Vai al contenuto

AndC

Sostenitore
  • Numero contenuti

    2.479
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    3

AndC ha vinto il 9 maggio

AndC ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

699 Magnifico

Su AndC

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://www.andreacandeloro.com

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Roma
  • Interessi
    Artistici

Visite recenti

2.701 visite nel profilo
  1. Ciao... una domanda forse scontata per evitare incomprensioni: Questa volta dunque è indipendente se si legge la poesia ad alta voce o fra sé? Basta che un personaggio legga in un libro una poesia... giusto?
  2. AndC

    Lista, Giuria e Annunci

    Grande @Kuno!
  3. AndC

    Richieste cancellazioni Racconti, Poesie o Storie

    Ciao! Se è possibile, vorrei cancellare questo racconto a capitoli: Black out rain 1 Black out rain 2 Black out rain 3 E anche questi in Over: Anime nere Cavaliere modesto E questa poesia: Sete Grazie!
  4. AndC

    Dopo e di nuovo ora

    Ciao @Rica... Ho letto con piacere anche questo terzo e ultimo episodio e al solito mi è piaciuto. Per ora passo solo a dirti questo, che sono da Cell... Scritto molto bene, forse ogni tanto (soprattutto nell'incipit) un po' troppo "sintatticamente condensato"... Ma sai che io sono all'opposto. Nessuna rilevante annotazione, se non qualcosa di gusto personale che spero di tornare a segnalarti quanto prima... C'è una storia, ma anche e forse un po' la tua Storia (diciamo almeno una parte, o uno spezzone). Complimenti e a presto! Sempre brava, per me. Ciao!
  5. AndC

    [FdI 2019-1] Fottutissimo cadavere

    Ciao carissimo @Joyopi... Grazie a te... sì: un po' di virgole le ho schiaffate "tanto per"... forse ho un po' esagerato... Grazie per gli apprezzamenti, anche se ti confesso che purtroppo non ho mai visto la famigerata serie (solo i primi due o tre episodi)... però sì: nella mia mente c'era un deserto filmico di stampo "americano" tipo Arizona, non so, tipo che lì ci si possono seppellire i cadaveri (e le virgole! )... dunque sono felice di essere riuscito a evocarti tali suggestioni di tutto rispetto... Grazie ancora di tutto e a presto!
  6. AndC

    [FdI 2019-1] Fottutissimo cadavere

    Ciao @Lauram Grazie... ti lascio solo un cuore, che il tuo commento - che praticamente è una poesia - mi commuove e m'imbarazza... e ovviamente mi ha fatto strapiacere riceverlo e leggerlo! Ciao!
  7. AndC

    [FdI 2019-1] Fottutissimo cadavere

    Ciao @Per aspera ad astra Grazie a te per la lettura e il bel commento! Le tue annotazioni mi sono molto utili e ancor più lo saranno in fase di revisione... Più che giusta osservazione, sul "peso morto" e sul "vivo"... grazie... mi sono incartato un po' nel gioco della metafora e dell'inganno... effettivamente non è riuscita benissimo. In quanto allo zaino stesso (che sicuramente potrebbe avere meno orpelli, concordo), l'ho però inserito perché poi, nel finale, il protagonista dovrà tirare fuori da esso del sake e la radiolina... In quanto alla "d" eufonica... sono un vecchio fan "svecchiato"... ne ho usate tantissime in passato e qui mi sentivo nostalgico... ma hai fatto bene a farmele notare, anch'io l'avrei fatto se il racconto non fosse stato il mio. Ci tenevo però a sottolineare il mio punto di vista... per quanto la "d" eufonica sia ormai fuori moda e non piaccia più ai lettori-scrittori (me compreso)... la cosiddetta "regola" è più prassi editoriale-linguistica che capestro grammaticale... comunque, al di là di tutto, nelle eccezioni "ammesse" (da chi, mi chiedo?) rientrano ancora espressioni come "ed io", "ad ora" e simili... Ricito il link Treccani, mi pare @bwv582 aveva fatto un'annotazione simile nel suo commento: http://www.treccani.it/enciclopedia/d-eufonica_(La-grammatica-italiana)/ Riguardo alla regola che citi, vale poi per qualsiasi vocale, non solo la "e"... diciamo che se la parola inizia con la stessa vocale, ci si può mettere questa "d"... eppure, "ad esempio", ancora regge la "d"... Insomma... ci sono anche eccezioni... non dico che debbano piacere e capisco se possono indurire la lettura... hai comunque fatto più che bene a dirmelo, grazie. In italiano "mondezza" è una sorta di "purezza spirituale", credo che qui usi il termine dialettale "spazzatura". Hai perfettamente ragione e sì, uso il termine nella sua seconda accezione, romanesca, comunque riconosciuta dai vocabolari... (che ancora più sarebbe "monnezza" in dialetto)... Ciao e grazie anche di tutte le altre tue annotazioni, assai preziose per me. A presto!
  8. AndC

    [FdI 2019-1] Fottutissimo cadavere

    Ciao @Silverwillow grazie a te per il bel commento e gli apprezzamenti... Sì... comprendo bene anche il tuo punto di vista per cui tutto potrebbe in prima lettura essere un po' straniante... Ancora grazie e a presto!
  9. AndC

    Black out rain - (3/3)

    Ciao @Rica Grazie assai! Che dire... Niente... 'Sto racconto è venuto fuori una mezza pecionata. Dovrei riscriverlo... Grazie del tuo commento, dei tuoi spunti e delle tue osservazioni... Ne terrò conto in fase di rielaborazione... Un cuore anche a te... Ciao!
  10. AndC

    Black out rain - (3/3)

    Ciao @Lauram grazie a te! Sì... Ci dovrei lavorare un po' su... Bella questa! Grazie per il tuo feedback e le annotazioni che sfrutterò in fase di revisione... A presto!
  11. AndC

    [FdI 2019-1] Un grande vuoto

    Ciao @Pulsar: un buon racconto, ben scritto. Ottimo il ritmo, buona la trama che mostra i due risvolti della medaglia. Nulla di veramente significativo da segnalarti. Anch'io, unica cosa, all'inizio mi son sperso e confuso fra i vari personaggi... una piccola caratterizzazione in più aiuterebbe, anche perché il racconto ha un ritmo molto veloce. Forse, stilisticamente, non mi sono piaciuti quegli spazi prima dei tre puntini iniziali... ma sono sciocchezze. Ben scritto, bella e ben presentata la storia. Ciao!
  12. AndC

    [Fdl 2019-1] Un alito di brezza

    @Ernest Ciao! Un buon racconto, ben scritto. In stile ricercato e uniforme, dall'inizio alla fine. Tutto pervaso dalla malinconia-tristezza della perdita di una persona cara. Ben caratterizzati i vari dettagli. Hai usato una scrittura "alta" per una storia lineare... È molto raccontato, ma non stona. Si percepisce la tristezza di cui ogni descrizione è intrisa, anche se non sfocia in un pianto a dirotto. Pochissimi casi di ripetizioni di termini che non quoto poiché sono davvero marginali. Un buon racconto che in sé mi è piaciuto. Non ho nessuna particolare annotazione o importanti suggerimenti da muoverti. Struttura e stile saldi. Complimenti!
  13. AndC

    [FdI 2019-1] Il corvo

    @Joyopi Insomma, hai copiato un po' a destra e un po' a manca, eh? Ovviamente scherzo! Ciao carissimo: secondo me un buon racconto, per lo più ben scritto. Ottima la trama con finale a sorpresa spiazzante. Ottimo il tema centrale che secondo me è un po' la "pazzia" cui il lutto (o i lutti) possono condurre. Ben caratterizzati i personaggi (principali e secondari) e i retroscena. Se dovessi suggerire qualcosa, giusto sullo stile: ogni tanto eliminerei qualche ripetizione di termine; ogni tanto le frasi si fanno un po' "raccontate" o "spiegative" della storia stessa, specialmente attraverso l'uso delle subordinate. Insomma, le solite cose che un po' ci diciamo da sempre... sono piccoli particolari che comunque non incidono sulla riuscita di un buon racconto o sul tuo stile in generale. Non li quoto (magari, se riesco ad avere un po' più di tempo, ripasso a farlo)... ma sai scrivere comunque e più che bene da te... se lo riguardi e lo vuoi, puoi modificare da te queste piccolezze. Almeno il tutto sempre e solo a mia opinione. In conclusione: un buon racconto. Mi è piaciuto! Ciao!
  14. AndC

    [FdI 2019 -1] Tranne il silenzio

    @Eudes e @Andrea28 Sì... volevo aggiungere solo questo... dato che questo finale appare "spiazzante" (a me sinceramente non ha dato questo effetto... mi è sembrato "normale", o meglio in linea con il racconto e non stonato; comunque giustificato in sé rispetto a quanto scritto nel finale stesso) e mi sembra di aver capito che il punto di "critica" principale sia conoscere come la compagna di Mattia abbia scoperto tutto il retroscena (io l'ho visto come qualcosa che può essere sviluppato in ulteriori capitoli, ma che non necessariamente deve essere spiegato in questo, nel senso che qualsiasi ipotesi faccia il lettore, potrebbero tutte essere plausibili... comunque non è secondo me aspetto rilevante per il focus della storia di questo racconto)... ecco, anziché tagliare, potresti secondo me aggiungere un particolare in merito che almeno accenni alla "spiegazione"... che so: mentre racconta, lei stringe in mano il diario della nonna dove confessa tutto... o simili idee, magari meno scontate... ciao!
  15. AndC

    [FdI 2019 -1] Tranne il silenzio

    @Eudes Ciao Eud! A me il racconto è piaciuto: bello e complimenti! Non ho trovato nessun tipo di incongruenza nella storia, anzi la trama mi è molto piaciuta. Ottima la caratterizzazione del personaggio principale, Mattia, in questo suo amore per la musica, odio per il silenzio, in questo suo passato tragico e tormentato... da un punto di vista narrativo e stilistico, questa cosa del parlare inframezzando un mondo di conoscenze musicali è molto originale e accattivante. Poi, io amo la musica, quindi... Ma sono altrettanto ottime anche le caratterizzazioni degli altri due personaggi, il nonno e la voce narrante, la compagna di Mattia. Secondo me, hai scritto davvero un bel racconto... a livello di trama ce ne è da farci un romanzo... robba alla Shakespeare o alla Dostoevskij... condita in uno stile moderno e scene di sparatorie o vendette quasi da Bronx, o meglio di apparente stampo mafioso... insomma quello che voglio dirti è che di materiale ce ne hai in abbondanza... hai messo in campo due famiglie, tre generazioni, lutti, vendette, amore... cos'altro volere di più? Ora, il tutto, sicuramente ci sta un po' stretto in 8.000 caratteri. Come racconto autoconclusivo, dunque, va più che bene, ma resta la voglia, ora, di conoscere il resto, il seguito, i retroscena... Secondo me potresti davvero farne un racconto lungo o un romanzo. L'impressione generale che ho avuto, è che questo potrebbe essere un ottimo primo capitolo, o ancor più un primo episodio di una serie televisiva. Se sviluppassi un seguito, svelando tutti i retroscena, i perché, lo stupro, la vendetta... oppure, immaginati solo che Mattia viene a scoprire che la sua compagna sapeva tutto... sai quanti conflitti potresti mettere in gioco? Da farne un super polpettone (in senso buono) e camparci di rendita (magari, eh!)! Nel senso che per me, questo è un complimento: una storia del genere, potrebbe davvero essere assai appassionante, questo voglio dire seriamente. Per quanto riguarda invece lo stile generale del racconto, qualcosa, secondo me si può limare... a partire dalle "d" eufoniche per concentrarsi un po' sui tempi verbali, che ogni tanto mi hanno fatto sobbalzare nel loro repentino salto dal passato (anche remoto o imperfetto) al presente... qualche minima ripetizione anche limerei... Fino a che non spieghi la caratteristica di Mattia (mischiare la musica nei ragionamenti e nei discorsi) questo incipit risulta di primo acchito un po' "strano" e tutto molto concentrato, sincopato (ad esempio: "i miei assassinati da ignoto"). Tutto l'incipit l'ho riletto un paio di volte e l'ho capito solo continuando a leggere dopo. Eliminerei questa "d" eufonica. Bella questa parte... inserirei una virgola a dividere principale e subordinata. Qui, il presente del verbo mi ha stonato... il salto è troppo repentino dalla narrazione è dall'ambientazione al passato. Se vuoi ritornare al presente della narrazione, suggerirei un passaggio graduale: "è sempre stata tutto"... o simili. Qui, nuovamente una "d" eufonica e varierei la ripetizione del verbo "dire". Il senso si comprende, ma grammaticalmente "insieme" non è collegato a nulla... il soggetto è singolare e non c'è complemento... "insieme a chi?" Alla sua compagna, agli amici, etc...? Qui, molto riassuntivo della storia, avrei comunque inserito qualche particolare "musicale" tipico della caratterizzazione del personaggio. Qui, "specie" e "specialmente" un po' si ripetono. Qui varierei il verbo "mandare". Qui, nuovamente, il presente temporale dà uno stacco molto forte... "è ancora convinto del contrario", "non ne è mai stato convinto"... o simili graduali passaggi. Anche qui, una "d" eufonica secondo me di troppo. Qui, tutta la consecutio temporum mi sembra un po' sballata... non so... la rivedrei. Volendo, puoi evitare la ripetizione di "ancora". Mi pare un refuso per "quel giorno". Ciao Eud... di questo racconto fanne un romanzo bestseller e ricordati di me!
×