Vai al contenuto

fkafka

Scrittore
  • Numero contenuti

    171
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

37 Piacevole

3 Seguaci

Su fkafka

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    https://diegobarsotti.home.blog/

Visite recenti

470 visite nel profilo
  1. (secondo me una discussione in tal senso c'è già, ma io non l'ho trovata. Chiedo venia in anticipo allo staff) Come da titolo chiedo pareri sui migliori periodi per far uscire un libro di un esordiente. Se a pelle tutti diremmo sotto natale, mi chiedo: siamo proprio sicuri? Non è che a causa della grandissima concorrenza da parte delle offerte delle major, sotto natale un esordiente ha zero speranza? Quindi? Inizio estate perché si comprano libri da leggere in vacanza? Oppure inizio autunno così si raccoglie qualche 'regalatore' che si anticipa sul natale? D'inverno perché il tempo è brutto e si sta volentieri sul divano a leggere? Insomma, voi che ne pensate? Astenersi pessimisti e realisti che rispondono che tanto un esordiente in libreria non ci arriva!
  2. fkafka

    Concorso letterario città di Como [20/07/2020]

    Solo a me non piace la possibilità di avere a pagamento una scheda di lettura?
  3. Complimenti a tutti!
  4. fkafka

    [MI 140] L’ultimo arrivato

    Sì che mi è piaciuto. in effetti l'apprezzamento è un po' nascosto!
  5. fkafka

    [MI 140] L'origine del male

    confesso di essere andato a cercare "io canci" su google. E quindi tu saresti di quella zonaccia della toscana dove pretendono di scrivere cacciucco con sole 4 c?
  6. fkafka

    [MI 140] L’ultimo arrivato

    mi sa che ti sei persa qualche parola qua e là, oppure l'hai costruita in modo arriciolato e confuso. va risistemata di sicuro, anche se hai provato a scriverla come la direbbe un bambino. ma lo sai che stavo per cannarne la lettura? pensavo di aver letto tutti e invece mi eri rimasta fuori! ovviamente sono molto sensibile al tema adozione, spesso si leggono cose che, anche con le buone intenzioni, fanno storcere la bocca a noi che la cosa l'abbiamo vissuta in prima persona (e siamo molto suscettibili, in base anche alla fase in cui siamo: ad esempio c'è la fase in cui daremmo fuoco a qualsiasi cartone della walt disney perché non ce n'è uno con i genitori in vita, con qualche matrigna o con la ricerca della madre biologica; oppure la fase in cui trafiggiamo chiunque si azzardi a dire "ho aduttato un bel gattino" fino al terribile e terrificante hansel e gretel!!!!). In questo caso no, tutto fila liscio. Ci può stare anche l'introduzione un po' fredda dell'insegnante, vi assicuro che ho visto e sentito fare disastri enormi.... Se proprio dovessi trovare il pelo nell'uovo segnalerei che la scelta del paese è un po' particolare: pochissimi bambini di origine kenyota vengono adottati in italia perché la procedura del kenya (e della tanzania credo) è molto particolare: prevede che i genitori - anche alternandosi - restino nel paese per molti mesi (mi pare 6). E dunque sono poche le coppie che hanno un lavoro che permette loro di scegliere un paese che richiede una permanenza così lunga (di solito si va da un paio di settimane a massimo un mese e mezzo. Cmq oh, ci sono eh. Pochi ma ci sono.
  7. fkafka

    [MI 140] Jili

    il mio editor mi segnalerebbe la frase. non devi dire che è diversa, ma perché è diversa ai bambini o da solo? se agli altri bambini, loro lo capivano? E piangevano per questo ci sono alberi di 2 metri e alberi di 30, secondo me dovresti specificare, aiuteresti il lettore ad immaginarsi per bene la scena avevo promesso di ripassare, all'ultimo tuffo ma l'ho fatto. ti ho segnalato un altro paio di cosucce. incipit promettente, bravo!
  8. fkafka

    [MI 140] Quel Diavolo Di Valda Vaccaro

    ciao giulia e benvenuta. purtroppo neppure io avevo capito: per me erano in un ospizio... se mi prendo la colpa di una lettura frettiolasa, ti ricordo però che un qualsiasi testo è comunicazione e la comunicazione è fatta da chi manda il messaggio e da chi lo riceve. se l'ho ricevuto male (e non sono stato il solo) vuol dire che qualcosa va rivisto anche da parte del mittente. (boia che palle sta lezioncina da accademico inacidito!). vabbè insomma ci siamo capiti! . tu cerca di rivedere un po' la cosa per rendere esplicito il colpo di scena finale, io vado a rileggermelo per godermi meglio l'ironia!
  9. fkafka

    [MI 140] Più o meno come fa un piccione

    No vabbè. Per me hai vinto tu. Per l'attualità, il tempismo, l'ironia, la politica (perculi sia gli estremismi in voga ora contro le statue di personaggi di dubbia moralità; sia gli estremisti del no a tutto in particolare del 5G). Non ho neppure voglia di rileggerlo a caccia di refusi o cazzatine qua e là da migliorare: mi basta il sorrisetto amaro che mi hai regalato
  10. fkafka

    [MI 140] Libertà

    buono, anche perché sei riuscito a nascondere la spocchia che hanno tutti i rugbyferi che considerano ogni altro sport - il calcio in primis - roba da femminucce. qui mi sono un pochino perso. questo è quello che ha portato via di peso Nello (suo compagno) prendendosi anche un po' di botte. perché tutto questo spazio, questa azione eclatante che non viene spiegata? Poi sparisce. resta Nello, resta marcello un po' in disparte e poi resta il narratore. Insomam mi stona solo questa parte qui perché la trovo un po' avulsa da tutto il resto
  11. fkafka

    [MI 140] Una mongolfiera per te

    Mmm hai ragione. Nazionale sta per adozione nazionale. Quando uno dà la propria disponibilità, può darla solo per l'adozione nazionale, solo per l'internazionale o per entrambe. La Nazionale è difficilissima perché i casi (fortunatamente) sono pochi. L'internazionale è lunga e costosa ma prima o poi arriva alla conclusione ahahahahha. magari fossi come franz! Certo mi viene da ridere perché i giudizi appena ricevuti nel torneo di ioscrittore (non sono passato), possono essere sintetizzati così: 'scrivi da dio, però la trama è troppo complessa e i personaggi irreali'.
  12. fkafka

    [MI 140] Ideologia donna

    Dai devo essere sincero: non mi è piaciuto. Non mi è piaciuto perché lo trovo poco credibile, a partire dall'inizio, quando è ancora una storia 'normale' di una coppia scoppiata. Questa riappare improvvisamente dopo un mese e lui ci parla come fosse la sua commercialista. provo a spiegarmi. convivono da almeno 10 anni, hanno due figli, lei se ne va... difficile che sparisca del tutto restando nella stessa città: ci sono un mare di cose burocratiche da affrontare, a meno che la tipa non si solita sparire periodicamente. ma non lo si dice. Cmq la cosa che mi ha disturbato di più e me lo fa apparire irrealistico è il tono pacato e freddo della discussione: che poteva essere accesa, arrabbiata, disperata, implorante... invece nulla. E' vero che si uccide per molto meno. E infatti quello non lo contesto,: è propèrio il tono generale che non mi ha convinto. e poi sfumerei un po' gli stereotipi: le femministe invasate e mezze lesbiche, lo scopatore seriale, il padre di famiglia buono e ingenuo... boh. sicuramente anche la scelta di utilizzare solo il dialogo - che è sempre piuttosto ostico - non ha aiutato ad affrontare una tematica del genere.
  13. fkafka

    [MI 140] L'estraneo

    virgola dopo il primo macché, punto prima del secondo macché bello! cioé non bella l'immagine, ma come l'hai resa questo è corretto? Sì ho controllato. si imparano un sacco di cose nei MI vabbè, vedo che è una scelta di non mettere punteggiatura dopo il discorso diretto, quindi non segnalo più, però a me non piace è l'avventore che lascia la mancia. non il contrario Molto carino, che tiene la curiosità fino alla fine. Secondo mel'unica cosa da rivedere è il punto di vista iniziale da parte del popolo. cioè così sembra che il narratore prima dica una cosa (l'estraneo si era trasferito) e alla fine il contrario: narratore onniscente o perculante?
  14. fkafka

    IoScrittore

    Avendo ricevuto pareri interessanti ed utili, ed essendo fuori dai 300 e quindi libero, invito ufficialmente i lettori de "L'anima dei sassi" a palesarsi. Mi piacerebbe continuare il confronto con loro.
  15. fkafka

    [MI 140] L'acqua che passa

    Sotto, nella piana, il lago è ridotto a una palude e cede ogni giorno... chiedo aiuto. questo uso di dipende senza il da è corretto? sì dal terreno di egidio? credo torni megli se continui ad usare il presente. egidio ripone la vanga io lo leverei. si sa già che si è appena svagliato. al frutteto? anche qui secondo me non va bene, mi tornerebbe quella mattina refuso la In generale l'idea è molto buona e racconta purtroppo la 'normale' situazione di tante eredità che distruggono le famiglie. Secondo me devi curare lo stile perché tanti refusi che ti ho segnalato in realtà non sono refusi ma usi dialettali della lingua italiana. Cioè non dialetto proprio, non è che ci sono parole particolari, ma proprio il loro uso. Io te le ho segnalate tutte perché da me si usano in modo diverso, ma magari siamo noi a sbagliare. Verificale un attimo se vuoi/puoi. e grazie per aver partecipato.
×