Vai al contenuto

Miriagono

Scrittore
  • Numero contenuti

    41
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

24 Piacevole

Su Miriagono

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Miriagono

    IoScrittore

    In effetti alcuni dei dieci incipit che mi sono stati assegnati erano pieni di sgrammaticature e la prima idea è stata che chi non sa scrivere correttamente in italiano non sia neppure in grado di valutare gli scritti altrui. Poi, però, ho riflettuto e sono arrivato alla conclusione che non è necessario essere dei letterati per poter apprezzare un testo e percepirne il valore e, soprattutto, che la vera differenza sulla plausibilità dei giudizi la farà l'onestà intellettuale di chi li ha espressi per gli incipit e li esprimerà per i testi completi che gareggeranno nella fase finale. Dunque io non mi preoccupo dello sgrammaticato ma del disonesto che darà voti bassi e giudizi negativi ai testi che gli sembreranno migliori e dunque concorrenti più temibili. L'augurio è che di tali concorrenti disonesti ce ne siano molto pochi, che pertanto la loro e ventuale presenza influisca poco sull'esito.
  2. Miriagono

    IoScrittore

    Leggo attentamente e cerco di esprimere un giudizio onesto sotto tutti e quattro i profili richiesti. La maggior parte degli incipit che mi sono toccati mi pare di buona qualità, un paio sono ottimi, alcuni fanno pena. Però è una bellissima esperienza (è la prima volta che partecipo). Non mi faccio illusioni sulle possibilità di passare alla fase successiva ma invierò tutti i giudizi richiesti, condizione essenziale per poter avere anche tutti i giudizi che altri partecipanti avranno espresso sul romanzo che ho proposto io.
  3. Miriagono

    IoScrittore

    Non so, non mi convince del tutto la formula. Non ho ancora deciso se partecipare. Ci sono ancora tre giorni. Al momento sono più propenso a non farne di nulla.
  4. Miriagono

    Bertoni Editore

    Bertoni è una casa editrice medio-piccola, gestita con serietà. RIsponde rapidamente (60-90) giorni alle proposte che riceve ed è totalmente free e cura con professionalità la fase di editing. Il punto debole - ma questo l'accomuna alla stragrande maggioranza delle case editrici piccole o medie - è nella distribuzione e nella pubblicizzazione delle opere che pubblica. Dopo un "lancio" iniziale, in iniziative collettive che riguardano una pluralità di autori e dove dunque ogni singola opera ha poco spazio, l'autore rimane solo e deve provvedere da sé a pubblicizzare il suo libro sui social o con altri strumenti.
  5. Miriagono

    Gli editori (anche free) cascano sulla distribuzione

    Certo, non bisogna fare generalizzazioni e concordo che riversare tutte le colpe dei difetti nella distribuzione alle case editrici è sbagliato e ingeneroso (ma io non avevo fatto di tutta l'erba un fascio). Però, avendo pubblicato ad oggi 5 libri con 4 case editrici diverse (una grande, una media, due piccole), posso dire che la condotta dell'editore influisce significativamente nella qualità della distribuzione (per non parlare della disponibilità sui siti online). Inoltre mi riferivo, ma forse non lo avevo messo in evidenza, alla fase inziale della distribuzione, quella che segue immediatamente all'uscita del libro.
  6. CI sono editori free eccellenti nella fase di selezione dei testi (e pertanto plubblicano solo opere di qualità) e nella preparazione (editing, bozze di stampa) finale. Ma al momento decisivo, quello della distribuzione, mostrano limiti micidiali. Sugli store online puoi prenotare, ma te lo inviano anche dopo varie settimane, nelle librerie fisiche i tempi sono anche più lunghi. Vorresti che un certo quantitativo (anche solo 5-10 copie) venisse inviato presso librerie della tua città per poter indicare ai tuoi conoscenti dover trovare il libro, e il librario ti dice che l'opera non risulta presente presso il distributore oppure che questi ne ha una sola copia. Insomma uno strazio che intorpidisce l'interesse del pubblico dei lettori che un libro appena uscita può suscitare, e la difficoltà di reperirlo dà la mazzata finale. Forse questi editori contano prevalentemente sui quantitativi che l'autore acquista per le presentazioni che si autorganizza. Il criterio sembra essere "se ce li chiedono, glieli mandiamo" (i libri al distributore o direttamente alle librerie), ma così diventa una specie di print-on-demand. La promozione di un libro, sui social o altri media, viene vanificata dalla mancanza di una adeguata distribuzione e dalla difficoltà, una volta reperito sui siti online oppure trovata una libreria disponibile a fartelo avere, di poterlo ricevere in tempi ragionelmente brevi.
  7. Miriagono

    Bertoni Editore

    Nei contatti sono molto gentili e l'editore è in giro per tutta Italia con eventi collettivi, nel corso dei quali molti sono gli autori e poco lo spazio per ciascuno. Casa editrice carente nella pubblicizzazione delle opere, non cura adeguatamente la distribuzione . E questo è il suo principale limite.
  8. Miriagono

    Elliot Edizioni

    Perché con l'altro editore avevo nel frattempo avevo rotto il contratto per sopraggiunti dissapori.
  9. Miriagono

    Elliot Edizioni

    Avendoli ricontattati 4 mesi dopo che mi avevano telefonato entusiasti del mio romanzo e manifestato delusione nell'apprendere che avevo appena firmato con altro editore (il direttore editoriale mi ha detto "se ci ripensa mi contatti subito"), mi hanno con mia somma increduldità detto che non ricordavano il mio testo e mi hanno invitato a rimandare il file, assicurandomi una risposta entro quindici giorni. Ho inviato di nuovo il file e è iniziata una tarantella di rinvii. Per circa tre mesi mi hanno ripetutamente detto che l'avrebbero letto nei quindici giorni successivi, e alla fine - nel frattempo lo avevo inviato ad altre case editrici, ricevendo ben 6 proposte di contratto free, rifiutandone 5 -- ho firmato con la sesta casa editrice che mi aveva proposto il contratto e che (da informazioni in rete) è anche più attiva d Elliot e con un catalaogo ricchissimo. Francamente quella di Elliot in relazione al testo che avevo loro inviato mi è parsa una condotta molto poco professionale. So che Elliot è una signora casa editrice e forse nel mio caso si è trattato di un'occasionale defaillance, però questo è un blog di esperienze vissute e io ho voluto raccontare la mia.
  10. Miriagono

    Alcheringa Edizioni

    Ho inviato un mio testo, alcuni mesi dopo mi hanno scritto che era piaciuto e in allegato alla email mi hanno inviato il contratto editdoriale. Ho chiesto alcuni chiarimenti sulle condizioni contrattuali e... non ho avuto alcuna riposta. Questa la mia esperienza con loro.
  11. Miriagono

    Gruppo Edizioni Leucotea

    Grazie per la risposta.
  12. Miriagono

    Gruppo Edizioni Leucotea

    Leggo nella scheda iniziale che questo editore accetta testi che siano non più lunghi di 150 cartelle editoriali. Qualcuno può confermarmi che si tratta di un limite tassativo e Leucotea non accetta testi di lunghezza superiore? Grazie.
  13. Miriagono

    Alcheringa Edizioni

    Grazie, Marcello.
  14. Miriagono

    Alcheringa Edizioni

    Grazie per il chiarimento. E sulla distribuzione, sai come è organizzato questo editore? Non mi pare di aver letto indicazioni precise né in questo forum e neppure sul sito. La mia impressione leggendo un po' di commenti è che si tratti di un editore serio.
  15. Miriagono

    Alcheringa Edizioni

    Brava. Il mio romanzo è ancora in attesa (è uno dei 15 che risultano dal sito ancora in fase di valutazione) e pare che entro metà di questo mese di Novembre i prescelti saranno tutti contattati. Se ti hanno già inviato il contratto, posso sapere se è previsto sia il cartaceo che il formato ebook?
×