Vai al contenuto

reeebs

Scrittore
  • Numero contenuti

    7
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su reeebs

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 02/03/1977

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Ancona

Visite recenti

341 visite nel profilo
  1. reeebs

    Presentazione del romanzo CR*61242

    Fino a
    Presentazione presso il Bar La Rotonda Vìstrot di Ancona del romanzo "CR*61242" di Riccardo Rossi - dialoga con l'autore Lorenzo Garozzo, letture a cura di Michele Lanzi, tappeto sonoro di Brendon Raschia e della sua chitarra acustica. Maila, diciotto anni ancora da compiere, è una ragazza brillante, studiosa e innegabilmente bella. Di origini persiane, ha un fidanzato che incarna il tipico modello del “figlio di papà”: ricco, viziato e abituato ad avere tutto con estrema facilità. Seba, vent’anni e lunghi capelli raccolti in un elastico, lavora come meccanico nell’officina del padre ed è un appassionato vespista, nonché proprietario di una P125X nera. Le vite di Maila e di Seba si intrecciano, fatalmente, durante la notte del trentuno dicembre 1989, quando entrambi sono in fila alla toilette. Sullo sfondo della Cremona di fine anni Ottanta si rincorrono le storie dei giovani protagonisti di CR*61242, opera che ripercorre le notti magiche di Italia ’90, i caroselli in Vespa, le musicassette di Vasco nelle autoradio e i pomeriggi al cinema davanti all’ultima pellicola di Salvatores.
  2. reeebs

    Presentazione del romanzo CR*61242

    Fino a
    Presentazione presso il Circolo Arcipelago di Cremona del romanzo "CR*61242" di Riccardo Rossi - dialoga con l'autore Lorenzo Garozzo, letture a cura di Michele Lanzi. Maila, diciotto anni ancora da compiere, è una ragazza brillante, studiosa e innegabilmente bella. Di origini persiane, ha un fidanzato che incarna il tipico modello del “figlio di papà”: ricco, viziato e abituato ad avere tutto con estrema facilità. Seba, vent’anni e lunghi capelli raccolti in un elastico, lavora come meccanico nell’officina del padre ed è un appassionato vespista, nonché proprietario di una P125X nera. Le vite di Maila e di Seba si intrecciano, fatalmente, durante la notte del trentuno dicembre 1989, quando entrambi sono in fila alla toilette. Sullo sfondo della Cremona di fine anni Ottanta si rincorrono le storie dei giovani protagonisti di CR*61242, opera che ripercorre le notti magiche di Italia ’90, i caroselli in Vespa, le musicassette di Vasco nelle autoradio e i pomeriggi al cinema davanti all’ultima pellicola di Salvatores.
  3. reeebs

    Gruppo Edizioni Alter Ego

    il mio è uscito ieri (anche se fisicamente devo ancora stringere tra le mani la mia prima copia) per Scatole Parlanti. l'eventuale riscontro (o non-riscontro) commerciale non può essere di certo un parametro di giudizio: in questa mia prima esperienza credo sia decisamente più utile valutare altri aspetti. per ora sono davvero molto soddisfatto, dell'editing, dell'ufficio stampa, del grafico per la copertina, del supporto ricevuto, sempre con gentilezza, e con la piacevole sensazione di essere comunque affiancato da una squadra competente.
  4. reeebs

    CR*61242

    Maila, diciotto anni ancora da compiere, è una ragazza brillante, studiosa e innegabilmente bella. Di origini persiane, ha un fidanzato che incarna il tipico modello del “figlio di papà”: ricco, viziato e abituato ad avere tutto con estrema facilità. Seba, vent’anni e lunghi capelli raccolti in un elastico, lavora come meccanico nell’officina del padre ed è un appassionato vespista, nonché proprietario di una P125X nera. Le vite di Maila e di Seba si intrecciano, fatalmente, durante la notte del trentuno dicembre 1989, quando entrambi sono in fila alla toilette. Sullo sfondo della Cremona di fine anni Ottanta si rincorrono le storie dei giovani protagonisti di CR*61242, opera che ripercorre le notti magiche di Italia ’90, i caroselli in Vespa, le musicassette di Vasco nelle autoradio e i pomeriggi al cinema davanti all’ultima pellicola di Salvatores.
  5. reeebs

    L'erudita

    Io ho recentemente ricevuto una proposta di contratto, dopo qualche scambio di mail e un incontro preliminare faccia a faccia in sede da loro a Roma, al quale mi avevano invitato dopo aver letto il mio testo. Persone serie e oneste, contratto chiaro e senza alcun tipo di inganno o richiesta di contributo. Ho rifiutato principalmente per la mancanza di un vero e proprio editing (ci sarebbe stata solo una correzione di bozze, o come mi hanno detto "editing formale") ma credo che li contatterò ancora in futuro, nel caso in cui avrò un nuovo testo da proporre, ma differenti aspettative ed esigenze da parte mia.
  6. reeebs

    Ciao!

    grazie! a presto
  7. reeebs

    Ciao!

    Ciao! Mi chiamo Riccardo, sono nato a Cremona nel buio della notte del due marzo millenovecentosettantasette. Da ragazzino ho scritto qualche poesia e una specie di diario romanzato delle (dis)avventure della mia classe attraverso i cinque anni di liceo scientifico, poi il buio. Ho fatto finta di fare un anno di giurisprudenza a Parma, poi ho fatto finta di fare un anno di Informatica: ciò non è bastato per ingannare lo Stato, che mi ha chiamato ad espletare il servizio di leva militare. Ho dovuto quindi ripiegare su un anno di servizio civile in un piccolo comune, facendo di tutto: bibliotecario, addetto al ritiro della posta, aiuto messo comunale, aiuto cantoniere, addetto al registro di protocollo, addetto alle fotocopie, addetto ai caffè, aiutante ai tavoli per la locale mensa dei bambini della scuola elementare. Nel frattempo ho iniziato a collaborare part time come giovane aiutante in un negozio di computer, accollandomi i lavori più pallosi e di contro imparando sul campo a fare sia il commesso che il tecnico informatico. Alla fine del servizio civile sono andato a vivere da solo e sono entrato in quello stesso negozio di informatica come socio, lavorando a tempo pieno per cinque anni sui computer e sui loro problemi, dovendo la maggior parte della volte intervenire in realtà sui problemi dei rispettivi proprietari. Richiamato all’ordine da mio padre, ho abbandonato i computer e ho curato per dieci anni l’ufficio tecnico dell'azienda di famiglia. A metà del duemilaquindici ho preso la decisione di abbandonare il lavoro nella nostra azienda per potermi trasferire definitivamente in Ancona, raggiungendo la mia compagna e la nostra bimba che nei suoi primi due anni di vita ho potuto vedere solo nei weekend e durante le feste comandate al prezzo di un continuo doppio avanti-indietro settimanale lungo la A1 e la A14 adriatica. Ad agosto dell'anno scorso è nato anche il secondogenito, adesso basta però se no ammazzo qualcuno. Quasi quarantenne e formalmente disoccupato, attualmente faccio il papà, bado la casa, e sono tornato a scrivere. Ho iniziato da poco a frequentare questo forum, sto cercando qualcuno che mi possa aiutare e accompagnare lungo la strada che ho scelto per il mio futuro, scrivere romanzi e soggetti. Forse potremo farci compagnia a vicenda, almeno per un pezzetto di questo percorso che spero non sarà breve.
×