Vai al contenuto

CapponiEditore

Editore
  • Numero contenuti

    2
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

5 Neutrale

Su CapponiEditore

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. CapponiEditore

    Capponi Editore

    Carissimi, sono Domenico Capponi e seguirò/seguiremo eventualmente il consiglio dello staff di iscriverci personalmente al vostro forum. Tengo a precisare alcune cose, poi - abbiate pazienza - non tornerò mai più su tali argomenti, lasciando ad ognuno la possibilità lecita e legittima di pensare quanto gli è più congeniale. La CAPPONI EDITORE non è una casa editrice a pagamento. Non chiediamo denaro, né contributi all'autore. Ribadisco che chiediamo in linea di massima che il testo ci venga fornito in formato word o pdf finito, cioè editato; dopodiché sarà compito e onere della nostra Redazione verificare la validità e la qualità di tale correzione iniziale e apportare le dovute e necessarie modifiche. E' chiaro che il nostro business non dipende minimamente dall'Editing, quindi in tutta sincerità da imprenditore trovo abbastanza inutile la maggior parte delle discussioni che ho letto in merito. Parimenti non chiediamo assolutamente agli autori l'acquisto delle copie pubblicate, così come qualcuno ha affermato. Altresì mi pare semplicistica la definizione dello staff di essere considerata una casa editrice a doppio binario. Il binario è uno. Il contratto che inviamo - e questo lo dico da ex legale - è semplicemente una bozza (come viene specificato a caratteri cubitali nella mail inviata dalla Redazione) e serve esclusivamente per dare in anticipo risposte generiche all'autore in merito alle più frequenti domande. NON E' UN CONTRATTO DEFINITIVO, lo diciamo sempre, è un semplice fac-simile generico. Successivamente al colloquio conoscitivo intercorso tra me e l'autore, il contratto andrà poi definito insieme l'autore stesso, unicamente in caso di accordo positivo tra noi due. In sintesi, il contratto ricevuto da @Francesco5 e @agostino1980 non aveva nulla di diverso da quello che la Redazione invia a tutti gli autori a cui fissa un colloquio o un incontro con me - quindi alla domanda "Perché, una volta sbilanciati, inviandomi perfino una bozza di contratto, hanno ritratto la mano?" posso solo rispondere che non abbiamo ritratto nessuna mano. In merito alla promozione, la casa editrice, nel momento in cui decide di investire su un autore, lo segue passo passo, sia nell'organizzazione delle presentazioni, sia nelle strategie di promozione sui canali più adatti per quel volume (social network, sito internet, redazione di comunicati stampa per testate giornalistiche...), sia attraverso la segnalazione dei nostri autori ai più importanti festival letterari nazionali. Inoltre io stesso affianco spesso l'autore nelle presentazioni, come si evince dalle immagini presenti sul nostro sito e i nostri profili social. La questione della promozione è infatti per noi di cardinale importanza, proprio in virtù del fatto che l'investimento sul prodotto libro è totalmente a carico della Casa Editrice. Il fatto che il sig. @Francesco5 MINEO abbia allegato l'elenco delle sue proposte e che questo, seppur corposo, non mi abbia convinto, si tratta - ripeto - di una mia personale valutazione, condivisa con la Redazione. Signor @Francesco5MINEO, questa è una impresa e come tale decide su cosa, come e quando fare gli investimenti. Cordialmente, Domenico Capponi
  2. CapponiEditore

    Capponi Editore

    Buongiorno a tutti, mi inserisco in questa discussione al fine di fare chiarezza sull'operato della Casa Editrice Capponi Editore, che rappresento. Mi sembra superfluo, ma a quanto pare necessario, ribadire che la CE non è a pagamento: noi non chiediamo contributi economici agli autori, che pubblichiamo a nostre spese. Il nostro modus operandi è trasparente. Nello specifico, a seguito di una valutazione dei manoscritti da parte del comitato di Redazione, viene effettuata una scheda che la Redazione stessa propone a me, l'Editore. Tale scheda ovviamente viene redatta solo per i testi che riteniamo possano avere le caratteristiche per una eventuale pubblicazione. A questo punto chiedo che mi venga fissato un appuntamento (generalmente telefonico) con l'autore. Il colloquio ha lo scopo di comprendere se tra me/noi e l'autore possano esistere i presupposti per la condivisione di un progetto editoriale. Tenendo conto del fatto che per me questo passaggio del confronto umano con l'autore è imprescindibile e fondamentale, tengo a sottolineare che la mia/nostra sarà una valutazione basata principalmente sulla motivazione espressa e trasmessa dall'autore. Tale motivazione dovrà comunque essere valutata in Redazione sulla base delle strategie promozionali che da anni applichiamo e che ci hanno portato ad avere contratti con i più grandi distributori italiani. Il contratto pro-forma che mandiamo a tutti gli autori che hanno superato la prima selezione di cui sopra serve solo ed esclusivamente per cercare di dare in anticipo quante più risposte e informazioni possibili agli autori. In merito all'editing, noi chiediamo che il testo ci venga inviato possibilmente nella forma definitiva, pressoché pronto per la stampa. Nel caso in cui il testo dovesse necessitare di una correzione non strutturale e non corposa, tale servizio verrà normalmente svolto dalla Redazione. Nell'ipotesi in cui il testo dovesse aver bisogno di un intervento massiccio a livello di morfosintassi, dialoghi, tagli o aggiunte, spostamenti di capitoli o porzioni di essi, eccetera, per il momento ci avvaliamo della collaborazione di Editor esterni; di conseguenza, verrà richiesto all'autore un contributo nettamente inferiore a quello mediamente richiesto dagli editor freelance. Sulla base della nostra esperienza, posso comunque affermare che si tratta di casi rari ed eccezionali, dal momento che il primo criterio di valutazione e selezione che viene seguito dalla Redazione consiste proprio nella qualità del testo stesso. Per ciò che concerne l'allusione al fatto che la nostra sia una vendita camuffata, ovvero che obblighiamo gli autori ad acquistare le copie, smentisco assolutamente tale affermazione, che ha tutti gli estremi per essere considerata una lesione del nostro operato. Nella speranza di aver dato quante più delucidazioni possibili agli utenti del forum, rimango/rimaniamo a disposizione per qualsiasi altro chiarimento e confronto, sempre in un'ottica di condivisione. Domenico Capponi Editore
×