Vai al contenuto

miwalolita

Utente
  • Numero contenuti

    47
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    1

miwalolita ha vinto il 25 luglio

miwalolita ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

64 Popolare

Su miwalolita

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna

Visite recenti

784 visite nel profilo
  1. miwalolita

    Libro diviso in tre

    Non più di quanta ne abbia un qualsiasi altro libro. Dipende tutto da due semplici fattori: tipologia di saga, qualità dello scritto. Fossi in te eviterei i libroni - quelli sì, gli editori non li comprano a meno che tu non sia Paul Auster. E qui ti posso riportare la mia esperienza. I due libri (per il momento una duologia) con cui esordirò l'anno prossimo, hanno entrambi un finale - mediamente aperto il primo, più aperto il secondo perché spiana la strada a un terzo. L'editor della ce che li ha acquistati - ma questo lo pensava anche il mio agente - mi ha detto che i finali vanno un po' aggiustati perché il lettore non si deve sentire "obbligato" a continuare la lettura, qualora non voglia. Ognuno poi può pensarla come vuole, eh. A me, ad esempio, i finali aperti piacciono un sacco.
  2. miwalolita

    Categorie di persone maggiormente invise agli scrittori

    Quelli che dicono: "sai, io sono uno scrittore molto noto, ho collaborato con Tizio, Caio e Sempronio, sicuramente mi avrai sentito nominare, il mio nome è...". Però, puntualmente, quel nome porta sempre alla domanda: "Chi, scusa?".
  3. miwalolita

    Le grandi case editrici leggono gli invii spontanei?

    Per quanto possa valere, ho apprezzato e condiviso ogni tuo intervento su questa discussione. Le illusioni sono dure a morire. E lo sono anche le fremette rosse!
  4. miwalolita

    Meucci Agency

    Che dire, io la penso diversamente, ma a questo punto penso che stiamo davvero andando fuori tema...
  5. miwalolita

    Meucci Agency

    @quandechesimangia mi spiace che tu abbia pensato che il mio intervento volesse in qualche modo sminuire le esperienze degli altri, perché non è così. Volevo semmai far riflettere chi si è sentito inadeguato, chi ha acceso ceri eccetera eccetera, sul fatto che evidentemente è possibile passare attraverso le maglie della valutazione gratuita. Per farlo ci vuole perseveranza? Assolutamente. Ci vuole fortuna? Probabile. Sicuramente serve pazienza, ma non grandi doti informatiche. Forse, dico forse, la Meucci e altri come lei adottano questi sistemi un po' tortuosi perché di manoscritti ne ricevono tanti, davvero tanto.
  6. miwalolita

    Meucci Agency

    Io, tempo addietro, inviai alla Meucci il mio primo testo usando il classico invio di mezzanotte dopo un paio di tentativi andati a vuoto. Dopo qualche giorno, o un paio di settimane (non ricordo le tempistiche) la Meucci mi chiese il manoscritto completo e, infine, lo bocciò. E come lei, altri. Ma il punto non è questo, il punto è che le regole di questa agenzia sono semplici: se si vuole una valutazione del proprio testo gratuita, si deve usare il famigerato meccanismo senza, lo possiamo dire, munirsi di cronometro e neppure farsi venire un esaurimento nervoso. Non c'è bisogno di tirare in ballo questioni di civiltà. Chiedo scusa a @ElleryQ, non volevo riportare la discussione fuori tema!
  7. miwalolita

    If you don’t ask, you don’t get

    Una questione con una soluzione molto semplice: se ti interessa puoi andare a vedere tra le mie attività Non solo, onde evitare invii inutili e controproducenti per il proprio lavoro, sarebbe bello anche sapere cosa una casa editrice cerca (anche se molte volte non lo sanno nemmeno loro) e le agenzie servono proprio a questo.
  8. miwalolita

    If you don’t ask, you don’t get

    In questa no, ma lo trovi in altre discussioni a cui ho partecipato.
  9. miwalolita

    If you don’t ask, you don’t get

    @Lore Non ho volutamente citato il nome dell'agenzia perché l'ho già fatto in precedenza. Quanto al fatto di chiedere compensi dopo avermi scelta... beh, ti dico questo: se l'avessero fatto non li avrei scelti io.
  10. miwalolita

    If you don’t ask, you don’t get

    Che dire, siamo in due Non so, io la penso in modo diverso e ne ho avuto la conferma proprio quando sono andata alla sede di Mondadori. Sarà che io sono una caparbia, ma la speranza muore solo se la lasciamo morire
  11. miwalolita

    If you don’t ask, you don’t get

    Grazie @L'antipatico! Beh, sul fatto di essere in gamba spero proprio che sia come dici tu! Vedremo l'anno prossimo quando usciranno i libri se sarà davvero così! Ho ventotto anni ancora per poco. Per la mia esperienza posso dire di non credere che l'età sia un fattore così determinante. Magari mi sbaglio, ma ho visto manifestare pari interesse ed entusiasmo per più giovani e meno giovani, sia da parte di agenzie che di ce.
  12. miwalolita

    If you don’t ask, you don’t get

    Super-crepi! Riguardo la promozione hai proprio ragione, per questo stiamo predisponendo un piano d'attacco! @AndC la penso esattamente come te. Chiediamo a noi stessi, al mondo (a volte anche a nessuno in particolare) un sacco di cose aspettandoci che vada tutto come avevamo preventivato. Capita che questo accada, così come capita che le cose vadano in un modo un po' differente. La cattiva notizia è che spesso possiamo farci ben poco, la buona è che se una cosa deve accadere, in un modo o nell'altro accadrà!
  13. miwalolita

    Periodo giusto

    Sinceramente non saprei. A intuito, però, mi vengono in mente due cose: a) a metà luglio si è a ridosso delle ferie (posto che non siano già in corso); b) i periodi notoriamente critici sono quelli prima e durante le famose fiere del libro. In entrambi i casi si potrebbero verificare ritardi nella cernita dei testi arrivati all'agenzia. Tuttavia, detto questo, i ritardi potrebbero verificarsi in ogni caso e per migliaia di motivi diversi. Dunque, secondo la mia personale esperienza, meglio attenersi ai metodi d'invio segnalati dalle singole agenzie letterarie senza trastullarsi troppo e incrociare le dita! Che non fa mai male.
  14. miwalolita

    If you don’t ask, you don’t get

    Il primo romanzo (in realtà i primi due, perché erano legati) è lì, in stand by. Mi è stato consigliato di consolidare la mia posizione scrittrice, prima di piazzare un romanzo del genere. Se ciò accadrà - ed è proprio ciò che spero - proveremo a pubblicarlo. Non ho fretta Grazie! Sì, credo tu abbia ragione. Guardo avanti, la prossima sfida è all'orizzonte
  15. miwalolita

    If you don’t ask, you don’t get

    Grazie mille @Fraudolente!
×