Vai al contenuto

Mariner P

Scrittore
  • Numero contenuti

    463
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    1

Mariner P ha vinto il 21 agosto

Mariner P ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

74 Popolare

5 Seguaci

Su Mariner P

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    nessuno
  • Skype
    privatissimo

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Interessi
    Leggo molto, scrivo, vela, fai da te.

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Grazie, grazie e grazie a quanti mi hanno votato. Per un pelo non ce l'ho fatta e questo mi gratifica assai. I miei complimenti ai vincitori: @AdStr , @Komorebi e @Lauram .
  2. Mariner P

    [H2019] Navigando nel Pacifico

    Lieto che tu sia passato @AdStr e felice del tuo commento e della tua ottima memoria. Hai centrato in pieno uno degli obiettivi che volevo raggiungere. Sì, nostalgia anche. Nostalgia di tutte le più folle avventure che avremmo voluto vivere e non abbiamo potuto. Che aggiungere? Grazie. Un grazie davvero grande e grosso.
  3. Mariner P

    [H2019] Humus

    Ciao @AdStr , gran bel pezzo. Non amo le catalogazioni, e questo - secondo me - è impossibile da incasellare. Nudo e crudo come deve essere un racconto che non vuole incutere terrore o timore, ma solo raccontare una terribile realtà. La quale basta e avanza per far venire i brividi, quando... si toglie la maschera. I miei complimenti !
  4. Mariner P

    [H2019] Navigando nel Pacifico

    Grazie @julia1983 per il tempo e per il commento. Sono lieto che il pezzo ti sia piaciuto.
  5. Mariner P

    [H2019] Chiamami Vlad

    Ciao @julia1983 Non è facile dire qualcosa di non banale sul tuo racconto, per più di un motivo. Innanzi tutto la scelta della seconda persona come io narrante, che è un'arma a doppio taglio. Avvicina il lettore al personaggio , standogli quasi col fiato sul collo, ma proprio l'incalzare della forma rende indispendabile che ci sia un un identico incalzante succedersi - a ritmo serrato - degli eventi. Non può esserci spazio per divagazioni o fronzoli, ogni descrizione dev'essere diretta, immediata, un pugno nello stomaco. E tutto quel che si può togliere DEVE essere tolto Cammini nel corridoio e osservi alcuni passeggeri con la torcia del telefono: un giovane con la ventiquattrore in grembo, un ragazzo con cuffie nelle orecchie e volto pallido, un tizio anonimo con un quotidiano tra le mani: tutti hanno due fori sul collo. Come vedi, puoi dire le stese cose ma il ritmo cambia. E devi essere abilissima a mantenerlo dall'inizio alla fine, senza mai cedere. È l'incalzare degli eventi a creare tensione. Nel momento in cui costringi (sei tu che inventi la storia, e sei tu che hai deciso la seconda persona come io narrante) il lettore a questo tour de force, non devi dargli il tempo di ragionare con lucidità su quanto avviene, perché se si ferma anche solo un secondo si accorge che è tutta una "fiction", e il castello di carte che hai costruito crolla miseramente. Gli altri motivi risiedono nella scelta di impalare tutti, ragazzino compreso, senza che questo abbia qualche ripercussione seria. Ha piantato un paletto nel cuore a una decina di poveracci e non c'è nessuna conseguenza? Se ne torna a casa, tranquillo con la moglie che liquida l'accaduto con una battutaccia? Insomma, gli spunti ci sono, ma dovevano dar luogo a qualcosa di diverso. Ovviamente ho sparato cazzate a raffica e non è detto che tu debba condividerle. Forse solo rifletterci su. Alla prossima.
  6. Mariner P

    [H2019] Navigando nel Pacifico

    Ciao @Emy , l'importante è che tu abbia passato qualche minuto divertendoti. Per l'autore è il più bel complimento. Grazie.
  7. Mariner P

    [H2019] Navigando nel Pacifico

    Grazie del commento @Il fantasma di Cjan . Purtroppo non si può accontantare tutti.
  8. Mariner P

    [H2019] Navigando nel Pacifico

    Grazie @simone volponi , gli skipper che si atteggiano ad elite, non sono veri skipper, anche se sono la maggioranza. Prova a bazzicare qualche marina e fermati dove vedi barche vecchie ma ben tenute (perché molto amate). Troverai gente che ama il mare e non è elitaria.
  9. Mariner P

    [H2019] Turno di notte

    Grazie del pensiero, @Vincenzo Iennaco . Più che trascorsi accademici, sono state disavventure universitarie seguendo la scia di un professore di medicina legale molto in gamba. Della serie che non si finisce mai di imparare.
  10. Mariner P

    [H2019] Una proiezione per due... anzi, tre!

    Non male l'idea del racconto a due voci, due io narranti, che ci dipanano le loro paranoie. Accomunati - par di capire - da due circostanze: scrivono entrambi un diario (su suggerimento della stessa dottoressa, suppongo), ed entrambi sono rimasti scioccati dallo stesso film. Quest'ultima è bella assai. La lasci lì, senza farci capire molto su cosa sia accaduto in realtà durante quella proiezione, se non mostrandoci i punti di vista soggettivissimi dei protagonisti. Essi non ci spiegato cosa sia acaduto, ci raccontano quel che hanno "sentito" dopo lo shock iniziale. Insomma @Emy il racconto ha dei bellissimi spunti. Tirane fuori un capolavoro !
  11. Mariner P

    [H2019] Incubo a occhi aperti

    Che dire? @Il fantasma di Cjan L'idea non è male. Quel che non capisco è la scelta del fraseggio ridondante. Troppi particolari annidiati, a parer mio, e un incipit nel quale ci sono ben quattro incisi, uno dopo l'altro, per presentare il luogo del crimine ! Come se il regista volesse attardarsi a mostrar minuzie perché ha un timor panico della scena madre ! Sai maneggiar bene la penna, lasciala dire quel il tuo cuor le detta e l'intelletto inclina ! Perché questi pennini calligrafici che disegnano solo fronzoli? Alla prossima.
  12. Mariner P

    [H2019] Bloody Pierino

    Ciao @simone volponi Poiché sono uno dei pochissimi a non aver letto IT e a non aver neppure visto il film, penso di non aver nessun titolo per commentare il pezzo. Non cogliendone le sfumature, potrei solo dire cavolate. Una però posso azzaddarla. L'incipit "Era una notte buia e tempestosa" appartiene a Snoopy, che stava sempre a iniziare il suo romanzo, scrivendo sull sua cuccia con la macchina da scrivere, e senza mai riuscire ad andare avanti. La frase mi pare sia di un autore ottocentesco del quale mi sfugge il nome. Dunque una bella sfida, e un cortaggio non comune, iniziare con quella frase.
  13. Mariner P

    [H2019] Navigando nel Pacifico

    Caro @Vincenzo Iennaco . Carabottino. Eccolo qui. Sai quante volte ci rompiamo le dita dei piedi andando scalzi invece di usare le regolamentari scarpe da barca? Grazie al carabottino il sangue scola e non fa scivolare.
  14. Mariner P

    [H2019] Risvegli

    Bel pezzo @Befana Profana . Descrivi bene l'incubo, in un crescendo inesorabile e a trecentosessanta gradi. Dovunque volga lo sguardo trova qualcosa che la terrorizza, su di sé o fuori di sé. Bella l'ambientazione, proprio come un incubo dovrebbe essere. Che dire d'altro? Se volevi instillare angoscia al povero lettore, ci sei riuscita benissimo. Spero che così come ce lo hai descritto, questo incubo venga anche a te ! Scherzi a parte, un gran pezzo che pare uscito dalle memorie di uno psichiatra in pensione, in vena di intrattenere il pubblico con qualche ricordo preso dal diario di una sua paziente. Secondo me ti sei divertita a farci star male. Vero?
  15. Mariner P

    [H2019] Turno di notte

    Hola @Vincenzo Iennaco , hai ragione da vendere ! La puzza di morte (non quella degli obitori, dove i morti sono freschi e deodorati, e nemmeno quella delle celle di anatomia patologica, dove i gradi sottozero sono assai più), dico la puzza di morte di un morto che è lì da tempo, ecco quella puzza ti rimane addosso che neanche cinque docce bollenti riescono a toglierla. Manca solo che il protagonista faccia collezione di ipofisi, e hai descritto alla perfezione uno che lavorava ad anatomia patologica quando facevo l'università. Necrofilia compresa ! Un solo appunto. Il necrofilo non sta tanto a far sottigliezze se la giovane morta sia nell'anticamera o nel bel mezzo degli inferi. E non pensa nemmeno che sia o possa diventar fantasma. Anzi, se lo pensasse si guarderebbe bene dallo sfiorarla. Il maledetto è convinto di farla franca e che nessuna andrà mai a disturbarlo di notte. La fine che gli fai fare è degna di lui. Sono convinto che il Doc, che ben sa i misfatti del genero, se ne liberi nel migliore dei modi: aprendogli il cranio mentre è vivo, legato e senza anestesia. PS i necrofili erano un interessante oggetto di studio psichiatrico e psicologico. Il massimo della depravazione mentale. Tutti caratterizzati dalla difficoltà ad avere un partner consenziente. La moglie del necrofilo? Non gliela dà.
×