Vai al contenuto

la.calagna

Scrittore
  • Numero contenuti

    31
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di la.calagna

  1. la.calagna

    IoScrittore

    @Jessica lacercastorie infatti fino a qualche anno fa, che io sappia, si ricevevano i voti insieme al giudizio, ora non più. Inserirli, ripeto, aiuta l'autore a farsi un'idea, ma i meccanismi veri li sanno solo quelli del torneo.
  2. la.calagna

    IoScrittore

    @Jessica lacercastorie non sei obbligata a scrivere i voti nel giudizio, anzi. Io per correttezza li ho inseriti in modo che l'autore possa farsi un'idea, ma non è un obbligo. Negli indizi di solito si dà la media dei quattro voti, ma anche lì non si è obbligati a riportarli nel giudizio. Vai tranquilla 😊
  3. la.calagna

    IoScrittore

    No, anche io sono nella tua situazione, difatti spero di non passare 😄
  4. la.calagna

    Cercasi Beta Reader

    Salve a tutti, cerco beta readers disposti a seguirmi nella stesura della mia storia, abbastanza completa. Si tratta di uno storico/corale con vari riferimenti alla mitologia greca. Genere: storico/corale Lunghezza: ancora non lo so di preciso, ma credo sotto le 500.000 battute; Numero di beta reader che desidero: non ho un limite; Concorso a cui partecipo (facoltativo): nessuno; Requisiti beta reader (facoltativo): solo tanta sincerità, non chiedo altro; Tipo di commento richiesto (facoltativo): su tutto, in particolare personaggi e ambientazione; Data entro cui desidero il commento (facoltativo): non ho alcuna fretta. Grazie a chi mi risponderà. Auguro a tutti voi buona giornata.
  5. la.calagna

    Bookat literary agency

    Descrizione: nasce nel 2013 con l’idea, dopo numerosi anni nel settore, di sfruttare la forte competenza internazionale e promuovere quello che più amiamo in letteratura: Narrativa e Narrative Non Fiction oltre che la Letteratura per ragazzi. book@ rappresenta autori, illustratori, case editrici sia in Italia che all’estero, utilizzando i numerosi contatti nel mondo editoriale sia nazionale che internazionale e segue progetti legati al mondo del libro. Costi (se presenti nel sito): Non presenti Sito web: http://bookat.it/ Facebook: https://www.facebook.com/bookatLitAg/ Esperienza personale (se esistente): nessuna Salve a tutti, in un post sponsorizzato di facebook mi sono imbattuta in quest'agenzia, qualcuno di voi vi ha avuto a che fare? Come si è trovato?
  6. la.calagna

    Bookat literary agency

    Buono a sapersi, grazie dell'informazione.
  7. la.calagna

    Ferita d'arma da fuoco (non mortale)

    Salve a tutti, mi servirebbe il vostro aiuto. Ho provato a cercare sul forum, ma non sono riuscita a trovare ciò che cerco. La mia protagonista, che si muove nel 1782, viene colpita da una pallottola nel bel mezzo di un duello, per salvare suo figlio. Ora: da che distanza e in che zona dovrebbe essere colpita per non morire e nemmeno perdere arti ecc? Avevo pensato alle scapole, ma in quel caso, come andrebbe medicata? La pallottola trapassarebbe oppure no? Andrebbe estratta o no? Preciso che viene soccorsa nell'immediato, dunque almeno il rischio d'infezioni dovremmo averlo scampato, o sbaglio? Premetto che non ho alcun problema a modificare distanze, parti del corpo, ecc, purché non vadi a scrivere una fandonia, ecco. Help me!
  8. la.calagna

    Ferita d'arma da fuoco (non mortale)

    Grazie mille!
  9. la.calagna

    Ferita d'arma da fuoco (non mortale)

    Mmm, mi hai dato degli ottimi spunti @Biohazard, grazie mille!
  10. la.calagna

    Quando un lettore si trasforma in lettore beta...

    Confermo, anche se incontrerai il più bravo beta reader del mondo, non avremo mai le competenze di un editor. Per quello ci vuole una formazione adeguata, quindi sì possiamo darti pareri, ma potremo anche confonderti e saremmo sempre soggettivi (pur se nessuno te lo dirà), mai obiettivi (si spera) come un professionista. Un'arma a doppio taglio, ma se hai deciso di usarla, non vedo perché farti tutti questi problemi
  11. la.calagna

    Quando un lettore si trasforma in lettore beta...

    Ma infatti tu non sei assolutamente tenuto a dirlo e, a quanto ho capito, è una prassi piuttosto diffusa, che presumo un professionista si aspetti. Da lì a giudicarla male credo sia un problema del singolo, mi auspico non generale. Per quanto riguarda i tuoi beta readers, io stessa svolgo questo tipo di "aiuto", posso dirti con tranquillità che, dato non abbiamo firmato un contratto, se ad un certo punto mi assilli ti saluto con rispetto e la storia finisce lì, ma se mi rinvii la parte modificata la leggo volentieri. Certo, se non posso per motivi miei te lo dico, poi sta a te decidere. Ad ogni modo, cerca di stare più sereno che mi sembra di capire che stiamo tutti sulla stessa barca!
  12. la.calagna

    Il tempo sfugge come brodo da una forchetta

    Credo che sia un problema non solo di noi aspiranti, ma comune. Io studio e faccio qualche lavoretto saltuario, dunque il tempo per scrivere è veramente risicato, come ora in piena sessione d'esame. Di solito, se non sono troppo stanca o comunque ho un po' di tempo, scrivo qualcosina la sera. Hai provato qualche programma di scrittura vocale? Non sarai mai la stessa cosa, ma potrebbe essere un'alternativa con cui riempire i tempi "morti".
  13. la.calagna

    Quando un lettore si trasforma in lettore beta...

    Non ho capito cosa intendi, vuoi dei pareri sinceri sul tuo manoscritto o stai cercando qualcuno che ti corregga gratuitamente gli errori? Perdonami, non riesco ad afferrare il concetto
  14. la.calagna

    Ferita d'arma da fuoco (non mortale)

    Ho dimenticato di precisarlo: viene soccorsa da un medico (supponiamo in grado di fare il suo mestiere e supponiamo utilizzi dei liquori e degli strumenti puliti sulla brace, stante le mie informazioni doveva essere quello il metodo, se sono scorrette ditemelo vi prego), e portata al riparo in un castello, lontana dalla palude in cui abitano. È proprio quello il mio dubbio: ho escluso a prescindere gambe e ventre per i motivi che mi hai detto, e le braccia ugualmente. Credo a questo punto che farò trapassare la pallottola e al più andrò di cauterizzazione. Mamma mia, poi non ti dico dove abito io, era tutta palude e morivano di malaria come conigli
  15. la.calagna

    Dialoghi e coerenza: incubi atroci

    Per i dialoghi, preferisco leggerli e preferisco scriverli un po' botta e risposta un po' prolissi, mai solo l'uno e l'altro, perché si rischia di cadere presto nell'esempio riportato da @Marcello. Per le spiegazioni, personalmente le tollero solo se necessarie. Della serie: spiegami perché un personaggio si comporta diversamente da come dovrebbe, non perché si comporta in maniera normale. Idem per come funziona il tuo mondo: se devi spiegarmi perché una magia funziona così piuttosto che colà ok, ma non perdere 3 pagine a farmi la sua descrizione se non la ritroverò mai più in tutta la storia oppure quella caratteristica X non sarà mai utile. Abolisci le ovvietà, insomma, non so se mi spiego.
  16. la.calagna

    Ferita d'arma da fuoco (non mortale)

    Perdonatemi, ho dimenticato di aggiungere che la protagonista è incinta e non voglio che perda il bambino.
  17. la.calagna

    Cercasi Beta Reader

    Ciao a tutti, mi offro come beta reader per qualsiasi tipo di romanzi/racconti, ad eccezione dei generi thriller/noir/gialli/polizieschi e affini. Prediligo i romanzi storici, non di genere e le storie con un pizzico di umorismo. Contattatemi in privato. Ps. @Linda85 ti ho scritto in privato, se ancora cerchi!
  18. la.calagna

    La "vendibilità" di una trama

    Personalmente, ho sempre scritto solo ciò che piace a me, senza pensare a una ipotetica "vendibilità" del testo. Se poi si collocherà in un certo target di mercato, tanto meglio. L'importante è che ne sia soddisfatta io, in primis, e che sia coerente e lineare, cosicché non venga il mal di testa al lettore. Non biasimo chi tiene d'occhio il mercato, sicuramente avranno molte più possibilità di vendita, ma è anche vero che le mode cambiano in continuazione. È tutto molto relativo. Nel dubbio, scrivo. 😂
  19. la.calagna

    Romanzo storico: descrizioni accurate sì o no?

    Salve a tutti, non so se sia questa la sezione giusta o meno e non riesco a trovare topic analoghi, nel caso chiedo venia allo staff😅. Volevo chiedervi, in un romanzo storico, secondo voi è meglio descrivere accuratamente vestiario dei personaggi e ambientazioni stile manuale di storia, oppure sarebbe preferibile qualche riferimento non troppo dettagliato? Premetto che odio le descrizioni, sia leggerle che scriverle, ma mi rendo conto che sono necessarie in quel genere di romanzi, solo che non voglio finire a scrivere il paragrafo sull'arredo di interni del Settecento illuminista, ecco tutto. Voi che ne pensate?
  20. la.calagna

    Richieste abilitazione Narrativa over 18

    Bambini è il mio cognome, cambiato a 18 anni, per giunta. Quello con cui sono nata era impronunciabile tradotto direttamente dal greco, non ti dico la sofferenza fino alla maggior età quello di mia madre è mooolto più semplice e poi lo adoro
  21. la.calagna

    Romanzo storico: descrizioni accurate sì o no?

    È proprio vero che ogni lettore è diverso, odiando le descrizioni, odio anche leggerle. Mi rendo conto che, come dici tu, sono tuttavia necessarie per far capire al lettore dove e soprattutto come si muove un personaggio.
  22. la.calagna

    Romanzo storico: descrizioni accurate sì o no?

    Non riesco a citare gli altri, ma è proprio questo il mio punto di vista. Ovvio che vada comunque data una contestualizzazione e, soprattutto, una "storicizzazione" ad una trama ambientata nel 1785 nello Stato della Chiesa, spero solo di evitare l'effetto "paragrafo da libro di scuola" Comunque con "storico" intendo proprio la tipologia di romanzo, è per questo che ho chiesto altri pareri, perché vorrei trasmettere al lettore come avrei affrontato quel determinato modo di vivere e di pensare attraverso i miei personaggi. Di nuovo grazie a tutti
  23. la.calagna

    Richieste abilitazione Narrativa over 18

    Salve, tra 10 giorni esatti compirò 23 anni posso accedere?
  24. la.calagna

    Romanzo storico: descrizioni accurate sì o no?

    Esatto! Sto cercando infatti di "storicizzare" la storia attraverso descrizioni funzionali o modo di pensare, riducendo al minimo descrizioni dei luoghi o del paesaggio che sì rendono l'idea del luogo ma non servono a nulla e sono tediosi. E poi ritengo che al lettore un po' di immaginazione vada sempre lasciata staremo a vedere che ne esce fuori!
  25. la.calagna

    Romanzo storico: descrizioni accurate sì o no?

    È quella la mia paura: ad esempio, se uno dei personaggi entra in un salotto, non mi va di mettermi a descrivere il salotto, al più qualche dettaglio "funzionale" per il romanzo. Grazie a tutti per le risposte!
×