Vai al contenuto

MattB

Utente
  • Numero contenuti

    87
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su MattB

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://www.mattiabertoldi.com

Informazioni Profilo

  • Provenienza
    Lugano (Svizzera)

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. MattB

    Pubblicazione a livello nazionale: ha senso?

    Sta proprio qui la questione, e anche io sarei più propenso a rivolgermi al secondo, specie se sono un esordiente.
  2. MattB

    Capire quando un manoscritto è << pronto>>

    Be', dovremmo prima sapere se li ha letti qualcuno oltre a te, o è proprio questa la tua paura: farli leggere a qualcuno? In questo caso, secondo me, il punto non è quello che provi leggendo i racconti, ma la domanda: posso fare meglio di così? Oppure, in fase di editing, mi limito a rivedere virgole e preposizioni che influiscono sull'1 percento dell'opera, senza intaccare il corpus centrale? In questo caso invia senza troppi patemi, una volta consegnata la busta ti sentirai più leggera.
  3. MattB

    Avete un "momento di scrittura"?

    Idealmente alla mattina, ma questo capita solo nei periodi di vacanza. Altrimenti nel tardo pomeriggio, raramente la sera (che di solito è il momento in cui raduno le idee e riassumo gli appunti presi durante il giorno).
  4. MattB

    Struttura di un romanzo... Ha un nome in particolare?

    Chiedo venia, ho dimenticato una "h" (è Palahniuk).
  5. MattB

    Struttura di un romanzo... Ha un nome in particolare?

    Non c'è una struttura che corrisponda a un genere. Ognuno è libero di organizzare la suddivisione in capitoli come meglio crede. Basti dire che talvolta anche i numeri delle pagine vengono alterati in relazione alla trama ("Survivor" di Chuck Palaniuk).
  6. MattB

    Sony PRS-T1

    Anche io l'ho ricevuto in regalo e come prima cosa ho acquistato una custodia in pelle dall'Inghilterra con gancio per il pennino ;-)
  7. MattB

    256K - 256 racconti da 1024 battute.

    Ho seguito il topic da persona esterna alla vicenda e devo dire che se membri di questo forum, così attenti al mercato e alle iniziative editoriali, subiscono fregature del genere, allora è chiaro che l'EAP e altre trappole più vistose abbiano effetto su autori meno consapevoli. Badate bene, questa non è un'accusa o una presa in giro (se fossi arrivato in tempo penso che avrei partecipato anche io) ma una triste constatazione. Un plauso, infine, a chi ha protestato: ben fatto.
  8. MattB

    La saggezza dei posteri - Cristina Lattaro

    Complimenti ma... Il prezzo? Non si poteva limare?
  9. MattB

    Nomi di marche

    Non penso ci siano problemi, ma io preferirei non sciorinare nomi di marche se non strettamente necessario, quindi adottando "tablet" al posto di "iPad", "palmare/smarthpone" al posto di "iPhone", "scarpe da ginnastica/sneaker" al posto di "Nike/Adidas", ecc. A meno che, ovviamente, il marchio non sia fondamentale (penso ad esempio a "Il diavolo veste Prada" dove certi nomi sono indispensabili per contestualizzare la vicenda). Non so in quale manuale l'ho letto, ma l'insegnamento alla base era: "state scrivendo fiction, se uno vuole i nomi delle marche apre un catalogo".
  10. MattB

    La miseria delle mie storie

    Scusami, ma quando hai parlato di "critici ai quali tocca scovare la morale recondita dell'opera" pensavo parlassimo di autori di un certo livello, non di esordienti. Anche quando hai parlato di tradizione anglosassone a confronto con quella italiana, ritenevo si discutesse di autori da migliaia di copie vendute. Mi sono sbagliato?
  11. MattB

    Rinunciare a un contratto nonostante sia Free

    Perdonami ma non ho capito una cosa: a quale genere appartiene il tuo libro? Perché vendere fantasy di 700 pagine può anche funzionare, ma altri generi (es. commedia sentimentale) prediligono altre misure. Ma ovviamente questo già lo saprai.
  12. MattB

    La miseria delle mie storie

    Su quello non c'è dubbio, basti pensare ai significati che possiamo dare a canzoni di appena quattro minuti, figurarsi un romanzo. Per il resto, perdonami ma dissento ancora: come fa uno scrittore, anche a patto che scriva per semplice intrattenimento, a non immedesimarsi nel lettore, a prevedere le sue reazioni? Come fa a sapere che una battuta di un personaggio fa ridere, se non si mette nei panni del lettore comune? Io non credo che scriva scene che facciano ridere solo lui. E il discorso può estendersi a qualunque altra reazione.
  13. MattB

    Rinunciare a un contratto nonostante sia Free

    Il problema principale (nel caso la casa editrice offrisse tale possibilità) è che oggi il prezzo degli e-book è ancora troppo alto rispetto alle controparti cartacee. A mio parere, il prezzo dovrebbe essere sul 50-60% rispetto al prezzo di copertina, ma spesso siamo sull'80%, se non addirittura il 90 o il 100%.
  14. MattB

    La miseria delle mie storie

    Io non ho parlato di insegnamento morale, mi pare di averlo sottolineato nel mio post; i benefici sono altri, non riguardano l'educazione del lettore. Per quanto riguarda gli scrittori, mi è difficile credere che cadano dalle nuvole se qualcuno fa loro notare che c'è una morale. Nel caso si trattasse di un messaggio secondario può pure essere, ma io credo che uno scrittore è talmente esperto e competente per quanto riguarda il suo testo che non può ignorare l'effetto che questo può avere sul lettore.
  15. MattB

    Rinunciare a un contratto nonostante sia Free

    Un argomento non ancora sollevato, che può essere interessante anche nel caso l'utente cambiasse editore: considerare l'ipotesi di uscire anche in e-book, con conseguente prezzo ridotto?
×