Vai al contenuto

fogliolabile

Lettore
  • Numero contenuti

    45
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

19 Piacevole

1 Seguace

Su fogliolabile

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

230 visite nel profilo
  1. fogliolabile

    Mi presento

    Ciao @StefaniaM. , benvenuta. Pure io sono un lettore più che uno scrittore
  2. fogliolabile

    New entry?

    Ciao @Simonaal
  3. fogliolabile

    Piacere a tutti!

    @Eleonora01 benvenuta
  4. fogliolabile

    Aspettative di vendita

    Per me successo significa dalle mille copie in su. Flop invece sotto Ma la realtà è ben diversa: un esordiente vende in media circa 150- 200 copie, quindi il flop sarebbe venderne 50 (ovvero amici e parenti che lo compreranno senza leggere)
  5. fogliolabile

    mi presento

    Benvenuta @dianavalk , sei praticamente come me, ho scritto qualche post a riguardo su questo
  6. fogliolabile

    Mi presento e vi saluto, ciao a tutti!

    Ciao @Gianfranco Micheletti :D
  7. fogliolabile

    Ciao a tutti!

    Benvenuta @LadySchriffin
  8. Dopo attenta selezione ho deciso di rivolgermi a Sara per aiutarmi a elaborare una storia che ho in mente da qualche tempo. Lei mi sta aiutando a chiarire alcuni miei dubbi, sopratutto con delle domande ben mirate. In particolar modo quando metto troppa carne al fuoco lei mi porta a restringere le opzioni e decidere cosa è veramente importante per me, cosa davvero voglio raccontare. Sara è dotata di una grande sensibilità umana, molto paziente (tendo a scrivere molto nelle mail), è capace di leggere fra le righe, di trovare il significato profondo di quel che si vuol dire. Oltre a questo ha anche un grande bagaglio tecnico e conoscenza dei vari generi letterari. E non si dimentica nemmeno di considerare gli elementi necessari (o da omettere) per una eventuale pubblicazione. Sono molto soddisfatto di come sta andando questa collaborazione
  9. fogliolabile

    Mi presento! E auguro il buongiorno!

    Benvenuto @Nemo Dakkar
  10. fogliolabile

    Mi presento anche io

    Ciao @LaGen
  11. fogliolabile

    Il Taccuino Ufficio Stampa

    In questo momento non se la sta passando bene, subissato di critiche. Basta fare una semplice ricerca su google (non voglio andare off topic) per capire cosa sia successo.
  12. fogliolabile

    Comunicazione e identità sui social

    Sicuramente sì. Bisogna costruire un personaggio intorno a quel libro, in modo che anche altri ne parlino (non del libro, ma del personaggio). Le vendite quindi saranno una conseguenza indiretta. Anche fra gli stessi influecer quando vendono qualcosa, che sia un libro o un cosmetico, non hanno successo con tutti i follower ma solo con una minima parte. Gli altri più che altro fanno da cassa di risonanza. Questo è un concetto che ho imparato anni fa col mondo dei blog, ovvero che non tutti i visitatori diventeranno lettori e non tutti i lettori diventeranno compratori. Però creare un personaggio mediatico è difficile, infatti molti influencer non sono affatto spontanei, ma dietro c'è tutto un team di lavoro. Poi ci sono alcuni youtuber che hanno iniziato da soli e via via nel corso degli anni sono cresciuti, con le wiews e gli iscritti. Ma ci vogliono anni.
  13. fogliolabile

    Quanto siete cambiati come lettori?

    Mi spiego meglio: i vostri gusti sono sempre gli stessi nel corso degli anni oppure avete cambiato spesso? Io per esempio ho fatto un percorso molto strano: da bambino leggevo solo i pochi libri presenti in casa, tra cui il vecchio e il mare, che non mi piacque affatto. Poi vennero quei libri venduti a 1000 lire e feci una scorpacciata di titoli…ma soprattutto Hermann Hesse di cui lessi tutto e quando dico tutto significa tutto. Insieme a Hesse c’era anche la letteratura tedesca che mi affascinava molto, da Mann passando per Musil e altri. Poi venne la letteratura americana fino alla beat generation. Anzi arrivai a Bukowski e lì dissi basta. Poi ci fu la passione per la letteratura giapponese. (No, i francesi no…così come tutta la letteratura sudamericana, anche se qualcosa di Marquez è stata letta) Poi cominciai a interessarmi a robe strane, postmoderne, robe del tutto destrutturate, di cui non ricordo manco i nomi degli autori. Poi venne la fantascienza, ma veramente per poco. Solo qualche mese circa. Dopo mi feci prendere dalla moda del momento e comprai titoli di autori italiani che andavano in classifica e me ne sono pentito tanto che per anni non ho comprato autori italiani... Dopo ancora mi appassionai al romanzo storico, poi venne il thriller, insomma ero passato al romanzo di genere, non per dovere, ma perché erano le uniche cose che ormai mi emozionavano, la cosiddetta letteratura alta o mainstream mi annoiava. Cosa leggo adesso? Quello di cui ho voglia sul momento, di qualsiasi genere, tranne il romance. Non ho mai letto l'Ulisse di Joyce e Alla ricerca del tempo perduto di Proust e non li leggerò mai.
  14. fogliolabile

    Mi presento

    Benvenuto @GLB
  15. Quello che ho notato io è che molte case editrici non hanno ben definito quali sono i loro lettori ideali. Non hanno un target ben preciso. Allora se sei Mondadori puoi permetterti di essere generalista, ma una piccola casa editrice deve avere una nicchia specifica a cui rivolgersi. Quando leggi sui loro siti, se riesci a trovarli, i riassunti dei libri che pubblicano trovi un bel minestrone di tutto, con infinite collane come già detto sopra. Una volta scrissi ad una casa editrice per sapere quali fossero i loro lettori ideali (del resto si campa di quello, cioè delle vendite, a meno che non siano a pagamento). Ebbene mi fu risposto che loro non pensano a dei lettori specifici, l'importante sono le belle storie. Ecco questo è un atteggiamento sbagliato e autolesionista.
×