Vai al contenuto

Poeta Zaza

Scrittore
  • Numero contenuti

    3.963
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    10

Tutti i contenuti di Poeta Zaza

  1. Poeta Zaza

    Il gioco delle Consonanti

    tocca a te lanciare la nuova frase, @Befana Profana
  2. Poeta Zaza

    Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì.

    Guardare il mondo da un punto di vista diverso aiuta
  3. Poeta Zaza

    Jack Gold è arrivato!

    Benvenuto @Jack-Gold e ti sei presentato bene, già dal titolo! Sei un giovane profondo a quanto leggo, ti troverai bene e ti auguro di imparare tanto e di scrivere col tuo "fanciullino" dentro, ché la ricchezza che hai è anche la sua, non scordarlo mai!
  4. Poeta Zaza

    Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì.

    Bell'assist, @Alba360 Io ci vedo un messaggio primitivo che sconfina, universale, in tutti i tempi, per la sua caratteristica di essere senza tempo. La prima coscienza, da parte di una creatura, che il sonno non è morte, la consapevolezza di essere stato assente a se stesso, avulso alle sue necessità corporee. È un messaggio della prima consapevolezza: ritrovarsi e riconoscersi.
  5. Poeta Zaza

    trovare un titolo ad una presentazione è troppo difficile

    @orion benvenuta Gabriella! Difficile trovare il titolo per presentarsi? Io l'ho fatto col mio nome. Ma quasi nessuno lo fa, chissà perché... Così sono tutti uguali... E se quel qualcuno che citi aveva scoperto che la parola più indicata era: Presentazione, allora perché non titolare: Presentazione di Gabriella: Orion Servirebbe anche, a distanza di tempo, se a qualcuno interessa sapere di te. Ti troverebbe subito. Vedrai che, girando nelle varie stanze del forum, troverai tanta ricchezza, la miniera che ci rende più ricchi: quella delle parole e delle idee.
  6. Poeta Zaza

    Aforismi

    SUGLI ADDII - 5 Se dilaga quel silenzio senza sponde, viene vaga la sembianza alla distanza. (Poeta Zaza)
  7. Poeta Zaza

    La pecora nera

    La pecora nera di notte si salva dal lupo perché lui scorge solo quelle bianche nel dirupo. Non uniformare il tuo pensiero Non sviare il tuo vero Non accodarlo a quello omologante dominante. Tieni desto il tuo proprio ragionare, il proficuo discettare sia pulito e sia chiarito. Sappi rischiare per le tue ragioni, le tue opinioni. Non farti vincolare dai giudizi: son fittizi. Non fare come quelli che se non conoscono il sole ... non gli manca.
  8. Poeta Zaza

    La pecora nera

    grazie @Roberto Ballardini ho trovato interessanti le tue considerazioni . Io comunque cerco sempre il ritmo nelle mie poesie, anche in quelle non in rima, e quando scelgo di dire, ad esempio, "il tuo proprio ragionare" anziché "il tuo ragionare" è voluto proprio per la cadenza, il ritmo appunto, del verso in combinazione con gli altri: quelle due sillabe in più servono... potevo cambiarle con un'altra parola, forse meglio, ma ci volevano, secondo me. La pecora nera si salva col buio, sì, perché il lupo, che caccia di notte, vede meglio le bianche... Ciao Roberto
  9. Poeta Zaza

    La pecora nera

    ti ringrazio @Lmtb99 e hai ragione, è un mio vezzo inserire delle frasi ad effetto che, a volte, turbano l'equilibrio dell'insieme.... Tu dici che è difficile associare immagini complesse all'idea di diversità. Vero, ma io ho voluto fare un'osservazione a favore di chi può sentirsi emarginato o viene messo da parte. A favore di chi è diverso dalla massa per pensiero e modo di vivere e non viene compreso. La metafora che ho pensato chiarisce anche i possibili vantaggi di questa situazione. Il lupo caccia di notte e la pecora nera di mimetizza e si salva, mentre il gregge è alla sua mercé.
  10. Poeta Zaza

    Ombra

    Tre negazioni per chiedersi se è maggiore l'attesa dell'amore o la seduzione che ci vuole afferrare. Oppure chi ama chi... oppure "amor ch'a nulllo amato amar perdona..." Apprezzata
  11. Poeta Zaza

    Indovinelli

    @Alba360 che bello questo indovinello, Alba! Mi piace - lo farò alla mia nipotina di cinque anni... Lei è capace di azzeccare la risposta!
  12. Poeta Zaza

    Indovinelli

    @Alba360 Non è la lingua, vero?
  13. Poeta Zaza

    Indovinelli

    Giusto Alba, brava! Anche se la risposta si enfatizza meglio col sinonimo NIENTE Infatti, NIENTE è più grande di Dio, il povero NIENTE ha il ricco non ha NIENTE perché ha tutto e se mangi NIENTE muori!
  14. Poeta Zaza

    Indovinelli

    Ciao agli appassionati di indovinelli! Ve ne propongo uno (non mio) che ha fatto scervellare a vuoto un nutrito gruppo di vacanzieri in Sudafrica. Cosa c'è di più grande di Dio che il povero ce l'ha il ricco non ce l'ha e se ne mangi muori?
  15. Poeta Zaza

    Aforismi

    @Simone Magli Grazie degli apprezzamenti che mi fai, Simone! Sì, prediligo scrivere aforismi in versi, e quasi tutti sono micro-poesie.
  16. Poeta Zaza

    Aforismi

    SUGLI ADDII - 4 Non si formula addio per certa gente Si cancella Anche l'ombra di quei passi (Poeta Zaza )
  17. Poeta Zaza

    Aforismi

    Scusate - ho caricato come quarto, l'aforisma che avevo messo per primo, sugli addii ...
  18. Poeta Zaza

    Aforismi

    SUGLI ADDII 4
  19. Poeta Zaza

    Aforismi

    SUGLI ADDII - Gli addii più dolorosi non si danno, schizzati nel tumulto dell'assenza sempre nuova nell'alba opaca del giorno. Poeta Zaza
  20. Poeta Zaza

    Mezzogiorno d'inchiostro n. 119 Topic ufficiale

    dimenticavo che sono grata anche per i suggerimenti e le correzioni avuti, utilissime, grazie!
  21. Poeta Zaza

    Mezzogiorno d'inchiostro n. 119 Topic ufficiale

    Complimenti a @Macleo ,inarrivabile, come supponevo, e a @Kikki , nonché ad @Unius per aver vinto l'Albo d'oro del M.I. . Nel mio esordio, io sono contenta e fiera dei commenti che ho mietuto, e ho contezza (!) della grande e bella platea di racconti in gioco per il fatto di non essere rientrata mai nei primi tre di nessuno (forse ero la quarta, la medaglia di legno di qualcuno...) Comunque felice dell'esperienza, grazie al gruppo! Siete
  22. Poeta Zaza

    [MI 119] Dietro la basilica

    La poesia dei luoghi ordinari Gino è un professore di liceo, un letterato, amante del sapere e delle bellezze dell’arte. Nel tempo libero gli piace frequentare musei, chiese, mostre. Smette giacca e cravatta, non si rade, si veste sportivo, semplice. Sempre assorto nei suoi pensieri, è distratto, potremmo dire avulso dalla realtà che lo circonda, in senso buono ma letterale, a volte. I suoi alunni lo amano anche per la sua ironia, spesso di spirito caustico: “Prova a guardarti con gli occhi degli altri: disapprovarsi è il primo passo per migliorare” è una delle battute che lo contraddistingue. Oggi, giorno di vacanza, ha scelto di visitare, da solo, una città d’arte non lontana dal suo paese, e adesso si trova davanti ad una basilica. Silenziosa… Chiusa. Tutt’intorno, il posto è immerso nel verde fulgido e brillante di una giornata di sole. Anonimo, uguale a tanti altri luoghi della sua bella Italia. Gino pensa che, mettendosi in “modalità satellitare”, come ama fare, ed escludendo le opere dell’uomo, vedrebbe la bellezza della natura del luogo ripetuta lungo lo “Stivale” ad occidente, ad oriente, a settentrione e a meridione. Sì, medita Gino, per noi italiani gli angoli di armonia e di pace che danno sollievo al cuore sono l’ordinarietà. Ma solo per la natura umana di chi è predisposto al bello e al bene, ovviamente. Ed è poesia… Inspiri bellezza e espiri armonia… sia dalla natura del territorio che dalla natura umana. Circondiamoci di gente positiva… e, se non ne abbiamo nei paraggi, miglioriamo quella che ci è capitata. Così riflettendo tra sé e sé, Gino gira sul retro della basilica; notando la presenza di persone di varia nazionalità, in attesa, ne deduce che da lì si potrà accedere al museo ed alla basilica. A conferma del suo pensiero, una porta si apre e ne esce un frate che conta gli astanti e torna dentro subito dopo. Non smettendo mai di pensare - come fosse un hobby che lo intriga da sempre - concentra di proposito la sua attenzione interiore sul concetto di “deduzione”. Sul padre del sillogismo, Aristotele, e il suo celebre enunciato: “Tutti gli uomini sono mortali; Socrate è un uomo; dunque Socrate è mortale». E l’osservazione di un suo studente sull’assioma fondamentale: “Rispetto ad Aristotele, noi abbiamo a disposizione altri due millenni di verifica della verità della premessa maggiore…” Aspettando, tira fuori dalla tasca un dépliant , che ha avuto dalla locale agenzia turistica, per sbirciare le informazioni del posto. Lo mette via quando sente dei passi. Si accoda agli altri, silenziosamente come loro. … La porta si riapre e Gino si ritrova tosto fra le mani un pasto caldo. La porta si richiude..
  23. Poeta Zaza

    [MI 119] Dietro la basilica

    @caipiroska grazie del passaggio. Ognuno legge a suo modo, ci sta anche la tua impressione... anche se non me l'aspettavo
  24. Poeta Zaza

    [MI 119] Dietro la basilica

    grazie del passaggio, @Befana Profana e dei tuoi rilievi. In effetti, non ho messo l'accento sull'aspetto trasandato di Gino, non più di tanto, perché i bisognosi di cui siamo attorniati spesso vestono come noi, la diversità è sottile, ad un osservatore superficiale addirittura sfugge, a meno che non li veda a mano tesa.. Per il resto, hai ragione quando dici che sono stata un po' frettolosa e potevo approfondire l'attesa delle bellezze artistiche che il professore pregustava... Ciao... mi fa strano di chiamarti così ma... ciao Befana Profana!
  25. Poeta Zaza

    Aforismi

    SUGLI ADDII - 3 Un addio a rate si scandisce ogni giorno col mancato vedersi per caso...
×