Vai al contenuto

giulia bernardi

Scrittore
  • Numero contenuti

    11
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

19 Piacevole

Su giulia bernardi

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    Così anche per me. So che lavorano e se ci sarà per me una possibilità, la coglieranno ( e me la faranno cogliere). Mi sento però - a questo punto - stranamente orgogliosa di essere l'unica "sopravvissuta di Novembre".. anche se devo contenere le speranze che l'attesa potrebbe alimentare. Non volevo offendere nessuno nell'affermare che non ho mandato il mio romanzo ad altri, dopo la Lorem, ma semplicemente applicare quello che nelle ore di religione ci viene inculcato come "non fare agli altri quello che non vorresti essere fatto a te", ed ho spiegato: nel mio lavoro, giacchè lo considero una passione che intrido di professionalità (aaahhh..la modestia!), mi pesa che i clienti si rivolgano ad altri mentre sto lavorando per loro. E' una mera questione di modus operandi, mio personale, personalissimo. E forse sbagliato. Ma non vorrei che venisse interpretato come un punto morale. Mi scuso se questo è il messaggio passato. Ma un complimento l'ho ricevuto: la presupposta giovane età. Non è così, purtroppo. Ma non sono neppure tanto vecchia da non poter aspettare un anno.
  2. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    Sul tema: partecipazione concorsi e invio ad altri agenti/ case editrici. Premetto che io sono una dei "sopravvissuti di Novembre" e tra un po' festeggerò l'anno - ma con tranquilla pace d'animo - di attesa. S'intende, speranzosa. Mi è sembrato corretto, e così ho agito, non mandare ad altri il mio manoscritto. Seppure, in occasione di un piccolo concorso regionale, ho scritto alla Lorem (ed ho avuto immediata risposta) chiedendo se potessi parteciparvi. Alla loro risposta positiva, l'ho fatto (ed ho anche vinto, ma si trattava di un solo capitolo incentrato - da tema del concorso - sulla violenza sulle donne). Ho "misurato sul mio metro" questo sentire: nella mia vita lavorativa, non amo che i miei clienti mi pongano in concorrenza con altri, quasi mettessero alla prova la fiducia che stanno riponendo in me, che avessero bisogno di controprove. E se poi dicessero di sì? E il mio romanzo fosse già stato esaminato da metà degli "addetti ai lavori"? Mi sembrerebbe una scorrettezza, nei confronti di chi si è dedicato a lavorare sul mio... Quando avrò l'eventuale esito negativo, allora contatterò altre figure editoriali. Se poi non otterrò nulla...vorrà dire che non sono fatta per scrivere romanzi! Un'altra cosa, seppure collegata alla precedente, è l'attesa. Se fossimo "cavalli vincenti" le briglie al collo le avremmo avute dopo un mese. Il fatto di attendere così tanto con le letture esterne significa, nella mia opinione, essere sul ciglio del baratro... ovvero essere da bravetti a poco più che mediocri, magari con una sola delle caratteristiche necessarie: un "bello scrivere" o una "trama appassionante" o un pò di tutte e due... ma non sufficienti per farci vincere. Quindi, l'eventuale lavoro di editing da fare su di noi è pesante, costoso, con esito incerto. E si deve trovare chi si prenda il rischio imprenditoriale di farlo. Certo è che io spererei con tutta me stessa che la Lorem Ipsum dica "scommettiamo su di te", ma il tempo ed il suo prolungarsi non indicano per forza questo favore. In cambio, mi sembra doveroso mantenere la correttezza necessaria nel rispetto del lavoro che stanno facendo su di me ed una lealtà, altrettanto necessaria, a livello umano.
  3. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    Mah...come detto, preferisco amare e non sapere se sono corrisposta - crogiolandomi alla luce di questo sogno - piuttosto che avere contezza di non essere amata! Laddove dovessi sollecitare e poi avere l'agognata risposta e restarci male.. me la godo ancora un pò. Capisco, è questione di punti di vista. Intanto ho un periodo molto intenso lavorativamente, così mi posso abbondantemente distrarre. L'unica cosa a cui tenevo era che non si fossero dimenticati di me, ma JaV (in persona) mi ha rassicurato in questo senso. Perciò cuore in pace e attendo.
  4. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    E mi son persuasa che preferisco di gran lunga attendere (e non sapere niente) che sentirmi dire "NO". Per questo ho il sorriso.
  5. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    Ci sono io, che attendo da Novembre. Con pazienza e sorriso.
  6. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    Tra l'altro, sarebbe meglio "con i tempi di cui qualsiasi imprenditore necessita". Anche io non leggo e non correggo prima di mandare... mi scuso.
  7. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    Posso aggiungere solo la mia piccola esperienza: come detto, ho spedito il mio manoscritto a Novembre, ho "rotto" solo due volte alla Lorem Ipsum per avere un paio di risposte che non concernevano propriamente la lettura del libro (volevo partecipare con un estratto ad un piccolo concorso e volevo sapere se potevo farlo; la seconda volta, avendo sostituito il computer - e non essendo proprio una super tecnologica - mi ero persa due settimane di posta ) Ho sempre avuto risposte corrette, immediate e risolutive. Ho avuto anche il piacere di ricevere una risposta da "Jav", gentile ed esaustiva, tra l'altro impegnato al Salone di Torino. Mi pare che sia già anche troppo: lavorano, sono presenti, e sopportano anche le nostre molteplici pressioni. Se ci siamo affidati a loro, continuiamo ad affidarci e a fidarci: se il nostro libro sarà buono, bene, altrimenti ci verrà detto "no". Con i tempi che qualsiasi imprenditore necessita per fare al meglio il proprio mestiere. E' inutile tirare in ballo sensibilità ferite e frustrazioni latenti... lasciamoli lavorare! Paure ed aspettative non si possono evitare, ma se non volevamo subirle potevamo tenerci il nostro libro nel cassetto.
  8. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    Dopo una tale risposta mi sento ancor più rincuorata. Ma il rovescio della medaglia è dover contenere quel barlume di speranza che, i giorni, i mesi, fanno aumentare di intensità. Insomma, in triestino noi diremmo: "stùda quel fanàl"!
  9. giulia bernardi

    Lorem Ipsum

    Io attendo ancora da Novembre... qualcuno aspetta ancor trepidante da quel mese e vuol condividere con me le sue ansie? Non sarò rimasta l'unica, credo!
×