Vai al contenuto

Wolf Graham

Editore
  • Numero contenuti

    37
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

5 Neutrale

1 Seguace

Su Wolf Graham

  • Rank
    Editor

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Interessi
    Editoria,Musica,Lettura molto

Visite recenti

432 visite nel profilo
  1. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    Dimenticavo, la garanzia dei libri in libreria... Altra cosa oscura che tutti gli autori o pseudo tali pensano che sia obbligo per le librerie detenere... Ebbene vi devo deludere... Nessuna libreria (bookseller) ha l'obbligo di avere in fisico il vostro libro, ma solo l'obbligo essendo in catalogo di ordinarlo, l'obbligo giunge quando vi sono contratti firmati fra le parti, e allora lì deve essere presente il libro. Noi abbiamo accordi firmati con 20.000 booksellers (Indipendenti e non) nel mondo che detengono i nostri titoli in fisico (pochi perchè solo in europa ce ne sono 110.000). Nei restanti se viene fatto l'ordine il distributore o noi stesi inviamo. Poi se volete credere alle favole del marketing credeteci pure. Io rimango con i piedi per terra voglio che i miei autori facciano lo stesso senza far loro sognare valanghe d'oro come i grandi autori costruiti. Ora massacratemi dite pure di no, ma lavoro nel settore da 25 anni e di cose ne ho viste.
  2. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    Abbiamo un solo e unico distributore mondiale e non a molti altri quindi trattiamo direttamente con lui, oltre noi in UK, gli accordi e i contratti sono diversi da quelli che sono fatti in Italia e vengono rispettati!
  3. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    Ci mancherebbe caro, nemmeno io ero polemico :D, mi piacerebbe che comunque gli autori imparassero a aprire di più gli occhi e guardare oltre le case editrici famose, che quelle se non hai uno staff a seguito non ca..no nessuno (specie se non hai un MPs che ti spinge).
  4. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    Se il testo lo ritengo buono sì anche se non Caz......to! Ma si distribuirebbe meglio che in Italia e si farebbe conoscere meglio l'autore.
  5. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    Mi scuso con lei ma forse l'ho taggata inavvertitamente, io mi riferivo alle cifre dei 4000 (accettabile per un saggio con termini scentifici difficili o romanzo da 800pg) per quelli certificati (che anche lì avrei dei dubbi sulla qualità di traduzione viste le esperienze editoriali). I miei interventi sono espressi in quanto a quel che mi risulta ci si è rivolti al solo servizio che si trova sul mercato italiano, ma avete mai provato a sentire le case editrici estere internazionali che distribuiscono in varie lingue mondialmente? Solitamente fanno anche le traduzioni e i prezzi sono diversi e se il manoscritto è importante e interessante potrebbe essere anche free. Non volevo essere scortese con nessuno, ma a volte non capisco perché ci si soffermi a aggenzie o ad agenti e non si provi altri canali . Io consiglio sempre comunque di sentire la casa editrice perché a volte poi la stessa (come nel nostro caso) deve rilavorare sul testo perché tradotto male in poetica e sostanza. Chiedo ancora scusa se posso essere sembrato scortese, non era mia intenzione.
  6. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    A chi ha messo il voto sfavorevole, non ci sono problemi, ma invito solamente a verificare in ogni caso tutto sempre e mai dare per scontato tutto prima di dire le cose. Per il resto a me del voto favorevole o sfavorevole non mi interessa, dico solamente e sempre solo quello che penso nella piena onestà intellettuale e nel rispetto altrui. Se poi qualche persona vuole per forza dire e voler imporre la propria parola... Fate Vobis. Dalla Scozia
  7. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    Non sempre è d'obbligo, se si ha a che fare con case editrici internazionali e non solo nazionali (ossia limitate alla sola nazione es: Francia, Belgio, Italia etc.)
  8. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    Ne è così sicuro dei costi? E ne è così sicuro delle vendite in lingua inglese se distribuito mondialmente? Io perdoni il tono mi accerterei prima di parlare. O almeno non sparerei cifre a casaccio specialmente se non nel settore e non nel mercato estero dell'editoria. Cordialmente.
  9. Wolf Graham

    Far tradurre il proprio romanzo in inglese e autopubblicarlo come e-book?

    Non uccidetemi... ma un libro va tradotto veramente seriamente e bene, NO e-book! Prima cerca casa editrice estera e sottoponilo a loro in entrambe le lingue. E allora avrai la vera distribuzione mondiale.
  10. Wolf Graham

    primo minuto da novizio

    Good Morning!
  11. Wolf Graham

    Letteratura alternativa edizioni

    Ti ringrazio appena ho tempo lo faccio buon pranzo e buona domenica a tutti.
  12. Wolf Graham

    Letteratura alternativa edizioni

    Mi sorge solo una domanda... è possibile in "Varie ed eventuali", riportare la citazione per il motivo che viene scritta una determinata risposta o meglio, per esprimere una verità più che una propria opinione? Sai quanto me che in Italia non puoi fare nulla senza dover pagare tasse, a meno che non si è una casa editrice ombra di altri grossi marchi, allora è un'irregolarità fiscale perchè (visto che sono laureato in diritto penale e civile in Italia) deve essere dichiarato. Non vado oltre... Se no apro un putiferio tra i colleghi... Hihihi!
  13. Wolf Graham

    Letteratura alternativa edizioni

    Hihihihi Ok capo così sia
  14. Wolf Graham

    Gruppo Edizioni Alter Ego

    Mi permetto a volte un editore si ritrova a dover leggere 6/15/20 manoscritti e dover decidere su di loro (per chi come me li legge in integrale) e ci vuole qualche giorno...non si deve pensare sempre che un editore non sia coerente. Se un editore comunque vi da una data allora deve essere quella, un editore serio avvisa sempre l'autore quando inizia a leggere effettivamente il manoscritto quindi invia all'autore ben due avvisi, uno che prenderà in esame il manoscritto e uno che ha iniziato la lettura dello stesso. Premetto non tutti lavorano come il sottoscritto quindi non dite che sto sparando... . Io sono coerente con quello che dico e per mantenere la mia coerenza discuto quando qualcuno vuole andarci contro :D. Buona domenica
  15. Wolf Graham

    Gruppo Edizioni Alter Ego

    Lascia stare!
×