Vai al contenuto

Mario Messina

Lettore
  • Numero contenuti

    18
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

-15 Deprecabile

Su Mario Messina

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Interessi
    Letture varie che spaziano dai classici al thriller

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Mario Messina

    Cosa inviare e soprattutto cosa non inviare a un piccolo editore

    Spiacente per te, moderatore a comando, ma io ti rispondo e me ne infischio del regolamento. La tua arroganza è l'essenza del servilismo di cui ho scritto. Leone da tastiera e scrittore di castronerie ci sarai te e chi ti viene appresso senza riflettere come se quanto affermato da voi sia un dogma della chiesa. Maleducato lo dici a tuo fratello, non ti permettere! Non ti sto chiedendo un favore. Chi non la pensa come voi e va contro il sistema viene messo al bando? Ma dico, proprio tu che qui fai editor e moderatore (?) ti ergi a giudice integerrimo? Ma fammi la cortesia! Ora quanti punti mi assegni? Mi banni? Stando all'aria che tira, me ne vado io, ora che ho detto cosa penso di voi. Vergogna.
  2. Mario Messina

    Cosa inviare e soprattutto cosa non inviare a un piccolo editore

    E non potevano fare un semplice elenco, anziché mettere dell'inutile sarcasmo? Mi spiace, moderatore, ma noto con dispiacere un certo servilismo da parte vostra verso editori, seppur piccoli, come se non voleste irritarli.
  3. Mario Messina

    Qual è la situazione dell'editoria nel mondo?

    Se entri in una dannata libreria, capisci che hai scelto il mestiere sbagliato. Ti chiedi perché riflettere sulla consecutio temporum, se in evidenza ci sono persone che libri non ne hanno letti mai, figuriamoci scritti.
  4. Mario Messina

    Cosa inviare e soprattutto cosa non inviare a un piccolo editore

    Scusate, ma questo è troppo. Voi avete mai scritto un libro? Sapete quanta fatica si cela dietro? Avete idea di quanto sia difficile scrivere e farsi un nome tra migliaia di persone che vogliono emergere? Ogni giorno in questo forum arrivano cinque persone nuove. Voi deridete chi vuol mettersi in evidenza anche grazie al giornalino locale o al premio del condominio? Secondo voi, tutti dovremmo vincere il Campiello per essere letti? Ora rovescio la medaglia: se uno di noi vi dicesse che siete degli illustri sconosciuti in libreria, come la prendereste? Ci ridereste sopra davvero? Dovreste chiedere scusa a tutti noi e smettere di pontificare. Io ho smesso di scrivere a causa di pareri privo di tatto. Forse avete frequentato tutti dei corsi di educazione cinica.
  5. Mario Messina

    Cosa inviare e soprattutto cosa non inviare a un piccolo editore

    1. Il corsivo si usa per dare un senso diverso alla parola, ad esempio quello ironico. Ok per i pensieri, ma non deve essere una cosa ripetitiva perché diventa stucchevole. 2. Le virgolette si usano per riportare le frasi di altre persone. 3. Gli apici per i dialoghi diretti. D'accordo che ognuno segue le proprie idee, ma almeno partite dai fondamentali senza fantasiose interpretazioni. Questo vale soprattutto per gli editori che spargono consigli eccentrici.
  6. Mario Messina

    buongiorno

    Ciao, benvenuta nel WD.
  7. Mario Messina

    L'editing è davvero utile?

    Mi spiace, non lo sapevo. Credevo fosse una discussione qualunque e non sapevo nemmeno che si potesse avere un ruolo "pubblico" e uno "privato".
  8. Mario Messina

    L'editing è davvero utile?

    Quando scrivevo, ebbi modo a suo tempo di entrare in contatto con un pezzo grosso di una nota casa di primaria importanza col solito sistema italiano, cioè la raccomandazione (non mi portò a nulla, se non quello colloquio dopo aver letto qualcosa di mio). Fu a causa sua che smisi. Mi disse che esistono Scrittori con la S e scrittori con la s. Il primo nasce così e non ha bisogno di agenti, editor, vassalli, truccatori e portaborse perché ha un talento cristallino, gli altri cercano di costruirlo inutilmente con quelle figure che "ci mangiano sopra". Mi disse quindi che in carriera aveva lanciato solo quattro esordienti che candidamente gli dissero di non aver mai cercato quelle figure, cosa che aveva già intuito. Avevano lo Shining dello scrittore. Degli altri non gli importava, perché già il fatto di cercare supporti esterni era un modo di riconoscere di avere dei limiti. In particolare, dell' Editor disse che a uno Scrittore con S serve come un gelataio al Polo e che i "non eletti" finiscono nell'inferno degli editori di bassa lega per tutta la vita. Dall'alto della sua esperienza, disse poi che mai nessuno è migliorato dopo l'intervento dei guru della letteratura, avevano solo subito l'effetto placebo. Spero di non avervi tarpato definitivamente le ali, ma se ci si mette il cuore in pace si vive meglio.
  9. Mario Messina

    Tutti i buoni libri possono diventare dei buoni film?

    Ascolta uno che stava per ammalarsi ed è guarito in tempo: metti da parte i sogni e vivrai sereno.
  10. Mario Messina

    Alcheringa Edizioni

    Io vi do dei consigli e voi mi mettete il pollice verso? Allora mi faccio gli affari miei.
  11. Mario Messina

    Alcheringa Edizioni

    Io ho fatto un salto nel sito di questo editore, incuriosito dai vostri commenti. Ho letto i titoli in esame e devo dire che non sono particolarmente originali. Potrebbero essere bellissimi, ma vi consiglio, da lettore ed ex scrittore, di sforzarvi un po' di più perché un titolo è un biglietto da visita. Se avete scritto un poliziesco, non chiamatelo in tutta fretta "Le indagini dell'ispettore Jones".
  12. Mario Messina

    Cialtrone sarà lei!

    Perdona questo excursus poco letterario, ma 13€ per 72 pagine a me sembrano troppi. Certo non è un romanzo, è quindi un racconto?
  13. Mario Messina

    Ciao

    Ciao, sono nuovo anch'io. Sto ancora imparando a muovermi.
  14. Mario Messina

    L'incubo dell'attesa

    Quando scrivevo e cercavo risposte a tante domande, una di queste era se aveva senso controllare la posta tutti i giorni. Mi sono dato la risposta più logica e cioè "No!".
  15. Mario Messina

    Gli scrittori "da un solo libro" forse non interessano alle CE?

    Scusa, ma come fa a sapere che hai intenzione di scrivere un libro solo? Ti legge nel pensiero? Poi anche se ha ragione, peggio per lo scrittore perché se scrive un solo libro e esaurisce gli argomenti già al primo colpo non è il suo mestiere.
×