Vai al contenuto

caipiroska

Scrittore
  • Numero contenuti

    344
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

33 Piacevole

3 Seguaci

Su caipiroska

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. caipiroska

    [Natale 2018-1] La neve riprende a cadere

    Un racconto bello e convincente! Complimenti a @Joyopi e @Plata ! Mentre leggevo pensavo: qui ci starebbe bene un bel morticino... E poi… palo! Ah, no, aspetta che forse… Bel pezzo, bel finale… bella coppia!
  2. caipiroska

    [Natale 2018-1] Pippo Pippo fa scrivere a me il titolo

    Un racconto molto particolare, intenso e pungente. A fine lettura mi è arrivato tutto insieme, lasciandomi un pò l'amaro in bocca. E no, non ho riso, ma ho riflettuto... Tramite una storia (che non c'è) siete riusciti a raccontare qualcosa che arriva oltre le parole (magia?) e che mi si è appiccicata addosso in maniera molto strana, ma piacevole. Mi piace l'idea che sta alla base del brano, mi piace quasi come l'avete resa, mentre la renna mi lascia un pò perplessa... Comunque l'accoppiata @Snowfall @Nerio si dimostra un team capace di stupire e spiazzare completamente chi legge con una scoppiettante dose di imprevedibilità che renderà molto gustoso questo contest! Buon lavoro, ragazzi!
  3. caipiroska

    [Natale 2018-1] Qua la mano

    @Edu @Lauram Vi taggo adesso...
  4. caipiroska

    [Natale 2018-1] Qua la mano

    Bel lavoro ragazzi! Lo spirito natalizio crea feeling interessanti... E racconti decisamente particolari! Prima di questa frase abbiamo un racconto, dopo ne parte un altro: è uno spartiacque insolito e repentino… Funziona? Non funziona? Non lo so, ma il racconto spiazza e diverte. Poi adoro le case tappezzate di accette...
  5. caipiroska

    Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì.

    Per me è il dinosauro la chiave di questo "racconto": perchè un dinosauro? E non una farfalla o un cane? Sull'onda di questa riflessione mi sono accorta che in un mini racconto del genere ogni animale inserito cambierebbe completamente il senso della frase. Quindi ( per tornare all'interessante invito di @Alba360 a "tradurre" questo mini attraverso la nostra sensibilità) ecco la mia versione: dopo una pausa ristoratrice che ci ha piacevolmente allontanato dalle solite incombenze, ritroviamo esattamente come li abbiamo lasciati tutti i problemi della nostra quotidianità, ma essendoci abituati, li accettiamo senza affrontarli.
  6. caipiroska

    [MI 119] L'ultimo tratto

    Non è che fa parte di questa raccolta: sono tutti racconti suoi. Per me il King migliore è quello dei racconti e forse è il modo migliore per conoscerlo. Scheletri (oppure A volte ritornano) può essere un buon inizio, poi però passa ai romanzi, eh! Comunque ti consiglio qualcosa che non hai già visto sotto forma di film: Shinig per esempio ( tratto dal libro Una splendida festa di morte) pur essendo un film notevole, non regge il confronto con il cartaceo. O meglio, è un'altra cosa... Ma questo succede spesso.
  7. caipiroska

    Mezzogiorno d'inchiostro n. 119 Topic ufficiale

    E, con il mio solito ritardo, faccio i complimenti ai vincitori @Macleo e Kikki: belli, bravi, bis! Aggiungo anche un caloroso ringraziamento a chi lavora dietro le quinte con instancabile passione. E un applauso particolare a @Unius : bello, profondo e immenso come il mare della sua magica isola.
  8. Arrivato anche il mio "premio"... Ho dovuto tenerlo lontano dai bambini perchè altrimenti si sarebbero impressionati nel vedere… con tutto quel… e poi quelle cose che... ... Non ho parole, m'inchino alla vostra infinita malvagità@Stregone , la mia mente contorta non sarebbe mai arrivata a così basse nefandezze. Nel mentre ringrazio chi, lavorando nell'ombra, ha fatto in modo che tutto questo accadesse.
  9. caipiroska

    [MI 119] L'ultimo tratto

    Ciao @AdStr , un ponte incompiuto eletto come il luogo ideale per suicidarsi. Contornato dallo squallore e da una nebbia fitta. Eppure, non so come tu abbia fatto, la poesia (un certo tipo di poesia, certo…) riesce a fluire dalle righe e inonda il testo rendendolo malinconico, decadente e struggente. La figura che si getta dal ponte senza un lamento e (sembra) nell'indifferenza generale incarna in un immagine lo squallore del mondo che ci circonda, dove i valori non esistono più e non solo si muore, ma si sparisce. Nel nulla. Nella nebbia. Mi piace questa nebbia: smorza le cose, attutisce i sentimenti insieme ai rumori della città, ma allo stesso tempo incornicia esaltando in maniera molto tetra lo squallore (l'ho già detto "squallore"?) che intasa l'anima. Mi piace questo scenario appena accennato, il cinismo della reporter, e la malefica presenza che s'intravede nella nebbia. A proposito l'hai letto La nebbia di S. King? I tuoi racconti hanno un modo particolare di presentarsi al lettore: arrivano trasversalmente, seguono curve e percorsi inconsueti per aggirare l'ignaro lettore, irretirlo in una trama che a volte spiazza e confonde (per me, ma questo già lo sai…) il tutto velato dall'inquietudine che ci sta sempre bene, per poi sferrare un affondo finale che renderà il racconto stesso indelebile nella mente di chi legge. Questa "magia" è il tuo modo di scrivere. Per il tuo sondaggio personale ti dico che questa volta ho quasi capito tutto… Ma, niente, mi ci vuole ancora una seconda lettura per sviscerare nel profondo quello che vuoi dire... Una pecca del racconto? Forse in questo brano così d'atmosfera i tuoi personaggi "chiacchierano" un pò troppo...
  10. caipiroska

    [MI 119] Carlo e Pompeo

    Ciao @Federico72 , ecco perchè si chiama Pompeo… Un racconto veramente, ma veramente ganzo! Ci sta bene proprio tutto: le citazioni dei libri (ma cosa leggi!?), il vezzeggiativo, le edizioni del Becchino, e quel finale inatteso. Per me ok!
  11. caipiroska

    Mezzogiorno d'inchiostro n. 119 Topic ufficiale

    @Cicciuzza , ci tengo a essere l'ultima...
  12. caipiroska

    [MI 119] Il parchetto

    Ciao @M.T. , hai scritto un bel racconto, scorrevole, curato e ben inquadrato nel contest. Forse anch'io da come lo hai descritto inizialmente, m'immaginavo un vecchio "molto" vecchio, ma forse anche un settantenne alla fine ci sta bene. Un vecchietto tra le altre cose molto fuori dagli schemi: anche se le sue riflessioni sono velata dalla nostalgia riesce ancora a focalizzare degli obiettivi, a darsi delle chance: Ecco, questa frase per esempio, non riesco a farla pensare ai vecchietti che conosco io: chissà perchè ma sono tutti incazzati, ce l'hanno con i giovani, dicono che prima si stava meglio e che i giovani sono dei buoni a nulla. I vecchi spesso s'incattiviscono e non riescono a vedere il bello che li circonda perchè per loro il bello non esiste più: e giù sagrati come se piovesse ( ma qui siamo in toscana…). Invece qui ribalti un pò la situazione presentando un vecchio ottimista e propositivo che ha ancora voglia di scoprire il mondo: fatemi adottare questo nonnino! Un racconto che introduce una nota di speranza dove dovrebbe esserci solo amarezza: piaciuto.
  13. caipiroska

    [MI 119] Dietro la basilica

    Ciao @Poeta Zaza , io, come al solito, avevo capito un'altra cosa… Incanalata nel tema della poesia dei luoghi ordinari, mi sono immaginata questo signore un pò trasandato e un pò fuori di testa, che filosofeggia ammirando il paesaggio. L'appuntamento dietro la basilica per me non è un fraintendimento, ma è l'unico modo che ha il protagonista per mangiare essendo caduto in disgrazia. Questo dava una velatura ancora più amara e poetica al racconto. … Poi ho letto che era un incontro fortuito con un intenzione vagamente comica. E mi è piaciuto meno. Con il tuo preambolo, con l'introduzione di questo bizzarro personaggio amante del bello e con tutto quel filosofeggiare sulla vita, ci vedevo bene un finale più romantico e decadente. Ma questo è solo il mio modestissimo parere, quindi va benissimo così.
  14. caipiroska

    [MI 119] Formiche

    Ciao @Mariner P , mi ha fatto molto piacere leggere questo testo. Il respiro naturalistico che hai saputo metterci dentro mi ha soddisfatta. Due uomini che vagabondano nel deserto a parlare di natura e animali… mi piace questa idea. E di conseguenza mi convince la poesia che scaturisce dal testo. E poi la trovata delle formiche è stata geniale: a primavera provo anch'io a sentire la loro voce! Anche se forse sarei più curiosa di sapere cosa borbottano i ragni... Buona prova.
×