Vai al contenuto

Opeth

Scrittore
  • Numero contenuti

    5
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

12 Piacevole

Su Opeth

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Opeth

    Francesca Costantino

    Ciao RedInferno, proprio così, come hai scritto tu. È la stessa sgradevole sensazione che provo io, ossia quella di aver subito una truffa, e 1000€ sono tanti soldi. Mi sento così giù. Quanto le chiesi la risoluzione del contratto per inadempimento degli obblighi contrattuali a giugno 2018, rispose alla mia richiesta scritta che non lo avrebbe fatto, si è rifiutata. Si è parata il fondoschiena scrivendo, a inizio rapporto, che la rappresentanza, a prescindere dalla stipula del contratto e del mio pagamento, non avrebbe garantito il raggiungimento sicuro dell’obiettivo, come se avesse già detto “accetti a tuo rischio e pericolo”. Per cui non penso di poter richiedere i soldi indietro, questo lo mise per iscritto, resta il fatto che mi sento raggirato e per mesi, imputando la cosa alla maternità, non ha lavorato al mio caso né si è informata sulla frequenza con cui le case editrici del mercato anglofono aprono agli invii spontanei dei manoscritti. Mi è caduta dalle nuvole due settimane fa, dicendomi che le case editrici straniere fanno così nella maggior parte dei casi. E questo lo vieni a scoprire e me lo fai presente a fine rapporto? Se non aveva l’esperienza necessaria per portare avanti questa pratica, perché diamine si è assunta un tale incarico... Come se i soldi crescessero sugli alberi. Pensa solo al denaro e a come aumentare i propri profitti e la propria popolarità. Sono così in collera. Se conoscete un agente letterario serio che si occupa, e con successo, di rappresentanza di autori italiani emergenti all’estero e che ha esperienza nel campo, vi sarei immensamente riconoscente se riusciste a fornirmi il suo nominativo così da contattarlo/a. Grazie a tutti
  2. Opeth

    Salve a tutti

    Grazie per l’opportunità fornita. Le presentazioni non sono il mio forte, comunque scrivo non tanto per il diletto di farlo, quanto più perché mi fa stare bene. Ho pubblicato tre romanzi con tre case editrici non a pagamento, e una raccolta di poesie sempre con una no eap. Finora ho collaborato con un’agente letterario nello specifico, ma sento che è giunto il momento di cambiare persona, perché non è stata un’esperienza proprio positiva. Preferisco mantenere un “profilo basso” per evitare rappresaglie da parte di chi mi ha rappresentato fino adesso
  3. Opeth

    Francesca Costantino

    Grazie a voi per questo portale. Non sono molto abile nell’utilizzare gli strumenti della piattaforma, come posso fare per presentarmi? A volte è difficile anche fare il log in. Tra l’altro temo rappresaglie, come da quanto riportato nell’ultimo commento, quindi vorrei comunque mantenere un profilo piuttosto basso.
  4. Opeth

    Francesca Costantino

    Ci sono altri aggiornamenti a riguardo: nel settembre 2017 ho stipulato un altro contratto di rappresentanza editoriale con la Costantino nella speranza di trovare un editore sul mercato anglofono che potesse distribuire il mio romanzo tradotto in inglese. Si è offerta lei di assumersi l’incarico, poiché io avevo chiesto se conosceva qualcuno che aveva già esperienza a livello di rappresentanza sul mercato inglese, mi risponde dicendo che può farlo lei tranquillamente. Accetto, pur con delle remore, non sapendo a chi altro rivolgermi, e nonostante delle esperienze pregresse con lei non proprio esaltanti, pagando 1000€ per un anno di rappresentanza. Risultato: la Costantino in data giugno 2018 ancora non mi ha fatto sapere niente. A molte mail non rispondeva. Chiedo spiegazioni più volte, imputa il tutto alla maternità, cosa che comprendo. Arrivati però a tre mesi dalla scadenza del contratto, inizio a preoccuparmi perché ancora zero aggionrnamenti. Le risposte sempre telegrafiche e prive di empatia. Quando mi innervosisco, si altera minacciando rappresaglie legali e denuncia, qualora dovessi parlarne male, volevo recedere dal contratto causa inadempienza. Fa nuovamente e scaltramente appello alla maternità. Alla fine raggiungiamo un accordo, una proroga di circa 6/7 mesi, con delle clausole che le impongo di rispettare. Qualche giorno fa mi arriva la sua risposta che purtroppo le agenzie che lavorano con la lingua inglese aprono agli invii spontanei dei manoscritti solo un tot di volte l’anno, intervallo di tempo limitato (meno male che aveva esperienza: ma prima di assumerti l’incarico e di farmi buttare 1000€ queste cose non potevi dirmele?! L’esperienza dove sta?!) e che mi darà qualche contatto poco prima della ormai prossima scadenza del contratto che non ha portato a nulla, sennò alla perdita di 1000€. Da inserire nella lista nera proprio direi
  5. Opeth

    Francesca Costantino

    Non solo è esosa per una parcella che non soddisfa le aspettative visto il modo in cui lavora, ma è anche arrogante, maniplolativa e bugiarda. Mi ha rappresentato per lungo tempo, ci sono caduto come un pollo, consigliata da conoscenti. Mi ha fatto pubblicare con case editrici che sfruttano la formula "tot eBook da vendere entro un anno" per avere la pubblicazione cartacea, io ho intascato si e no 32€ da quando ho pubblicato oltre due anni fa e alla signora ho versato oltre 2700€, forse 3000€. L'ultima che mi ha fatto: le avevo chiesto esplicitamente di provare con una casa editrice in particolare, visto che riteneva il mio ultimo romanzo non piazzabile. Mi bocciava tutto. Nonostante le mie esplicite richieste di contattarli, ha detto che non sarebbe servito a nulla contattarli perché erano ormai passati al digitale, lo aveva già sperimentato con un altro autore. Mi sono quindi arreso, lei mi ha detto che poteva venirmi incontro facendomi firmare con la sua casa editrice, come a farmi un favore, ma che mi avrebbe potuto offrire solo un contratto per esordienti sempre con clausola tot eBook da vendere entro un anno, nella speranza di arrivare al cartaceo. Nel contatto poi oralmente ha detto una cosa ma poi a livello scritto non l'ha voluta formalizzare. Risultato: firmo questo accordo che per me comportava una grossa regressione, con la sua agenzia che lei definisce molto modestamente "Un faro di luce per l'umanità", sempre scortese, laconica e priva di empatia lei, per poi ricevere a contratto firmato la proposta ediroriale, anche cartaceo, da parte della casa editrice che lei affermava fosse inutile contattare. Se parlo di raggiro dice che è calunnia. Giudicate voi chi sarebbe a dover adire le vie legali. Questa persona pensa solo a soldi, fama e successo. Pessima; lavora poi mediocremente smontando praticamente tutto, che per carità, nell'editing ci sta anche. Ha fatto pubblicare con poche case editrici importanti, basta vedere il suo sito, e la maggior parte dei suoi contatti sono case editrici piccole che fagocitano gli autori. Guardatevene
×