Vai al contenuto

ottoemezzo1073

Scrittore
  • Numero contenuti

    15
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

4 Neutrale

Su ottoemezzo1073

  • Rank
    Sognatore
  1. 100 copie o Editoria a pagamento

    Buonasera. Una provocazione. Premesso che sono contro l'editoria a pagamento, mi chiedo. Acquistare cento copie, a prezzo scontato, cento copie che si sarebbero prese comunque per parenti, amici e qualche presentazione è cosa così grave? Io resto dell'idea che una CE seria debba assumersi interamente il rischio e non chiedere contributi. Ma nel caso di cui sopra, qualora ci fosse editing e cura grafica, e dopo seguisse con attenzione il testo e la sua vendita, sarebbe poi così "grave" accettare? Qualora ci fosse già una discussione simile, chiederei scusa.
  2. Auto pubblicazione o pubblicazione con un un piccolo editore

    Io credo che uno scrittore che possa definirsi tale, debba essere capace di scrivere qualcosa di bello senza il bisogno dell'editing. L'editing può migliorare un testo, renderlo ancor più bello ed io concordo. Ma se un testo da solo non ha la qualità, la leggibilità già da solo, per me è di valore troppo basso. Ripeto che non sono contrario all'editing. Sulla correzione bozze concordiamo. E' brutto un testo con refusi ed errori vari e quelli purtroppo sono quasi inevitabili.@JPK Dike
  3. Auto pubblicazione o pubblicazione con un un piccolo editore

    Buongiorno a tutti. Sono ancora in bilico sulla mia decisione. Leggo giustamente dell'editing e concordo sulla sua importanza. Permettetemi di lanciare una provocazione. Dando per scontato che uno scrittore sia in grado di produrre da solo una storia ben scritta, altrimenti non può definirsi tale, siamo così sicuri che le persone apprezzeranno, si renderanno conto dell'editing, ne apprezzeranno il valore o sarebbe sufficiente la buona versione stesa dall'autore? Altra cosa è la correzione delle bozze perché di strafalcioni ed errori di battitura, nonostante l'uso del correttore automatico, possiamo farne tutti.
  4. Presentazione

    Grazie a voi.@AryaSophia @Unius @Luna
  5. Presentazione

    @Skorpiòs @Matt_Verba Vi ringrazio per l'accoglienza. Parlo ovviamente della mia esperienza. Primo libro con una nota casa editrice specializzata in un settore che però pubblica poca narrativa e la cosa si è dunque fermata lì. Per il secondo l'ho mandato in giro, ma le case editrici rifiutavano. Io scrivo favole.fantastici. Forse è il genere che ha poco mercato, forse sono a non essere sufficientemente bravo. Ora, dopo aver ricevuto una proposta da una neonata casa editrice, sto valutando se accettare o provare la auto pubblicazione.
  6. Auto pubblicazione o pubblicazione con un un piccolo editore

    Ringrazio tutti per le risposte e per la interessante discussione alla quale avete dato luogo. Se facessi autopubblicazione, lo farei con il contributo di professionisti per editing e grafica. Ho più cose pronte, sono un autore di favole-racconti fantastici. Mi affascina molto la pubblicazione da solo per poter tenere il controllo su tutto e per aumentare i margini di profitto. Ho una proposta da una CE, non a pagamento, di recente fondazione, quindi non dovrei cercare un editore. Ho paura che un libro pubblicato da proprio possa far storcere il naso ai lettori e di avere poca "penetrazione" nel mercato. Una via di mezzo potrebbe essere accettare il contratto, risparmiando suì costi di editing e grafica,sperando in una maggior visibilità grazie all'editore e cercando di guadagnare vendendo libri, acquistati da solo con lo sconto autore e in conto vendita.
  7. Dubbi sui Contratti editoriali

    @nemesis74 La prima tiratura prevista è di 500 copie. Sulle ristampe non è previsto nulla.
  8. Auto pubblicazione o pubblicazione con un un piccolo editore

    @Spartako E' una casa editrice nata lo scorso anno. Hanno una struttura di vendita e un distributore. Fanno editing. Ho la possibilità di acquistare libri con il 40% di sconto. Non so se me li sarebbero in conto vendita. E' una cosa che si fa usualmente? Grazie
  9. Buonasera. Ho ricevuto una proposta di pubblicazione, non a pagamento, da un piccolo editore. Io però stavo da un po' pensando all'auto pubblicazione allo scopo di poter controllare in tutto il mio testo e di avere maggiori margini di guadagno: facendo curare editing e grafica da professionisti. Quale delle due strade mi consigliereste? Grazie
  10. Dubbi sui Contratti editoriali

    @Marcello Grazie. Lo farò.
  11. Dubbi sui Contratti editoriali

    @nemesis74 Posso anche accettare i cinque anni, è il rinnovo di due anni ad ogni ristampa che mi fa sorgere dubbi. Ci ho parlato telefonicamente e sembrano persone motivate e perbene.
  12. Dubbi sui Contratti editoriali

    Grazie. Mi scuso per eventuali errori, sono nuovo e sto imparando a usa il sito.
  13. Dubbi sui Contratti editoriali

    Ti ringrazio, ho provveduto a presentarmi. Sulla durata del contratto che cosa mi dici? 5 ai quali si aggiungono due per ogni ristampa? Sul presenziare a trasmissioni, presentazioni ecc. organizzate dalla casa editrice, dovrei chiedere che le spese (di viaggio, albergo, ecc) siano a carico loro?
  14. Presentazione

    Buongiorno a tutti. Mi presento. Sono un autore. Ho pubblicato anni fa un libro per una prestigiosa casa editrice, ho vinto e sono giunto in finale in alcuni premi letterari con alcune pubblicazioni dei racconti vincitori in apposite raccolte. Sto provando a pubblicare il secondo libro e ho scoperto che è più difficile del primo. Sono qui per confrontarmi e porre questioni. Grazie
  15. Dubbi sui Contratti editoriali

    Buongiorno a tutti. Ho ricevuto una proposta di pubblicazione. Ci sono alcune clausole che mi lasciano dei dubbi. Ve le indico. Se ci fosse qualche discussione già aperta, mi scuso e vi chiedo di indirizzarmi. Grazie. Il contratto dura cinque anni. Ma a questo periodo se ne aggiungeranno altri due per ogni ristampa. L’AUTORE potrà organizzare presentazioni, letture o eventi dove presentare e/o eventualmente vendere copie dell’OPERA. Per tali presentazioni è necessaria, 15 gg prima della data dell’evento a mezzo mail, l’autorizzazione dell’EDITORE, che dovrà altresì approvare tutto il materiale pubblicitario e propagandistico e che collaborerà come riterrà opportuno; L’AUTORE, contestualmente alla firma del presente contratto, s’impegna espressamente a riconoscere all'editore il diritto di prelazione all’esame dei prossimi manoscritti; L’EDITORE ha la facoltà di trasferire ad altri, in tutto o in parte, i diritti acquisiti con il presente contratto; L’EDITORE distribuirà l’OPERA attraverso i canali che riterrà opportuni. Inoltre, qualora l’EDITORE lo ritenesse opportuno, l’AUTORE si impegna a presenziare a trasmissioni in diretta o differita televisiva, radiofonica e via web;
×