Vai al contenuto

Mathiel

Scrittore
  • Numero contenuti

    313
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

86 Popolare

Su Mathiel

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Genova

Visite recenti

670 visite nel profilo
  1. Mathiel

    Tempo medio di attesa dopo primo contatto?

    Potrebbe tranquillamente sparire per mesi... magari, ogni tanto - con misura,tenacia e discrezione - tu ricordagli la tua esistenza
  2. Mathiel

    Canto a una luna racchiusa nel cuore

    Allora, @Anglares sai che non sono brava a commentare, e vado a sensazioni; così farò anche stavolta, anzi, soprattutto stavolta, che hai scritto una poesia che non comprendo - né mi importa comprenderla - ma mi dà un'emozione estetica molto forte. Cioè, in questi versi traspare la bellezza. Amo molto la duplicità di registro in poesia, spesso espressa con l'utilizzo del corsivo: la parte in corsivo qui si legge quasi senza respirare,e a un certo punto però, qui secondo me è troppo, qui trabocca. Anche la ripetizione 'dal' riferito a cuore e 'da' riferito a tempesta rompe qualcosa. Questa l'impressione generale per quanto concerne il ritmo. Come ti dicevo, mi sembra una poesia traboccante bellezza, al di là della disperazione per una voce che - questo a me arriva - si sa che potrebbe volare, ma non vola. Secondo me non vola nel corsivo, e ti dico perché: perché è troppo carica troppo paradossale, vuol dire troppe cose contrastanti, è un'esplosione e non un canto. E' chiaro che nell'esplosione è contenuta una grande potenza di fuoco che, se contenuta - non concettualmente, ma dal punto di vista emozionale - esprimerebbe in un canto questa bellezza che sento, non solo qui, in questi versi, ma in ogni tuo commento, nella tua sensibilità in generale. C'è tanto, tanto, ma non basta. Serve una potatura, una rinuncia a esprimere così tanto, per dire qualcosa, qualcosa di vero. Così, se preso a sé, senza voler capire, giusto per goderne, questo verso già lo trovo magnifico. E sai cos'altro trovo che funzioni molto bene? Tutta la parte non in corsivo, così essenziale e asciutta eppure intensa, questa per me è poesia! Nel resto c'è quella bellezza che ti dicevo, un fuoco d'artificio di immagini sorprendenti. Mi fai pensare a qualche film di Lynch e a qualche altro di Sokurov, ma mentre lì c'è la rinuncia a narrare per lasciare campo all'esperienza, qui mi pare si voglia fare entrambe le cose. Non dico sia impossibile, ma certo è molto arduo.
  3. Mathiel

    Vuoti di ispirazione

    Ma certo che è normale, @SBond, o almeno può succedere a chiunque. Perché non provi a mollarci per un po'? Lasciati coinvolgere da altro, e vedrai che, quando non te l'aspetti,le idee torneranno... quando piacerà a loro
  4. Mathiel

    I Retroscena delle Case Editrici

    A me è capitato qualcosa di ancora più strano: essere ignorata da ce anche molto piccole, e ricevere una proposta da una media prestigiosa. Per me è incomprensibile, l'unica banale spiegazione che mi sto dando è che il gusto personale di chi legge la fa da padrone.
  5. Mathiel

    Lo sguardo che ti devo

    Buongiorno @Anglares mi ritrovo in quello che dici, e accade soprattutto all'interno delle poesie... mentre all'esterno, cioè nello stile, mi viene 'rimproverato' un eccesso di scarto nel registro usato di volta in volta. Come se fosse scioccante passare da una poesia all'altra, tanto quanto è morbido il passaggio interno. A proposito di sguardo, dal tuo ricevo sempre una prospettiva insolita, che mi induce a interrogarmi. Ecco, uno dei miei limiti, su cui riflettevo proprio qualche giorno fa, sta nel fatto che riesco a scrivere solo a partire da esperienze effettivamente vissute. Questo credo mi limiti parecchio. Nel caso specifico, l'insetto era proprio un piccola farfalla capovolta, che alternava l'immobilità - temevamo fosse morta - a un'improvvisa frenesia. Una volta girata, pur con ali un poco danneggiate, ha ripreso un volo goffo, ma energico, lasciandoci di sasso! Intendevo proprio la perseveranza del volo... diciamo che era tutta le sue piccole ali, in quel momento, come se l'anima della bestiola fosse proprio tutta lì. Erano frastagliate, forse più che di urto si trattava dell'incontro con un predatore, in effetti. Ho scelto 'urto' perché il trauma è un elemento di raccordo nella silloge di cui questa fa parte, e precoce perché era piccolina, e anche qui c'è un raccordo. Sto lavorando per cercare di conciliare due esigenze: la precisione dell'immagine evocata, e l'imprecisione del sentimento ad essa collegato, perché il più delle volte risulta impreciso, quando è potente... cioè, non così facilmente identificabile nell'immediato. Ho letto la tua nuova, qualcosa sta cambiando e tanto, nel tuo stile! Ti scriverò cosa ne penso più a freddo
  6. Mathiel

    Lo sguardo che ti devo

    Bella immagine! @Ippolita2018 grazie
  7. Mathiel

    Lo sguardo che ti devo

    https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/39378-rondini/?do=findComment&comment=693734 Vai così divaricando adesso a ogni passo una lacerazione e non puoi più dirti chi sei se dallo specchio un nano cattivo ti sputa addosso il mondo in frantumi e ogni scheggia puntella le tue croci forse a quel nano non hanno insegnato a parlare? Raccoglila tu, mi dicesti di una farfalla ferita e toglila dalla strada - se la tocco io, muore poi ci stupimmo della perseveranza di piccole ali frastagliate dall’urto precoce ma la verità è che furono i tuoi occhi, a salvarla io non l’avevo vista
  8. Mathiel

    Rondini

    @Nanni, fossi in te non sarei così certa che non arrivi... io sono un po' tonta in queste cose, e poi fa caldo Semplicemente, non avevo pensato che le rondini mangiano gli insetti (vivo in città e vedo solo gabbiani accanirsi sui rifiuti urbani) Certo, quel d'intorno è assolutamente corretto dal punto di vista grammaticale, può piacere come no. A rileggerti
  9. Mathiel

    Rondini

    Ciao @Nanni, mi hanno sempre affascinato le poesie brevi, mi piacerebbe saperle scrivere, ma non è affatto semplice. Penso che possano contenere una grande potenza di fuoco, soprattutto se si riesce a illuminare una scena in poche parole, come in un lampo. Dunque, la tua mi suscita sensazioni contrastanti nella prima e nella seconda parte questo mi prende, forse sarà l'efficacia di quest'immagine: rasando l'erba. E' un'immagine concreta, mi sembra quasi di sentire l'erba scorrere veloce sotto la pelle. O sotto le ali? Il soggetto del verso è umano, perché caccia via gli insetti, eppure l'utilizzo del verbo 'rasare' mi fa sentire una creatura alata. Non so se fosse nelle tue intenzioni, ma quello che mi cattura e mi colpisce è la compresenza di questa duplice prospettiva racchiusa in poche parole: mi fai sentire insetto e sapiens, insieme. E mi piace. Mentre ti leggo ad alta voce, la mia lingua va sciolta (leggiadra, direi, ecco) nella prima parte, nella seconda (nel mio sentirmi sapiens che caccia via gli insetti) avverto una pesantezza. Una brusca interruzione di qualcosa di fluido e naturale. Una rottura, anche perché l'espressione 'cacciavo via' è molto cruda, e scende parecchio di registro. Il suono gutturale è molto duro, qui, dopo quella carezza, quel planare sull'erba. Una rottura che fa sanguinare, forse eccessiva, almeno per come la sento io. Comunque questa prima parte mi funziona nel suscitare un vissuto contrastante: una dolcezza iniziale che poi si capovolge in durezza. Da quel che ho potuto capire, ti piace scrivere in metrica. Io non ne so nulla, e non posso esserti d'aiuto in questo, però quel d'intorno mi ammazza proprio la poesia. Non lo so, forse è possibile comporre un haiku in verso libero? Oppure vigono schemi più rigidi? In ogni caso, quel d'intorno lo cambierei. Qui mi sembra che tu voglia descrivere, o comunque l'effetto che mi dà questo verso è descrittivo, e non esperienziale (come era invece il primo, che preferisco nettamente). Se tolgo quella 'd', mi suona, ma mi lascia anche insoddisfatta? E allora? Dopo la prima parte in cui qualcosa mi tocca e mi scuote, qui rimango delusa. Forse non ho compreso il senso. Alla fine fai volare insetti (controvoglia) e rondini, ma come lettore, giunta alla fine, sento la mancanza di qualcosa. Se hai inteso descrivere la partecipazione del soggetto al quadro d'insieme, quindi un soggetto che diviene natura, allora quel 'cacciavo via' non ci sta, è troppo attivo, è contro natura. Altrimenti cosa?
  10. Mathiel

    Richieste cancellazioni Racconti e Poesie

    Buongiorno, per piacere potreste cancellare questa? https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/35221-germoglio/ Grazie
  11. Mathiel

    Avviso ai naviganti

    Sì, alla fine me la sono aggiustata così : tu capisci, mi dici mentre accarezzi la mia cagnolina lei non lo sa... eccetera Grazie del passaggio
  12. Mathiel

    Telecinesi

    Grazie @mercy, spero anch'io di rileggerti presto!
  13. Mathiel

    Telecinesi

    @Ippolita2018
  14. Mathiel

    Telecinesi

    Caro @AndC, grazie davvero! Mi è d'incoraggiamento quello che dici, questo è uno stile che ogni tanto tiro fuori dal cilindro, ma sul quale ho seri dubbi essendo, appunto, così 'colloquiale'. Mi fa piacere che qualcuno lo apprezzi. Mi è molto utile il tuo rimando sulla mancanza di fluidità nella lettura, ci lavorerò. e già! Anche a me non piacciono le ripetizioni, ma non trovavo altro. Forse, rileggendola tra un po' di tempo... Grazie ancora!
  15. Mathiel

    Quel giorno al mare

    ...e codesto è il regolamento https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/31431-come-inserire-una-poesia/
×