Vai al contenuto

Talia

Sostenitore
  • Numero contenuti

    1.909
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    1

Talia ha vinto il 3 marzo

Talia ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

668 Magnifico

Su Talia

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

1.459 visite nel profilo
  1. Talia

    Lampi di Poesia 8 - Topic ufficiale

    Grazie @Ospite Rica Oggi, più di sempre, stare tutti vicini vicini è bello! Talia
  2. Talia

    Lampi di Poesia 8 - Topic ufficiale

    Complimenti @Exairesi! Brava! Grazie a colei/lui che mi ha votata Grazie a tutti per aver riempito questi giorni con i vostri versi . Grazie mille a @Anglaresper tutto tutto. Talia
  3. Talia

    Ars poetica [1] - comunicazioni

    Commento Ecco la mia proposta per il decimo verso : la voce coperta dal temporale la(1)- vo(2)-ce(3)- co(4)-per(5)-ta(6)- dal(7)- tem(8)-po(9)-ra(10)- le Talia
  4. Talia

    Arabico

    Ciao @Aurelio C.P. Mandraffino È la tua prima poesia che leggo e l'ho trovata molto carina, dal gusto semplice e dal messaggio tenero. Due amanti in viaggio, lontani dal loro nido d'amore, non sono felice nonostante la città splendida e romantica, il cornetto appena sfornato e il caffè del bar. Sono molto più contenti di un gesto intimo, fatto con amorevole cura nel contesto casalingo, nonostante il caffè non sia fatto a regola d'arte. Adesso ti faccio qualche osservazione su come hai costruito i tuoi versi, mi serve entrare nel dettaglio per proporre un verso nel nostro laboratorio poetico (a proposito, se vuoi unirti a noi, ti lascio qui il link, vieni a dare un'occhiata). Tieni conto che non sono esperta di tecnica poetica, le mie sono osservazioni a orecchio o di gusto personale, per cui prendi ciò che ritieni utile e il resto buttalo. Al posto fi "bruciato" userei la parola "tostato" che, per il mio sentire, potrebbe rendere meglio l'idea dell'aroma di caffè che si spande intorno. Se lo bruci, il caffè sa di bruciato e basta. Asciugherei un po' questa strofa, che, a mio parere è troppo descrittiva. Ed è un peccato, visto che l'atmosfera che tenti di creare è, invece, molto evocativa. Sotto mi permetto di suggerirti i tagli e le variazioni che mi sembrano andare in tal senso, vedi se ti può aiutare: A Parigi, sulla ruggine di due sedie di un vicolo buio ci perdiamo tra due croissants, non siamo felici. Dal punto di vista della capacità evocativa, la quarta strofa è molto centrata, mi piace così com'è e non la toccherei. Un ultimo piccolo suggerimento grafico. Visto che metti l'ultimo verso centrato, quello che dice "siamo felici", a questo punto centrerei anche il "non siamo felici" della prima parte. Spero di averti scritto qualcosa di utile. Alla prossima. Talia
  5. Talia

    [LP 8] Poesia

    Ciao @Vincenzo Iennaco, Come suggerisce il titolo, la tua è la Poesia delle poesie: senza maiuscola e senza punto potrebbe iniziare mille e mille versi prima e finire lo stesso non si sa quando, forse mai. Questo perché i versi sono immagini e emozioni e stimoli sensoriali espressi con grandi capacità poetiche, ma sono attimi. Attimi che si susseguono senza una precisa connessione (almeno non è stata di immediata comprensione per me la logica che richiama le immagini a catena). Gli ultimi due versi Sono forse la chiave per interpretare tutto: ogni momento fa storia a se, è una fotografia di emozioni, è poesia. Mi è piaciuta moltissimo l'atmosfera delicata che hai saputo creare con questi versi, che richiamano immagini e situazioni abbastanza quotidiane, arricchite con un bel linguaggio e stile poetico e metaforico. Talia
  6. Talia

    [LP 8] Nostalgia

    Ciao @Exairesi, Ho sentito tutta la pesantezza materiale e l'oppressione al torace di un'assenza. Un amore a cui non ci si è rassegnati a fare a meno, che fa male nel ricordo (un ricordo cupo e nebuloso perché consapevole che non tornerà), un amore a volte greve a volte euforico, che non da tregua, nonostante i giorni siano trascorsi. Anzi il tempo fugge, come suggerisci negli ultimi versi, lasciando intendere che l'io narrante non sappia cogliere nuove gioie e opportunità, ma rimanga paralizzato e avvinghiato a quei ricordi, a quell'amore. Talia
  7. Talia

    [LP 8] Non presente

    Ciao @(Irene), Una delicata malinconia riempie i tuoi versi. "Se tu mi avessi voluta accanto ti avrei svelato cose meravigliose" sembra suggerire. Ma ormai la vicinanza è persa e non rimane che il suono di una figlia che cade: Ho trovato questi versi davvero molto eleganti e densi di significato, quasi a riassumere tutta la poesia. Bella davvero. Talia
  8. Talia

    [LP 8] Numeri

    Ciao @Elisa Audino, I numeri: in questi giorni ci riempiamo la testa di numeri (almeno io che con i numeri ho un rapporto particolare). Non so se hai tratto ispirazione dai bollettini quotidiani, ma misurare la vita di un anziano in una casa di riposo con i passi che lo separano dalle cose della sua quotidianità è un'ottima metafora. (ti suggerisco subito una cosa: io ripeterei la parola passi dopo ogni numero e non solo a inizio poesia, la ripetizione darebbe più senso di angoscia). I passi sono la misura spaziale, ma anche temporale, della giornata di questa persona, che al tramonto dell'esistenza più di tutto teme di essere dimenticata, oppure di essere trasformata in un numero (massima spersonalizzazione dell'essere umano che veniva fatta anche nei lager coi tristemente famosi tatuaggi). Questo numero può essere sia il numero progressivo di un archivio della casa di riposo sia l'ennesimo decesso dovuto a questa situazione sanitaria. L'ultimo verso è un pugno allo stomaco, anche perché viene il dubbio che la paura non sia solo quelka di essere dimenticato, ma anche di dimenticare a causa della vecchiaia. Talia
  9. Talia

    [LP 8] Grasso ubriaco e stupido

    Ciao @Ton, Una vita buttata è ciò che ho percepito nella tua poesia, ciò che manca, in riferimento alla traccia, è una persona, nel senso della persona colta nella sua umanità. Quando si uccide la realtà con l'alcol si diventa lo zimbello degli altri, la bottiglia vuotata è sinonimo del nostro dentro vuoto. Manca l'umanità e anche la capacità di scorgerla nei volti degli altri, da qui il verso: La conclusione : Ci mostra la distorsione oculare, ma per conseguenza metaforica diviene distorsione della realtà dell'uomo alterato dall'alcol. Mi è piaciuto tutto ma non ho capito il titolo: perché anche "grasso" e "stupido"? Non bastava "ubriaco"? Talia
  10. Talia

    [LP 8] Mani

    @Poeta Zaza, @novemai, @Sira, @INTES MK-69, @(Irene), @Vincenzo Iennaco, @Exairesi Grazie mille a tutti per i commenti graditissimi. Ora vi rispondo a uno a uno. Grazie per l'apprezzamento. Grazie per queste parole e per il bel commento tutto. Sono contenta, grazie mille per le belle parole che mi hai scritto. Esatto. Sarà perché adesso sono quelli più esposti al virus, oppure perché avrei bisogno di riprovare le sensazioni dell'infanzia, ma ho subito pensato a mia nonna quando ho letto le tracce. Grazie per il commento. Grazie per le tue parole gentili. Grazie mille. Io adoro il tuo stile poetico, ma non sono capace di scrivere versi come i tuoi, lo ammetto. Sicuramente in questo lampo ho virato sul piuttosto semplice, per mille motivi, in primis forse perché proprio il tema che ho voluto svolgere mi sembrava meglio espresso in questo modo. Il fatto che non scrivo e non so scrivere poesie con un certo stile, non vuol dire che non lo apprezzo, anzi. Ti ringrazio per la sincerità ma anche per gli apprezzamenti e il commento. Infatti è un po' così che è nata l'idea: il bisogno di dolcezza e di ricordi teneri in giornate difficili. Talia
  11. Talia

    [LP 8] Silenzio

    Ciao @novemai, Il silenzio e quindi l'indifferenza di una persona che abbiamo amato creano un vuoto enorme, che tu hai saputo rendere con grande maestria. Hai usato l'immagine di una stanza vuota e di una caverna. Queste possono essere sì rifuugio, ma quando sono vuote e fredde le pareti rimbombano e ci fanno sentire soli, dimenticati e isolati. Davvero un'emozione che arriva diretta leggere i tuoi versi. Talia
  12. Talia

    [LP 8] Dal polso esile e bianco

    Ciao @Ippolita2018, Quanti palloncini ci sono sfuggiti di mano da bambini. Ma uno in particolare è il più significativo: l'ultimo che lasciamo andare è il segno della fine dell'infanzia e l'inizio dell'età adulta e dell'indipendenza. La madre guarda il figlio che cresce, che prende in mano la sua vita e va, libero tra gi uccelli a viverla. Il palloncino rosso rimane nel cielo come grumo, in quanto ferita che deve ancora risarcire, ma la madre la curerà pensando a quando lei prese il volo. Bellissima, Ippolita, struggente, malinconica, ma, alla fine, un inno alla vita! Talia
  13. Talia

    [LP 8] Echi

    Ciao @Sira, La tua "amaca sospesa" mi ha incantata, perché crea un'immagine perfetta del nostro stato d'animo: impotenti, rinchiusi, a sognare una fine per questa situazione e a confortarsi ricordando splendidi viaggi in spazi aperti come la riva del mare. Il tuo stile mi affascina sempre moltissimo e anche questa volta hai fatto centro. Talia
  14. Talia

    Evasione

    Ciao @Elisa Audino, Grazie mille per il bel commento, ricco e interessante. Macché scusarti, le tue annotazioni sono ottimi spunti per me, che devo imparare ancora tutto. Non ti nego che, a differenza di come mi scrivi tu, a me le rime un po' piacciono, mi sembra creino enfasi nei punti giusti del testo, una sorta di sottolineatura. Però sì, come dici tu, il rischio cantilena c'è. Per il discorso dello snellire/ripulire, hai super ragione, devo lavorare ancora molto in tal senso. Grazie ancora per tutti i suggerimenti. Talia
  15. Talia

    [LP 8] Commiati mai detti

    Ciao @INTES MK-69, Ho poco da dire, con le tue parole inchiodi al muro. Il tuo sfogo e la tua sofferenza sono quelli di molti, di tutti direi. Giorni cupi questi e pieni si sofferenza: dai tuoi versi arriva forte e chiaro. Talia
×