Vai al contenuto

Elisabeta Gavrilina

Scrittore
  • Numero contenuti

    593
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    1

Elisabeta Gavrilina ha vinto il 17 maggio 2018

Elisabeta Gavrilina ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

217 Strepitoso

3 Seguaci

Su Elisabeta Gavrilina

  • Rank
    Elisabeta Gavrilina

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://www.romanzostorico.net/

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna

Visite recenti

1.020 visite nel profilo
  1. Elisabeta Gavrilina

    Come rendere potabili gli "spiegoni" ?

    @GioLeo82 Buona domanda Io ho messo alcuni spiegoni nelle note a piè di pagina. Hanno il pregio di non rallentare l'azione
  2. Elisabeta Gavrilina

    Per chi scriviamo quando (auto)pubblichiamo su Amazon?

    Forse perché qualche idea chiara ce l'ha e la trasmette nel modo più chiaro ed efficace. E anche perché osserva la vita reale e il comportamento delle persone, con le quali il lettore riesce a immedesimarsi. Così, al primo impatto, tutto sembra semplice, ogni parola sta al suo posto, precisa, quella, e non c'è una virgola di troppo. Aggiungi anche una personalità e uno spessore culturale notevoli. Pensa che anche oggi si potrebbe scrivere così: le grandi questioni dell'umanità sono sempre quelle. Un pincopallo invece, non sa nemmeno lui cosa vuole raccontare. Scopiazza qua e là, i personaggi sono finti, i dialoghi pure, non c'è un rigo originale. Come si fa a leggere 'sta roba? Sinceramente, mi annoio...
  3. Elisabeta Gavrilina

    Per chi scriviamo quando (auto)pubblichiamo su Amazon?

    Di recente ho riletto "Agostino" di Moravia e trovo che lo stile è leggero ma mica tanto semplice Lo definirei evocativo, chiaro, fluido, efficace ecc. Comunque, quando leggo non faccio l'analisi sintattica. Mi godo la bella scrittura (quando è bella) o smetto di leggere. Un altro grande che adoro è Soldati. Abbiamo tanto da imparare da loro
  4. Elisabeta Gavrilina

    Per chi scriviamo quando (auto)pubblichiamo su Amazon?

    Concordo. Riguardo allo stile, preferisco la definizione "fluido" o "scorrevole". Lo è lo stile di Italo Calvino, tanto per fare un esempio. Qualcuno può chiamarlo banale?
  5. Elisabeta Gavrilina

    L’ingegneria di un miracolo

    @Fraudolente Giuste osservazioni. Grazie e alla prossima! Un abbraccio
  6. Elisabeta Gavrilina

    L'accidentale palpatina

    E se si scrivesse una palpatina accidentale come cambierebbe il significato?
  7. Elisabeta Gavrilina

    Cosa vi irrita di più dei vostri "colleghi" aspiranti scrittori?

    questa non l'ho mai sentita forse perché è molto più difficile fare che criticare In realtà, credo che non sia poi così difficile scrivere come gli autori sopracitati. In rete ne trovo diversi. Con la differenza che loro stati mooolto pubblicizzati e gli altri no. Poi, l'amico @Marcello mi insegna che tanta gente compra certi libri per esibirli (o per regalarli). Mica li leggono. Sono in tanti a essere convinti che il "Codice da Vinci" parli della vita di Leonardo
  8. Elisabeta Gavrilina

    Riciclare i personaggi...

    @Jackie93 perché no? I lettori si affezionano a un personaggio e vogliono sapere il seguito della sua storia. Certo, dovrai spiegare perché ha cambiato mestiere
  9. Elisabeta Gavrilina

    Ebbe nome Lionardo

    https://www.raiplay.it/video/2019/04/Passato-e-Presente-Leonardo-da-Vinci-1c38d868-4c41-43e3-8b55-336501c6dfe5.html
  10. Elisabeta Gavrilina

    Ebbe nome Lionardo

    Al 37,21 minuto il professor Cardini parla del mio libro.
  11. Elisabeta Gavrilina

    Buon compleanno, Niko!

    Tanti auguri a te
  12. Elisabeta Gavrilina

    Io (noi) scrivo

    Potrei aggiungere un sesto punto: la costanza di promuovere i propri scritti con entusiasmo e gentilezza
  13. Elisabeta Gavrilina

    Timore di non riuscire a dare vita ai personaggi

    Anche la terza persona prevede un punto di vista, a meno che non sia sempre il narratore a parlare. Temo però che in tal caso il testo diventi di una noia mortale perché non permette al lettore di immedesimarsi con il protagonista. Quanto ai personaggi "antipatici", potrebbero addirittura diventare il punto di forza di un libro. Ogni essere umano è completo, nel senso che può provare tutte le sensazioni e le emozioni possibili: amore, paura, odio, fame, rivalità, gelosia, rabbia, impotenza, pietà o crudeltà, ecc. Occorre scavare dentro se stessi per creare personaggi di spessore, positivi o negativi che siano, e questo scavare non sempre è indolore, ma alla fine è terapeutico. Di solito non ci piace negli altri ciò che non accettiamo in noi stessi. Un personaggio si può caratterizzare in diversi modi: l'aspetto fisico, l'abbigliamento, la gestualità, il tono della voce, il linguaggio, le azioni che compie, il modo di camminare, anche l'odore. Ma la cosa più importante per creare personaggi credibili è lo scavo psicologico. Capire cosa lo spinge a comportarsi in un certo modo, come giustifica le proprie cattive azioni. Senza antagonisti una storia potrebbe essere "bellina" ma senza "sale".
  14. Elisabeta Gavrilina

    Ebbe nome Lionardo

    @Antares87 Grazie!
  15. Elisabeta Gavrilina

    Una frase che non mi torna

    @Marcello @camparino @dyskolos @mercy @sefora @Fraudolente @sefora @Emy @naty Grazie a tutti! Mi siete stati d'aiuto. Ho imparato da ciascuno di voi e soprattutto mi sono divertita!
×