Vai al contenuto

Francesca Maria Pagano

Editore
  • Numero contenuti

    6
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Francesca Maria Pagano

  1. Francesca Maria Pagano

    WriteUp Site

    Nome: WriteUp Site Generi trattati: narrativa non di genere, romanzo di formazione, saggio, fantasy, manuale, letteratura per ragazzi, cucina, autoproduzione Modalità di invio dei manoscritti: https://www.writeupbooks.com/pubblica-con-noi/ Distribuzione: fornitura diretta alle librerie Sito: https://www.writeupbooks.com/ Facebook: https://www.facebook.com/writeupsite/
  2. Francesca Maria Pagano

    Vite a credito

    Forse il primo romanzo che parla di EAP: non ci credete? Leggete il blurb: "Fama, onore e gloria: chi non li desidera, nel mondo di oggi? C’è qualcuno, come il protagonista di questo romanzo, che ha un’idea un po’ ottocentesca di come procurarseli: diventare scrittore. Nel tentativo di pubblicare a tutti i costi il romanzo che lo consacrerà alla vittoria, Alex compirà il proprio personale viaggio al termine della notte, per scoprire che, forse, fama, onore e gloria non sono per tutti. Non basta desiderarli, bisogna essere disposti a molti compromessi per ottenerli. E lui, Alex, quanto è disposto a cedere? Un romanzo sulla gloria ricercata e il fallimento dietro l’angolo, dedicato a tutta una generazione di italiani che, alla ricerca di un futuro che semplicemente assomigli loro, e di una “propria” classe di appartenenza al di fuori di ogni falsità piccolo-borghese, è disposta ad affrontare qualsiasi ostacolo". Giuppy d’Aura è nato nel 1984, ha preso una laurea in Storia del Cinema all’Università degli Studi Roma Tre, e una in Storia della Moda, conseguita al London College of Fashion; a Londra ha vissuto per molto tempo. d’Aura divide la sua attività lavorativa tra la moda e il cinema, e parallelamente scrive per diverse testate, considerandosi ora un provocatore progressista, ora un conservatore oltranzista. Il suo nemico più grande è il politicamente corretto, e spesso preferisce abbracciare posizioni questionabili piuttosto che opinioni deboli. Vite a Credito è il primo romanzo che dà alle stampe. La storia è giunta alla redazione in un bel manoscritto pulito, ordinato, quasi privo di refusi, ed elegantemente impaginato con l’aulico Garamond. Il contrasto tra la forma e il contenuto non ha tardato a manifestarsi. Un romanzo dissonante, urlante, dissacrante, graffiante, vagamente immorale, privo di pregiudizi, ma vero, e sofferto, che cerca di trovare una risposta a domande scomode: cosa significa stare al mondo, oggi? Perché una intera generazione di italian* fugge all’estero? È' solo la disoccupazione cavalcante a spingerl* lontano, o forse la consapevolezza di rappresentare una nuova classe sociale, che nessuno ha ancora descritto? L’autore, non proprio alle prime armi sia nella vita che nella scrittura, decide di tentare questa descrizione attraverso la forma del romanzo. La risposta alle domande di cui sopra non la trova lui, e nemmeno tanti altri che vi si provano costantemente. Tuttavia, egli riesce a fornire uno stimolo alla riflessione, abbozza delle proprie teorie, e chiude con ulteriori domande. In attesa che romanzi futuri riaprano il ciclo, e così via.
  3. Francesca Maria Pagano

    WriteUp Site

    Ah, aggiungo un ulteriore fattore: il fantasy sarà destinato ad una collana Young Adults. Si può dire che circa il 60% dei testi ricevuti appartiene a tale genere, ma preferisco riservarlo per letture dai 12 ai 16 anni che siano di qualità. In redazione arrivano anche tanti romance: se il testo sarà valido a prescindere, sarà verosimilmente sempre inserito nella la collana Young Adults, data l'età dei protagonisti letta finora. Un saluto di nuovo
  4. Francesca Maria Pagano

    WriteUp Site

    Buon giorno a tutti, ed in particolar modo a @Hieina. Non sono spesso qui su WD per via dei (fortunatamente) molti impegni lavorativi. Ti rispondo brevemente circa i tuoi dubbi sul contratto. Si tratta si un contratto di edizione a termine, quindi entro i tre anni si producono le copie di volta in volta necessarie. Lavoriamo con il distributore DirectBook, con IBS e con Webster (contratti e forniture attive), ma le tirature sono soggette alla richiesta. A scadenza del contratto, semplicemente non se ne stampano più. Riguardo alla rendicontazione: attendiamo una richiesta dell'autore/autrice allo scadere dell'anno solare dalla pubblicazione. E' sufficiente una email, anche perché la procedura fiscale prevede la firma della ritenuta da parte dell'autore/autrice (per il/la quale, da ricordare, la CE si comporta quale sostituto d'imposta), e una ulteriore vidimazione per la consegna del documento in fase di dichiarazione dei redditi. Ricordo a tutti gli aspiranti autori che, per legge, il contratto di edizione norma la cessione dei diritti di utilizzazione economica. La fase di editing è quella che noi vecchi operatori del settore chiamiamo "giri di bozze". Da contratto ne sono previsti tre. Ulteriori specifiche nel contratto non le ritengo necessarie... Colgo l'occasione per scusarmi con coloro i quali non hanno ancora ricevuto risposta. Provvederò nelle prossime settimane a mandare delle brevi valutazioni a tutti, sia in caso positivo che negativo. Riceveremo sempre volentieri i vostri manoscritti, ma permettetemi una battuta: guardate una, due, tre volte la punteggiatura! Un saluto
  5. Francesca Maria Pagano

    Ciao amic*

    Buon giorno a tutt*, mi presento brevemente: sono anzitutto una lettrice appassionata, la mia formazione universitaria e dottorale doveva condurmi ad una carriera accademica di critica letteraria, ma la vita è andata altrimenti... Lavoro da circa otto anni nel mondo dell'editoria, e dopo l'ennesimo licenziamento ho preso in mano la situazione, fondando un marchio tutto mio. Conosco Writer's Dream da diversi anni, ho letto spunti interessanti che servono a migliorare il rapporto autore-redattore-editore. Spero di imparare ancora. Un saluto e grazie!
  6. Francesca Maria Pagano

    Ciao amic*

    Ciao @Ljuset, grazie del suggerimento. Poiché l'ho letto di recente, mi chiedo se ho sbagliato qualcosa. Mi fa piacere se me lo segnali.
×