Vai al contenuto

Anglares

Supercritico
  • Numero contenuti

    2.636
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    25

Anglares ha vinto il 23 novembre

Anglares ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

1.867 Più unico che raro

Su Anglares

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Roma

Visite recenti

4.042 visite nel profilo
  1. Anglares

    Sette parole

    @Roberto Ballardini stai facendo interessanti passi avanti. In questo componimento proponi un uso della parola maturo e forte. Da un punto di vista formale è un tipo di ricerca che apprezzo e ho utilizzato delle volte, ma più spesso in fase compositiva. Il richiamo delle parole, il magnetismo che instaurano tra loro produce significati che vanno oltre il loro ordine sintattico. Non è per nulla scontato saper pensare le parole fuori dal loro ordine grammaticale, per cui apprezzo moltissimo questo tuo gesto poetico. Detto questo apro una parentesi del tutto ipotetica. Non so quale sia il tuo percorso, in parte ne parli nello spoiler, ma c'è inevitabilmente molto di più. Avventurarsi in terreni che rompono con le leggi grammaticali vuol dire muoversi su un ambito di ricerca, e vale su più direttrici: perché ci fa scoprire un nuovo potenziale delle parole, perché ci mostra aspetti inediti del nostro sentire e perché ci fa scoprire nuove regole del linguaggio. La sintassi regola il linguaggio parlato, ma come tutte le forme comunicative sottostà alle regole della semantica e qui esistono significati e forme espressive che trascendono la volontà del comunicante. Per poter rafforzare l'oggettività del proprio atto espressivo è importante rafforzare sempre di più il controllo dei propri mezzi espressivi. Un lavoro sul linguaggio in cui noi (autori) capiamo qualcosa ma rimaniamo dentro il rapporto autore-testo non ci garantisce un respiro oggettivo della nostra scrittura. Quindi è importante che una ricerca lavori anche sull'individuazione di alcuni parametri riconoscibili dal lettore. Non è una riflessione sulla tua poesia, ma in generale su un atteggiamento da tenere presente quando ci si avventura su terreni insoliti. Chiusa la parentesi entriamo nel merito del componimento. Abbiamo due colonne di sette parole affiancate ma sfalzate orizzontalmente. Ognuna dialoga direttamente con le due più prossime dell'altra colonna, questo crea una triangolazione nella prossimità dei termini. Inoltre distinguere la seconda colonna con il corsivo identifica una verticalità della lettura e suggerisce un possibile valore semantico su questa direttrice. Dunque le parole si richiamano secondo un ordine verticale e secondo uno schema triangolare. Inoltre rimane l'istinto (naturale) di provare a leggere la poesia secondo un ordine tradizionale. Sono tutti schemi suggeriti dalla struttura grafica del testo e tutti legittimi. Ho provato a cercare una regolarità nella scelta delle parole (azioni, aggettivi, nomi), assente. Per cui tendo a intuire un legame (ana)logico tra le parole, avverto la trama di un messaggio (logico) e la sua dissimulazione (analogica). E qui siamo a un passo dalla chiave semantica del componimento. C'è un pensiero che io avverto come una riflessione su sé stessi e il rapporto con gli altri (mia interpretazione personale) rotta sintatticamente (dissimulazione) e che si ricompone per prossimità delle parole (analogicamente). Questa operazione ci consegna la significanza del testo e in questo diviene poesia. In modo moderno, fresco e completo. Un'altra riflessione potrebbe vertere sulla prossimità delle parole scelte e sugli scarti intuitivi che fanno compiere al lettore. Dunque al potenziale semantico che evocano. Su questo aspetto ho intuito quella guida logica rispetto a un pensiero preesistente la poesia. Ci può stare perché entriamo su una valutazione stilistica, però resta l'aspetto meno "audace" del componimento e forse, proprio per questo, permette al lettore di restare dentro il testo. Conclusione decisamente positiva. A presto.
  2. Anglares

    Tram

    @Alessia Vaglica ho dovuto editare il tuo messaggio. Per proporre un proprio testo in officina occorre aprire una discussione e allegare un commento fatto nello stesso giorno. Inoltre il commento deve essere più approfondito di quello che hai scritto sopra. Questa sezione ha molte regole, ma queste permettono di avere letture approfondite a tutti.
  3. Anglares

    Ars poetica - laboratorio compositivo

    @Alba360 si può intervenire anche successivamente, non è obbligatorio essere presenti per tutto il percorso.
  4. Anglares

    Cinquanta

    Bentrovato @Nerio Accostamento interessante a cui non avevo pensato. Beh, in verità nasce come un regalo privato, l'ho postata qui perché lei ha voluto condividerla (età compresa). Sì, le parentesi contengono le parole di una seconda voce che agisce da contrappunto, con degli incisi sul testo. Se letti con una diversa tonalità, quasi a rompere il ritmo del testo, ne arrichiscono l'espressività. Per il resto tendo a lavorare molto sull'aspetto prerazionale del linguaggio e certe oscillazioni suggeriscono una relazione tra i versi più preziosa: vicinanze o scarti nella formattazione incidono sulla linearità della lettura arricchendo l'elaborazione del testo. In alcune poesie ho utilizzato un controcanto che spezza la possibilità di una lettura lineare costringendo il lettore a "nuotare"" nella pagina per cogliere il senso dei versi. Tutto questo agisce sull'emotività e sui tempi di comprensione dei significati. Introduce una dimensione "fisica" della lettura, o forse la rafforza. La sperimentazione è sempre presente nella mia scrittura, cerco di proporre solo le cose un po' più riuscite. Grazie della tua analisi graditissima come sempre. PS.: Ho visto che ti sei iscritto a scrittopoli, vuol dire che sarai presente nel forum, ne sono contento! A presto.
  5. Anglares

    Abbiamo momenti tesi

    @Nerio bentornato a casa. Scorci di viaggio. Viaggio fisico, interiore e artistico. Non si finisce mai di cercare e di camminare. "Bisogna cercare, cercare sempre, Van Gogh ha cercato un po' di giallo quando non ha visto più il sole" (cit.). Citazione a parte potrebbe essere un discorso scontato, filosofia da quattro soldi. Eppure... Eccola la luce: in quell'arma nuova c'è tutta la purezza di uno sguardo. Quel luogo ideale che cerchi girando, perché alla fine la sfida è portarlo fuori, renderlo visibile e magari farne un'opera. Se tento una metalettura e mi metto dietro quegli occhi il racconto in versi si dissolve, e uno slancio ideale vola sul ritratto minimale, di un vago abbandono, che traspare nel testo. C'è una situazione e dall'altra parte una tensione ideale; ci sono entrambi nel testo. E allora? Se quell'arma ideale gira a vuoto perchè intorno non c'è ciò che cerca, cosa riempie quei vuoti? Questa esigenza è un motore vivo. Secondo me c'è un'altra poesia dietro a questa, le altre parole scivolano come un tessuto sonoro, la mente ci passa sopra, cerca di mettere a fuoco delle suggestioni. Non ne ho le parole, perchè devono essere le tue. Sento un respiro più ampio, un orizzonte che si allarga: un'ondata infrange gli scogli. Non la fermano e l'acqua li investe e li supera. Si fa schiuma, gorghi e poi risacca. Un turbinio di forme, è la vita, quel gran casino che chiamiamo vita. E gli occhi sono lì a immaginare mondi e battaglie in quel turbinio d'acqua che si muove davanti a noi. C'è chi vede un'onda, chi un mondo. Qui nasce la poesia. Raccontami di questo mondo. A presto.
  6. Anglares

    Ars poetica - laboratorio compositivo

    Tra lo svolgimento di LP e qualche altro contrattempo siamo andati un po' lunghi, ma il laboratorio compositivo di poesia sta per cominciare. Per chi vuole seguire anche Scrittopoli non deve preoccuparsi, ci sarà da comporre un verso al massimo ogni 3 giorni e da confrontare le proposte degli altri. Nulla di impegnativo. Il laboratorio partirà sabato alle 15 e proseguirà per un paio di mesi circa. Per proporre il vostro verso avrete 2 giorni. Quindi nessuna fretta. Avrete tutto il tempo di studiare le vostre soluzioni e documentarvi sulle parti in cui vi sentite più incerti. Buona scrittura a tutti.
  7. Anglares

    La schiatta di Manto

    @UmbVer purtroppo il tuo racconto supera il numero massimo di caratteri consentito. Devo chiudere. Se vuoi puoi riproporlo nella sezione a capitoli dividendolo in due parti e postandole in giorni diversi (ognuna con il suo commento di giornata).
  8. Anglares

    I racconti della Tredicesima Luna - Quinto Ciclo

    Cambio in corsa: abbiamo messo @Kuno a allestire l'albero di natale (chiodato!) nell'area staff. Lo sostituisco io nella sua settimana.
  9. Il nichilismo è "un'arma" potente e va usato a piccole dosi, perché disumanizza e svuota tutto ciò che è umano. Ovvero la capacità di produrre senso. Un nuotatore è un nuotatore anche se non nuota, ma quando si finisce in acqua qualcuno nuota e qualcuno annega. Dunque chi è un nuotatore? Il bello del linguaggio è anche la sua facoltà di alterare o produrre significati, è una lente che deforma o mette a fuoco (a volte entrambe le cose), così questo suo tessere è già scrittura e ha già qualcosa di (il)letterario. Essere scrittori per sé stessi, solo per sé stessi, vuol dire parlare una lingua oscura e incomprensibile. Lo sforzo creativo è un atto comunicativo e per quanto originale o eccentrico si compie sempre nell'altro, per cui ricondurre l'autore a un sentimento individuale ci presenta un acquerello esistenziale che solletica la pancia dello scrittore (o presunto tale), riconducendo l'atto artistico a qualcosa di velleitario. Si è scrittori negli occhi di chi ci legge, ogni opera si completa nell'altro. Prima è solo potenziale, una nebulosa: un astratto direbbe Hegel. Nessuno possiede il linguaggio perché ridurlo a pensiero individuale vuol dire dissolverlo: un individuo che non sa pensare oltre sè stesso non può essere uno scrittore.
  10. Anglares

    Lampi di Poesia 6 - Off topic

    @Ospite Rica io ho solo letto e regalato fiori. A te e @Sira ma anche a @Ippolita2018 che ogni volta si impegna a promuovere il contest.
  11. Anglares

    Lampi di Poesia 6 - Off topic

    Un piatto da trenta denari. Fiori a entrambe. Ora chiudiamo il sipario del Contest.
  12. Anglares

    Lampi di Poesia 6 - Off topic

    E sì, in versi o incastri vogliamo la tua presenza @Ospite Rica
  13. Anglares

    ansia

    @Ali_spiegate quando postiamo un testo in officina è necessario allegare un commento più approfondito. Dobbiamo cercare di essere utili all'autore, altrimenti rendiamo questo spazio solo una vetrina. Ormai ci frequenti da un po' e dovresti saperlo. Chiudo, per riaprire invia il link di un commento più approfondito a uno staffer.
  14. Anglares

    Lampi di Poesia 6 - Topic ufficiale

    Eccoci all'ultimo atto di questa edizione, veniamo ai vostri verdetti: Il vincitore è @Johnny P con 6 voti. I miei complimenti. Seguono @Vincenzo Iennaco @Talia @Eleuterio e @Ippolita2018 con 4 voti. Poi, @Roberto Ballardini @Elisa Audino @INTES MK-69 con 3 voti. @Sira con 2 voti. @Emy @Leonardo MNT con 0 voti. Devo dire che è stata una delle migliori edizioni con molti Lampi pregevoli e diversi nuovi partecipanti coinvolti, un grazie a tutti, anche a chi avrebbe voluto partecipare e non ha potuto. Vi aspetto tutti nelle prossime iniziative. Infine alcune comunicazioni di servizio: probabilmente, visto il calendario fitto delle prossime settimane, LP riprenderà dopo Natale, nei prossimi giorni partirà comunque il Laboratorio di poesia per chiunque vorrà esercitarsi in una scrittura "più tecnica". E poi...
×