Vai al contenuto

Lucky83

Scrittore
  • Numero contenuti

    84
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Lucky83

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Ciao a tutti amici, sono alle prese con una nuova scaletta e tassello dopo tassello piano piano sembro riuscire a dare forma ad una nuova storia, spero che voi mi possiate aiutare un attimo nel continuare questo mio progetto, ho bisogno dei vostri consigli per sapere che motivi potrebbe avere una ragazza, maggiorenne, per ricontattare la propria madre, con la quale ha però un rapporto molto difficile e della quale si vergogna... Spero mi possiate aiutare, un abbraccio.
  2. Lucky83

    Malattie che rendono l'alcol letale??

    Grazie a tutti, ottime risposte! Grazie sopratutto ad @Annabel e @CB85
  3. Lucky83

    Malattie che rendono l'alcol letale??

    Ciao, sapete per caso dirmi se esistono delle malattie che rendono una bella sbornia di alcol letale? Non sto cercando delle malattie tipiche degli ubriaconi, cerco malattie che chiunque potrebbe avere se non va da molto dal medico (il mio protagonista è un barbone). Grazie dell'aiuto.
  4. Grazie a tutti per il bel dibattito e per i consigli, soprattutto grazie a @AndC e ai suoi consigli molto pratici e pragmatici, ma devo ringraziare personalmente anche @GiD per il suo intervento. Non vedo l'ora di fare dei passi in avanti nella costruzione della trama e nella lettura di romanzi di riferimento.
  5. @Marcello io sono reduce dall'aver appena scritto, dopo molto tempo in cui mi ero dedicato solo alla scrittura di canzoni, un romanzo breve, e l'ho scritto senza pensare a nessun target preciso, semplicemente scrivendo una storia che mi ha affascinato, poi però ieri sera mi sono imbattuto in questo video : e in questo video dicono chiaramente che quando invii un testo a una casa editrice, tra le tante cose devi specificare a quale target è dedicata l'opera che gli proponi. e io, che non ne ho la minima idea, e che al massimo potrei scrivere qual è il genere letterario di riferimento, ho voluto informarmi, tutto qui! Preferirei anch'io non doverci pensare e scrivere e basta, tenendo conto solo del mio gusto.. e magari farò anche così! Però il punto è che voglio capire, voglio provare più di una strada prima di decidere qual è la migliore per me, perché questo può solo completarmi.
  6. Ancora Grazie @Miss Ribston , avevo già intenzione appena ho l'occasione di uscire di casa di documentarmi leggendo almeno due libri che trattino lo stesso archetipo che vado a trattare io, cercherò durante la lettura di porre particolare attenzione al linguaggio, e di prendere dei buoni appunti.
  7. @Marcello Ciao Marcello, il punto è che anche un romanzo rosa può avere differenti target, può essere per un pubblico molto giovane o per donne più mature, per fare un esempio, e penso che una ragazzina e una donna possano avere anche grandi differenze in termini di gusto. Io inoltre non ero a conoscenza del lavoro preliminare che ha illustrato @Miss Ribston (grazie Miss Ribston) e ho sempre cominciato a lavorare in ogni mia opera a partire dal formare una trama completa e solida, pensando che fosse quella la base. Sapete se c'è qualche sito sul quale possa informarmi su come rendere il linguaggio del mio libro più adeguato a un pubblico di ragazze teenager?
  8. Buongiorno carissimi! Vi scrivo oggi per una questione che mi preme da un po', e del quale non vedo soluzione. Sappiamo tutti che scrivere un romanzo sapendo a quale target si riferirà è un grosso vantaggio, ma non mi sembra in rete ci siano molte informazioni su come capire a quale target è più adatta la nostra scaletta, e come fare quando trasformiamo questa scaletta in romanzo, a renderla maggiormente appetibile a quel target. Voi avete un metodo? Mi farebbe piacere sapere come affrontate questo problema, che io trovo piuttosto grosso e preoccupante. Fatemi sapere!!
  9. @Silverwillow Grazie mille della tua offerta!! Ti contatto appena avrò finito di revisionarlo.
  10. Ho appena finito la prima stesura, il testo è uscito lungo 52 cartelle. Tenendo conto che il romanzo breve parte da 51 cartelle minime, sono proprio al limite, e mi rendo conto che questa sia una situazione pericolosa per le mie possibilità di vederlo pubblicato. Più tardi o domani lo rileggerò per intero, cercando di allungare qualcosina qua e là, più che altro per completarlo e migliorarlo, perché non credo proprio che sia in questo modo che riuscirò a renderlo concretamente più lungo; ma è giusto trattare con rispetto il mio lavoro e onorarlo fino alla fine; sia che venga pubblicato oppure no. Poi chiederò un parere ad un editor, ma se nel frattempo volete farmi sapere cosa ne pensate ve ne sarò grato. Vi abbraccio.
  11. Sono quasi alla fine della prima stesura, ormai l'obiettivo è di finirlo, poi ci penserò, e dopo averlo riletto molte volte per mettere apposto tutto al meglio, penso mi rivolgerò ad un editor, chiedendogli consiglio.. Vi tengo aggiornati! Grazie.
  12. @Ace e @Silverwillow grazie mille, i vostri consigli sono utili e mi sono serviti per chiarirmi e motivarmi. Riguardo a quel che dice ACE, ti posso rispondere che il testo che sto scrivendo ha la natura di un romanzo, ma il punto è che io non sono bravissimo a fare digressioni, ci sto riuscendo in questi giorni, per la prima volta dopo molti anni (ci ero già riuscito moltissimi anni fa scrivendo un testo che poi è andato perso), però mi sento ancora un principiante delle digressioni, non sono mai lunghissime le mie, questo dona più ritmo alla scrittura, ma potrebbe rendere il testo finale troppo corto. In questi giorni sono andato avanti a scrivere, e mi sono un po' tranquillizzato, perché ho visto che sto riuscendo ad ottenere una lunghezza dei primi capitoli che per ora è adeguata a formare un romanzo breve, però tutto è ancora in bilico! è in bilico perché il capitolo finale fa pensare che sia difficile scrivere abbastanza lungo quel capitolo… quindi è tutto in bilico fino alla fine, e scoprirò solo più avanti come andrà a finire quest'avventura! Per ora posso solo ringraziarvi!
  13. Ciao a tutti carissimi amici sognatori, dopo un lungo periodo dove ho scritto una marea di canzoni che raccontavano storie, ho una storia da scrivere pensata per un romanzo, ma che fatico a rendere abbastanza lunga da divenire davvero un romanzo. Nella situazione in cui sono ora, dopo un paio di calcoli, noto che il risultato uscirebbe nella forma di un racconto lungo (un racconto lungo è da 11 a 50 cartelle editoriali). Sto valutando se allungare i capitoli in modo da arrivare a un romanzo breve (da 51 a 150 cartelle il romanzo breve). Voi cosa mi consigliate di fare? Tenete conto che sto ragionando in ottica di una pubblicazione, e non intendo un auto pubblicazione. So che nella letteratura di oggi domina la scena non solo il merito, ma anche la lunghezza di ciò che si propone, e vorrei quindi sapere voi cosa mi consigliate di fare. Vi abbraccio tutti, grazie.
  14. Lucky83

    Scovare una sorella misteriosa

    Se Maria parla da sola, passando davanti casa della sorella (un po' forzata, lo ametto..) potrebbe rallentare e guardare la casa dicendo una frase tipo "non è mai a casa quella lì.. ha preso tutto da mamma!" Altrimenti un dialogo in una telefonata.. nella telefonata potrebbe anche non parlare della sorella, ma magari del suo nipote (figlio della sorella). Difficile farglielo capire senza che lo senta dalla sua voce..
  15. Lucky83

    La Babysitter (come amplificare un conflitto?)

    @leopard Nel finale della canzone farebbe comodo dare un ultimo colpo di scena.. essendo un colpo di scena anche due frasi bastano, non allungano.. e probabilmente hai ragione sul fatto che una frase detta da un padre non ha molto effetto, ma era l'unica idea che mi era venuta.. P.s. ma le Babysitter non tengono i bambini sempre a casa? io me la immaginavo a lavorare quasi solo la sera.. con lo scuro.. però è vero che potrebbe anche lavorare in altri orari, solo che mi sembra strano che porti al parco i bambini.. ma del resto io ho esperienza di babysitter solo tramite i film.. @Nightafter Il contesto della canzone è più o meno drammatico.. racconta solo di uno dei tanti aspetti della vita che ci mettono di fronte a delle contraddizioni.. il genere musicale è rap italiano (non trap). Fammi sapere se ti servono altre informazioni, perché al momento non so di cosa hai bisogno.. ti avviso che se andrai a cercare storytelling di rap italiano non troverai canzoni simili a ciò che faccio o che ho in mente di fare, nelle mie canzoni do un importanza alla trama che gli altri non danno, prediligendo altri aspetti come i giochi di parole o le metafore..
×