Vai al contenuto

Miss Ribston

Moderatore
  • Numero contenuti

    3.179
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    24

Miss Ribston ha vinto il 16 novembre

Miss Ribston ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

2.682 Più unico che raro

Su Miss Ribston

  • Rank
    Istigatrice di storie che dormono
  • Compleanno 14 maggio

Contatti & Social

  • Sito personale
    https://www.bs-designer.it/

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Dipende
  • Interessi
    Scrittura | Lettura | Correzione bozze | Editing | Design tipografico | Arti marziali | Pasta al pomodoro | Narrativa fantastica | Giallistica | Thriller | Noir

Visite recenti

6.579 visite nel profilo
  1. Miss Ribston

    Redattore ed Editor freelance

    @silvietta87 la discussione non rispetta i parametri richiesti dal regolamento di sezione, purtroppo devo chiudere. Puoi provvedere ad aprirne una nuova rispettando quanto richiesto, così questa verrà rimossa. Grazie e buona continuazione
  2. Miss Ribston

    Meglio una piccola CE o il selfpublishing?

    D'accordissimo con te I miei sono interventi puramente informativi, perché tengo al valore dell'informazione per quel che riguarda il mio campo (sconosciuto ai più). Poi, come ho detto e come dici, ad Amazon non c'è scelta. L'importante, per me, è far sapere a che cosa si va incontro
  3. Miss Ribston

    Meglio una piccola CE o il selfpublishing?

    Magari ti è andata bene. Finché erano stampati in Olanda, o comunque non in Italia, la qualità di stampa era migliore. I materiali erano gli stessi, quindi pessimi comunque, ma con la stampa già più accettabile veniva compensato il tutto. Ora se ordini dall'Italia ti arrivano stampati da qui, da tipografie diverse a seconda di dove ti deve arrivare il libro. Posso ipotizzare che abbiano recentemente comprato (almeno da maggio scorso) delle stampanti per gli stabilimenti Amazon qui in Italia e che siano andati piuttosto al risparmio. Poi c'è da dire che, su singola copia, puoi anche non accorgerti di nulla in certi casi. Ti accorgi che c'è qualche problema quando ordini uno stock di più copie, oppure in certi casi dove l'errore è eclatante. Metto gli esempi qui sotto spoiler Spero sia più chiaro quel che intendo
  4. Miss Ribston

    Meglio una piccola CE o il selfpublishing?

    Mai sostenuto il contrario, l’ho pure scritto: se all’autore va bene così, ben venga. In qualità di professionista, però, mi sembra corretto informare gli autori e/o coloro che vogliono pubblicare con Amazon, che il prodotto stampato sarà di qualità scadente (sul piano dei materiali). Almeno sanno da principio cosa aspettarsi e per certe situazioni, come presentazioni o simili, possono organizzarsi preventivamente.
  5. Miss Ribston

    Meglio una piccola CE o il selfpublishing?

    La mia non è un'opinione personale, ma oggettiva in quanto professionista: se una carta è di pessima qualità, è di pessima qualità, non è opinione personale. Avrei potuto dire "non mi piace questa carta", ma non è quel che ho detto. La carta è oggettivamente pessima, sul piano professionale della scelta dei materiali di produzione di un libro. La stampa è pure peggio. Se la carta di una copertina si imbarca, è oggettivo (e si imbarca sempre, non in un solo caso). Se su un ordine cospicuo di copie da Amazon, la mia cliente mi chiama nel panico e mi dice che i colori della stampa della copertina sono tutti diversi, anche qui, è oggettivo che lo siano. Se una copertina, progettata perché abbia un gradiente, viene stampata a bande di colore anziché con il gradiente, è oggettivo che ci sia qualcosa che non va nella stampa. Parlo dal punto di vista professionale, di chi progetta il prodotto libro. E per un professionista è inaccettabile ottenere risultati del genere. Poi, per carità, se all'autore non importa nulla della resa estetica del prodotto, liberissimo di essere soddisfatto così. Per riportare l'esempio della cliente, cui arrivò lo stock di libri con le copertine tutte diverse nei colori, lei tutt'ora ha il libro in vendita su Amazon. Chi lo ordina da Amazon ha una copia inferiore a livello di materiali. Quando va alle fiere, alle presentazioni e per gli stock da spedire alle librerie, però, questa autrice indipendente ordina da una tipografia, perché vuole che i libri, se esposti, si presentino in una veste professionale e competitiva rispetto le pubblicazioni che si trova ad avere attorno. Non so se ho risposto alle tue domande, @Annabel, se ci sono altri dubbi chiedi pure
  6. Miss Ribston

    Meglio una piccola CE o il selfpublishing?

    Ci si rivolge ad Amazon perché c'è poca scelta, per un selfpublisher, riguardo la distribuzione. Se vuoi vedere, essere su Amazon è pressoché d'obbligo, ma essere su Amazon stampando da una tipografia esterna e inviargli le copie è pressoché un suicidio – sia dal punto di vista economico che di tempo –, per questo molti autori di auto-edizioni si affidano al suo print on demand. Perché non c'è scelta. Ritengo giusto, però, informare che il prodotto è davvero scadente dal punto di vista dei materiali. Provare per credere. Anche chi non è del mestiere lo può vedere da sé L'ideale sarebbe trovare un'alternativa alla stampa di Amazon (di maggiore qualità, si intende, ma basta davvero poco) che consenta di essere comunque venduti dal colosso.
  7. Miss Ribston

    Occhi e capelli: il solito cliché?

    Ciao @Ume Fingeba, vedo che questo è il tuo primo post. Ci farebbe piacere che i nuovi utenti si presentassero in Ingresso, prima di interfacciarsi nelle varie aree del forum, così da dare loro il benvenuto ufficiale e il link al Regolamento. Ti aspettiamo
  8. Miss Ribston

    Meglio una piccola CE o il selfpublishing?

    C'è da vedere, però, dove vai a risparmiare per poter fare i prezzi più bassi. Per esempio, con il cartaceo di Amazon puoi fare prezzi concorrenziali, ma avrai un prodotto davvero di pessima qualità, per quel che riguarda i materiali e la stampa. Ti garantisco che le copie stampate da Amazon di tutti i libri su cui ho lavorato (in qualità di designer) sono una tragedia: carta di pessima qualità; su dieci copie ordinate, sette hanno la copertina di sette gamme di colore diverse (perché Amazon non dichiara il profilo colore da dare ai file, probabilmente perché stampa sempre con stampanti diverse, dal profilo colore diverso, quindi viene uno schifo); se hai una copertina con gradiente, il gradiente viene stampato a bande, cosa che non ti fa neanche la stampante di casa, se poco poco hai una stampante per le fotografie; la carta della copertina si imbarca verso l'alto anche se il libro è appena uscito dalla confezione e non l'hai mai aperto. Quindi se vuoi andare al ribasso con il prezzo di copertina, accertati che ne valga la pena Preciso che i clienti che hanno pubblicato con Amazon l'hanno fatto per via della distribuzione che si ha, tramite Amazon, che in quanto colosso diventa una sorta di scelta obbligata. Purtroppo, però, il prodotto – sul piano della qualità dei materiali di realizzazione – è tra i peggiori che si possano vedere in commercio.
  9. Miss Ribston

    [Graphic, Visual Designer] Beatrice Spada

    Vi presento il mio ultimo progetto di copertina, realizzato su commissione dell'Agenzia Dedalo Assieme alla cover per questa biografia, ho progettato e realizzato anche il logo per l'autore, applicato in luogo del marchio editoriale.
  10. Miss Ribston

    La sinossi: discussione madre

    A mio avviso, se non è richiesta, è meglio non inserirla. Attieniti a quanto ti viene richiesto nello specifico dal singolo editore/agente, se ci sono delle specifiche, perché altrimenti cestinano (alcuni lo scrivono proprio in chiaro che cestinano le proposte non conformi a quanto richiesto). Certo, se invece non viene specificato nulla e vuoi provare, prova pure
  11. Miss Ribston

    La sinossi: discussione madre

    Spesso (quasi sempre) questo tipo di scheda non viene richiesta. Penso possa essere più utile a te, nello stilarla, per renderti conto se effettivamente tutto torna a livello di trama e struttura narrativa. Se non viene richiesta esplicitamente, meglio non allegarla e limitarsi alle specifiche dettate dai vari editori/agenti.
  12. Miss Ribston

    La sinossi: discussione madre

    La sinossi dovrebbe essere semplice e contenere solo le informazioni base che servono all'editore per capire il tipo di storia che si trova davanti (chi, dove, quando; punto di partenza della storia, breve svolgimento, punto di svolta, finale). In generale, cerca di stare entro le 1800 – 2000 battute spazi inclusi. Ti consiglierei di concentrarti sulla trama mantenendo l'ordine cronologico dei fatti, così da renderla il più lineare possibile. Puoi accennare in una frase il fatto che l'intreccio non è lineare, in modo molto diretto. Nella sinossi devi far capire di che cosa parla il romanzo, qui viene valutata l'idea della storia. Il come viene scritta lo dirà la lettura del testo stesso.
  13. Miss Ribston

    Che ne pensate dei ringraziamenti a fine libro?

    Concordo con @Silverwillow Anche io nella mia pubblicazione ho inserito i ringraziamenti volti a tutte quelle persone (perfetti sconosciuti e pure non italiani) che mi hanno fatto avere i materiali originali, o copie di materiali, che sono stati indispensabili per scrivere il romanzo. Mi sembrava corretto nei loro confronti, anche se penso che loro in particolare non li leggeranno mai (il libro è in italiano e loro sono tutti British che più British non si può ).
  14. Miss Ribston

    [Graphic, Visual Designer] Beatrice Spada

    Grazie @ophelia03
×