Vai al contenuto

Vanish

Scrittore
  • Numero contenuti

    20
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

5 Neutrale

2 Seguaci

Su Vanish

  • Rank
    Vanessa Costa
  • Compleanno 01/11/1994

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Italia
  • Interessi
    Scrivo per necessità
    Mangio tanto
    Osservo la natura
    Strapazzo di coccole gli animali

Visite recenti

564 visite nel profilo
  1. Vanish

    Quale genere proprio non vi piace leggere?

    Anche a me proprio non piace... eppure adesso va tantissimo!
  2. Vanish

    Quale genere proprio non vi piace leggere?

    Ciao a tutti Oggi ho letto una recensione poco obiettiva, numerose volte il recensore giustificava le sue parole sottolineando quanto non amasse quel determinato genere (autobiografico). Devo ammettere che molto spesso ho riscontrato disinteresse verso questo genere. Voi che ne pensate? Quali generi non vi piace leggere?
  3. Vanish

    Autoconsolazione da scrittura

    SUPER NOTIZIA SABATO 10 NOVEMBRE alle 10:30 alla Biblioteca Rugantino ci sarà la presentazione del libro ! SONO SUPER FELICE!!!
  4. SABATO 10 NOVEMBRE alle 10.30 nella BIBLIOTECA RUGANTINO (Roma, Torre Maur a) si terrà la presentazione di AUTOCONSOLAZIONE DA SCRITTURA ! SONO SUPER FELICE! Chiunque volesse partecipare è il benvenuto!
  5. Titolo: Autoconsolazione da scrittura Autore: Vanessa Costa Editore: Argento Vivo Edizioni Genere: Narrativa Pagine: 80 Disponibilità del formato: Cartaceo e pdf Quarta di copertina: Una giovane ragazza fa della scrittura la sua più solida fonte di autoconsolazione. Riesce ad esprimersi solo scrivendo, ogni testo è una piccola grande confessione. Intima ed introspettiva scrive di se stessa per necessità. Il filo conduttore dell'intero libro è il bisogno impellente di raccontarsi senza filtri. Un diario intimo che con naturalezza si è composto anno dopo anno, accompagnando la scrittrice nel suo percorso di vita e custodendo le riflessioni di una ragazza che cresce, ama, soffre, si interroga costantemente. Link al topic di promozione della sezione Libri: Autrice contattata in data 17/11/2018 non ha risposto per oltre due mesi. RESPINTA
  6. Vanish

    Autoconsolazione da scrittura

    La sera in cui ho ricevuto il file della copertina ho realizzato improvvisamente che tutto era reale. Ho provato un'emozione travolgente, il cuore batteva forte e le mani tremavano di eccitazione. Pensavo che non mi sarei più emozionata così. Oggi invece ho ricevuto i libri. E quell'emozione così pungente non si è limitata a ripresentarsi...lo ha fatto ancora più forte!
  7. Vanish

    In funzione del ritorno

    Voglio uno scontro, voglio un urto. Voglio cercare l'impatto tra di noi.
  8. Vanish

    Autoconsolazione da scrittura

    Scrivevo queste pagine nel 2011, lo facevo per me stessa. Otto anni dopo leggo le stesse parole in un libro... un libro vero.
  9. Vanish

    Autoconsolazione da scrittura

    Ciao! E' stata creata la pagina del libro! Seguitela con un "mi piace" per essere aggiornati su eventi, novità, curiosità https://www.facebook.com/autoconsolazionedascrittura/?modal=admin_todo_tour
  10. Vanish

    Buonasera a tutti :)

    Ti ringrazio
  11. Vanish

    Odio

    Odio, è l’unica parola che riesco a pronunciare. Mi passa solo questa per la mente. Rabbia. Ne sono colma tanto che non riesco a contenerla. Devo trovare una via di fuga, un modo per incanalarla e renderla positiva, produttiva. Sento la forza concentrata solo nelle mani. Sferrare un pugno sarebbe il modo migliore per liberarmene ma c’è sempre l’autocontrollo, il mio più grande, bastardo, antagonista. Se avessi il coraggio di liberarmene, impazzendo mi abbandonerei in una corsa senza meta, controvento, con le braccia lanciate in aria e i pugni rigorosamente serrati. Correre, correre, fino a scaricarmi. Una lunga corsa accompagnata da un angosciante e prolungato urlo di disperazione mista a liberazione. Quelle urla che ti fanno vibrare la gola. Ecco, un urlo così. Deve sentirmi anche lui da laggiù, la mia disperazione è tale da abbracciare tutto il mondo, tra cui la Cina. Correre fino a sentire le gambe pesanti, correre fino a che la milza non chieda pietà. Allora sì. Allora mi fermerei. Lascerei andare le braccia facendole cadere lungo i fianchi. Aprirei i pugni ormai scarichi di quella rabbiosa potenza e il mio corpo assecondato da un profondo sospiro cadrebbe a terra senza forze. Ma con leggerezza. Come un palloncino che si sgonfia, un oggetto che affonda, una piuma che cade, una foglia che atterra. Cadrò, ma solo il mio corpo stanco. Io sono in piedi e mi guardo da fuori. Protendo una mano e mi aiuto a rialzarmi. Io e il mio corpo siamo in piedi, ce ne andiamo camminando. Ora mi sento così tranquilla.
  12. Vanish

    Autoconsolazione da scrittura

    Aggiungo la biografia del libro: Vanessa Costa è nata a Roma da mamma Patrizia e papà Alessandro il 1 Novembre del 1994. Studia per diventare psicologa, si è laureata in Scienze Psicologiche Applicate all'Università degli studi dell'Aquila e attualmente frequenta la magistrale in Psicopatologia Dinamica dello Sviluppo all'Università di Roma "La Sapienza". Dalla vita desidera poter viaggiare senza limiti. La sua più grande passione è la scrittura, fin da piccola ha avuto un diario segreto. Ama il cibo, gli animali e la natura, in passato infatti è stata una scout.
  13. @M.T. Questo sì, quanto ho scritto prima non è valido universalmente. Parlo basandomi sulla mia esperienza ed essendo molto giovane (ed esordiente), mi risultava difficile valutare da sola quanto fosse valido quello che stavo scrivendo. Inviarlo ad una casa editrice ed avere un riscontro da parte loro è stato chiarificatore.
  14. Per "valutazione" intendevo la decisione da parte della c.e di pubblicare un libro , se si decide di investirci personalmente è perché si è valutata positivamente l'opera e si presuppone possa vendere. Con il self publishing si passa solo attraverso la propria auto valutazione, soggetta a distorsioni.
  15. @Niko Ciao, sono nuova e girovagando sul sito mi sono imbattuta in questa discussione. Tra le note positive delle case editrici free aggiungerei la possibilità di ricevere una valutazione esterna competente. Sembra banale ma non lo è. A volte, soprattutto quando si è alle prime armi, autovalutarsi in modo obiettivo può essere un compito arduo ed un parere disinteressato è fondamentale se non si vuole rischiare un flop (e di illudersi). Ovviamente questo non significa che se un'opera viene rifiutata da una casa editrice allora è sicuramente poco valida, a volte bisogna solo stare attenti a capire se la C.E scelta sia la più adatta a noi e viceversa. Buona serata
×