Vai al contenuto

Lettore

Lettore
  • Numero contenuti

    66
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

7 Neutrale

Su Lettore

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

307 visite nel profilo
  1. Lettore

    Dubbi sui Contratti editoriali

    Ed. Bibl. Nazionale forse significa Editoria Bibliografica (?) Nazionale? Comunque ho visto che i libri editi da questa CE sono presenti sui principali stores on line come Amazon ecc...
  2. Lettore

    Dubbi sui Contratti editoriali

    Vi ringrazio per i consigli. A me serviva capire se l'editore può pretendere il pagamento dell'editing se non è esplicitato. In realtà, trattandosi di un'opera poetica sottoposta nel corso degli anni alla lettura di alcuni miei esperti colleghi, preferirei che si intervenisse il meno possibile. Riguardo alla distribuzione leggo che il libro sarà distribuito in librerie di città capoluogo e sui siti dell'Ed. Bibl. Nazionale. Cosa si intende con questa espressione? È un'espressione generica per indicare tutti i siti di cui l'editore usufruisce per la distribuzione? Ho visto che i libri di questo editore si trovano su varie piattaforme on line, come quelli di tutti gli editori ormai. Riguardo ai compensi l'editore di impegna a corrispondermi l'8% sul prezzo di copertina defiscalizzato. Per defiscalizzato si intende "senza iva", giusto? Ringrazio ancora tutti per le celeri risposte.
  3. Lettore

    Dubbi sui Contratti editoriali

    Ho due dubbi da sottoporre alla vostra attenzione: 1) In un contratto che mi è stato proposto si parla di "normali canali librari". Con questa espressione si indicano anche i canali di distribuzione on line? 2) Nel contratto non si da specifico riferimento all'editing. Leggo solo che l'Editore si impegna a pubblicare il testo entro tre mesi dalla consegna delle ultime bozze. Non si dice altro su bozze ed editing. In questo casi l'Editore potrebbe pretendere costi per l'editing anche se nel contratto non è specificato? Grazie per l'aiuto.
  4. Lettore

    Sarà

    Sebbene ad una prima lettura possa dare fastidio l'immagine del silenzio inviolato e del cielo di cui si fa talvolta abuso, il testo ha una linearità e un equilibrio che lo rendono di piacevole lettura.
  5. Lettore

    Senza titolo

    L'immagine costruita nella prima strofa è uno dei "gesti" piú naturali compiuti dall'uomo: cercare ed indagare se stessi, senza poter dire chi siamo, senza poter delimitare confini. Si cerca, allora, nella memoria (a cosa, in fondo, dovremmo ricorrere o aggrapparci, per ricostruire la nostra storia, se non ai ricordi?), ma il passato è già consegnato all'oblio e, ciechi, non siamo in grado di vederlo. Il verso isolato vorrebbe evidenziare la condizione di oblio alla quale si è destinati. Di quest'ultima strofa mi sfugge la sintassi e, sinceramente, anche il senso non mi è chiaro. Credo che i temi, se la mia interpretazione è corretta o possibile, siano sviluppati attraverso immagini non banali (la sabbia e la stratificazione della memoria, ad esempio). Non mi convincono, però, diversi aspetti linguistici, per esempio scelte lessicali ed alcune difficoltà sintattiche, che non discuto nei dettagli, dal momento che ho voluto proporre semplicemente qualche osservazione di carattere contenutistico.
  6. Lettore

    Concorsi a pagamento: ne vale la pena?

    Grazie per aver raccontato la tua esperienza e riportato la tua opinione. Da poco mi affaccio al mondo dei concorsi letterari, da circa un anno e mezzo, e lo faccio per capire se i miei lavori possano ricevere apprezzamenti. Il problema dei concorsi, secondo il mio parere, consiste nella mancanza di un giudizio da parte della giuria (almeno nei concorsi a pagamento) e, quindi, di indicazioni utili al miglioramento del proprio lavoro.
  7. Lettore

    Concorsi a pagamento: ne vale la pena?

    Qual è stata la tua esperienza? Servono per avere un po' di visibilità, per farsi conoscere, in altre parole? In circa un anno e mezzo ho partecipato a 15-16 concorsi, senza ottenere alcun riscontro. Sinceramente spero che i poeti vincitori siano stati meritovoli, però in alcuni casi ho notato qualcosa di ambiguo (ad esempio, grazie a semplici ricerche on-line, ho visto che i vincitori probabilmente conoscevano i giurati).
  8. Lettore

    Concorsi a pagamento: ne vale la pena?

    Cosa intendi per costi limitati?
  9. Lettore

    Avviso ai naviganti

    Se usassi "coccolare"?
  10. Lettore

    Avviso ai naviganti

    Se utilizzassi "coccolare"?
  11. Lettore

    Concorsi di poesia

    Gentili lettori, Potreste consigliarmi concorsi di poesia che, per esperienza diretta, considerate seri? Potreste condividere le vostre esperienze sulla partecipazione a concorsi sia gratuiti sia a pagamento? Grazie a tutti.
  12. Lettore

    Informazioni concorso Viaggi di Versi

    La tua testimonianza mi conferma che ho fatto la scelta giusta: non partecipare.
  13. Lettore

    Avviso ai naviganti

    La scena evocata è di una straordinaria tenerezza (non voglio scomodare Catullo, ma per un attimo l'immagine ha rievocato Lesbia gioca con il passero). Ogni addio è sempre carico di tensione e, talvolta, di aspettative: sei riuscita, con la tenerezza delle immagini, a trasmettere queste sensazioni. Come qualcuno ha notato, lavorerei su qualche scelta lessicale.
  14. Lettore

    Concorsi a pagamento: ne vale la pena?

    Mathiel, mi farebbe molto piacere se ci confrontassimo su questo tema. Grazie e a presto
  15. Lettore

    Concorsi a pagamento: ne vale la pena?

    Da poco piú di un anno partecipo a concorsi di poesia (finora ho partecipato a 14-15 concorsi in toto) e non ho ricevuto alcun riscontro positivo. Al di là dei premi messi in palio, a me interessa principalmente sapere cosa pensano dei miei testi gli addetti ai lavori e proprio in quest'ottica vorrei trovare concorsi seri, nei quali c'è la sicurezza di essere letti e valutati. Purtroppo in alcuni casi ho potuto constatare, mediante ricerche on-line, che i vincitori erano legati a membri della giuria.
×