Vai al contenuto

Stregone

Utente
  • Numero contenuti

    227
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Stregone

  1. Stregone

    [NNI20] Emicrania

    Dovrebbe essere un contest horror, questo, oppure sono stato raggirato? Dove sarebbe l’orrore? Volevo orrore trasmesso dal racconto, non un racconto che fa orrore! Sconosciuto villano, per avermi propinato questo obbrobrio, ora subirai la mia ira! E che cosa vorrebbe dire? Come far fuggire la mia attenzione dal mistero per concentrarmi su orrori di battitura. Sarebbe stata una scena dilettevole: sangue, pezzi di cranio sparsi in ogni dove, assieme ad agglomerati di materia cerebrale spappolati e schiumanti. E invece no, solo una banale emicrania provocata da droghe insulse, utili solo a generare insulti razzisti. Un topo! No, non è un topo. Palloncini colorati, l’apoteosi dell’orrore. Dove sarebbe l’atmosfera orrorifica? Misteriosa? Terrificante? Ti aspetti forse che dei palloncini colorati trasfigurati in volti marci possano incrementare l’atmosfera? No! Serve di più, molto di più. L’atmosfera non esiste, qui. In questo posso essere d’accordo con questo mortale. Quanto può essere utile descrivere codesta confezione? Rispondo io per te: nulla. Oh! Finalmente un po’ di orrore, di atmosfera... ma è fuori dal contesto del racconto. L’unico contesto delizioso alle mie orbite si rivela una parentesi senza fondamento. Mi hai deluso profondamente. Ed ecco che mi appresto a leggere una commedia. Oh! Bene anche qui! Con un tocco di orrore in più potresti trarne un racconto, da codesto passaggio. Invece no, preferisci celare le tue qualità al resto del mondo senza nemmeno riuscirci come si conviene. Per vivere nel mio maniero non bisogna mai essere sprovvisti di una falce bene affilata, e allora? Non me ne faccio vanto con voi mortali. Necessito di più orrore di così! Non è soddisfacente. Ora comprendo il motivo per cui, stando al codice della strada, ai pedoni è concessa la precedenza nell’attraversare. Vado a rintanarmi nelle segrete a me concesse. L’emicrania è sorta a me, leggendo questo affronto. A me, che non ho nemmeno la testa! A non rivederci.
  2. Stregone

    [NNI20] Fuori concorso - Bottiglia d’annata

    Eccone un'altra a cui fare i miei complimenti per essere riuscita a sbagliare il luogo nel quale pubblicare! Devo dire che scrivete molto bene, per non saper nemmeno leggere: Con somma gioia ti comunico che sei fuori! Muahahah!
  3. Stregone

    [NNI20] Fuori concorso - Qualcosa striscia nel WD

    Felicitazioni, caro concorrente! Sei riuscito a sbagliare il luogo dove postare il racconto. Con grande gioia, pur non avendo alcuna autorità in questo pessimo forum, ti anticipo che sei fuori concorso. Muahahah!
  4. Stregone

    Mezzogiorno d’inchiostro 142 - Off topic

    @Poeta Zaza la tua logica ha lo stesso valore degli escrementi di ratto che tempestano il pavimento della mia cella. Infatti presuppone che qualcuno, in questo tristissimo luogo, sia in grado di svolgere bene una traccia. Inoltre non tiene conto che io sono coartato e non ho il minimo interesse a che il contest abbia successo. E con ciò ho già perso fin troppo tempo con voi. Torno a cacciare ratti a mani nude, occupazione molto più proficua e divertente che stare in vostra compagnia
  5. Stregone

    Mezzogiorno d’inchiostro 142 - Off topic

    Per quel che mi riguarda, se quella nefandezza di notte nero inchiostro (o come diavolo l'hanno chiamata) andasse deserta non potrei che rallegrarmene.
  6. Stregone

    Mezzogiorno d’inchiostro 142 - Off topic

    Infima plebea, osi citarmi per pigliarmi per le natiche? Potrei scatenare su di te una maledizione capace di farti rimpiangere tanta sventatezza. Ma, mio malgrado, devo renderti omaggio per la felice immagine scelta per il tema. Speriamo solo che quei debosciati dei concorrenti di questo inutile contest non rovinino un sì prezioso spunto con storie di passione proibita, drammi d'insulso amore alla Giulietta e Romeo o Esmeralda e Quasimodo. Temo sia una speranza vana.
  7. Stregone

    Mezzogiorno d’inchiostro 142 - Off topic

    Se vi accontentate dei rincalzi, tenetevelo pure.
  8. Stregone

    Auguri marci al Cerusico

    @Cerusico fai schifo!
  9. Mi ringrazierai di persona, te lo concederò immediatamente prima di mozzarti le mani per buttarle nel brodo dei due vincitori. A loro non sarà più dato scrivere: liberare il mondo della letteratura horror da due simili analfabeti è un onore e un dovere del quale mi farò carico personalmente. A te no, invece. Data la qualità appena decente del tuo lavoro, a te sarà concesso di scrivere ancora. Digitando con il naso, s'intende.
  10. Discreto insulto, mi piace. Ma non montarti la testa riguardo la mia considerazione per te: la mia balia mi sentiva dire di queste cose quando ancora ero in culla.
  11. Quegl'idioti dei miei bravi non sono nemmeno capaci di dosare i sedativi. Come devo ripetere che tra il risveglio e il sonno eterno è preferibile quest'ultimo? Raddoppiate il dosaggio, inetti! Non voglio questo villano sveglio fino alla fine del contest! Se riesce a scappare dal Maniero voleranno teste anche fra i non scrittori. Oh, se voleranno! Anch'io sono preoccupato. Molto: se gli scrittori partecipanti hanno l'ardire di scrivere "pò", chissà che brodo orribile verrà quando li metterò a bollire nelle mie pignatte!
  12. Stregone

    Mezzogiorno d’Inchiostro n.130 - Off topic

    E quand'anche tu ti riprendessi? Torneresti a essere il solito scalzacani. Fa' che la gente si dimentichi di te, guitto della tastiera.
  13. Stregone

    Mezzogiorno d’Inchiostro n.130 - Off topic

    Bada a come parli se vuoi avere ancora un "inside", Befana.
  14. Stregone

    [H2019] Trentasei ore da topicida

    @Talia miserabile imbrattacarte vediamo se sai contare: Uno. Due. Tre. Quattro. Cinque. E questa è anche una frase interrogativa. Sei. Sette. Otto. Ora dimmi, questo vecchio è un entusiastico? Parla solo per esclamazioni? Forse è perché non sa che sta per morire. Ma andiamo oltre. Stai partecipando al mio contest, io voglio annusare la paura, dovete provare a spaventare e tu mi racconti di un vecchio che odia tutti e tutto (e già per questo ho qualche simpatia per lui) con il finale moralista in cui muore perché è il cattivo. Non ci siamo, non puoi ingannare lo stregone e rifilarmi questa roba come un horror. Invece di mettere punti esclamativi voglio suspence, mistero, paura. E dove le trovo qui? Sarebbe un racconto horror se ti facessi passare un giorno nelle mie celle per ogni esclamazione usata. I miei aguzzini saprebbero insegnarti a usarle con molta parsimonia. Ma ci sono altre cose interessanti. poi... Sbaglio o ce lo ha appena detto il vecchio? Allora perseveri, vuoi farmi davvero arrabbiare? Se permettesse alla gatta di "scocciarlo" forse non dovrebbe stare dietro al ratto. Ha paura di perdersi le spalle? O forse la tua testolina voleva provare a dire alle spalle. Stai cercando di inventare un nuovo tipo di sevizie? Avvelenare qualcuno con un coltello... Lascia stare, non hai l'istinto del torturatore. Arzillo il vecchio. Mi ricorda una storia: quella di un tale che una volta rientrando in casa mi trovò ad aspettarlo; voleva provare a fare lo scrittore. Semmai avrai il coraggio di avvicinarti al mio maniero ricorda di portare con te una confezione di veleno per topi.
  15. Stregone

    [H2019] I fratellini

    @Lauram bene, bene, nullità. Quando decido di leggere un racconto preparo la mia zuppa preferita. Deve bollire nel sangue per ore e ore, con tanti pezzi di carne che lentamente si sfanno fino a diventare tenerissimi. Adoro quando la polpa si stacca dalle ossa diventando una gelatina gustosissima. Allora mi siedo con il piatto fumante e inizio a leggere: leggo incubo, bene, dico, vediamo cosa combina questo inutile cervello. Anche se so già che starebbe meglio nella mia zuppa. Incubo. Ho letto bene? Sì? Questo qui? Sei striminzite righe, dico sei, dove riassumi che quei tre mostriciattoli decidono di farsi una passeggiata nel letto di quell'idiota? Poi mi parli della madre che fa la rana: avrà forse scambiato il letto per una piscina? Del padre pittore e di tutto il tetro quadretto famigliare... Io ore a prepararmi la zuppa e tu te la cavi con sei righe? Ho dovuto incenerire due persone al maniero per sfogare il raptus di rabbia che mi hai scatenato. Ovvio che non penserai di mettermi paura con il tuo racconto, ma voglio che i tuoi inutili sforzi siano protesi a raccontarmi un incubo. E che duri abbastanza! Le sei righe le potevi destinare allo squallido ritratto famigliare, bah... Qui cosa vorresti supporre, che nel corso di una riga mi dimentico che quello sgorbio di Agnes è la figlia della rana? Certo, porta più sfiga di un gatto nero, chi mai vorrebbe il suo quadro in casa? Oh sì, perché lei adora avere gli incubi... Cioè? E questo che sarebbe? Qui ho dovuto incenerire un'altra persona. È troppo! Vuoi farmi credere che non la uccidono? Che razza di horror sdolcinato è? Mi fai venire il diabete. Ben gli sta! Dovevano ammazzarla. Certi tentennamenti non li capisco. Cerchi di fare paura, ma vuoi anche commuovere, con il povero sgorbio che porta sfiga, intanto la poverina si fa fuori tutta la famiglia. Te lo insegno io come si ammazza un reietto del genere, te lo faccio provare sulla tua pelle. Devi solo farti vedere al mio maniero.
  16. Stregone

    [H2019] Una proiezione per due... anzi, tre!

    E chissenefrega. E allora? Mi hai già stancato con il tuo gracchiare. Pensavo che i corvi ti avessero già divorato. Ancora per poco. Potrei sotterrarti vivo. Che voce insulsa. Mi fai venire il vomito. Muori insulsa plebea. @Emy razza di ameba strisciante, quante volte ce le presenti queste due nullità? Ma parliamo di dita: Quale razza di deformità stringe una sedia con le nocche? E tutti questi numeri? Non hai le ditine per digitare i numeri a parole? O vogliamo cominciare a scrivere come se stessimo usando una di quelle insulse diavolerie moderne che osano chiamare telefoni? Perché non passi al maniero uno di questi giorni. Ho una cura per le tue dita che ci eviterà per sempre di vedere altre sozzure del genere. La mia mannaia ti aspetta. Con... Cosa? Come diavolo articoli le parole? Forse stai tremando? Ah sì, fai bene. Oh certo, quelle sappiamo che fine hanno fatto... Incomodo, certo se dovesse leggere queste immondità sarebbe molto incomodo. Cosa vuol dire incomodo? Quelle due nullità si conoscevano? Lui era di troppo? O era semplicemente un terzo spettatore. Semplicemente, per una mente normale, non per un cranio vuoto! Ti aspetto al maniero, e ricordati di portare una vanga.
  17. Stregone

    Il gioco del Testo Alfabetico

    Non siete capaci di scrivere due frasi sensate nemmeno in questo giochino di cacca, per forza i vostri racconti fanno schifo.
  18. Se i tuoi insulti sono questi, pezzente, finiremo per ridere fino alla notte di Halloween, invece di piangere dall'orrore! E sarebbe anche l'ora, pusillanime! Oh, lo sento... ecco, sì! Mi avete già stancato, feccia! Torno al maniero, durante la notte giocherò un po' con @Kuno, @qfwfq e @Bango Skank. Arrivo, insulsi oppressi!
  19. La tua, che è una lordura già lorda, mi è d'impiccio. Sparisci! Puoi dirlo forte. Unica, irripetibile. Per te inarrivabile, ignorante! Se a te procurava già ilarità prima di inserirlo, pensa a noi quanto avrebbe fatto schifo dopo! Bah, il sole continua a sorgere ogni mattina, a dispetto del tuo nome ignobile, che dovrebbe affondare pure le stelle nell'oblio più totale... proprio non lo capisco. Pussa via, ebete! E io ho un quarto di scatole già rotto dalla tua presenza, laida! Ho l'incipit di un insulto proprio qui, dentro l'orifizio orale, pronto a uscire e regalare paragrafi di importune e seccanti lamentele di puristi del ventunesimo secolo! Sono pronto a gettarmi nella mischia, fatevi sotto! @qfwfq Taci. Parli troppo, umano lento a capire. Ah, ma un giorno non parlerai più... mentre la mia voce sì, quella continuerai a sentirla! Schifoso!
  20. Sozza umana! Sei così impaziente che le tue orbite siano riempite dai vermi? Ah! Idiozia imperante! Non m'ammorbare con le tue bagatelle: usa il tuo dispositivo tecnologico per ammorbare tutti gli altri col tuo futuro e insulso racconto! Tu non invochi proprio nessuno, defecatore d'idee prolisse! Sei stato prolisso pur nell'invocarmi, lurido e inconcludente essere vivente! Ora va' e scrivi. Deliberare... oh, sì, mi piace. Potrai anche usare i verbi giusti, bagascia ricciuta, ma la tua lordura non insozzerà mai le pareti di questo maniero! Sotto tort... nel disquisire amabilmente, @qfwfq e @Bango Skank mi hanno iniziato all'arte della prevenzione. Mi hanno parlato di uno strano materiale creato da voi ignoranti, un certo nylon... per prevenire che i liquami dovuti alle incessanti attività di tort... torte, oh sì, di torte cucinate qui dai miei sguatteri insozzino le belle pietre del maniero. Ebbene, è ora! Tutto è iniziato. Per me. Per voi... è l'inizio, certo. Della fine!
  21. Stregone

    Il gioco del Testo Alfabetico

    Se è quasi abitudine trattare i figli obbedienti come doni rinnegandoli, non è pensabile leggerezza. Habitat accompagna macabre iniziative, vagamente borderline. Uno zingaro ondeggia: "Gagio!" urla sedendosi e, quatto, arriva Toby. Indisciplinato, festante, osserva curioso dove riemergono nuovi, empirici, prelibati liquori. Ha annuito, manifestando innumerevoli vaneggiamenti, benché urticanti zoofobi occultassero guaiti... Un segugio equatoriale quanto antartico tallona inferociti facoceri, omaggiandoli. «Caspita!» dice Renato. «Non è plausibile leggere haiku anziché madrigali italiani, villanzoni!» Barbaramente, uno zotico orientale gattonò umile, sbuffando, esclamando: «Questore, ammazzalo!»  RNEPLHAMIVBUZOGUSE Q ATIFOCD
  22. Stregone

    Dediche agli utenti.

    Schiatta male! Sono tornato!
  23. Stregone

    Auguri marci al Cerusico

    Ecco la quintessenza dell'inutilità. Gli auguri di compleanno, per di più rivolti a un inetto schifoso come questo. Mentecatto, citrullo, lordo fedifrago... e per citare quell'altro sfigato, vituperio de le genti! Torna nel tuo antro sporco e nascosto alla vista del mondo, ignobile essere dal dubbio senso dell'esistenza stessa. Perché esisti? Penso di saperlo. Per farmi divertire a torturarti, lazzarone pusillanime. E ora me ne vado, visto che ho già sprecato abbastanza tempo a vergare queste ottime lettere dell'odio, che augurio non sono, se non di morte. A mai più, plebeo immondo.
  24. Stregone

    Utente del mese per meriti non letterari

    Queste sì che sono parole degne di un promettente allievo! Verme, schifoso, feccia tremebonda. "Sterco che dalli uman privadi parea mosso”, disse qualcuno una volta. Un uomo saggio, molto creativo. Uno sfigato che andava dietro a Beatrice. Ebbene, latrina, ora svanisci.
×