Vai al contenuto

Kikki

Moderatore
  • Numero contenuti

    3.639
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Kikki

  1. Kikki

    Mezzogiorno d'inchiostro 109 Topic ufficiale

    Tema di Mezzogiorno
  2. Kikki

    Mezzogiorno d'Inchiostro n. 109 Off topic

    Se l'ultima volta non sono riuscita a mettere una fine al mio racconto mi sa che questa volta non riesco a dargli un inizio... E dire che mi piacciono entrambe le tracce. Mannaggia!
  3. Kikki

    Cosa state leggendo?

    @M.T. buongiorno, non conosco le Cronache della Folgoluce, sinceramente fino a Mistborn avevo letto Sanderson solo nel proseguo del La ruota del tempo. Andrò a cercare. Comunque è vero che in Mistborn manca un certo personaggio e nessuno è alla sua altezza.
  4. Ciao @AnnaL., grazie per il tuo commento, anche se stringato, buona domenica!
  5. Buongiorno @Calatia ho deciso che si dice kalikatzari, non avevo neanche notato di averlo scritto in modo diverso, dovrò andare a correggere. Vado anche a correggere la frase che mi hai segnalato. Grazie mille, buona domenica
  6. Buongiorno @bwv582 non capisco il motivo di quell'inciso. Da non-bambino farei un ragionamento un po' filosofico nel dire che lei ha preso i vestiti di Muto che erano sporchi, puzzolenti e altro e magari le ha fatto una specie di reazione allergica, abituata a vestirsi in un modo normale. Però se è così, mi sembra un passaggio molto complicato. non credevo suonasse complicata. Volevo proprio dire che i vestiti sono molto sporchi e Linda si gratta, anche se non troppo per non offendere Muto. Dici che è fuori luogo? che io avrei scritto in modo diverso e peggiore (circa "prova pulirsi dalla polvere come meglio riesce ma finisce per spalmarsela dappertutto") mentre tu mantieni una certa scorrevolezza in questa frase. Sono sorpreso, questa pausa (la virgola) con la "e" che collega una subordinata con un altro gerundio ha un suono gradevole nella lettura e la frase resta "veloce" e non spezzata - io avrei messo un punto alla fine scrivendola "a modo mio" (spezzando il discorso). a me piace la tua proposta di frase! Grazie di tutto, provo a postare un altro pezzo prima del MI, a proposito... vieni al MI?
  7. in fondo dice "come se stesse trattenendo il respiro" non che davvero lo trattiene e chi l'ha detto? Ciao @AndC, bentornato!
  8. Non ci ho fatto mai caso, lo ammetto, credo di aver fatto copia-incolla dai testi dei vari frammenti. Come detto, non li conoscevo e avevo fatto una breve ricerca a titolo di curiosità prima del primo capitolo. senza n direi, ma solo per una questione di facilità di pronuncia di un termine già abbastanza difficile in sé
  9. Il sito web Scrittura&Dintorni.it, in collaborazione con la libreria Brucaliffo di Vibo Valentia (Via Fiorentino n. 19) Organizzano Il concorso letterario gratuito “C’era una volta”, incentrato sulle fiabe, strumento in grado di far sognare adulti e bambini, trasportandoli in una dimensione magica in cui realtà e fantasia si mescolano per dar vita a momenti ricchi di incanto. Regolamento Obiettivo del concorso è quello spingere a realizzare una fiaba che possa racchiudere un insegnamento, donare spunti di riflessione e riesca a condurre il lettore in un mondo fatato, ricco di tutti quegli elementi che sono alla base delle storie fantastiche. Il concorso si dividerà in due sezioni: sezione scuola con tutti gli elaborati dei ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado e la sezione adulti, a cui potranno partecipare tutti coloro che amano il mondo delle fiabe e scrivere storie per bambini. I testi dovranno essere scritti in lingua italiana. Sono esclusi dalla partecipazione i membri della giuria. Gli elaborati dovranno essere inediti, pena l’esclusione dal concorso. Ogni autore può partecipare con un solo elaborato. La fiaba dovrà avere una lunghezza massima di 12.000 caratteri spazi inclusi, pena l’esclusione. L’elaborato dovrà essere corredato da un titolo, originale e significativo. Il file contenente l’elaborato dovrà essere composto esclusivamente dalle seguenti parti: titolo, testo della fiaba. Non bisogna riportare nel file né il proprio nome né altre informazioni personali. I file andranno inviati in formato .doc, .docx, o .rtf. Saranno esclusi dal concorso tutti gli elaborati non inediti, che promuovano o incitino al razzismo, alla violenza, all’antisemitismo, che contengano oscenità, volgarità e blasfemie, e che non abbiano alcuna attinenza con l’argomento del concorso, indicato al punto 1. L’invio degli elaborati dovrà avvenire entro e non oltre il 28 febbraio 2018. Quelli pervenuti oltre questa data non saranno presi in esame. I nomi dei componenti della giuria, il cui giudizio è insindacabile, verranno resi noti in questa pagina alla scadenza del bando (28 febbraio 2018). La valutazione avverrà secondo i seguenti criteri: adesione alla traccia, originalità dei contenuti e della strutturazione dell’elaborato, psicologia dei personaggi, messaggio positivo e costruttivo, estetica del testo (lingua, stile, poetica). Le prime tre fiabe classificate saranno pubblicate all’interno del sito e gli autori riceveranno una targa; la giuria selezionerà poi tra tutte le fiabe quelle che saranno inserite in una raccolta edita e curata da Scrittura&dintorni. La versione digitale sarà scaricabile gratuitamente dal sito www.scritturaedintorni.it, quella cartacea, invece, sarà acquistabile, dietro il pagamento di un piccolo contributo, presso la libreria “Brucaliffo” di Vibo Valentia. La premiazione avverrà mercoledì 28 marzo 2018, ore 18.30, presso la libreria “Brucaliffo”. link alla pagina con regolamento e form per l'iscrizione
  10. Kikki

    Cosa state leggendo?

    Ho appena finito la trilogia Mistborn di Brandon Sanderson che ho trovato coinvolgente, ma davvero troppo descrittivo, soprattutto nelle parti delle battaglie. Ora ho cominciato Ragazze elettriche di Naomi Alderman; mi aveva ispirato molto la critica e il paragone stretto con Margaret Atwood. Per il momento non ci trovo niente in comune e neppure niente su cui riflettere. Spero vada meglio
  11. Ciao @AnnaL., buongiorno! Non è assolutamente inutile quello che hai scritto, a me forse pesa poco perché so quello che succederà, però capisco che ugualmente si porta in ballo il tema e quindi si sollevano domande. Non ho mai visto Madagascar 2 @bwv582 però ho in mente cartoni animati e storie in cui una tribù di "selvaggi" si vuole mangiare l'eroe di turno. Non so, non trovo un impatto così forte, anche nella reazione di Linda che comunque la prende da bambina sottolineando il fatto incredibile che una montagna si possa mangiare dei bambini. Tengo comunque presente l'appunto. Però, tradizionalmente nelle fiabe e nelle favole originali c'è davvero un sacco di sangue, teste mozzate, gente che muore con grande facilità e con molta leggerezza. La parte crudele e sanguinaria c'è sempre stata, comunque una qualche componente di violenza intenzionale. Non ritengo che buttare un neonato dentro a un vulcano sia peggio che dare una mela avvelenata a una ragazzina. Però magari sbaglio.
  12. Buongiorno @bwv582 Queste domande le avrei messe tra doppi apici. Però parlo per me, io quando espongo pensieri o simil-discorsi diretti, sono solito virgolettare con i doppi apici. Anche in un altro punto in precedenza. queste due parti che hai segnalato io non le vedo come pensieri, ma come descrizioni, per questo non ho messo i doppi apici la mamma canta tutte le canzoni alla radio! sì, è un po' lunga la parte del viaggio e, unita alla parte del ristorante e arrivo alla grotta, forse rallenta un po' la storia. Pensa che è già stata scorciata! Magari cerco di tagliare via un po' di viaggio, mi piace però perché segna il passaggio tra due culture, due lingue, la quotidianità e la vacanza..., ci sono un po' affezionata
  13. Kikki

    Fantascienza sovietica

    @KatiaCecca ciao, so che Fazi si era interessata qualche anno fa alla fantascienza sovietica e in generale alla letteratura russa, però poi non so che seguito abbia avuto, ho dato uno sguardo al loro catalogo, ma non mi sembra di vederci grosse novità.
  14. Ciao cara @AnnaL. Nel commento del capitolo precedente si stava parlando appunto della fascia d'età che per me parte dai 9-10 anni, non so per quanto riguarda la volta sacrificale, non credo che sia niente di peggio di quello che si vede in giro; ritieni davvero che possa essere troppo forte? Non per spoilerare, ma di scene cruente in questa storia non ce n'è neanche l'ombra... possibile che manchi un "mano"? metterei anche una virgola prima di "mentre" tutto è possibile come lo vedi con la Maiuscola? Come se per loro fossero una sorta di popolo buona idea! non mi suona molto lineare, che ne dici di qualcosa del tipo "dopo qualche minuto passato in silenzio a sgranocchiare la barretta?" tutte le esse di "sgranocchiare", "semi" e "miele" mi sembrano troppe, rendono faticosa la lettura secondo me. non avevo fatto caso alle sss, ma ora che me le fai notare quella frase sibila Come lo vedi un "riscuote" o similare? Riprende mi dà l'idea di qualcuno mezzo svenuto o ferito. andato riscuote lo toglierei, trovo che distragga un po'. anche io ero incerta se lasciare o meno questa frase, non mi piace molto, è inutile perché che stia piangendo è già stato detto e suona male metterei "come lo chiami tu" se no sembra quasi che siano sinonimi. Invece per loro è la Montagna di Fuoco. giusto forse manca un "della"? questo per me è proprio senza "della", però, se imbroglia lo aggiungo Grazie mille delle tue parole e degli spunti, al prossimo capitolo
  15. @bwv582 e @Calatia mi piace vedervi coinvolti! @bwv582 sei in ritardo sul piano di marcia! Attenzione che se riesco metto anche la parte finale del capitolo su Linda e Muto! Anche a me piace molto leggere i commenti, mi sembra di imparare sempre tante di quelle cose! Scusate, mi è preso il punto esclamativo matto, mi viene da metterlo ovunque oggi! ahahah!!! Basta. La fascia 7_12 secondo me è troppo bassa, io punto a un 9-10 di partenza. Ho il sospetto che sia difficile da immaginare. lo è... anche perché chi si ricorda in realtà cosa volevo dire, ho sostituito con offusca. Tanto per rimanere sulle sfumature di nero Secondo me affermazioni del genere, tipo se non fai il kalikatzaro per me sei morto, sono molto da infanzia e da poca consapevolezza di quello che si sta realmente dicendo. Avrei anche potuto scrivere "per me non esisti più", ma si vede che ero in fase cruenta. Grazie mille per i commenti e soprattutto per la pazienza di leggere
  16. Kikki

    Misofonia - Epilogo

    @Calatia ciao! Avevo seguito questa storia, oggi l'ho riletta tutta e mi sono fatta qualche appunto sui capitoli precedenti, per esempio: Mi piace molto l'uso che fai della lingua, la ricerca su termini e parole e l'originalità di certe espressioni. Usi molto la parola lurido, sia collegata al cibo e all'inghiottire, che al povero pallone incamiciato su cui ne hai dette di ogni! Ho notato anche che ti piace mettere gli aggettivi prima dei sostantivi, a me personalmente suona strano, affettato, mi sembra che dovrebbe essere usato solo in casi particolari in cui si vuole dare risalto all'aggettivo, o comunque alla frase in questione. Il monologo del capitolo precedente lo trovo un po' asentimentale, freddo, stranamente distaccato dalla scena precedente in cui Lorenzo butta tutto all'aria. Si è svuotato della rabbia in quella scena tanto da riuscire a parlare di quello che ha influenzato tutta la sua vita con così tanta lucidità? Io lo vorrei più viscerale. Per quanto riguarda la lunghezza, credo che potresti trovare delle scappatoie e pause in piccoli gesti di Lorenzo o dello psichiatra, espressioni, lacrime, respiri o anche interventi del dottore. Magari vuole qualche chiarimento. Passo a questo capitolo: credo che per oggi basti non credo che panciuto possa rimanere da solo, per non aggiungere altro io direi il pancione. Ma forse è una questione di sentire metterei una virgola dopo no e al posto di rispose, che mi cozza con riprese subito sopra, metterei proruppi. Senza prontamente, se no non si può leggere vede Forse, se quel giorno non avessi reagito così... toglierei uno dei sua suo. Metterei una virgola al posto di punto e virgola lascerei una riga di spaziatura tra le due frasi, visto che passa del tempo per togliere i due mi vicini potresti dire: appena Carlo mi vide mi accolse con la sua ostentata affabilità. Ma perché ostentata? Non avevo capito che Carlo fosse un amico falso, stava sulla lista nera di Lorenzo ma niente fa capire che i membri della lista abbiano problemi con Lorenzo furtivamente e di sottecchi vogliono dire la stessa cosa, toglierei il primo la calma che voleva andarsene/scappare a gambe levate metterei di quanto mi risultasse molesto. Magari non è molesto per tutti si era rotto definitivamente. Mi sembra che funzioni meglio credo che qua volessi dire ributtante Ma finisce così? Sinceramente ci sono rimasta male, è finito troppo in fretta e non ho ben capito quale sia stato il risultato. Il fatto di dire a Carlo che cosa pensa di lui oltre alla reazione spontanea che gli provoca, fa parte della sua ripresa psico fisica? Nel complesso la storia mi è piaciuta e l'ho trovata interessante come tematica, che mi era completamente sconosciuta, però il finale mi spiazza e mi rovina un po' l'insieme.
  17. Kikki

    Misofonia- Capitolo 1- Parte 3/4

    mi piace molto questa frase @Calatia anche questa mi piace molto bella anche questa
  18. Ciao @Calatia, grazie per il commento, alcune cose che mi hai indicato le ho già corrette. Sostituirei perché con affinché questo però non lo adotto, mi sembra troppo difficile come termine per questo target e io, personalmente, non lo uso. Questione di abitudine e provenienza geografica immagino. Non è chiara come frase. Se è riferito ai versi allora avresti dovuto scrivere: e sembrano rotolare nella ghiaia. qui intendevo dire che sembra che nella sua gola rotoli la ghiaia... però rigiro, in effetti è complicato forse magari volevi dire si spolvera? questa non è per niente chiara e sinceramente non ricordo più cosa volevo dire. Ho sostituito si sfuma con si offusca. Vedrai che Muto si riscatta, non è lo sfigato di turno
  19. Kikki

    Cosa rende un libro un buon libro?

    Per me la cosa che rende un libro un buon libro sono le immagini, intendo quelle che vedo mentre leggo. Se riesco a vedere, allora mi piace; se non vedo niente, non ne vale la pena. Per quanto riguarda i professionisti di settore sono d'accordo con la sintesi di @Mister Frank che mi sembra abbia fatto una carrellata molto lucida!
  20. Kikki

    Una luce nel buio 4/6

    @AnnaL. ciao! Sai che mi aspettavo che sarebbe successo qualcosa di incisivo in questo capitolo. Ho l'impressione che si dilunghi molto la storia, ma che di azioni ce ne siano poche ancora. Tutto questo interrogarsi sulla loro identità non lo possono fare entrando nel muro di oscurità per esempio? Scusa, non ho letto gli altri commenti, quindi magari ripeto cose che ti hanno già fatto notare, soprattutto perché facendo scendere la pagina per scrivere il commento ho intravisto AndC e bwv582 che non taggo a vedere se passo inosservata. Il primo capitolo mi aveva subito molto incuriosita perché lasciava spazio a un'infinità di possibilità vista la perdita di memoria, e mi piace anche questo risveglio lento che hanno i personaggi. Mi sono piaciuti l'approccio al muro e la scena del gatto. Sono un po' dubbiosa sul dannato che usi a un certo punto, ma solo perché a me sa di americanismo, non so, io personalmente on uso mai dannato, magari maledetto, ma anche quello non con grande facilità; è un aggettivo che sento falsato dalla traduzione dall'inglese. Ma questione di gusti e di sentire. Mi ha lasciato perplessa anche l'esclamazione che c'è a un certo punto: santi dei, ma perché manca di punteggiatura. In generale questo capitolo mi è sembrato un po' carente in punteggiatura.Per esempio nei dialoghi manca la punteggiatura quasi completamente prima e dopo le virgolette. Delle ripetizioni non dico niente perché immagino che ci abbia pensato il maniaco @AndC ooops, m'è sfuggito un tag a tradimento. Secondo me c'è moltissimo dialogo, forse più del necessario, rende un po' leggera la struttura, non so come meglio dirti, però si perdono in chiacchiere i personaggi mentre io vorrei vederli agire e scoprire di loro e del mondo intorno a loro, del loro passato e di quello che gli è successo attraverso delle azioni. Immagino arriveranno. Ti faccio qualche annotazione specifica, perdonami di nuovo se ripeto cose già dette. se, come leggo dopo, la domanda è già stata posta e lo si capisce dal tono, forse ci vorrebbe un quindi al posto del però, potresti anche rafforzare dicendo: Quindi, ci state dicendo che non sapete quali strade entrino ed escano da qua? Perché invece di entrare e uscire non usi semplicemente passare? potresti provare con: dice "buio" come se cominciasse con la maiuscola/ dice "buio" come se si trattasse di una qualche entità superiore Non potrebbe essere quello il passaggio/la porta? Oppure: Non potrebbe essere quello il modo di andarsene di qua? O anche: Non potrebbe essere quello il modo di andare e venire da qua? dopo metterei la incalza lo gnomo. Capisco che il dialogo sia tra Nashi e la donna, ma ho l'impressione che manchi il soggetto. Nella risposta seguente, nel caso ti venisse voglia di usare un'altra opzione, potresti mettere: Sissignore, se quello che volete è non fare mai più ritorno. Scusa una cosa, ma per il gruppetto non è importante stare in questa parte di mondo o no, loro ancora non sanno da dove vengono e dove vanno, quindi potrebbero benissimo essere abitanti di aldilà del Buio. Fai caso anche agli avverbi, ne noto molti in questo dialogo e appesantiscono un po' il tutto a mio parere. metterei: come possono sopravvivere senza contatti... un po' perché farcela mi suona molto colloquiale e anche per togliere la negativa Metterei: La donna sorride con un accenno di rossore... così non dici che è imbarazzata e la scena diventa più visiva..., almeno secondo me Metterei: Nessun disturbo. Mi suona più da imbarazzo/rossore di guance Qui potresti dirci dove camminano e verso che direzione. Si sono allontanati dalla donna per andare dove? O mi è sfuggito? Immagino che vadano a Morire e che si trovino su un qualche sentiero in mezzo ai campi, però mi piacerebbe avere qualche appiglio visivo. Questa parte mi è proprio piaciuta, lo trovo un bel modo per tirare le somme e fare un punto della situazione sui personaggi prima di continuare Al prossimo capitolo, scusa se commento poco, ma li sto leggendo tutti, man mano che li carichi
  21. Kikki

    Danza con la luna

    @AndC non ti faccio le pulci perché te ne hanno già fatte tante. Mi è piaciuto questo racconto e non so bene perché l'ho capito un po' meglio degli altri... anche se non completamente, non ti preoccupare! L'inizio mi piace molto e mi ricorda Benni, saranno anche i nomi dei personaggi. La tua scrittura è sempre complicata, ma che ci possiamo fare?
  22. Kikki

    [N2017-S fuori concorso] Maledetta Pioggia

    Ciao @libero_s mi è piaciuto tantissimo il tuo racconto e vorrei davvero che continuasse. Sono contenta di vedere che non toglierai la frase delle lacrime perché faccio parte della fazione di quelli a cui piace. Continua per favore, vorrei davvero sapere cosa succede.
×