Vai al contenuto

TuSìCheVale

Scrittore
  • Numero contenuti

    619
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di TuSìCheVale

  1. TuSìCheVale

    Il filo di Arianna

    Nome: Il Filo di Arianna Sito: https://www.ilfilodiariannaedizioni.eu/ Catalogo: https://www.ilfilodiariannaedizioni.eu/?post_type=product Modalità di invio dei manoscritti: https://www.ilfilodiariannaedizioni.eu/?page_id=38 Distribuzione: https://www.ilfilodiariannaedizioni.eu/?page_id=34 Facebook: assente
  2. Riprendendo sempre questo discorso riguardo alla concorrenza sleale, che è un reato, desidererei sapere in quali forme possa configurarsi. L' articolo n. 2598 del codice civile tratta questi casi, in particolare, nei segnalerei qui alcuni: - Le comunicazioni ingannevoli - Le vendite sottocosto - Lo storno dei dipendenti - Lo sviamento della clientela - La sottrazione e violazione di segreti - Il boicottaggio Mi sembra che principalmente qui ci siano delle accuse di "vendite sottocosto". Ho trovato qui un link che indica che "La vendita sottocosto è concorrenza sleale solo se integra abuso di posizione dominante", non mi sembra che la cosa possa riguardare in qualche modo i self publisher. https://www.eclegal.it/la-vendita-sottocosto-concorrenza-sleale-solo-integra-abuso-posizione-dominante/ Sarei curiosa di sapere, allora, in quali termini si parla di concorrenza sleale, per identificare meglio l'accusa. Diversamente, nessuno, però, qui ha mai pensato di attaccare i Big, perché è più facile prendersela con i più deboli. Inoltre, penso che "il prodotto libro" è lo stesso, ma cambiano completamente i contenuti e la proposta, quindi, la concorrenza non è mai posta su uno stesso livello, in base anche alle capacità di investimento, perciò, creare un marchio, un nome identificativo, già compie delle differenze. Grazie.
  3. Ti ringrazio @Riccardo Zanello per essere intervenuto. Qui posto un link del contratto proposto all'autore: Contratto Amazon A noi interessa il punto 5.5 Secondo me, è compresa la cessione dei diritti di pubblicazione. Ora, però, c'è chi sostiene che Amazon sia solo un "distributore", su questo punto bisogna aggiungere che, quando ci infiliamo nelle maglie nella burocrazia, il pensiero logico può disperdersi. La materia diventa poi campo di avvocati e commercialisti, però, non mi sembra che siano fioccati provvedimenti da parte dello stato, per questo al momento mi atterei solo a quanto mi è possibile leggere nel contratto. Ripeto, se poi si volesse sostenere una tesi contraria, ci vuole anche l'onere della prova (principio logico argomentativo), altrimenti, non si può pensarla diversamente a prescindere e questo sarebbe abbastanza inopportuno.
  4. No, attenzione, il pensiero logico non dovrebbe in alcun modo farci tenere in considerazione gli EAP (non fanno editoria), quindi, tornando sui nostri solchi, si dovrebbe provare a paragonare soltanto i self- publisher con gli editori Noeap. L'autore con una casa editrice Noeap (cercate di non fare distingui anche con questi editori, ma prendiamo per buono solo il temine madre ) viene pagato senza cacciare nulla di tasca propria (ipotizziamo pure che l'editore assolve tutti i suoi compiti), nel self-publishing, invece, l'autore investe una bella quantità di soldi e bisogna poi valutare dopo quante copie vendute inizierà a ricavarne un profitto. Per questo" il pensiero logico prudente" vuole che, chi non ha molti soldi da investire, si debba affidare a un editore serio, scartando tutte le altre proposte, specie a pagamento... E restiamo al mercato italiano, il quale è già difficile da valutare
  5. Sì, esistono anche queste tipologia di self-publisher, per comodità avevo preso in considerazione i casi ritenuti più comuni. Un autore che apre un'attività di e-commerce, senza appoggiarsi a nessuna piattaforma, diciamo pure che praticamente non lo leggerà nessuno (specie se non è noto) In quel caso, parlerei anche di libera impresa, ma magari @Franco Digital potrebbe dirci qualcosa di più a riguardo. Comunque, questo self-publisher "puro" nel momento in cui vorrebbe rendersi visibile sulle principiali piattaforme (per vendere meglio i suoi libri), dovrà cedere i diritti di sfruttamento dell'opera, cosa che @Riccardo Zannelo non considerava o magari la teneva in considerazione, ma non sappiamo bene a quali conclusioni voleva arrivare.
  6. No, @Franco Digital, con argomentazioni interessanti e condivisibili, illustrava il perché un self-publisher non è un editore di se stesso, formula richiamata da fin troppi articoli che pone gli autori in concorrenza con altri editori, questo non è possibile. Possiamo invece affermare che è una valida alternativa all'editoria tradizionale, se pensiamo che queste piattaforme possano però togliere dei "clienti" o meglio dei validi collaboratori con i quali fare affari reciproci, allora, la concorrenza va vista tra queste aziende che propongo il self-publishing e le case editrici tradizionali. L'autore, come diceva bene @cheguevara, opera poi delle scelte e si spera che queste possano essere vantaggiose senza ritrovarsi indebitato. In verità, le posizioni di @Riccardo Zanello sono poche chiare, così sibilline che mettono sullo stesso piano editori a pagamento, case editrici truffaldine e self-publisher. Qui bisognerebbe almeno fare chiarezza riguardo alla cessione dei diritti, perché se l'autore firma un contratto con la la piattaforma di selfpublishing e le permette di sfruttare economicamente i suoi libri, allora, evidentemente, @Riccardo Zanello si sbaglia e non siamo più nel campo delle opinioni. Grazie a chi vorrà aggiungere altro
  7. Mi sembra, che non si tratti di opinioni ma di fatti oggettivi. @Riccardo Zanello dovrebbe portare altre tesi ben argomentate per opporsi a queste conclusioni, in caso contrario non gli resta che rivedere le sue posizioni. Non è corretta una simile "chiusura" in una discussione così avvincente. Addirittura, qui in maniera logica, vengono distrutte anche le motivazioni riguardanti le difficoltà economiche delle piccole CE, riporto questo passaggio di @Franco Digital, davvero interessante: Io penso che un operatore editoriale, qual è @Riccardo Zanello, potrebbe, allo stesso modo in maniera logica, qualora non fosse d'accordo, illustrare le sue motivazioni che lo portano poi di fronte a realtà diverse. Resto in attesa di ulteriori sviluppi, altrimenti, non ci resta che condividere le affermazioni di @Franco Digital.
  8. @Franco Digital, le sue affermazioni sono molto appassionati e in larga parte le condivido. Secondo me, l'equivoco più grande, che si genera su queste piattaforme come Amazon, Ebay e ecc. deriva dal fatto che ci sono anche dei venditori dei prodotti più disparati e molti di questi sono proprio dei professionisti un quest'ambito (con tanto di partita IVA). Ritornando, invece, ai nostri i libri, il fatto poi che Mondadori e l'autore in self vendano sulla stessa piattaforma non li rende equiparabili... In più c'è da dire, purtroppo, che ci sono case editrici che "lavorano" proprio come degli autori in self, nel senso che pubblicano i loro libri solo attraverso Amazon, per questo molti non vedano la differenza... La ringrazio, comunque, per la sua lucida analisi della situazione e mi piacerebbe leggere ancora una sua opinione, in merito anche a quanto da me qui riportato.
  9. TuSìCheVale

    Non perdiamoci di vista

    Data l'imminente chiusura del forum e i messaggi che ho ricevuto anche in privato, proprio per non perderci di vista e mantenere vivo un contatto, chi vuole può indicare in questo topic quale forum letterario, gruppo Facebook, canale Telegram continuerà a frequentare. Io, per ora, ho scelto di iscrivermi ai forum letterari (anche se questa formula è abbastanza desueta, si fa riferimento al Web 2.0 sulle pagine di wikipedia Forum (Internet), magari si svilupperanno altre applicazioni) : Ultima Pagina Costruttori di Mondi Arrivederci
  10. TuSìCheVale

    Non perdiamoci di vista

    @Andrea28, in meno di 1 mese la tua idea penso sia impraticabile, non credo che tutti i gestori di altre piattaforme siano iscritti al forum... Chissà poi cosa resterà dei nostri account e nickname... L'unica è sapere dove traslocheremo noi utenti, in modo tale da poterci ancora ritrovare Tu hai deciso qualcosa?
  11. TuSìCheVale

    Non perdiamoci di vista

    Sì, c'è un ritorno a software o giochi di vecchia generazione, però, sono riusciti a riportarli in vita rendendoli disponibili su tutti dispositivi di uso quotidiano, penso agli smartphone in questo caso. Implementare delle App, quindi, potrebbero essere un'idea, anche il fatto di rendere tutto compatibile con Youtube, Facebook e se vogliamo Whatsapp potrebbe facilitare un maggior utilizzo. Wattpad (che non uso) mi sembra che abbia molto successo tra le nuove generazioni, bisognerebbe capire già le differenze con un forum. Magari qualche utente del WD sarà presente solo su Wattpad e potrà fornire maggiori informazioni.
  12. TuSìCheVale

    Richieste cancellazioni Racconti, Poesie o Storie

    Buonasera, in attesa di conoscere anch'io cosa resterà effettivamente ancora consultabile di questo forum, chiedo la cancellazione di questo racconto: Grazie
  13. TuSìCheVale

    Lista case editrici medie

    In base a quanto si scriveva qui: Si è deciso di compilare una prima lista di case editrici medie o più semplicemente una lista di buoni editori, che rientrano nei parametri qui riportati. Da questa prima previsione possono essere aggiunti o tolti degli editori, anche in base alle segnalazioni che perverranno. Non sono riuscita a trovare le partecipazioni al Salone del Libro di Torino (magari questo dato può essere aggiornato in un secondo momento) e ho preso in considerazione l'adesione o meno all'AIE (Associazione Italiana Editori), qui un link di riferimento: https://www.aie.it/Chisiamo/IsociAIE.aspx AIE Distributore Facebook (FOLLOWERS) Youtube (Iscritti) Wikipedia 1)Minimum fax NO Messaggerie 64.611 528 Sì 2)Il Saggiatore SI Messaggerie 49.061 647 Sì 3)Terre di Mezzo SI Messaggerie 49.220 475 No 4)Marcos y Marcos NO Messaggerie 27.853 Non presente Sì 5)Edizioni Codice SI A.L.I. 20.114 107 Sì 6)NN EDITORE NO Messaggerie 24.486 69 No 7)Nottetempo NO Messaggerie 20.972 10 Si 8)Giulio Perrone NO Messaggerie 23.117 11 No 9)SUR NO Librerie indipendenti 18.251 119 No 10)Quodlibet NO Messaggerie 18.441 28 Sì 11)Miraggi NO CDA 11.796 115 No 12)La Nuova Frontiera NO Messaggerie 11.273 65 Si 13)Edizioni Sonda SI Messaggerie 10.432 Non presente Sì 14)Elliot SI Messaggerie 10.231 Non presente Sì 15)Aliberti NO A.L.I 9.970 87 Sì 16)Arkadia Editore NO Messaggerie 8.957 Non presente No 17)Piano B Edizioni NO Messaggerie 8.498 Non presente No 18)Mattioli 1885 SI Messaggerie 7.0242 29 No 19)Mesogea NO Messaggerie 6.138 20 No
  14. TuSìCheVale

    Richieste cambio Nome Utente o Cancellazione Account

    Ritrovando dei segni di disapprovazione e di perplessità a un mio caro saluto, provo a far maggior chiarezza, per chi ne ha manifestato la necessità. In segno di solidarietà, per le decisioni prese da @AndC e per essergli vicina, ho deciso di cambiare anche la mia foto profilo inserendo la sua, cosa che era stato fatto precedentemente per un utente bannato, ora che reputo la mancanza di @AndC molto più importante, dato il suo grande contributo offerto al forum, spero che altri utenti possano unirsi a questa iniziativa, come un gesto di sincera gratitudine. In più, a partire da oggi e per la durata 1 mese ho deciso di non postare più nulla. Spero che le mie ragioni possano essere comprese, soprattutto da @AndC. Grazie ancora.
  15. TuSìCheVale

    Richieste cambio Nome Utente o Cancellazione Account

    Leggo adesso il messaggio di @AndC , lo ringrazio tanto per il tempo che ci ha dedicato e in particolare per il suo ultimo messaggio nei miei confronti, si è dimostrato un vero Signore Come segno di solidarietà per questa sua decisione, ho deciso da oggi e per 1 mese di non postare più nulla sul forum e provare ad aggiungere la sua immagine al mio profilo, così come era stato fatto, forse in maniera goliardica, per un utente bannato, ora, a maggior ragione, spero che la mia proposta possa avere la stessa approvazione avuta in precedenza. Un caro saluto.
  16. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Allora, suggerisco di scrivere sul loro sito: @ophelia03 è riuscita a sottoporci in lettura il suo manoscritto, anche se non ci ha indicato il nome di nessun editor. Non ci credete? Consultate il forum del WD Prendiamola con leggerezza. Grazie e buona serata.
  17. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Sì, ma è indicato prima, che "toccherà ricompilare il form", se non si indica "il nome dell'editor che ha eseguito il lavoro". Non lo so perché, ma non ti è stato richiesto di "ricompilare il form", anche se la logica di quanto scritto suggerisce tutt'altro. @ophelia03 buon per te, che il tuo manoscritto non è stato "archiviato", però, come vedi loro esplicitano un'altra metodologia di lavoro. In linea generale, conviene indicare il nome dell'editor per non essere cestinati o avere il dubbio di finire "archiviati". Non consiglio, secondo queste istruzioni, di fare come a te è stato concesso
  18. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Sì, ma questo lo stiamo valutando adesso, perché anche tu facevi cenno a una cattiva interpretazione di quanto invece è scritto sul loro sito: Certo, se solo io interpreto che i testi "verranno archiviati", quindi, non presi in considerazione e nessuna seconda possibilità. Non lo so @ophelia03 come abbia fatto ad aggirare le condizioni richieste dal form, che dovrebbero essere uguali per chiunque voglia inviare un manoscritto. Questo mi lascia oltremodo perplessa. Posso solo immaginare che loro si siano espressi male e che adesso si possa fare maggiore chiarezza.
  19. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Se un editore "non ha materialmente il tempo di esaminare i manoscritti", non ne può "addebitare" il costo agli scrittori e in più se una cosa che non può fare, semplicemente, non lo fa. Se vuole mettere i manoscritti nel cestino è sempre una sua scelta. Bisogna saper accettare i "rifiuti", non può passare il principio che "pagando" si hanno delle vie preferenziali. Si meglio chiudere che dire, per esempio, accettiamo solo testi per i quali avete pagato un professionista. Questa deve essere una "scelta" dell'autore e non può essere una discriminante. Su questo penso che concordiamo tutti. Non possiamo favorire o agevolare delle strade dove bisogna pagare per poter esprimere una propria storia. Questo, naturalmente, è un pensiero rivolto a un ipotetico editore, così come indicato nella domanda di Marcello. Certo, qui ognuno parla a titolo personale e non se anche la versione data da @ElleryQ risponde poi alla metodologia che vuole seguire il forum. Questo era il mio sospetto. Grazie.
  20. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Ho citato questi passaggi solo per dimostrare che io leggo e interpreto benissimo e non sono tollerate altre offese perché io non ne ho rivolte a nessuno. A questo punto, sarei curiosa di sapere anche quali sono i nomi graditi a queste CE e non perché io ho letto male, anzi... Sì, @ophelia03, forse in maniera sconsiderata, non avuto tenuto in conto dell'attuale politica della CE. Il fatto poi di richiederne delucidazioni "non è fare polemica", ma approfondire, confrontarsi, in toni magari rispettabili, cosa questa sempre più difficile. Sì, comprendo la vostra posizione. Diciamo che voi vi affidate direttamente alle condizioni contrattuali e tutto quello che avviene prima di arrivare a determinate CE, reso obbligatorio con un form, può destare qualche difficoltà. In definita, sempre perché faccio difficoltà a comprendere: 1. Occorre presentare "testi già editati", "da professionisti riconosciuti dalla CE" (come sotto riportato). Scopro però che la "scelta è temporanea", quindi, anche "temporaneamente" andrebbero inseriti da "testare" se poi la prassi resta abituale. Quando tutto ritorna come prima, si segnalerà nuovamente la diversa politica adottata. Questo, sempre perché riporto le vostre stesse parole e sono "accusata di falsità", è in netto contrasto con quanto riportato sul vostro sito e anche qui riportato integralmente: Questo vuol che non ci saranno eccezioni, i testi "saranno archiviati", in pratica non letti. Ora chi è che legge male? Grazie ancora.
  21. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Dato che gli invii sono chiusi, tu hai dovuto dimostrare il "pagamento" dell'editing da parte di un professionista? Perché è questo che richiedono sul loro sito.
  22. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Sicuramente, sì. Si tratta di una deriva abbastanza pericolosa imporre come "unica condizione" l'editing da parte di un professionista, che sappiamo essere un servizio a pagamento. Se tutte le CE agissero in questo modo, l'autore che deve citare anche il nome del professionista per certificare l'avvenuto lavoro, ci troveremmo, indubbiamente, "a favorire" una pratica dispendiosa per tutti glia autori. Ricordo ancora che l'editing dovrebbe essere a carico dell'editore e un testo giudicato "non pronto per la pubblicazione" andrebbe scartato. Se quanto affermato da @Marcello è invece la linea del forum ne prendo atto. La condizione di pagare indispensabilmente un professionista, prima di sottoporre un manoscritto a una CE, la reputo oltremodo penalizzante. Non è più una libera scelta dell'autore. Mi conformate, quindi, che questa CE non richiede "in nessuna forma" un contributo per la pubblicazione? Grazie.
  23. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Anch'io ho suggerito questo. Non si può dare come "unica condizione", per inviare un manoscritto, il fatto di aver "pagato" un professionista. Il dubbio da me sollevato è chiaro, da questo punto di vista. Gli autori devono essere tutelati e questa è un condizione che non può essere accettata come regola abituale per tutte le CE. Aspetto, comunque, un parere dello staff, es. @ElleryQ .
  24. TuSìCheVale

    Lista case editrici medie

    Grazie @segugio delle parole. Stiamo approntando una nuova lista, che tenga conto di tutti i vostri preziosi suggerimenti. Vorrei, infatti, che questa lista fosse più "nostra", anche per autori e autrici, che metta in risalto determinate qualità, in modo da orientarci meglio in questa "giungla" editoriale.
  25. TuSìCheVale

    Aporema Edizioni

    Desidero chiedere un chiarimento, che naturalmente reputo di una certa importanza, magari potendo ascoltare il parere in merito anche degli editori e dello staff del WD. Sappiamo, purtroppo, che diventa sempre più difficile stabilire un giusta collocazione per le CE free, doppio binario o a pagamento, in questo caso, reputo molto pericolante la posizione assunta da Aporema Edizioni, che cito testualmente dal loro sito: La questione è che per sottoporre un testo a un editing, fatto da un professionista, bisogna "pagare", naturalmente questo può essere anche esterno alla CE, quindi, al momento, occorre dimostrare di aver effettuato un "servizio a pagamento". Questa è la condizione attuale. Ritengo che chiudere completamente ogni possibilità di invio di manoscritti (in quanto l'editing è un costo che dovrebbe sostenere l'editore) poteva far risultare ancora questa CE nella lista free, situazione, per ora, alquanto discutibile. Io penso che sia da considerare la possibilità che "in varie forme" venga ora richiesto all'autore un contributo economico ai fini di una pubblicazione con Aporema. Vi in ringrazio in anticipo per gli eventuali chiarimenti e scusate se la questione, forse solo per me, genera più di un dubbio.
×