Vai al contenuto

Drago96

Scrittore
  • Numero contenuti

    65
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

13 Piacevole

Su Drago96

  • Rank
    Sognatore
  1. Dark Zone

    Confermo quanto ha detto: la scheda di valutazione comprende i principali "gruppi di errori" dell'opera e, anche se si riceve un esito negativo, si può inviare di nuovo il testo dopo le modifiche (correzioni) suggerite.
  2. Dark Zone

    Quindi relativamente a breve...
  3. Dark Zone

    Si sa quando dovrebbe riaprire? Spero che non sia l'anno prossimo o quello dopo...
  4. Chiado Editore

    Non ne ho la certezza, quindi potrei sbagliarmi, ma credo che facciano una selezione per decidere a chi fare una proposta a pagamento e a chi una proposta free.
  5. Qualità dell'opera in declino?

    Per quanto mi riguarda, con l'eccezione dell'unico libro che ho iniziato e che ho portato avanti fino in fondo e di quello a cui sto lavorando ora, tutto ciò che ho scritto non è stato progettato prima (niente trama ideata in precedenza, niente "tema di fondo"...). Inoltre, molti miei racconti li ho scritti su un sito di, appunto, racconti la cui particolarità è che i lettori, in un certo senso, "decidono" la trama assieme all'autore. E questa cosa, sommata alla mia "non progettazione" del racconto, mi ha portato a pensare che alcuni episodi non fossero all'altezza dei precedenti.
  6. Qualità dell'opera in declino?

    Ho provato a cercare un'altra discussione su quest'argomento, ma non ne ho trovata neanche mezza. Quindi ne apro una io. Mentre scrivevate un racconto o un libro passato (o in quello che state scrivendo adesso) vi è mai capitato di pensare che la qualità della vostra opera, per un motivo o per l'altro, stesse calando visibilmente rispetto a quando avete iniziato a scrivere l'opera? Questa è una cosa che mi ha spaventato (se così possiamo dire) diverse volte, in passato.
  7. Di che parla il tuo libro?

    Qui dipende tutto (e so che probabilmente sembra o è banale) dalla storia e da come tu, autore/trice, vedi la tua opera, indipendentemente dal sesso di appartenenza del personaggio attorno cui essa gira (scusate se questa conclusione di frase è sgrammaticata ). Per esempio (al netto del tema di fondo) se la tua storia è talmente intrecciata che neanche un filare di rovi, potresti descrivere il tutto come "un casino", un "trip mentale" o simili, in senso buono o cattivo. Faccio un altro esempio, usando il mio (primo) libro: sapendo tutta la trama dell'opera, chi sono i personaggi e cosa rappresentano alcuni di essi, descriverei il libro come un "raccontare me stesso, come sono e come vorrei e potrei cambiare, se solo trovassi il metodo e la spinta per farlo".
  8. Di che parla il tuo libro?

    Comunque, per rispondere alla domanda che fa da titolo del topic: per qualsiasi mia storia (libro o racconti che sia) non ho mai pensato ad un "tema di fondo", se è questo che chiedevi.
  9. Di che parla il tuo libro?

    Perché no? Ora una serie di risposte (nonostante i punti di domanda) serie: esigenze di trama? Perché all'autore è più facile immedesimarsi in personaggio femminili nonostante sia un uomo?
  10. Bestiario - Focus On: Il vampiro

    Dato che hai inserito "Twilight" e seguiti (per me quelli non sono vampiri: al massimo sono degli X-Men immortali!), ti consiglio anche la serie "Vampire Kisses" (che, a mio parere, è nettamente migliore dell'altra serie di libri).
  11. Protagonista orfano: è un cliché?

    Due e gemelle! Conserveranno qualche ricordo dei genitori? Per forza. Conserveranno qualche loro insegnamento? Non lo so, sono ancora in fase di progettazione della trama (ho solo la trama dell'incipit e poco più )
  12. Dark Zone

    Non lo metto in dubbio (e sarei anche l'ultimo che deve farlo ). Però col mio manoscritto c'è un "piccolo problema" che non credo che possa essere aggirato tanto facilmente (ma ne possiamo parlare in privato, se per te va bene).
  13. L'importante è che non metti un tempio cinese o giapponese nel centro di Roma o cose simili.
  14. Protagonista orfano: è un cliché?

    Ecco, altro problema che è sorto mentre lavoravo sulla trama. Per quanto, al momento, sia poco meno che un abbozzo (ho solo l'incipit, una descrizione parziale delle due protagoniste e qualche "flash" di una possibile trama), l'idea che ho attualmente per la storia (data dai flash di cui sopra) è molto simile a "La Torre Nera IV - La sfera del buio", quando Roland sta raccontando la storia di Susan Delgado, sebbene poi le cose dovrebbero andare diversamente dal libro di King. Spero di essermi spiegato, dato che ho le idee ancora un po' confuse riguardo a questa storia (e probabilmente sono andato in semi-OT)
  15. Protagonista orfano: è un cliché?

    No, niente magia in questo mio libro. Anche perché, altrimenti, tutte le torte sarebbero uguali (o quasi) tra loro.
×