Vai al contenuto

Sjø

Lettore
  • Numero contenuti

    344
  • Iscritto

  • Ultima visita

3 Seguaci

Su Sjø

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Toscana-Marche

Visite recenti

1.094 visite nel profilo
  1. Sjø

    Riviste che pubblicano inediti di esordienti

    Grande lavoro @loStraniero!
  2. Sjø

    Grandi & Associati

    Secondo me andrebbero inseriti più link possibili perché se, da domani, la consultabilità (ma esiste sta parola, va beh) sarà limitata potrebbe essere un problema.
  3. Sjø

    Kalama

    @Sira già fatto!
  4. Sjø

    Chiusura del Forum

    Perfetto e grazie!
  5. Sjø

    Harper Collins Italia

    A me è stato detto l'esatto contrario da addetti ai lavori: che le case editrici hanno ripreso a lavorare a pieno regime. Comunque complimenti per la pubblicazione di qualche anno fa.
  6. Sjø

    Chiusura del Forum

    @Linda Rando ottimo. Certo che hanno tentato di schiacciare un forum e ne hanno creati due: mitosi editoriale.
  7. Sjø

    Chiusura del Forum

    @Miss Ribston addirittura potreste essere in grado di aprire il database editori e agenzie prima del 31? Sarebbe un bello scacco matto per chi ha deciso di chiudere questo, senza avvisare con tempistiche decenti. Un plauso per tutto l'impegno e il tempo che state dedicando al nuovo forum.
  8. Sjø

    Chiusura del Forum

    Grazie @Miss Ribston.
  9. Sjø

    Chiusura del Forum

    Per me questo forum è stato fondamentale: un navigatore nella metropoli attorcigliata dell'editoria. Senza non so se sarei riuscito a raggiungere alcuni obiettivi che mi ero prefissato, probabilmente non li avrei nemmeno individuati. Le fondamenta, per me, sono state le liste tripartite di tutte le case editrici italiane, nessuna esclusa (o poche), quelle delle agenzie e delle riviste, corredate delle esperienze degli utenti. Anche tutto il resto è molto interessante, ma senza le suddette sezioni ho paura che si perda la bussola e gli esordienti l'orientamento. Ho intenzione di iscrivermi a entrambi i nuovi forum (sono già partito con uno questa sera) ma ho notato che mancano proprio le basi di cui parlavo, in entrambi (in ultima pagina ci sono solo alcune case editrici nelle liste e mancano molte di quelle note medio/grandi, che poi sono l'ambizione di molti, perlomeno le mie). A mio avviso queste categorie (liste editori e agenzie, complete) andrebbero reinserite in entrambi i forum. Lasciare tutto qui è un rischio: come hanno chiuso senza farsi tanti problemi, potrebbero anche cancellare in un secondo momento (nessuno può impedirglielo. Non fidatevi di questa gente, la proprietà intendo): e allora andrebbe tutto perso. Forse a qualcuno tornerà anche molto comodo se questo accadrà, forse il piano è questo, i forse sono tanti, le certezze poche, ma una fra tutte, per me, è che il forum, per come è strutturato qui è essenziale. Va bene l'innovazione, va bene nuovi contenuti e nuove idee ma costruite su fondamenta che si sono dimostrate solide.
  10. Sjø

    Riviste che pubblicano inediti di esordienti

    Per me WD è stato fondamentale.
  11. Sjø

    Riviste che pubblicano inediti di esordienti

    Complimenti @Marazani a mio parere hai pubblicato con riviste degne di nota, soprattutto Altri Animali. Mi sembra di capire che a Crack e Carie però non hai inviato? Grazie anche delle spiegazioni.
  12. Sjø

    Kalama

    Riporto la mia esperienza positiva con questa agenzia. A giugno ho selezionato, grazie a questo forum, cinque agenzie: Kalama, Trentin, Vivian, Centovalli, Ceccacci. Alcune delle esperienze con le altre agenzie le trovate nelle discussioni a loro dedicate ma per riassumere: Trentin ha risposto con un rifiuto (dopo scheda di valutazione a pagamento). Vivian non ha risposto (dopo aver inviato il manoscritto, senza pagare, e previa telefonata). Centovalli non ha risposto (idem come sopra). Ceccacci lo ha trovato un ottimo testo ma non rappresentabile. Kalama mi ha inviato la scheda (dopo aver chiamato Pinna, il titolare, ho deciso di accedere al loro servizio di valutazione: scheda a pagamento, come per Ceccacci e Trentin) dicendo che se volevo loro erano pronti a lavorare con me (subito dopo mi hanno anche chiamato). Dopo aver letto alcuni romanzi, fatti pubblicare tramite agenzia, ho notato che sono generi di formazione con una forte componente psicologica (come il mio) e altri distopici. Mi sembra di intravedere quindi una linea editoriale anche se, a me, hanno sempre detto di non essere preclusi a nessun genere: la mia esperienza è ovviamente limitata. Non mi hanno offerto servizi di editing a pagamento e il romanzo è stato inviato, alle case editrici (troppo presto per avere risposte), così come era: ho lavorato al testo, dopo averlo ultimato, per svariati mesi, riscrivendone interi capitoli e revisionandolo in maniera, come da parole di mia moglie, ossessiva. Per l'ultima fase di limatura mi sono avvalso anche del supporto di un editor professionista. Sono un signor nessuno, non ho titoli né ricopro posizioni di rilievo lavorative (che evito come la peste), ho pubblicato, alcuni anni fa, un romanzo con una casa editrice no EAP, alcuni racconti in antologie e in riviste letterarie: tutto qui il mio curriculum. Spero di essere stato utile. Qualora pubblicassi non mancherò di riportare l'esperienza, a questo punto purtroppo, negli altri due nuovi forum (ho deciso di iscrivermi a entrambi).
  13. Sono d'accordo in tutto quello che hai detto: potrei averlo scritto io.
  14. Sjø

    Il rapporto con l'agente

    Grazie del tuo intervento @ipaziaandme : quello che dici è una copia della mia esperienza. Ho infatti iniziato questa discussione proprio per questo motivo: anche la mia agenzia (che tratta sopratutto con medie/grandi CE e, a volte, con qualche piccolo editore indipendente ma valido) è distaccata. Il mio rapporto con loro non è datato come il tuo: risale all'estate di quest'anno. Dopo la prima telefonata da parte loro, in cui si dichiaravano disponibili ed entusiasti a lavorare con me, sono stato sempre io a contattarli. Dopo due mesi che non si facevano sentire sono riuscito a capire a quali case editrici avevano inviato il testo: due big. Hanno nomi molto importanti fra i loro autori e, probabilmente, si concentrano su quelli. Non immaginavo certo un rapporto in cui l'agente ti chiamava una volta al mese per aggiornarti ma almeno comunicare che percorso ha in mente per te, questo sì. Un mio conoscente e rappresentato da un altra agenzia molto importante, lui ha un rapporto diverso, sono più presenti e gli hanno anche detto che quasi tutti gli editori hanno ricominciato, dopo l'estate, a lavorare a pieno regime e valutare proposte per il futuro, che la situazione non è più quella di marzo-maggio, ribadendo che se un editore non ti prende oggi non è per il Covid ma non ti avrebbe preso nemmeno prima, nel 2019.
  15. Sjø

    Il rapporto con l'agente

    Come da titolo, per tutti coloro che hanno o hanno avuto rapporti con un'agenzia letteraria: come è stata l'esperienza con quest'ultima? Ve la immaginavate così come poi è avvenuta? L'agente è stato/stata presente? Vi aggiornava? Vi ha spiegato il percorso che aveva in mente per voi? E se non è stato presente è poi riuscito/riuscita a farvi pubblicare con un grande o medio editore? Per chi vuole poi specificare: di quale agenzia si tratta? Grazie in anticipo a tutti coloro che interverranno.
×