Vai al contenuto

Ale 10

Scrittore
  • Numero contenuti

    5
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

1 Seguace

Su Ale 10

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Ale 10

    Testamento

    @Ginseng , più che serenità direi calma e un pizzico di malinconia (che non fa mai male). Grazie ancora.
  2. Ale 10

    Fino alla noia

    Fino alla noia "È in questa, in tanto ingiusta posizione, l'ora, l'inizio?" Giumenta che fu gravida ed oggi, stesa, spirando rammenta le ore trascorse tra l'opposto del sovrastimarsi e l'attesa d'un Altro, assetata. Annoiava se stessa mirando le nubi, e stelle e pianeti faceva corone per gl'occhi. Facelle, aere, pulviscoli smorti. "Ma tu resta dalle mille sovrapposizioni distinguimi ancora, segnami" col calore d'un corpo che palpita, vivo. Ricorda alla vacca che diede buon latte. E sii per me roccia fortezza, fossato. "Potrei, in questo, essere indizio, dono, dono tuo, agli altri donato." Oppure lasciami qui, invisibile a nutrirmi di nubi e bere caffè, guardandoti fino alla noia. P.s: i versi tra virgolette sono tratti da "Ecloga IX" di Andrea Zanzotto, che mi ha ispirato la composizione di questo brano.
  3. Ale 10

    Testamento

    Spettacolo, @Ginseng , quello che hai scritto mi ha davvero colpito. Tralasciando gli aspetti più tecnici (sui quali di certo non posso esprimermi correttamente, considerata la mia esperienza quasi nulla), mi soffermerò su tutta la dolorosa sincerità che ho trovato in questa poesia. "Verrà il giorno in cui uomini sbrigativi in giacca nera mi dovranno seppellire. Con fretta guardano l'orologio i viventi dormono e sognano il tempo solo la morte è il risveglio all'eternità." A mio parere, in tutto lo scritto si parla del desiderio di infinito, di eternità. Più volte questa parola è ripresa lungo il testo. È bellissimo il concetto che esprimi in questi versi, che sembra quasi un controsenso, secondo il quale la vita trascorsa di fretta è una sorta di sonno ed intorpidimento (ci leggo anche una critica all'ottusa velocità della società moderna, che condivido molto), mentra la morte è l'unico vero risveglio, poichè apre all'eterno. "Ma da una tomba possono davvero protendersi mani verso il cielo? non sento schiere di angeli cantare solo il silenzio della terra." Questi sono i miei versi preferiti. Impattanti e sinceri. Veramente c'è quella salvezza che ci hanno promesso da bambini? Dov'è il paradiso? E gli angeli? La tomba diventa una prigione dalla quale non si può fuggire, e sembra non esserci speranza di salvezza, solo la terra. Forse è questo il paradiso che desideri, la stabilità tanto agognata, di fronte al mare che, ancora una volta, rappresenta ciò che è eterno. Ma tutto ciò sembra impossibile, nel "silenzio della terra". Ancora una volta una critica all'uomo moderno, che tenta in tutti i modi di esistere in eterno rendendo perenni singoli, futili istanti, che, da soli, non valgono nulla, se non aprono all'eternità. L'unica cosa che conta davvero è l'eternità delle onde, il perfetto infinito del mare, che durerà per sempre. Il finale, perfetto a mio parere, è per me difficile da interpretare. Forse sei già morto e giunto nel tuo "paradiso" di eternità? Oppure nel tuo animo sei già eterno, a differenza degli altri uomini? Non lo so, ma al di la di questo lo scritto resta una solenne e consapevole descrizione di un forte desiderio di eternità, e del bisogno di distanziarsi da un mondo troppo veloce e banale. Bellissimo, i miei complimenti. E grazie di avermi fatto riflettere. P.S: l'unica cosa che non ho apprezzato del tutto è la citazione del ghoul, non tanto per il significato (che ci sta), ma proprio per il suono che ha la parola. Trovo che l'uso di quel termine stoni un po' con la solennità generale della poesia. Detto ciò, ancora i miei complimenti.
  4. Ale 10

    Salve a tutti

    Grazie mille @Luna , leggo subito il topic.
  5. Ale 10

    Salve a tutti

    Buongiorno a tutti, sono Alessandro, ho 18 anni e scrivo (poesie, riflessioni e brevi racconti) principalmente per necessità. La scrittura è per me l'unico mezzo di instrospezione, il solo metodo con cui scavare nel fondo di me stesso. Sono arrivato qua grazie al consiglio di un amico, e ho trovato il sito veramente interessante e pieno di suggerimenti utili, che spero possiate dare anche a me quando (se vorrete) leggerete i miei modesti lavori. Grazie dell'attenzione!!
×