Vai al contenuto

Alba360

Scrittore
  • Numero contenuti

    1.518
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Alba360

  1. Alba360

    [BP1] Notte

    Commento Traccia n. 1 Tutto quel buio di @Cerusico Notte Notte apparente Fende la realtà il resto del tempo Notte distante È allora che il ricordo è sfumato Braccia protese ora non più Notte senza stelle Fruscio costante Il respiro di lei che dorme Occhi incastrati nel volto Per sfuggire ancora Notte graffiata Istante silente Lacera il velo che l’ha protetta Risvegliarsi ancora una volta Con un dolore alle tempie Velo che nessuno può vedere Non guardare più nel buio Buio da cui è emerso e si avvicina al pianto Non lo sa non sa quale sia la sua espressione Non ce la fa e sa che è giunto il momento
  2. Alba360

    [BP1] Il mio escatologico canto

    un miraggio, un sogno irrealizzabile è vero! la terra sparirà nella luce. Dicono che il sole sia destinato a spegnersi con un poderoso effetto speciale. Forse l'umanità si perderà la scena madre... Bella, delicata descrizione. Complimenti! mi è piaciuta molto.
  3. Alba360

    [BP1] Loneliness steampunk

    @Roberto Ballardini Scusa la punteggiatura, non dovrei commentare quando intorno a me c'è il circo serale delle distrazioni. Spero che tu abbia capito il senso di ciò che volevo comunicare.
  4. Alba360

    [BP1] Fuoco

    Dedicata alla speranza. Sono parole di speranza pescate con cura. Molto bella, Davvero!
  5. Alba360

    [BP1] Loneliness steampunk

    Dove si è svegliata questa donna? Sembra l'attimo di stupore quando realizzi la catastrofe che è appena successa. Dpo un terremoto, uno tzunami o altro. Quello che vede; sola nel bel mezzo di questo casino e quello che si sente di essere diventata. L'unica immagine che, richiama una parvenza di normalità. Che sia fantasia da cacciare con un calcio? la realtà alternativa che l'ha resa cosi sola? Non so se un'interpretazione delle parole, che hai magistralmente incatenato insieme, abbia un senso comune, Quello che è chiaro è che sei stato geniale.
  6. Alba360

    [BP1] Dispersi

    Ciao @Alberto Tosciri Dopo tutti i giusti complimenti che ti hanno fatto non saprei dire di più. Si è una poesia di guerra, e il punto di vista di chi fugge dalla battaglia è struggente. Nel finale c'è la frase svela il dramma dell'umanità: Un'altra meta? un'altra terra di conquistà? una nuova sfida? L'uomo ne avreà sempre bisogno. Bellissime immagini, complimenti.
  7. Alba360

    Te lo do io il Natale! [Off topic]

    Non è che voglio fare l'asociale, ma viste le mie vicessitudini e la storiaccia de l'anno scorso, quest'anno mi sento grinch dentro. La notte di solito non mi rompe nessuno. Cercherò di stare sveglia! PS. rivoglio la mia tendina con le faccine, i cuorini e i fiori ecc.
  8. Alba360

    Te lo do io il Natale! [Off topic]

    Grande idea! Grazie! Spero davvero di partecipare
  9. Alba360

    Te lo do io il Natale! [Off topic]

    Quindi mi potrebbe capitare la stessa traccia che io ho ideato?
  10. Alba360

    Blackout poetry 1 - topic ufficiale

    Adesso sto in panico. Non funziona bene qualcosa. La traccia è la numero uno: tutto quel buio di Cerusico.
  11. Alba360

    Blackout poetry 1 - topic ufficiale

    Niente! il link non funziona neanche qui! @Sira aiutoooo
  12. Alba360

    [MI143] Attesa

    Ciao @Poeta Zaza Se non lo faccio di notte rischio di dimenticarmi di voi e di tutto il WD, perciò eccomi qui a quest'ora, a commentare per essere dei vostri nel Blackout poetry 1 Strano, la mansarda di solito è un piccolo appartamento, chiamarlo vano non mi sembra esatto. Avrei spiegato in altri termini, oltre a essere una spiegazione grammaticale, sa anche di spiegone al lettore. Cisono altri modi per presentare il tempo che scorre. Anche questo passaggio mi sembra troppo spiegato un diario si scrive giorno per giorno. Leggendo sembrano più le memorie di una donna che scrive i suoi ricordi. Maestose. Niente avverbi in mente, io cerco di non usarli mai. beellissima Leggerezza, perché usare un termine difficile, la leggerezza è chiarezza. immagine potente, come il resto fino a qui. sei bravissima! Bellissi gli aforismi che hai usato. Ne soffre un po' la prosa però. Nonostante il tuo progetto sia consono alla tecnica, io lo trovo strano: la donna che ha in mano questi fogli è scomparsa dalla scena, la donna che ha scritto il diario è appena accennata, e l'uomo è rappresentato più che caratterizzato. Nonostante questo, è un bella prova. Hai usato un lessico ricco ed eegante. le immagini sono molto evocative anche se non mi hanno catturato come dovrebbe fare una storia. la parte iniziale premette aspettative che non vengono esaudite, una botola sotto un tappeto, la cara estinta, la vecchia casa... c'era tutta una storia avvincente e avventurosa. Ho comunque apprezzato e ritrovato molto del tuo stile di qualche tempo fa. lettura piacevole e scorrevole. Alla prossima Mariangela. PS. ancora niente faccine! mazzetti di fiori per te.
  13. Alba360

    Blackout poetry 1 - Off topic

    @Ippolita2018 , ultimamente il tempo è una scommesa per me. Chissà, se riuscirò a partecipare a questo e altri bellissimi e affascinanti contest del WD, come facevo un tempo.
  14. Alba360

    Proverbi modificati e surrealmente reinterpretati.

    Infatti mi veniva quasi da scriverlo così... ma poi ho pensato di scriverlo come originale!
  15. Alba360

    Il gioco del "se fosse"

    Vomitare dal dentista perché l'assistente alla poltrona ti ficca il succhiasaliva in gola. Se tu fossi un'astro celeste?
  16. Alba360

    Proverbi modificati e surrealmente reinterpretati.

    Tutti i nodi vengono al pettine?
  17. Alba360

    [NNI20] Fuori concorso - Can we play, Charlie?

    https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/49346-nni20-racconto-n12-il-sogno-premonitore/ Più o meno, traccia numero 2 Can we play, Charlie? Nell’antibagno sta succedendo qualcosa. La porta ha sbattuto e sento delle voci, le riconosco, ho paura di loro, non mi piacciono. Lascio stare il mio bisogno, svelta mi tiro su le mutandine; quelle sarebbero capaci di entrare anche qui. Devo stare più attenta, non hanno altro da pensare, se non perseguitarmi. Mamma dice che non devo prendermela, che io sono tanto buona e simpatica, porgi l’altra guancia, mi dice! Ma lei che ne sa, non sa di cosa sono capaci Carla, Roby, e Gaia: sono tre stronze, e io purtroppo non posso diventare invisibile. - Carla, metti il foglio sul pavimento, hai portato le matite? - - Eccole. - - Gaia, tu pensa a coprire la finestra, ci vuole il buio, perché il gioco riesca. - - Brava, Roby! E come faccio, non ci sono mica le persiane! - - Aspetta, ti aiuto io, dammi il tuo giaccone, ecco, incastralo qui, e qui, perfetto. - - Roby, ho sentito un rumore, c’è qualcuno in uno dei cessi. - - So io chi è, meglio che stia zitta dov’è. Hai capito Balena Azzurra? Resta lì e non rompere le palle. - Balena Azzurra sono io. Mi chiamano così per Il colore dei miei occhi, sono chiari e trasparenti, ricordano il colore del cielo. Il cetaceo invece è per l’altezza, sono alta più di ogni altra ragazza della mia età e larga tanto, tanto di più. Sono grossa! Gigantesca che faccio schifo anche a me stessa. - Dai, Roby, fai la domanda ma falla in inglese, si dice che funzioni di sicuro. - Io le spio dalla porta accostata, ma non oso muovermi, non voglio che mi prendano in giro, o peggio, mi sputino ancora addosso. Spero soltanto che se ne vadano al più presto. - Can we play, Charlie? Charlie, sei qui? - Ho capito cosa fanno! È quel gioco che gira su You Tube; Io, non lo farei fossi in loro, ho visto i video. Guardiamo, con ansia aspettiamo il responso: io da dietro la porta accostata e loro accovacciate vicino alle due matite incrociate sul foglio poggiato sul pavimento. Sorridono, tra loro si scherniscono dandosi delle fifone. Penso che non ci credano per niente agli spiriti, io invece ho paura. Sarà la penombra, le loro voci sussurrate, gli spifferi misti all’odore di ammoniaca, ma mi sento strana, ho il respiro corto. Ecco, Dio Santo! la matita si è girata sul sì scritto nel riquadro. Le ragazze emettono gridolini di paura, con il palmo sulla bocca schermano il loro stupore, si guardano e sembrano sinceramente spaventate, tranne Roby. Io tremo, mi sembra di vedere strane ombre sulla parete dietro di loro. È così che succede, l’ho visto nei video… poi Charlie non ti lascia smettere il gioco… e se non fai altre domande ti perseguita. Peggio per loro! - Sei proprio tu Charlie? - È la seconda domanda di Roby, dopo aver rimesso a posto la matita. Ora mi gira la testa, mi siedo sul water. Dentro il gabinetto arriva pochissima luce, ho la sensazione che qualcuno sia dietro di me, ho voglia di gridare ma ho paura anche di loro. Non vedo l’ora che il gioco finisca, voglio tornare a casa. Sento piccoli mormorii di stupore, mi alzo e cerco di vedere cosa fanno: Gaia piagnucola e chiede a Roby di smetterla. - Non è Charlie, hai visto? la matita si è spostata sul no. Potrebbe essere un demone malvagio! Chiudi il gioco, ti prego Roby, ho paura! - - Smettila, fifona, potevi starne fuori, che sei venuta a fare! Adesso ferme, non agitatevi, voglio la prova certa della sua presenza. - - Chiunque tu sia, se sei qui tocca qualcuna di noi. - Gaia e Carla hanno gli occhi imploranti, tra le dita poggiate sulle labbra, invocano a bassa voce. - Non me. Ti prego non me. - Io non resisto più, mi fiondo fuori dal gabinetto, voglio urlare ma non ci riesco: la tua mano gelata mi stringe i nervi alla spalla, la tua voce mi urla nella testa – ammazzale, ammazzale tutte Nina, devi ammazzarle tutte. - Gaia Roby e Carla si girarono verso di me terrorizzate, ma sono soltanto io, la Balena Azzurra, sbuffano e subito ritrovano il loro sangue freddo. Roby, con rabbia, accende la luce, prende il foglio e le matite dal pavimento. - Scema! Ti avevo detto di non muoverti. - Io sto per svenire, mi appoggio con la schiena alla parete, scivolo piano a terra e non trattengo più la pipi. La tua mano non mi lascia. La tua voce nella mente continua a gridare: - Devi fargliela pagare Nina. Ammazzale! Mi manca Il respiro, sono in iperventilazione: Ho uno dei miei attacchi di panico, proprio adesso. Roby brandisce le matite sotto la mia gola. - Te le ficco nel collo se dici a qualcuno quello che hai visto, sai che la pagheresti vero? Guardatela, si è pisciata addosso... quanto sei scema! Grande e grossa e tutta scema. Andiamocene via ragazze, e tu cerca di non farti vedere in giro, mi viene il vomito solo a guardarti. - Escono, finalmente se ne vanno. La tua voce mi sfonda i timpani. - Uccidile, uccidile, uccidile. Sto per sprofondare in un lago di lava, ma tu mi prendi ai fianchi e voliamo via insieme. Sorvoliamo il cratere che sputa lapilli incandescenti, mi colpiscono, ma non sento dolore, si divertono a farmi cambiare direzione o a cistringermi a nascondermi, ma io non provo né vergogna né paura. Ho grandi ali di velluto nero al posto delle braccia e l’edificio scolastico, bianco e scintillante, sparisce inghiottito dalla mia ombra. Sento l’aria fredda che mi spinge verso l’alto, da sola, plano sul viale della scuola, grido forte agli studenti sparsi verso la scalinata. Ho un becco d’aquila, con quello colpisco, uccido, mi cibo dei loro crani. Sento, della giovane carne, il dolce sapore nella mia bocca e l’amaro gusto dei loro cervelli nel robusto rostro giallo. Esulto, sono felice! Sta per nevicare: il cielo è bianco. Sono stanca, nonostante il freddo stamattina non ho preso l’autobus. Tu non ci sei, sei sparito al mio risveglio. Non sento né la tua voce, né la tua mano sulla spalla. Cammino svelta, ho fretta, sento che tra poco tornerai. Bianca, in cima al viale, la scuola sembra mi voglia risucchiare, non ho paura. Volti che non riconosco si girano, mi scrutano. Oggi essere guardata mi da ancora di più sui nervi. La campana è suonata, sono quasi tutti dentro. Le troverò come al solito sulla porta dell’aula a sparlare degli altri. Gaia e Carla ridono e si scambiano occhiate quando mi vedono. Roby mi da le spalle: mi avvicino, la chiamo. Lei si gira, è sorpresa. Le poggio la canna sulla fronte e sparo: niente, neanche una goccia di sangue, il peggio accade dietro il suo cranio, Mentre cade, le sue trecce mi accarezzano il seno sopra la maglietta. Lo stupore e l’assurdità gelano l’attimo, sono in vantaggio sulla reazione delle altre due. Entrambe sono chine sull’amica morta, gridano, io non ho molto tempo. Carla ha la coda di capelli biondi a cascata sull’amica. Offre al mio fuoco la sua tempia nuda. Gaia mi guarda, vedo il terrore nei suoi occhi, apre la bocca, nessun suono le esce dalla gola. Le sparo tra i denti: la ammutolisco per sempre. Fatto, ora corro sulle scale verso l’ultimo piano. Mi vogliono prendere ma hanno paura che io spari di nuovo, si nascondono. Mi dicono di stare buona, di posare la pistola. Salgo i gradini due per volta. Li sento, sono a pochi metri da me, mi prenderanno? Devo spararmi? Vieni a salvarmi ti prego! Il pianerottolo è stretto e ingombro di vecchi banchi, li uso per bloccare, da fuori, la porta che si apre sul terrazzo. Battono, urlano, cercano di raggiungermi, mi vogliono viva, mi dicono che andrà tutto bene. Pochi minuti ancora vi prego, il tempo di trasformarmi in aquila, un istante ancora, prima di avere la mia ricompensa. Dio! Che cielo meraviglioso, nevica. È tutto bianco e giù nel cortile i lampeggianti delle ambulanze screziano di rosso il viale. Si vede tutta la città da qui. La neve vorticosa ha l’effetto di un fuoco d’artificio. Salgo sul parapetto, così posso vedere più lontano, e nel pericolo che io cada giù, tu verrai a salvarmi. Tremo forte, l’aria fredda mi sospinge, perdo l’equilibrio. Adesso, mi darai ali di velluto nero e un rostro giallo per redimere la gente cattiva? Adesso, che non sento più il mondo sotto i piedi, dovresti sostenermi…
  18. Alba360

    [NNI20] Fuori concorso - Can we play, Charlie?

    Forse ha ragione, ma essendo un personaggio creato dalla fantasia, una tredicenne, non riesco a immaginarla potente e determinata. Mossa dalla sua frgilità, cade nel disturbo della personalità di tipo "borderline." Dalla Rete: In situazioni di stress importante, la persona può sentirsi perseguitata o avere l’impressione che il proprio corpo e lo spirito si dissocino. I sintomi, che si manifestano spesso alla fine dell’adolescenza, hanno conseguenze importanti sulla vita delle persone affette e sul loro entourage. Con questo non voglio dire che non ci sta, questa tua affermazione, ma che ci sono anche modi e tempi. Se Nina fosse stata una giovane donna abusata e ripetutamente vessata da qualcuno, avrei inventato un finale più adatto. La povera Nina fragile e sola, (sua madre non sa aiutarla. La invita a porgre l'altra guancia) crea l'entità che la spinge alla vendetta, uccide perché le viene ordinato, vittima fino alla fine. Oppure il fatto che l'ispiratrice del racconto è la mia nipotina meravigliosa, che ha superato i suoi problemi, di bullismo e obesità, alla grande, mi ha portato fuori strada. Ci rifletterò sopra sicuramente. Grazie @ Almissima, del tuo intervento e di aver condiviso con me le tue perplessità.
  19. Alba360

    Scrittura creativa per casalinghe.

    Ciao @Em. Perché virgola e a capo? devi chiudere l'inciso la virgola va anche dopo Uhm Fosse solo questo, io mi farei l'ergastolo, sicuro! Dunque, il tuo brano mi sembra solo un assaggio delle tue abilità di scrittrice, sicuramente è un testo ironico e divertente, un po' troppo breve per empatizzare col personaggio. Comunque carino e godibile. Alla prossima
  20. Alba360

    [NNI20] Fuori concorso - Can we play, Charlie?

    Ciao @Poldo, è dispiaciuto molto anche a me, non partecipare. Sarei stata sgamata immediatamente, comunque. Non è soltanto qui che avrei potuto fare di meglio: Anche qui, avrei potuto presentare Balena Azzurra con un pensiero rivolto a sé stessa e non al lettore... Si, in effetti questa entità dice tre parole in croce e sempre le stesse, potevo fargli dire due cose che facessero intendere la sua natura. E qui, devo dire che l'esperienza insegna. È il terzo racconto horror che provo a scrivere da quando sono sul WD, tutti e tre per questo contest: il primo era uno splatter, non sapevo nemmeno cosa significa horror, non né avevo mai letti né visto film, non amo questo genere. Il secondo è stata una pappina informe e sensa senso, non voglio nemmeno ricordarlo. Questa volta penso di aver fatto un lavoro discreto. Grazie per le tue osservazione corrette e sincere. I commenti come il tuo fanno bene.
  21. Alba360

    [NNI20] Fuori concorso - Can we play, Charlie?

    Ti ringrazio per essere passata a leggere @veraboni , e per aver apprezzato
  22. Alba360

    [NNI20] Fuori concorso - Can we play, Charlie?

    Ciao Mariangela! sono felice che tu abbia apprezzato Ma... nessuna correzione alle mie virgole?
  23. Alba360

    [NNI20] Fuori concorso - Can we play, Charlie?

    ciao! Che onore mi fai. Sei qui, nel wd, da poche ore e hai scelto un mio racconto per il tuo primo commento. Adesso che leggo i vostri commenti trovo che, davvero l'dea era buona, ma alcune cose mi sono sfuggite e vorrei cambiarle. Altri dettagli sulle bullette e le loro malefatte però non rientrerebbero nel limite di caratteri, non possiamo superare gli 8000, almeno in questa sezione. Sembra che siano loro a farlo, perché Nina ci crede agli spiriti, in realtà se lo crea lei nella mente. L'entità non è altro che il suo bisogno di essere capita e aiutata. Grazie per essere passata a leggere. Posterai qualcosa di tuo? l'officina è un bel posticino, ti divertirai.
  24. Alba360

    Notte Nero Inchiostro 2020 - Topic Ufficiale

    Complimenti a tutti voi! partecipanti e non. Mi sono divertita moltissimo, ho seguito il contest e il gioco dell'indovino in silenzio. Non ho indovinato nessun autore comunque, non ho riconoscituto nessuno ma che il silenzio degli uomini ( che attribuivo a @Alberto Tosciri ) avrebbe vinto sì, quello lo davo per certo complimenti @Il fantasma di Cjan Complimenti per l'ottima prova di @Marco Settimio Di Fonzo La prossima volta ci sarò, giuro!
  25. Alba360

    [NNI20] Fuori concorso - Can we play, Charlie?

    Ciao @Silverwillow Grazie per essere passata da me! Credo di averti individuata nel contest di Halloween. Poi passerò comunque a commentare. Una familiarità non palesata a sé stassa, ma è chiaro che è lei a creare l'entità che la tocca. Lei è molto informata sul gioco, ha visto dei video, quasi se lo aspetta che lo spirito evocato tocchi lei. Poi a essere sinceri il gioco è una presa in giro, Roby lo sa bene che quel gioco è una bufala. La matita si muove se vuoi farla muovere nel verso giusto( il gioco gira davvero su you tube) Roby, credo stia prendendo in giro anche le sue amiche. Balena azzurra ci casca con tutte le scarpe perché è fragile, poverina. La pistola, molti hanno in casa un arma da fuoco. Quando scrivo, di solito prendo una persona reale come protagonista. Questa vola è toccato alla figlia di mio fratello. La povera Fra', ora operata allo stomaco per perdere peso e completamente guarita e felice, da adolescente ha subito le cattiverie dei suoi compagni,( una volta le hanno appiccicato il chewingam tra i capelli) Suo padre è guardia giurata e possiede due pistole, e un fucile a aria compressa. Mentre scrivevo pensavo al viso di Fra, alla sua fragilità, povera piccola ha sofferto molto. Non ho potuto fare a meno di metterle in mano la pistola del padre, tanto non se ne sarebbe nemmeno accorto. PS. Adesso Francesca sta benissimo, è una donna bellissima, in tutti i sensi. A presto!
×