Vai al contenuto

Jena Plissken

Scrittore
  • Numero contenuti

    43
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

33 Piacevole

Su Jena Plissken

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. @Enrico Conte Ciao Enrico, mi trovo perfettamente d'accordo con quello che scrivi. Che sia ambientato negli Stati Uniti, nell'America latina, in Indonesia o sotto casa, la ricerca è fondamentale. Personalmente, ambiento tutti i miei romanzi negli U.S.A. Non ti sto neppure a raccontare quante ore di ricerca faccio, prima di mettere nero su bianco ciò che devo descrivere. Tengo a precisare che per ricerca, non intendo un'occhiata veloce su internet. Anzi, il web lo ritengo "l'ultima spiaggia"; per ricerca intendo pubblicazioni di autori affidabili per esempio giornalisti che descrivono segmenti della vita politica, sociale di un determinato luogo, con tanto di indicazioni sui ceti sociali, differenziazione etnica, stili di costruzione, storia locale, leggende ecc. ecc. Mi piace molto anche la storia americana. Ho letto diverse pubblicazioni sulla guerra d'indipendenza e tra i nordisti e sudisti. Tutte le ore di ricerca passate chino sui libri hanno dato i loro frutti: ho pubblicato due romanzi con una casa editrice digitale il cui direttore editoriale è Franco Forte (che non è proprio l'ultimo arrivato) e a marzo pubblicherò il primo romanzo con una casa editrice che pubblica anche in cartaceo. Inutile dire che sono tutte storie ambientate negli U.S.A. Vorrei precisare che le motivazioni che mi spingono a scrivere ambientando le storie all'estero, non sono da ricercarsi in uno "snobismo" o un insano sentimento di repulsa per L'Italia; semplicemente, essendo cresciuto con autori americani (ho letto anche i classici italiani e russi), mi è venuto naturale documentarmi per ambientare le storie in quei luoghi. E veniamo ai tanto decantati errori. L'errore è sempre dietro l'angolo; anche quando si ambienta in luoghi che "dovrebbero" essere familiari. Come torno a ripetere, se ambiento una storia in Italia nella quale c'è un protagonista che si muove in lungo e in largo lungo tutto lo "stivale" bé, giocoforza devo documentarmi perché non so nulla (allo stesso modo come non so nulla dell'Ohio) di ciò che posso trovare in Calabria (non me ne vogliano i calabresi ma non ci sono mai stato... mi hanno detto che è bellissima). Sono anche convinto, però, che non è un singolo errore a inficiare la bellezza di una storia. Un'imprecisione (che sia "ambientata" in Italia o in uno stato estero) non può prevalere sulla ridda di sentimenti che ha suscitato la lettura di quel romanzo. Non posso credere che la gioia, il dolore, l'allegria o la rabbia che abbiamo provato vengano annullate dal fatto che l'autore si sia confuso tra Starbuks o Bar. E poi, se vigesse una regola non scritta che obbliga un autore ad ambientare le storie solo sotto casa, bé non avremmo storie di spionaggio nelle quali i protagonisti si spostano da New York a Bangkok, passando per Pechino e Mosca. Come in ogni aspetto della vita, la preparazione è ciò che conta realmente e, se una persona tiene a ciò che fa, sicuramente si preparerà in modo adeguato. In bocca al lupo per i tuoi scritti.
  2. Jena Plissken

    Categorie di persone maggiormente invise agli scrittori

    Eh, caro Ellery, a me è successo con un collega. Dopo aver pubblicato con una casa editrice in digitale mi ha apostrofato con: "Ho cercato il tuo libro su un sito dove si può scaricare a gratis ma non l'ho trovato". Mi sembrava pure un po' scocciato.😂
  3. Jena Plissken

    Delos Digital

    Ciao @Bambola , anch'io ho pubblicato con Delos; nello specifico per Odissea Wonderland e solo in digitale. Da quel che comprendo, il contratto Delos Digital copre solo l'edizione ebook. Se uno lo desidera, può vendere i diritti per l'edizione stampata a un altro editore. In questo caso, Delos fornisce l'ultima versione del testo in suo possesso, con le eventuali correzioni ed editing da loro eseguite per l'edizione elettronica. L'edizione stampata dovrà avere una copertina diversa. Puoi anche, sempre se ho ben compreso, rivolgerti a loro per la stampa del romanzo che potrai acquistare a prezzo scontato, oppure usare le piattaforme per la stampa in self. Comunque, trovi le informazioni che cerchi nella sezione "profilo personale" di Delos Digital Reporter, la pagina degli autori Delos.
  4. Jena Plissken

    Triskell Edizioni

    Ciao a tutti. Boh, quest'anno per me deve essere l'equivalente del mondiale dell'82 per Paolo Rossi (chi ha qualche anno come me, ha già capito). Dopo la pubblicazione con una casa editrice che è una delle più attive nel settore digitale (e della quale ho parlato nella sezione apposita), mi è arrivata anche la proposta contrattuale da parte di Triskell, per un altro mio romanzo Horror... e pensare che la mia ex diceva che scrivevo delle c.....e . Ho accettato, anche perché è una casa editrice che mi piace molto e vorrei provare l'ebbrezza di pubblicare in cartaceo. Ho avuto il piacere di rapportarmi con la "capa" Barbara che è molto disponibile, simpatica e, mi sembra di intuire, scrupolosa. E poi, se devo dirla tutta, la collana Horror che si chiama "Redrum" mi ha completamente accalappiato. Spero che quest'anno sia, dal punto di vista delle pubblicazioni, realmente come il mondiale dell'82 per Rossi... anche se dubito che riuscirei a segnare tre goal al Brasile!
  5. Jena Plissken

    Delos Digital

    Ciao a tutti. Ho firmato un contratto con Delos. Mi ha scritto il dottor Forte con una mail chiara nella quale spiegava il "modus operandi" della casa editrice. Il contratto è piuttosto semplice e lineare (una pagina) nella quale vengono riportati i termini (durata di tre anni con rinnovo annuale in automatico, royalty ecc.). Vi terrò aggiornati per quanto riguarda l'editing, tenuto conto che ci sono esperienze contrastanti tra loro in questo dibattito. Ho acquistato diversi testi Delos (genere horror) e non mi pare di aver notato strafalcioni o errori madornali, però potrò essere più preciso dopo aver effettuato l'editing, appunto.
  6. Jena Plissken

    Asylum Press Editor

    Ciao a tutti. Mi unisco anch'io alla conferma di Simone. Come ha già ben spiegato Niko, le proposte sono tre e tutte a pagamento. Con questo non voglio dire che ci sia nulla di male ma io ho declinato, avendo ricevuto un paio di proposte totalmente gratis. Come ha sottolineato Simone, sembrano molto attivi e capaci di muoversi nell'ambito Horror.
  7. Jena Plissken

    Asylum Press Editor

    Nome: Asylum Press Editor Catalogo: https://asylumpress.org/catalogo-news/ Modalità di invio dei manoscritti: https://asylumpress.org/invio-manoscritti/ Distribuzione: https://asylumpress.org/distribuzione/ Sito: https://asylumpress.org/ Facebook: https://www.facebook.com/asylumpresseditor
  8. Jena Plissken

    La Sirena Edizioni/Dark Room Books

    Ciao a tutti. Qualcuno ha avuto contatti con questa ce? Se non comprendo male, visionando il loro sito, mi sembra che puntino principalmente sul digitale. Sempre sul sito, è possibile leggere il contratto e la liberatoria per la stampa con POD.
  9. Jena Plissken

    Triskell Edizioni

    Per fortuna che siamo in due ad avere lo stesso problema. Cominciavo a preoccuparmi... mentre ora posso ornare a vedere il bicchiere mezzo pieno.
  10. Jena Plissken

    Triskell Edizioni

    Ciao @ElleryQ, come tutti gli anni faccio voto di castità alcolica ma sono un "grande peccatore" e ci casco sempre . L'unica cosa che non capisco è perché quando clicco sul link qua dal forum mi dà l'avviso che riporta la data del primo gennaio 2018 come data utile per gli invii; quando vado direttamente sul loro sito e clicco su "invio manoscritti" trovo un altro messaggio. "La minestra è sempre la stessa", nel senso che anche questo messaggio riferisce che per il momento le valutazioni sono sospese ma non parla di date. Ti indico il link: https://www.triskelledizioni.it/invio-manoscritti/ Spero che tu non mi risponda questa notte (31/12), perché non credo che riuscirò a rispettare il voto neppure quest'anno!
  11. Jena Plissken

    Triskell Edizioni

    Ciao a tutti. Scusate, forse sono io che non riesco più a connettere a causa dell'alcol ingerito in questi giorni di festa ma è possibile che sia da aggiornare il link relativo all'invio manoscritti per questa ce? Il link attuale rimanda a una comunicazione che sembra datata. Non mi pare abbia molto senso comunicare che l'invio dei manoscritti riaprirà il primo gennaio 2018, essendo oramai nel 2019. Se così non fosse, mi scuso in anticipo per il fraintendimento e cercherò di bere meno.
  12. Jena Plissken

    Triskell Edizioni

    Grazie. Probabilmente avevo io un problema con la visualizzazione della pagina corretta.
  13. Jena Plissken

    Triskell Edizioni

    Ciao a tutti. Perdonami Julia 1983 ma io sul loro sito trovo questo avviso: "Informazione di servizio: Considerando il numero di manoscritti ancora da esaminare ai fini della pubblicazione, sospendiamo per alcuni mesi la valutazione di nuove proposte. Sarà nostra premura comunicarvi quando riapriremo le submission. Vi ringraziamo per l’entusiasmo che ci dimostrate costantemente!" Tra l'altro, presumo volessi indicare gennaio 2019 e non 2018. Ho cercato anche sulla pagina Triskell di Facebook ma non ho trovato nessun riscontro. Non so se ho un problema io a visualizzare il loro sito e forse mi appare ancora l'avviso non aggiornato di cui sopra.
  14. Jena Plissken

    Ticonzero

    Grazie @Gianfranco66 , sei stato molto gentile.
  15. Jena Plissken

    Ticonzero

    Ciao a tutti. Perdona una mia curiosità: ho visto che non hai accennato all'eventuale editing. Ciò è dovuto al fatto che il testo che hai sottoposto all'agenzia non ne avesse bisogno in quanto già "pronto" o hanno pensato loro a "sistemare" le eventuali parti più deboli? E, in quest'ultimo caso, anche il costo per l'editing risulta essere vantaggioso? Chiedo questa informazione, perché sono rimasto sorpreso dai costi contenuti (anche non essendo un'agenzia letteraria in senso stretto ma di rappresentanza). Francamente, 60 euro per cercare un editore e solo 100 in caso di firma con un grosso gruppo editoriale mi pare poco. Grazie.
×