Vai al contenuto

Vainamoinen

Utente
  • Numero contenuti

    58
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

15 Piacevole

Su Vainamoinen

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Vigevano (PV)

Visite recenti

129 visite nel profilo
  1. Pubblicazione con Amazon: facciamo due conti.

    Urca, io ho lasciato copie in conto vendita con ISBN di amazon... ho sbagliato quindi?
  2. La mia personale esperienza con KDP Select e Kindle Unlimited

    Curiosità: qualcuno ha provato ad impostare la promozione su amazon? Ha dato risultati tangibili? Perchè mi par di capire avviene solo sulla piattaforma statunitense, e quindi non sfruttabile su amazon.it...
  3. Sondaggio sulla promozione

    Personalmente che mi faccio coraggio... sono terribilmente timido! Inoltre si amplia la platea di uditori, e c'è la possibilità che gli invitati di altri autori conoscano la propria opera. Di contro, ogni autore non dovrebbe parlare per più di 10-15 minuti, e il tutto non deve superare l'ora. Massimo quattro autori, meglio tre. Due a mio parere sono troppo pochi. Ovviamente gli autori andrebbero riuniti per genere, e andrebbero contattate associazioni o gruppi potenzialmente interessati a tali opere.
  4. Sondaggio sulla promozione

    Iniziativa interessante! In effetti sarebbe bello se riuscissi a mettere insieme più autori dello stesso genere per una campagna pubblicitaria...
  5. Auto pubblicazione o pubblicazione con un un piccolo editore

    Torno un attimo sulla questione dell'editing. Che fare da soli l'editing sia arduo nessun dubbio. Ma il costo di un freelance talvolta è proibitivo. Nel mio caso si partiva da 3'000€ in su. Altro che saltare qualche pizza o qualche abito: sono i classici soldi che butti al vento, che non rientreranno mai a causa dei bassi volumi di vendita di un esordiente. E, per dirla tutta, due CE mi hanno scartato (almeno, così me l'hanno venduta) proprio per gli eccessivi costi che l'editing della mia opera avrebbe comportato. Se loro per prime non sono disposte a pagare un editor, figurarsi io che come mezzo di diffusione poi ho solo una piattaforma on-line. Self di fatto vuol dire per forza di cose fare auto-editing. E chi acquista la mia opera deve mettere in conto che bene o male qualche errore ci sarà. Ma di contro paga un prezzo ridotto: a dispetto del contenuto, la cui validità è soggettiva, troverà 737 pagine a 17,99€. Mi sembra quindi che il romanzo sia value for money, come dicono negli States. Laddove con una CE probabilmente il costo sarebbe schizzato a 25-28€. Senza che i volumi di vendita ne traessero giovamento per un editing che si presume sarebbe stato ben fatto.
  6. La mia esperienza con Amazon KDP

    Il problema è trovare quel che si cerca in libreria. E non mi riferisco solo ai libri tecnici di nicchia - che magari acquisto solo io. Mi spiegava il buon @Marcello che ogni settimana in tutte le librerie arrivano tre-quattro scatoloni di libri, da riempire a loro volta coi resi. Per quanto tempo quindi il libro di un esordiente può stare, non dico in vetrina, ma almeno su uno scaffale? E questo se l'esordiente ha trovato come CE Mondadori o Feltrinelli. Se invece sono con la "Vainamoinen editore" il tomo dell'esordiente in libreria fisica non ci arriverà mai, fatto salvo l'autore di persona non stringa accordi con la libraia. Ecco allora che amazon diventa terribilmente allettante, potendo pubblicizzare l'opera anche in maniera più semplice che non indirizzando i potenziali compratori alla libreria di via vattelapesca nel paesello di torrenascosta che è l'unica che ha accetatto di vendere il mio libro.
  7. La Compagnia dell'Ariete

    Parlano di me!!! https://librolandia.wordpress.com/2017/12/05/gabriele-a-v-branca-la-compagnia-dellariete/
  8. La mia esperienza con Amazon KDP

    @tom_bombadillo Grazie per la dritta! Purtroppo non stampa il formato del mio romanzo: dovrei reimpaginare, e quel che è peggio, avrei copie con formati diversi. Inoltre l'ordine minimo, 50 copie, è un pò troppo... Ma grazie comunque per la segnalazione!
  9. La mia esperienza con Amazon KDP

    Piattaforme POD mi sparano prezzi assurdi. E alcuni si appoggiano proprio ad amazon per la stampa. Nel caso KDP non implementi il programma copie autore, finirò col rivolgermi a qualche tipografia fisica.
  10. La mia esperienza con Amazon KDP

    Diciamo che una ventina di copie personali sarebbero gradite. Ma non a 18€ l'una... E purtroppo, come dicevo sopra, il costo di stampa di 718 pagine è decisamente alto... Poi nemmeno io andrò a vendere di porta in porta il libro, ma un omaggio alla biblioteca cittadina piuttosto che all'università della terza età mi pare un utile promo...
  11. La mia esperienza con Amazon KDP

    @JPK Dike @qeimada Scusate se rompo, ma a questo punto voi come avete fatto per le copie personali da acquistare? Pagate a prezzo pieno?
  12. Kindle Direct Publishing

    Personalmente preferisco puntare sul cartaceo. E in questo ho notato che la stampa in KDP ha un costo decisamente minore rispetto ad altre piattaforme POD. Essendo il mio tomo di 738 pagine in formato 9"x 6", alcune piattaforme mi hanno sparato costi di stampa prossimi ai 20€... decisamente fuori mercato. Con amazon solo 9,76€...
  13. La Compagnia dell'Ariete

    Questo è un fantasy strano. In realtà sarebbe dovuto essere un romanzo storico. Qui non ci sono cavalieri che cercano tesori nascosti, principesse che rivendicano il trono perduto, maghi che lottano per il potere personale, elfi che combattono contro un signore oscuro. Qui si parla di una compagnia di ventura al servizio di un grande impero. Ci sono creature magiche, certo, ma niente draghi. Quelli li lasciamo a G.R.R. Martin, che è infinitamente più bravo di me. Ci sono uomini ed eroi capaci di influenzare la vita altrui, ma nessuna figura messianica. Questa la lasciamo al mai abbastanza compianto Robert Jordan. Questa è una storia di uomini come altri, che cercano il proprio spazio in un mondo affollato, chi per riempire la pancia, chi per fare soldi, chi per salire di rango sociale. Nessuno di loro è perfetto, anche se si sforzano di esserlo. Nessuno è più furbo di Ulisse, ne è più bravo con la spada di D’Artagnan, nemmeno è più abile con la magia di Raistlin, neppure più scaltro come condottiero di Griffith, anche se cercano di dare il meglio di sé nella vita di ogni giorno. Qui non troverai i canoni classici del fantasy. Quindi non lo presenterò con le solite domande retoriche tipo “riuscirà il nostro eroe a riprendere quel che ha perduto”, per il semplice fatto che... non tratta di queste tematiche. Troppo irrealistiche a mio parere pure per un fantasy. Racconto invece di un gruppo di ufficiali e soldati, esiliati dalla madrepatria, che si costituisce compagnia di ventura per mettere le proprie armi al servizio di un grande impero. Guidati dall'ex-mercante Ercole Adorno, dovranno superare le difficoltà della nuova patria, la diffidenza dei loro padroni e gli intrighi politici volti a legarli ad una fazione piuttosto che ad un'altra. Ci sono sia amori che tradimenti, battaglie e spettacoli gladiatori, ma quel che ho voluto narrare è una storia verisimile. Nella quale i lettori potranno ritrovare quello che anche nelle vite di ciascun essere umano accade: le inimicizie verso compagni di classe o i professori, ancorché le rivalità verso i colleghi di lavoro o il disappunto del proprio “capo”. Gli amori che si incrociano nella propria vita e le difficoltà ad affrontare i problemi. Il tutto in salsa fantasy. Ovviamente non è però un romanzo di formazione né introspettivo, tuttaltro: questo tomo piacerà a chi ama leggere resoconti militari, storie di battaglie, di chi si compra saggi storici in ogni libreria in cui mette piede, che colleziona minuziosamente qualsiasi uscita della Osprey Publishing. Un romanzo (spero) gradito a chi ha amato la Legione di Videssos di Turtledove. A chi, dopo essersi bevuto tutte le cronache militari antiche, medievali, rinascimentali e moderne, necessita di trovare un’altra storia da leggere, perché quelle reali già le conosce. Ecco quindi perché il romanzo è diventato un fantasy: per non dover sottostare ai rigori della Storia, già scritta, nota e vincolante. E’ un fantasy quindi, ma in tale parola devi vederci solo l’ambientazione, cioè la non realtà. E’ come un’equazione non risolvibile in campo reale, e devi ricorrere alla parte immaginaria di essa, ed entrare nel campo complesso. Così è per questo libro: volevo scrivere una storia in “campo medievale”, ma i paletti erano troppi, e sono dovuto sconfinare nel “campo fantasy”. Forse lo si potrebbe definire storico-fantasy. O, poiché i protagonisti sono genovesi, un pesto-fantasy, come ha suggerito un mio amico. Segnalo anche che questo primo romanzo introduce la vicenda narrativa che si svilupperà meglio nei successivi tomi. Potrebbe apparire lento rispetto al seguito, che sarà intitolato “La testa dell’Hydra” e uscirà in primavera. In realtà i primi due tomi erano stati concepiti come romanzo unico, ma non ho avuto la possibilità di stampare 1'500 cartelle in un solo volume. Sarà il secondo tomo, ambientato nella campagna militare di… (beh, lo scoprirai se andrai avanti a leggere), ad essere più di azione.
  14. La mia esperienza con Amazon KDP

    Peccato. Una decina, al modico prezzo di stampa di 9,76€, li avrei comprati volentieri... Quasi quasi li faccio stampare da un'altra piattaforma POD...
  15. La mia esperienza con Amazon KDP

    Tale opzione non riesco a visualizzarla... dove la trovo?
×