Vai al contenuto

nemesis74

Scrittore
  • Numero contenuti

    361
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

265 Strepitoso

6 Seguaci

Su nemesis74

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 3 settembre

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Campagne Umbre
  • Interessi
    Troppi!! Libri, cinema, musica, moto, mare, tecnologie, astronomia, psicologia, storia......

Visite recenti

1.916 visite nel profilo
  1. nemesis74

    Utente del mese per meriti non letterari

    Cioè un momento? Ma che... davvero? Candidatura ufficiale - ufficiosa - vidimata e bollata? Io non lo sapevo, davvero! Allora ritiro tutto e voto @luca c.
  2. nemesis74

    Utente del mese per meriti non letterari

    Ha disattivato le notifiche per questo evento o diventavo matto! È di nuovo tempo di elezioni? Ma chi è colluso stavolta? Quali sono le mazzette? Chi mi corrompe? Chi offre di meno? E chi sono i candidati? Beh, in ogni caso, come sempre, il mio voto va alla Zazzona nazionale, poetessa infaticabile nonché geniale inventrice di giochi in agorà, creati apposta per essere ignorati, fomentatrice di chat compulsiva, partecipante al MI DI FI e GI. E ultimo ma non ultimo... cantante di grido! ( bella forza direte voi, se canta grida pure) Eh no, miei cari compagni di sventura, perché se @Poeta Zaza vincerà ci posterà una sua performance su you tube in cui si esibisce nel famoso brano " Finché la barca va..." mentre si dimena con una gonnellina a fiori! Avete ancora dei dubbi? Votate votate e poi votate ancora. Prendete degli amici, o pure nemici che è meglio, fateli iscrivere al WD e fateli votare! E ancora e ancora e ancora... #unuomounvoto #votapoetazaza #finchélabarcava #poetesserock #machediavolostodicendo #qualcunomifermi #aiuto! #camiciadiforza #nonmisentotantobene #suonolakora
  3. nemesis74

    La vita tragicomica - di Gabriele Giuliani

    Fino a
    Venerdì 14 giugno nella sede della storica libreria Ubik Alterocca di Terni, ci sarà la presentazione del libro "La vita tragicomica" di Gabriele Giuliani Augh!Edizioni. Una raccolta di racconti di carattere surreale/ grottesco / tragicomico. Ne parleranno con il pubblico lo scrittore Giovanni Staibano assieme all'autore. Ingresso libero Ore 17:30 Corso Tacito, 29 Terni
  4. nemesis74

    Un Roerio da favola [31/03/2019]

    Sicuramente sì. Purtroppo
  5. nemesis74

    La vita tragicomica

    @AdStr @Jhonjey @Cerusico grazie ragazzi! Sarà bellissimo ascoltare il tuo non commento!
  6. nemesis74

    Compleanni nel WD

    @RedInferno tanti auguri infernali! Buon compleanno!
  7. nemesis74

    La vita tragicomica

    https://ibb.co/T2rLwp2 Titolo: La vita tragicomica Autore: Gabriele Giuliani Collana: Frecce Casa editrice: Augh!Edizioni Isbn: 9788893432504 Data di pubblicazione: 22/5/2019 Prezzo: 12,00 euro Genere: Comico - surreale Pagine: 130 Quarta di copertina: Cosa accomuna una coppia di anziani coniugi benvoluti da tutti a un uomo ossessionato dall'idea di mangiarsi un mandarino, oppure un placido pensionato che legge il proprio necrologio sul giornale a una donna timorosa dei fulmini? Li associa l’appartenere a una specie: quella della gente comune alle prese con la vita quotidiana e i suoi piccoli problemi, qui portati all'esasperazione. Di volta in volta i personaggi assumono il ruolo di sconfitti, di capri espiatori e di vinti costretti a vivere un'esistenza tragicomica; tuttavia, alcuni di loro riescono lo stesso a diventare eroi dignitosi e silenziosi che combattono le proprie battaglie nell'indifferenza del mondo, in un susseguirsi di situazioni paradossali, surreali e a volte grottesche. Link all'acquisto: https://www.ibs.it/vita-tragicomica-libro-gabriele-giuliani/e/9788893432504
  8. nemesis74

    Il bosco in fondo al mare

    @AdStr ciao e complimenti per la tua capacità di analisi, mi hai fornito degli spunti interessanti di riflessione. Questa sono le vere domande del racconto, a cui volutamente non do una risposta, esattamente come gli sceneggiatori di Lost a suo tempo. E complimenti per l'analogia a cui in effetti mi sono ispirato. Sì e no. Il finale è aperto in questo senso. Il ghigno induce a pensarlo ma non dà la certezza. Questo è molto interessante come soluzione alternativa. La mia idea era di rappresentare la sensazione di pace che lui prova nelle immersioni per poi, proprio in quell'ambiente a lui così sicuro e confortevole, fargli capitare qualcosa di inaspettato. Ecco perché è tutto nella premessa. Conclusione scontata: ma la conclusione non è la morte di Marco in sé, che il lettore indubbiamente si aspetta, ma che la veda attraverso gli occhi del pescatore che la certifica e che ne sorride come fosse un complice. ( lo è? ) Sì vero, faccio fatica a comprendere se sono superflue o rafforzative. Volutamente Molto in verità. Le pozze dopo le nozze Alla prossima
  9. nemesis74

    Il "ma"

    Sono molto d'accordo con quest'affermazione. Anche io uso molti ma, a volte a inizio frase, e sto cercando di togliermi il vizio. Però ( ma) ho notato che sempre più spesso che lo si usa nelle normali conversazioni quotidiane. Nei dialoghi infatti le lascio, nella lingua scritta le elimino, quasi tutte, ma se devo essere sincero nella rilettura il ma non mi disturba e così non lo vedo e spesso non lo considero nella sua forma avversativa. Perché spesso nel parlato non assume quella funzione. A volte mi sembra più un rafforzativo. Ma tant'è...
  10. nemesis74

    Perché all'autore esordiente non si perdona nulla?

    Che a loro volta sono universali!
  11. nemesis74

    Perché all'autore esordiente non si perdona nulla?

    In quel caso sarebbe stato aperto un topic per capire le ragioni della mancata risposta e chiedendosi se non sarebbe più opportuno rispondere comunque, anche con banalità, invece del silenzio/rifiuto. Anche per una questione di educazione. Una lamentela ci sarebbe sempre! Fa parte delle costanti dell'editoria.
  12. nemesis74

    Perché all'autore esordiente non si perdona nulla?

    Da questa frase e da come hai impostato il discorso quello che dici potrebbe valere solo per le CE big. La micro editoria, al contrario, pubblica anche troppo. Siamo su una media di 67.000 titoli l'anno , molti dei quali di esordienti/emergenti. Non mi pare che ci sia questa marea di rifiuti, tutt'altro! Se poi da esordiente assoluto mandi a Einaudi... certo che ti rifiutano. A me, al contrario, sono capitati sotto mano libri che sarebbe stato meglio non avessero mai visto la luce, che avrebbero avuto bisogno di un buon rifiuto.
  13. nemesis74

    AUGH! Edizioni

    Riprendo il discorso iniziato nel vecchio topic. Dopo aver valutato e firmato il contratto con Augh è iniziato nei tempi previsti l'editing. Poi un giro di correzione bozze, svolta da una persona differente dall'editor. Nel frattempo svariati contatti con l'ufficio stampa e il grafico. Tutto nella massima cortesia e professionalità. Il risultato finale mi soddisfa molto e qualsiasi richiesta o domanda è sempre puntualmente evasa dal responsabile dell'area di competenza. Normalmente non mi lascio andare in sperticati complimenti nei topic ufficiali, ma in questo caso voglio dire che mi sento un po' come entrato a far parte di una famiglia. Sono felice di essere un loro autore. Libro ben fatto, curato, dalla carta alla copertina e la grafica. Confermo quanto riportato dallo staff nel post sopra. PS quando poi a tre ore dalla tua prima presentazione la CE ti chiama per farti un "in bocca al lupo"... beh ti fa sentire un po' coccolato Da parte mia giudizio molto positivo.
  14. nemesis74

    Il bosco in fondo al mare

    @Lauram ciao cerco di chiarire un paio di dubbi e rispondere nel contempo alle domande. Ho volutamente eliminato i pensieri intimi del personaggio, cosa che, ti assicuro, è per me molto difficile. Amo far pensare i miei protagonisti che infatti poi... pensano troppo. Mi è stato detto spesso. Così questo è stato un vero esercizio didattico per me, lasciarmi andare solo a descrizioni di cui sono solitamente avaro. anche a me Ecco, questo è il vero punto del racconto che ho faziosamente omesso di spiegare, lasciando libera interpretazione al lettore. Non a caso in un commento precedente o detto "pescatore o reclutatore?" Il fatto che ghigni e non rida la dice lunga. Non ti sei persa nessun passaggio. Come detto sopra. Siamo in due! ( schiavi della battuta intendo. Simpatico solo io ) Battute a parte grazie del tuo commento, è sempre un piacere.
  15. nemesis74

    Un Roerio da favola [31/03/2019]

    Alla mail di una mia amica, che chiedeva informazioni, hanno risposto che i testi erano ancora in valutazione. Questo circa una settimana fa. In bocca al lupo
×