Vai al contenuto

RedInferno

Scrittore
  • Numero contenuti

    635
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    1

RedInferno ha vinto il 10 febbraio 2019

RedInferno ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

318 Straordinario

4 Seguaci

Su RedInferno

  • Rank
    666

Visite recenti

4.102 visite nel profilo
  1. RedInferno

    Urbe Ferox

    @simone volponi grazie a te, invece Le bestioline sono sempre ben accette negli inferi
  2. RedInferno

    Proposte & Idee (Varie)

    Ti avevo messo un cuore nelle reazioni, ma visto che bisogna rivendicarle:
  3. RedInferno

    Proposte & Idee (Varie)

    Allora te lo dico chiaro e tondo, visto che l’anonimato non ti piace e non ho problemi a metterci la faccia (o la mia identità su questo forum): io di freccette rosse in questo periodo te ne ho messe di diverse, a bizzeffe. Sei contento ora? No, questa cosa ti farà incazzare e basta, ma se è questo che vuoi! E comunque, in un topic diverso da questo, mi pare di aver anche (personalmente) spiegato il mio punto di vista. La stessa cosa è stata fatta anche dagli altri utenti che, freccette rosse a parte, è da giorni che passano ore a rispondere, a darti spiegazioni, a esporsi e a dialogare, ma tu continui a concentrarti sull'esternazione di un feedback negativo, non sulle opinioni che tanto reclami. Il problema secondo me non sta tanto nel sapere chi ha lasciato la freccetta rossa (perché tra il secondo che ci vuole a lasciarne una e le ore che servono a scrivere un post dettagliato tu continui a dar maggior peso all'azione insignificante di un secondo), quanto nel conoscere l’identità del “nemico”, in modo da poterti comportare di conseguenza in un patetico tentativo di rivalsa in futuro. E non uso queste parole a caso perché noto che ti indisponi facilmente nei confronti di chi proprio non riesce a darti ragione. È quello che, ti ricordo, hai fatto con me, passando sul mio profilo e mettere frecce ad cazzum su post antichi quanto mia nonna solo perché avevo osato darti contro, utilizzando dunque gli stessi mezzi che tanto non sopporti e la facilità con cui si ricorre a questi in una dimostrazione ultima di incoerenza tra le battaglie che combatti e quello che poi decidi in concreto di mettere in atto. Ora, visto che parli di motivare, vienimi a motivare una minchiata del genere, per quanto personalmente me ne freghi di saperlo. Conosco le ragioni alla base di quest'atteggiamento e so che le vere vigliaccate qui le vedo solo da parte tua. Per questa stessa ragione dubito che mi interesserebbe avere uno scambio di opinioni e punti di vista con te. Non ho mai visto tanti utenti ricevere così tante frecce rosse, di certo non per antipatia gratuita. Mai visto nessuno prendere di mira altri utenti anche per le opinioni scomode. Ho sempre notato tanta disponibilità e gentilezza in questo forum anche quando era impossibile mantenere dei toni civili. Mi pare che il motivo principale per cui ti preme che le freccette non siano anonime è quello di scongiurare che gli utenti le utilizzino. Il perché? Perché appunto, al di là del tuo bel parlare, sei infastidito da chi la pensa diversamente da te e lo dimostra il fatto che hai parlato anche di atti perseguibili per legge, di denuncia, l’equivalente adulto del “lo vado a dire alla maestra”. Non puoi realmente pensare, al di là della dedizione e dell’impegno che ci metti in quello che fai, che non possa esistere qualcuno che la pensa diversamente, che agirebbe in maniera diversa, non perché è contro di te, ma perché il suo pensiero, il suo gusto personale, il suo modo di organizzare i suoi progetti sono giustamente diversi dal tuo. Se poi penso però che tutto questo macello si è venuto a creare per dei commenti di una sola persona, di un troll, chiamiamolo così, e che sono bastate delle parole stupide a farti crollare l’autostima, allora mi pare che forse sia tu il primo a non essere convinto al cento per cento di quello che fai. Se lo fossi, non avresti bisogno di un continuo riconoscimento in positivo da parte di tutti.
  4. RedInferno

    Proposte & Idee (Varie)

    Da che pulpito! In realtà quando, per esempio, ti ritrovi una freccia rossa su un intervento talmente vecchio che non c'è altro modo di notarlo se non passando miratamente su un profilo determinato e noti una corrispondenza tra orario di visita e freccia rossa lasciata, un po' si capisce chi è stato. Ogni riferimento a fatti o persone è puramente casuale .
  5. RedInferno

    Aporema Edizioni

    Noto con enorme dispiacere che vi fregiate di istituti giuridici che in questa sede non troverebbero la minima applicazione per il semplice fatto che esprimere un’opinione, sebbene contraria o cafona, non basta a introdurre il sospetto (anzi, la certezza) che si voglia screditare l’operato di qualcuno e a tirare in ballo una denuncia per diffamazione. In ogni caso, penso che si debba essere liberi anche di dire che qualcosa non piace senza dover ricorrere ai discorsoni filosofici, spesso superflui, per giustificare ciò che si pensa o ricorrere a inutili eufemismi per far sì che questo venga recepito nel modo più “indolore” possibile. Per come sono fatta io, apprezzo di gran lunga la schiettezza e ben venga anche che mi si dica dove e se sbaglio. Se tutti mi dessero ragione a prescindere su quanto dico e penso o faccio non potrei mai riconoscere dove sono in errore o dove posso migliorare. Purtroppo, benché me ne vanti, non sono davvero un essere onnipotente . Ora non rivolgetevi alla Penitenzieria Apostolica e non cercate di riesumare la Santa Inquisizione per indire un processo per superbia dinanzi a Dio. Ovviamente non parlo dei commenti inutili che lasciano il tempo che trovano e che vengono scritti a caso con il vago intento di provocare, anche se c’è da dire che questo intento e il suo riconoscimento come tale sta all'interpretazione di chi legge. Abbiate un minimo di buon senso. A me verrebbe piuttosto da ridere, quindi li ringrazierei per avermi allietato la giornata. Non mi esprimo sulla questione “freccette rosse” perché è ancor più imbarazzante, non perché vengono lasciate come segno di non apprezzamento, ma perché mi pare vengano erroneamente interpretate come mezzo per compromettere la credibilità di un post, peggio che vengano utilizzate per arrecare offesa alla reputazione altrui. Per quel che mi riguarda, restano confinate nella semplice libertà di espressione, seppur in forma di tacito dissenso. Posso dire che trovo ridicola tutta questa retorica a sfavore delle freccette rosse? Mi pare che ne abbiate davvero tanto di tempo da perdere se date così tanto peso a un’anonima freccetta e dedicate ore a scrivere papiri di polemica e contestazioni sterili che si basano su argomentazioni futili. A proposito, nulla di quello che si scrive sul web avviene prettamente in forma anonima, anzi. Un nickname non basta a celare l’identità di una persona. Chiedere di rivedere il regolamento solo per limitare la critica e tutelare chi, anche a ragione, difende il proprio lavoro e pensiero mi pare un metodo bello e buono (si fa per dire) per far sì che venga riconosciuta solo la propria libertà di espressione interdicendo quella di una eventuale controparte.
  6. RedInferno

    Compleanni nel WD

    Tantissimi auguri anche da parte mia, @bwv582
  7. RedInferno

    Compleanni nel WD

    La vecchiaia regna sovrana sul WD. Auguri, @AdStr!
  8. RedInferno

    Chi vi piace del WD?

    @Ace Grandioso! Queste sì che sono le esperienze che rendono la vita degna di essere vissuta! Però, però... al tuo posto, quella cicca me la sarei presa e l'avrei incorniciata come trofeo o reliquia sacra . Di questo ne avevo avuto un vago sospetto .
  9. RedInferno

    Chi vi piace del WD?

    E perché non un Asso? Visto che siamo in tema: @AceOfSpades @Ace @Jolly @asso @asso78 @Tris No, non vi conosco nemmeno e quindi con la discussione non c'entrate nulla, ma il titolo della canzone vi richiama che è una bellezza . Ora la smetto .
  10. RedInferno

    Chi vi piace del WD?

    Ambè! Un plauso al tuo gusto eccelso; non è da tutti.. ehm... simpatizzare per il diavolo . Ricambio per i tuoi gusti musicali . Proporrei di renderla ancor più interessante e indire un concorso/competizione all'ultimo sangue tra chi totalizza più vittime simpatizzanti. Messaggio subliminale: Offro banconota da cento immaginaria (anche perché non ne ho) a chiunque, per pena o avidità, voglia inserire il mio nome ad cazzum in ogni sua risposta/preferenza . Potreste sempre optare, in alternativa per l'estate, per un posticino al caldo con tanto di teche anti-contagio, per un effetto sauna/camera a gas . Soddisfatti o ribolliti! Agli stomaci forti offro mia zia in omaggio. P.S. Tenetevela proprio! Anzi, vi pago ancora di più se mi fate 'sto favore . Agli amanti della cucina del sud, offro le mie nonne con relativi acciacchi dovuti alla vecchiaia. A chi è infelice, una morte rapida. A chi è felice, offro i miei cugini per una ridistribuzione equa di disgrazie (sì, perché all'inferno siamo giusti). Al resto, ci pensiamo poi .
  11. RedInferno

    Compleanni nel WD

    Io ancora non mi capacito del fatto che compiate gli anni lo stesso giorno . Auguri @luca zone e @Edu
  12. RedInferno

    Compleanni nel WD

    Prego! Per te, questo e altro. TVB. Lo so, è una realtà difficile da concepire, figuriamoci da accettare.
  13. RedInferno

    Compleanni nel WD

    Ciao, ragazzi! Allora, ho bisogno di cinque minuti del vostro tempo per commemorare quel folle di Alessandro, a noi tutti noto come @The_Butcher_of_Blaviken . Richiedo gentilmente la vostra massima attenzione, ma prima ho bisogno di fare una piccola premessa per rendere un attimo meglio l’idea dell’importanza di questa giornata. Alessandro (che per comodità, nel corso della storia, chiameremo sempre Alessandro) nasce in realtà con il nome di Walter Bryan Cranston alle ore 25:00 del 30 febbraio del 1949 da madre e padre. All'età di 19 anni intraprende gli studi scientifici presso la prestigiosa università della Chimica della Droga in un sedicente paesino nel sud del nord per laurearsi con il massimo dei voti e calcio in culo accademico nel 1923, un anno prima della fine del suo corso di studi. Sì, mi direte che il 1923 è anteriore rispetto al suo anno di nascita, ma Alessandro non è un uomo che progredisce. Lui regredisce. Sempre. In preda allo scenario culturale visionario e rivoluzionario degli anni ’70, Alessandro, fresco di studi, inizia a smerciare droghe leggere, mai viste prima, presso i suoi amici figli dei fiori, per poi farsi trasportare dall'esuberanza degli anni ’80, farsi un taglio di capelli ananas style e iniziare a pensare di mettere in piedi un’organizzazione criminale per farsi un po’ di soldi facili. Tutti i suoi piani vanno però in fumo, nel senso che dopo una brutta fumata se li dimentica di sana pianta di marijuana. Durante i tamarri anni ’90, (tra l’altro, anno in cui risulta effettivamente nato come Alessandro dopo essere stato inserito in un programma di protezione testimoni per i disastri causati fino ai primi 2000), ad Alessandro viene diagnosticato un brutto male, noto come Alessandrite, che causa alessendramenti in tutto il corpo. (*Momento Medicina33*) Gli alessendramenti sono la conseguenza della patologia omonima per cui le cellule del corpo iniziano arbitrariamente ad assembrarsi senza autocertificazione, causando una massa illegale difficile da sgominare anche con le tecnologie più all'avanguardia come i DPCM di Conte. I sociologi moderni pensano che l’Alessandrite sia la fase prodromica del Covid-19. Alessandro in segno di protesta mangia i pipistrelli. Alessandro, distrutto e infuriato con il sistema, pensa di curarsi creando un mix di farmaci e così scopre la metanfetamina, sostanza per cui adesso è famoso in tutto il mondo e grazie alla quale coronavirus il suo sogno di diventare il più grande spacciatore colombiano di tutti i tempi. La metanfetamina, di cui dunque non è solo produttore e distributore, ma anche dipendente, altera drasticamente il suo stato psichico senza però curare la sua patologia, e in uno dei suoi tanti trip Alessandro incontra la donna della sua vita: Skylab, anche nota come Skype, perché dal vivo non l’ha mai vista e ovviamente non esiste in tutto quanto l’universo. Skylab è un donnone enorme e sgraziato, ma, se pensate alla classica donna cannone, vi sbagliate di grosso; è proprio un carro armato degli anni ’30, alta il doppio della sua metà e larga il triplo di un terzo. De gustibus non disputandum est, ma noi, che siamo dei veri lords/ladies, ci sputiamo sopra lo stesso. Felice, Alessandro mette su una famiglia composta da lui e se stesso. (*Momento Fight Club*) Alessandro, dapprima felice come un Natale, inizia a mostrare i primi segni di cedimento quanto Skylab gli fa notare che il suo stile di vita da tossico è autodistruttivo. Così, durante una brutta colluttazione, Alessandro si sveglia livido e dolorante, ma soprattutto divorziato. Ancora più incazzato di prima, Alessandro pensa di rivalersi su Skylab andando a letto con la sua migliore amica, che in realtà si rivela essere la cassetta delle lettere. Purtroppo per lui ci rimane incastrato dentro e i vicini, dopo averlo ripreso con il cellulare, lo portano in ospedale, dove da incastrato i medici tolgono solo la sillaba in. Inoltre rilevano un tasso di tossicità nel suo sangue pari a quello di Chernobyl al momento dell’incidente nucleare. Allora i medici denunciano il fatto alle autorità, che collegano immediatamente Alessandro ai suoi traffici di droga. Alessandro scappa dall'ospedale e si vede costretto a sparire, così si rivolge alla costosissima agenzia Sparizioni Rapide, ma viene truffato alla grande e rimane dov'è, oltretutto in mutande. Alessandro allora pensa di mettere a segno il colpo più grosso di tutta la storia dell’umanità per mantenere alto il suo status di criminale ed entra in combutta con un agente sotto copertura, credendolo Al Cappone. Ma, diciamocelo, il vero pollos hermanos qui è solo Alessandro, per cui viene immediatamente arrestato. Ormai disintossicato, per poter beneficiare di uno sconto di pena, Alessandro commette dilazione nei confronti dei suoi ex clienti e soci in affari e, per sfuggire alla loro sete di vendetta, gli viene data l’identità corrente. Perché vi racconto tutto questo? Ah, sì, perché stando alla storia e dovendo necessariamente dare credibilità alla sua nuova identità, Alessandro oggi compirebbe la bellezza di 30 anni. Siate buoni e fingete di interessarvene, almeno per far credere ad eventuali killer che passano di qui che Alessandro è solo un giovinetto di 30 anni e non il pentito di 71 anni che ha sparato nomi in lungo e in largo facendo arrestare e anche giustiziare un sacco di suoi partners in crime. Inizio io, nel caso vi sentiste un po’ in soggezione a fare la prima mossa: AUGURI NONNETTO!!! E altre cento di queste partite
  14. RedInferno

    Compleanni nel WD

    Buon compleanno, @Sarettyh
  15. RedInferno

    Compleanni nel WD

    Tanti auguri, @Miss Ribston . Cento di questi giorni con una pandemia di mezzo suona più come una maledizione che come un augurio .
×