto

Poeta Zaza

Scrittore
  • Numero contenuti

    3.963
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    10

Tutti i contenuti di Poeta Zaza

  1. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Il tuo stra-apprezzamento mi fa tanto, tanto piacere, @Donny
  2. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Grazie del passaggio, @Joyopi È questo racconto che si è fatto scrivere in tale guisa. Mi ha preso la mano e me lo sono ritrovato così.
  3. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Grazie del passaggio,@Edu ! Hai ragione su quel termine, troppo moderno nel contesto aulico, ma nella prima stesura così mi è venuto, e di getto, in poco tempo, tutto insieme, andando poi a limare pochissimo, scegliendo volutamente di lasciare quasi tutte le forme auliche che mi erano venute naturali, senza andare peraltro a eliminare quella parola - autovalutazione - che avrebbe stonato nel contesto.
  4. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Grazie del passaggio e del pensiero, @M.T.
  5. Poeta Zaza

    [MI134] Il primo giorno di scuola

    @Emy Bentrovata! Riprendere il lavoro abituale dopo una interruzione traumatica per un periodo di tempo significativo significa sentirsi dentro come se fosse il primo giorno di lavoro. Sì, perché si è diventati "diversi" per la quotidianità di "prima". Hai saputo rendere bene il concetto, perché tu hai già vissuto un'interruzione della quotidianità, con la guerra nel tuo Paese. Quanto mai attuale il tuo testo oggi per noi, anche se il nostro nemico oggi è lo stesso per ogni Paese, e purtroppo è invisibile. Complimenti, Emina, e grazie per questa lettura da Zaza.
  6. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Grazie, @Mafra
  7. Poeta Zaza

    [Decameron 2020] Io ci credo

    È impegnativo il collegamento da fare ad ogni verso e ci sei riuscita con naturalezza con la tua poesia sperimentale, @julia1983 .
  8. Poeta Zaza

    [MI 134] L’ultimo colpo di Francesco Ferdinando

    @Edu Riesci a fare ironia con delicatezza anche su un tema increscioso come quello che hai trattato, e facendo fare il protagonista a un potente ci marci alla grande! Ciao carerrimo, non la tua prova migliore a MI, ma comunque buona!
  9. Poeta Zaza

    [MI 134] Un divano

    Due belle similitudini, bravo! Come scrivi bene, @Gigiskan , in un bello corretto e scorrevole stile! La trama del racconto si palesa via via, catturando l'attenzione del lettore, sino al finale che ha la giusta enfasi. Lieta di averti letto. Una bella prova! Complimenti!
  10. Poeta Zaza

    Decameron 2020 - Sfida collettiva

    --- 4 --- [Decameron 2020] Distanti si prega
  11. Poeta Zaza

    [Decameron 2020] Mario

    è diventata Nel pezzo di cui sopra hai parlato al passato, in contrapposizione con l'incipit che inizia al tempo presente: Mario si annoia. E allora perché continuare con l'imperfetto: Mario non sopportava più? e gli altri a seguire. Poi però riprendi col presente, qui sotto, e sino alla fine, correttamente: Bentrovata, @Befana Profana Comincio col dirti che ho molto apprezzato l'idea dell'evasione nell'arte del disegno del protagonista, Mario, un'arte che gli permette di creare, nel mondo dove è imprigionato, dei compagni di vita virtuali (e anche oltre il virtuale, visto che alla fine sconfini nel fantasy, brillantemente...) così come Mario avrebbe potuto scrivere, come hai fatto tu, con l'arte letteraria, nella stessa situazione di prigionia. Come siamo tutti, oggi. Avere un'occupazione in cui realizzare il nostro istinto artistico è un grande conforto. Quando, poi, si riesce a condividerlo con gli altri, coi mezzi moderni, è ancora meglio. Oltre all'idea centrale, hai saputo descrivere molto bene, Marezia, le condizioni e i limiti attuali della stretta sociale da coronavirus. Soltanto, hai omesso la libera passeggiata (quattro passi) nei dintorni del proprio quartiere (anche senza avere il cane). Ma è un dettaglio. Il testo scorre nel tuo stile concreto ed efficace, chiaro per la lettura perché "aggancia" il lettore. Tranne quel pezzo che ti ho citato di sfasatura verbale, la sintassi e la grammatica sono ok. come ovvio per la tua esperienza che conosco e apprezzo. Ti faccio solo un appunto, ed è sulla scelta del titolo. Il nome del protagonista cosa ci dice del contenuto? Nulla. E mille altri nomi? Nulla. Per il mio sentire, per me nel titolo si dovrebbe mettere un indizio, un'anticipazione, di quello che è il contenuto. Ora, senza scadere nel banale, citando il coronavirus nel titolo, preceduto da: Il tempo del... La compagnia ai tempi del..., avresti potuto scegliere un titolo più "ficcante" per l'occasione. Comunque grazie per la lettura e la compagnia, e complimenti Zaza
  12. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Wow! Grazie Ton
  13. Poeta Zaza

    [MI 134] Styles

    Bentrovata, @AnnaL. erano sposati quella virgola non va due punti quel mondo ha sempre compreso anche lei. perché vinta? Non è meglio conquistata? forse meglio "allarmata" temuto che lui fosse risentito e si sentisse sminuito a quel proposito Messa così, avevo capito fosse morta la bambina. Secondo me, dovresti precisare che si tratta della madre di lei. cambierei così la punteggiatura di fine frase: Sarà dura spiegarle che il papà non vivrà più con loro, e più dura sarà accettare... viva punto e virgola oppure punto. potesse Hai reso, con evidenza, la storia della separazione dal marito di una donna arida ed egoista, come moglie e, soprattutto, come madre. Ti ho segnato i piccoli refusi da fretta e altre segnalazioni, che spero ti siano utili e graditi. Ciao, Anna, lieta di ritrovarti al MI.
  14. Poeta Zaza

    [MI 134] L’ultima carta

    Non sbagli un colpo nel comico, bravo @Macleo Buono anche l'espediente della pesca per chiudere la lettura del racconto con una risata!
  15. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Un gran bel complimento, sicuro! È la mia passione, inanellare le parole. Grazie, @AnnaL.
  16. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Mi fai arrossire, cara Adelaide, ho piacere delle tue parole. Grazie @Adelaide J. Pellitteri
  17. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Hai usato una espressione particolare ma che si attaglia bene all'argomento, mi piace. Altrettanto e grazie del passaggio, @Garrula
  18. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Grazie, @Vincenzo Iennaco , onorata del tuo giudizio! Sei stato bravo nel cogliere la "correzione", causa boa, che ho dovuto fare a quel verso, che in origine era: Infine l’ultimo soffio per quel dove
  19. Poeta Zaza

    [MI 134] Non lo sapevo

    Bentrovata, @Adelaide J. Pellitteri Secondo me, dovresti specificare l'oggetto, l'argomento, trattandosi dell'incipit: forte! stai narrando al presente ma di un evento passato, quindi meglio il congiuntivo imperfetto Meglio: Mentre cerco di parlare degli ultimi giorni, quando virgola molto strano! una bella immagine, brava Un bel colpo di scena nel finale, a corollario delle invenzioni della moglie tradita. Mi è piaciuto, Adelaide!
  20. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    @Alberto Tosciri Grazie! Sono onorata per le diverse positive osservazioni sul mio testo e dal tuo giudizio d'insieme. @Almissima piacere del tuo passaggio Questo "me di luce" è il mio Angelo Custode.
  21. Poeta Zaza

    [MI 134] Non ricordo lo stacco

    Lieta di fare la tua conoscenza, @Gigiskan e grazie per l'apprezzamento.
  22. Poeta Zaza

    [MI 134] Ritorno a casa

    Il protagonista era tuo padre! Che bello questo ricordo che ti è stato trasmesso e come impreziosisce il tuo lavoro. Bravo!
  23. Poeta Zaza

    [MI134] Il Baobab

    Benvenuta al MI, @Almissima Peraltro Ti suggerirei: Quella donna, prima di appiattirsi, leggeva parecchio ecc. un bel passaggio il pezzo sopra refuso per sgattaiolava Secondo me, dovresti precisare dall'inizio di chi si tratta, ad esempio: Aveva seguito la sua rivale in amore senza nemmeno lasciare la spesa a casa. Se non pagherà per il suo reato, certo pagherà per la psicoterapia, se andrà avanti così... Bentrovata nel Contest del MI, @Almissima
  24. Poeta Zaza

    [MI 134] Ritorno a casa

    @Alberto Tosciri Che dire? Ogni tuo racconto lo leggo come una storia vera, perché, anche se non lo è, lo leggo come tale, e mi avvince. Mai superficiale nella trattazione del racconto, mai banale. Inoltre, è sempre scritto impeccabilmente, dall'editor di te stesso quale sei. Mi associo ai complimenti che hai già ricevuto. Zaza
  25. Poeta Zaza

    [MI 134] Libertà

    Benvenuto al MI, @Donny Un buon esordio, a mio avviso. Il tuo racconto narra il vissuto tristissimo di un reduce di guerra e il suo presente disperato, allorché scopre che l'amata, il cui ricordo l'aveva motivato a resistere per anni in condizioni e sensi di colpa terribili, non ha saputo aspettarlo. Cede alla disperazione, implorando un delinquente di ucciderlo. E in quel momento cala il sipario sull'amara vicenda. Scrivi molto bene, e in modo corretto, con una buona sintassi, con uno stile e una scorrevolezza che ti fanno leggere e continuare a leggere volentieri, curiosi del seguito. Complimenti! Zaza
×