Vai al contenuto

Dino57

Scrittore
  • Numero contenuti

    12
  • Iscritto

  • Ultima visita

Risposte risposto da Dino57


  1. 6 ore fa, Edmund Duke ha scritto:

    Per queste cose ci si rivolge a chi lo fa di mestiere e ti sa rispondere. Possibilmente non chiamare l'amministrazione pubblica perché è un lazzaretto di incompetenti.

    Ho lavorato in amministrazione pubblica, non posso che essere d'accordo con quello che scrivi...purtroppo. Il problema si è palesato da pochi giorni, ma seguirò il tuo consiglio...


  2. Sono in pensione dal 2019 con quota 100(risparmiatevi le maledizioni :D). Negli anni passati ho pubblicato due libri, uno con una casa editrice, e un altro con Youcanprint sempre per diletto con riscontri economici modesti, ma la soddisfazione di vedersi pubblicare tutti sappiamo quanto sia gratificante. 
    Dopo il mio pensionamento ho scritto un libro di genere erotico, e con mia somma sorpresa, ho ricevuto una proposta di pubblicazione da una importante CE , entusiasmo subito gelato dalla normativa vigente che impedisce un guadagno al di sopra dei 5000 euro lordi...anzi no, in questo caso (quota 100) anche un solo euro fa perdere il trattamento pensionistico...
    La legge non è chiara, mi par di capire , che le opere d'ingegno sono escluse del tutto dai 5000 euro lordi,  fino alla pensione di vecchiaia (67 anni)...tranne che per alcune categorie...sacerdoti, onorevoli e senatori...avevamo qualche dubbio ? ;)...
    Alla fine chiedo se qualcuno può aiutarmi a dirimere questa intricata matassa...che pare un romanzo del meraviglioso Edgar Allan Poe...
     


  3. Il 21/3/2019 alle 14:38, Elet88 ha detto:

    Buongiorno a voi e grazie per l'interazione.

     

    Ho seguito il link che mi avete suggerito e ho letto il post #9 (presumo vi riferiate a quello) ma non capisco cosa c'entri Amazon che, oltretutto, ha sede all'estero. Anzi, allo stesso link, post #2 di Crizia (Espert@) si parla della cosa e si dice:
     

     

    Che, a rigor di logica, è il risultato finale di ciò che la Legge dice.

     

    Credo che dobbiate fare chiarezza al riguardo, perché la Legge, almeno per una volta, è molto chiara.

    Scusami,  credo sia  la classica "questione di principio" che non porta da nessuna parte. Ho pubblicato con loro e sia nel contratto che sul sito è ben specificato che il deposito legale ove richiesto dall'autore come servizio  ha il costo di 14,90...altrimenti provvederà egli stesso(autore) ...all'incombenza. Ho scelto di pagare 15 euro per evitarmi inutili code in posta ...e assicurarmi il deposito legale, che in Italia è obbligatorio.
     

    • Mi piace 2

  4. La mia esperienza con questa POD la definisco...neutra... tendente verso il positivo. Premetto, non avevo nessuna speranza di pubblicazione per la mia tesi(mi sono laureato a 62 anni per una scommessa fatta dopo un bicchiere di troppo :facepalm:) anzi le poche case editrici che mi hanno risposto richiedevano somme che mi vergogno di comunicare per il loro buon nome. 
    Spinto dal narcisismo e dai soliti malefici parenti ho contattato da subito la Youcantprint, (i concorrenti mi paiono "fumosi", mia impressione personale sia inteso :cowboy:...).


    1) costo...ho pagato l'equivalente di una cena romantica per due persone, per la pubblicazione e la commercializzazione nella galassia editoriale, nel senso che il libro è reperibile ovunque voi maledetti scrittori :Pvorreste che il capolavoro sia venduto sia cartaceo che e-book tutto compreso nel senso che sul sito saprete con il loro preventivo quanto costi il vostro smisurato io :P
    2) I tempi di lavorazione sono...biblici, un prodotto già formattato con le sue cosine a posto deve mettersi in coda probabilmente per una miriade di novelli Philip Roth trepidanti, impazienti, ansiosi...
    3) i servizi si pagano, tutti. Se respirate... pagate;  trovo giusto questo approccio, ad esempio per la copertina che è un servizio da me richiesto pensavo fosse studiata da un grafico interno, viceversa molto semplicemente vi rimandano su "fotolia" per scegliere una copertina che vi convinca, non è scorretto ma nella descrizione questo passaggio non è specificato o perlomeno essendo anziano mi è sfuggito.
    4) comunicazione ?...virtuale. Dimenticatevi di ascoltare le voci dei collaboratori/ci, tutto avviene per email/WP o "chattando" on-line e questo delle volte è irritante...

     


     

    • Confuso 1

  5. Essere megalomani e cercare di far pubblicare la propria tesi compilativa e' normale?.  Confesso che la tutor mi ha incoraggiato, a suo giudizio con delle modifiche qualche casa editrice potrebbe in un impeto di harakiri editarla e pubblicare.
     Siete a conoscenza di case editrici  non EAP interessate a tesi di laurea ?.

×