Vai al contenuto

caipiroska

Scrittore
  • Numero contenuti

    621
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

125 Popolare

5 Seguaci

Su caipiroska

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

1.142 visite nel profilo
  1. caipiroska

    Mezzogiorno d'inchiostro 144 – Off topic

    Grazie @Poeta Zaza !!!
  2. caipiroska

    Te lo do io il Natale! [Off topic]

    @Silverwillow e certo! Intanto mi alleno per trovare il feeling giusto: Trentatré trentini entrarono a Trento tutti e trentatré trotterellando... Tu allenati con: La vhoi la hoha hola hon la hannuccia horta? Aspira bene la C, mi raccomando...
  3. caipiroska

    Te lo do io il Natale! [Off topic]

    @Silverwillow eccomi!!! Accetto volentierissimamente di far coppia con te!
  4. caipiroska

    [BP1] Nessuna luce

    Ciao @@Monica , mi piace lo stile che hai dato alla tua poesia: molto personale e intensa. Le parole si accostano senza fatica e la lettura scivola via (forse la parola stampigliata mi lascia qualche dubbio, o forse il suono quasi esotico che ha mi piace... Non lo so, sono indecisa se considerarlo uno stacco troppo netto dalla morbidezza che hai dato al testo, oppure considerarla un'eccentricità vistosa e necessaria, come quel neo che si dipingevano le donne sul viso qualche secolo fa). Un bel testo che non lascia indifferenti. Complimenti!
  5. caipiroska

    Mezzogiorno d'Inchiostro 143 - Topic ufficiale

    Ma dai! Non me lo aspettavo!!! Grazie a tutti!
  6. caipiroska

    [MI 143] Verso il buio

    Ciao @Silverwillow , Questa informazione arriva totalmente inaspettata: dopo si capisce a cosa ti riferisci, ma messa lì, in quel punto acciglia il lettore (o almeno, io mi sono accigliata: cosa non ho capito?). In realtà poi tutto torna però, mi chiedo (perchè a volte lo faccio anch'io...) queste anticipazioni hanno senso? Cosa vogliamo trasmettere? Che il lettore si deve preparare a qualcosa di strano? E perchè sentiamo la necessità di avvertirlo? Questa descrizione è eccezionale!!! Sei una scrittrice horror e non lo sai! Cattivissima questa! Sì, sì. Sei proprio una scrittrice horror! Il ricordo su quanto accaduto a suola ci sta, ma questa storia d'amore finita in tragedia relegata in due righe ci sta un pò strettina e svilisce. E' proprio necessaria? In un testo più lungo sarebbe fondamentale, ma qui... Addirittura la fine del mondo! Gran bel racconto: irreale, cattivello, ben scritto e mooolto inquietante! Come piace a me! Complimenti!
  7. caipiroska

    [MI 143] Mi chiamo Dolcetta

    Ciao @Ippolita2018 , gran bella idea, niente da dire! Il tempo tiranno non ti ha permesso di scrivere una storia densa d'emozioni come sai fare tu, permettendoti di proporre quello che sembra essere un resoconto un pò incolore delle disavventure di Dolcetta. Non mi sento di dire altro sul racconto, dato che hai spiegato molto bene la dinamica della sua stesura. Anzi, una cosa te la voglio dire: grazie di aver partecipato comunque!
  8. caipiroska

    [MI143] Attesa

    Ciao @Poeta Zaza , in questo passaggio spieghi molto bene l'operazione estetica che la donna decide di fare al testo scritto da diciassettenne: seguendo questa traccia mi sono riletta il brano evitando il corsivo, leggendo il tema originale della ragazzina. Trovo che la lettura senza l'aggiunta successiva sia molto più scorrevole e meno ridondante: si sente nell'aggiunta la volontà di aggiungere ancora più poesia in un brano che era già struggente di suo. Il tema che la donna ritiene gonfio di retorica in realtà non viene completato, ma appesantito. I concetti sono sottolineati e ribaditi, troppe immagini cariche di emozione (ma probabilmente sono io che sono molto poco poetica!). Perde la natura di tema per diventare quasi poesia. E non è la stessa cosa. Un tappeto nasconde una botola che nasconde un vecchio scritto: fino a qui tutto è intrigante. Poi parli del tema che parla di tutt'altro. E poi il racconto finisce. Non so, mi manca qualcosa...
  9. caipiroska

    [MI 143] L'orizzonte di Fabrizio Torideau

    Ciao @Alberto Tosciri , che tipo tosto il tuo Fabrizio! Sembra l'unica persona normale in mezzo a gente inglobata e assuefatta al loro distopico vivere quotidiano. Lo strano nello strano è il fatto che lui sostenga una stranezza (la terra piatta) davanti a incolti che invece sanno che la terra è tonda (e non ho ben capito il perchè di questa scelta...). Alla fine lui muore affezionato a un'idea sbagliata... Ma forse in questo mondo al contrario ha un senso anche questo. La scrittura è ottima come sempre, complimenti!
  10. caipiroska

    [MI 143] 28/09/2008

    Ciao @Lo scrittore incolore , credo proprio che il tuo excipit sia uno dei migliori mai letti! Ribalti qualsiasi cosa, stravolgi sia l'ottica del racconto che del libero arbitrio stesso, insinui il dubbio, stravolgi le convinzioni... Un finale geniale, insomma! Questo finale, a mio avviso, getta però un'ombra lunga su tutto il resto del brano: così tutto diventa più pacato, più incolore quasi (eh, eh...): tutti i vari fatti narrati rimangono poco approfonditi, si alternano in maniera superficiale ( la povera Jessica è liquidata come uno scherzo del destino, quando il suo passaggio serve solo a far capire quanto siano difficili i rapporti interpersonali di Ettore). Una bella storia surreale e intrigante! Bel colpo!
  11. caipiroska

    [MI 143] L'accumulo

    Ciao @Komorebi , un racconto che rimane fino alla fine in bilico: ha ucciso la moglie, oppure no? Tutt'ora non sono sicurissima di nessuna delle due, perchè lasci tutto in un'amabile ambiguità: se è innocente, perchè i poliziotti si accaniscono su di lui? Se è colpevole perchè sembra che non lo sia? Mi fanno impazzire queste cose così! (nel senso buono!). Leggere il testo senza la punteggiatura nei dialoghi... Inizialmente l'ho trovata una scelta strana, faticosa per me lettrice; poi comunque sono riuscita a seguirti bene, anche se personalmente non mi piace (senza contare la parte che ti ha evidenziato anche Poldo, che mi ha fatto tentennare: è andato al lavoro o ha guardato i Goonies?). Tanta sana tensione in un giallo che rimane irrisolto e psicologicamente inquietante.
  12. caipiroska

    Blackout poetry 1 - Off topic

    @Ippolita2018 grazie per avermi taggata! Non so assolutamente di cosa stiamo parlando (e in genere capisco poco di poesia...), ma sembra interessante! Quasi quasi...
  13. caipiroska

    [MI 143] A casa della nonna

    Ciao @Silverwillow ! Sono dispettosa! (No, in realtà me l'ero proprio dimenticato questo Mi...) Grazie per i complimenti e i suggerimenti!!! Rispondo alle tue osservazioni e a quelle di @Befana Profana (che ringrazio molto del passaggio): ragazze mi avete rivoltato il racconto come un calzino! Poco tempo e una sola immagine apparsa all'improvviso: e ho descritto quella. Ma le vostre osservazioni sono giustissime e mi piacciono un sacco! Quasi quasi lo stiracchio, lo allungo e provo a sciogliere tutti i perchè rimasti in sospeso... Se viene fuori l'inizio di un nuovo romanzo è colpa merito vostro! Sappiatelo!!! Ciao @Almissima , Anche mia mamma mi veniva a prendere in 126 rossa, e poi caricava anche i miei amici. Una volta é riuscita a farci stare ben 7 bambini, altroché cinture di sicurezza Anche la mia aveva la 126, ma la tua è più spericolata... Mi piacciono le tue riflessioni, grazie!!! Ciao @Poldo , sono d'accordo su ciò che dici delle parentesi e di solito non le uso. Tranne domenica... Grazie del passaggio! Ciao @Poeta Zaza , mi piace, grazie!!! Ciao @Kiarka , Credo che sia la prima volta che leggo la parola divertito in coda a un mio racconto!!! Ah già, ma siamo nel 2020... Tutto è possibile! Scherzo, eh. Grazie del passaggio! Ciao @Komorebi , Anche a me!!! Chissà se ha un nome questa patologia... Ciao @Ippolita2018 , mi piacciono tutti gli interrogativi che sollevi! Credo (spero...) che il motivo sia perchè in qualche modo il lettore viene incuriosito dalla storia e ne voglia sapere di più. In effetti, a oggi, nella mia testa quello che domandi non ha risposta. Chissà, magari ci lavorerò in futuro. Grazie per le belle parole e i complimenti!
  14. caipiroska

    [MI 143] Mani

    Ciao @Poldo , mi unisco al coro di complimenti per questo racconto: poche battute per una storia che pizzica le corde dell'anima. Bravo! Il ritmo che dai al racconto è molto piacevole, con l'alternarsi di scene tra passato e presente: la storia si delinea senza forzature e lo spessore del protagonista arriva forte e chiaro al lettore emozionato. L'unica cosa che mi sento di segnalarti sono alcune incongruenze verbali. Ti porto come esempio la parte finale: tutto il brano è al presente, ma nelle prime righe usi il passato ( probabilmente va bene così, ma te l'ho segnalato perchè a me ha fatto uno strano effetto: è come se leggendo il racconto ci fosse sotto la colonna sonora sbagliata...). E qualcosa di simile accade prima, in un altro brano (ma lì - a mio avviso- è il trapassato ad avere qualche problema). Niente comunque che scalfisca questa bella prova!
  15. caipiroska

    [MI 143] Astigmatica

    Ciao @Befana Profana , bella, forte e intensa la voce di questa donna! Trovo meravigliose le persone che riescono a fare dei loro (piccoli) punti deboli dei grandi punti di forza: qui citi il superpotere di sfumare la realtà! Magnifico! Propongo un minuto di silenzio per nonno Tobia... Complimenti: brava e pungente come sempre!
×