Vai al contenuto

Lukas

Scrittore
  • Numero contenuti

    2
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0

Su Lukas

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Lukas

    GIORNI IMPERFETTI

    Raccolta di racconti Allo scrittore di narrativa, come al poeta, sono concessi alcuni privilegi, licenze che consentono di modificare, con e nelle parole, i fatti e le cose invariabili della natura. Basta poco, come accostare un aggettivo a un nome a cui teoricamente non si dovrebbe riferire. Un esempio: Giorni imperfetti. I giorni di per sé non sono imperfetti; anzi, suddivisi nelle ventiquattro ore di un quadrante formano un cerchio perfetto, forma geometrica di invidiabile completezza. Imperfetti sono invece coloro che quei giorni li vivono: immaturi, malati,aggressivi, innamorati, disperati. Alla perfezione della circonferenza disegnata su un foglio bianco si contrappone allora un’umanità che fa del suo vissuto pieno e disperatamente strabordante la tinta forte con cui riempire il vuoto bianco della perfezione. Imperfetta è anche questa raccolta di racconti, sporcata da una narrazione veloce e intensa, uno schizzo d’inchiostro sulla pagina vergine. (Quarta di copertina)
  2. È possibile vedere i coccodrilli fuori dal loro contesto naturale? A quanto pare sì. In fondo, diamo un “senso” a ciò che in realtà è una pura interpretazione personale, come ci ricordano con acume i protagonisti di questa variegata raccolta di racconti. C’è spazio per i ricordi onirici di un uomo che ripercor­re la propria complessa esistenza fino a raggiungere, finalmente, l’agognata vetta più alta del mondo (Il ragazzo che vedeva i coccodrilli); si analizza, con sa­gacia, l’ampio spettro dei meccanismi che scattano nella testa di uno scrittore in procinto di buttare giù un nuovo romanzo (Scrivere fa bene). Ne La poltroncina vuota si entra invece nell’ambito della distopia, in un mondo dove è stata abolita la memoria, mentre ne L’ultima bambina si viene catapulta­ti nella leggenda di una terra dove, di punto in bianco, gli abitanti si trovano senza eredi. Tra le pagine di questo libro non vi sono limiti all’immaginazione, è un viag­gio con rapide deviazioni nella fervida fantasia dell’autore. (Quarta di copertina)
×