Vai al contenuto

Fraudolente

Sostenitore
  • Numero contenuti

    1.641
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Fraudolente

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 09/09/1957

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Romagna
  • Interessi
    Storia, genealogia, lettura e scrittura, mtb e trekking

Visite recenti

3.470 visite nel profilo
  1. Fraudolente

    Grafèin

    Hanno risposto anche a me, proponendo subito la rappresentanza presso un editore. Molto gentili e puntuali, ma non in contatto con editori "importanti". Non ho accettato, ma li ritengo un'ottima agenzia per noi scribacchini.
  2. Fraudolente

    Chiusura del Forum

    Oh, il melodrammatico... Se tutto andrà come si spera, in fondo si tratta di un trasloco. Non me la prendo con la proprietà, e giudico insindacabili i suoi motivi. Anzi, la ringrazio per avermi ospitato, gratis et amore Dei, per parecchi anni. Ma ancor di più ringrazio lo staff, per la pazienza con la quale ha gestito l'enorme banda di scribacchini scriteriati. Temo solo di perdere qualche "amico", qualcuno che ho letto volentieri, e che mi ha letto. E speriamo che, dopo questa ciliegina sulla torta, il prossimo anno sia migliore.
  3. Fraudolente

    Chiusura del Forum

    @Elisah15, ho provato a scriverti, ma non puoi ricevere messaggi.
  4. Fraudolente

    Alcheringa Edizioni

    Ho appena ricevuto la email della Signora Anielli con l'esito positivo. A parte i "soliti" Mondadori&Co., non avevo inviato ad altri editori l'inedito. Sono in attesa di esaminare il contratto per pubblicare. Probabilmente diventerò compagno di scuderia del nostro magister... Poffarbacco!
  5. Fraudolente

    Beretta Mazzotta Agenzia Editoriale

    Siamo fuori come balconi, ma fui il Foscolo a scrivere questi è Monti poeta e cavaliero, gran traduttor dei traduttor d'Omero. Il Monti, che non conosceva il greco, aveva tradotto in italiano una versione latina dell'Iliade. Off topic, scusate.
  6. Fraudolente

    Beretta Mazzotta Agenzia Editoriale

    Non spetta a me difendere, ma ritengo che le "frasi fatte" siano accettabili solo nei dialoghi, e con moderazione. Per quanto riguarda il peso della "boteriana", quando viene reiterato il concetto il lettore può infastidirsi: questo me lo hai già detto! O qualcosa del genere. @muschietto, non ho letto il tuo lavoro e non conosco l'agente Mazzotta. Sospetto che le critiche riguardino la "commerciabilità". Se insisti troppo sulle ciccione, senza che ci sia un motivo valido per la trama, indisponi le lettrici "boteriane". O i loro mariti... Credo che una scheda accurata, e a pagamento, dovrebbe spiegare in modo molto chiaro le ragioni delle critiche "costruttive".
  7. Fraudolente

    Ordine in caso di contemporaneità

    Pensavo che questo è il classico caso in cui la mia tecnica preferita, cioè il POV multiplo, ti sarebbe molto d'aiuto. E così feci. Più o meno... Ecco la "bozza": La pianta era in una radura oltre il poggio. Libera dall’assillo delle sorelle e dal controllo della madre, Maria la prese con calma. Si infilò in un pertugio nei rovi lungo la strada, salì tra le rocce e attraversò il vecchio pascolo con l’erba secca. Dopo la discesa tra ciuffi di rosa canina e di prugnoli, nel prato soffice, dove di notte grufavano i cinghiali, ecco il melo! L’ultima volta c’era stata con il nonno. A terra le bestie avevano fatto pulizia, e le ultime mele spiccavano in alto tra le fronde. Lasciati gli zoccoli, si arrampicò con cautela sul tronco rugoso e sedette sul ramo. La vide, grande, rossa e matura. Si sporse per coglierla, ma perse l’equilibrio e, per un istante, rimase appesa a una frasca. Con un urlo cadde. Ahi, che male alla caviglia! Gemendo provò a rialzarsi. Il piede doleva, ma riuscì ad appoggiarlo. Decise di tornare subito dai suoi. Trovò un bastone e prese una scorciatoia zoppicando pian piano. Per fortuna conosceva il luogo. La mamma l’avrebbe sgridata, le sorelle presa in giro e il nonno consolata. Udì le voci. C’era qualcosa di strano. Sembravano più uomini. Ebbe paura e, prima di mostrarsi, controllò da dietro i cespugli. Chi era quell’omone dalla faccia deturpata, nero e orrendo? Il nonno fu colpito e cadde. Inorridì e volle gridare, ma tacque e si acquattò per scomparire nell’erba. Assistette immobile alla tragedia, piangendo in silenzio per non farsi sentire. Vide cose inimmaginabili e immonde. Quando tutto fu finito, ebbe il timore di essere scoperta. “Verranno a prendermi!”pensò. Ma l’uomo nero e il suo amico non si accorsero di lei. Li udì scherzare, come se nulla fosse, mentre si stavano allontanando. Il tempo, una decina di minuti, dovrebbe intuirsi dalla descrizione del percorso. Maria non può contare minuti o metri. Se vuoi, andiamo di basilarda o di misericordia. Anche una daga o una spada sono atte alla bisogna. Di lontano, un arciere ti trafigge con un dardo di balestra, o di un arco. La spada e l'arco sono più voluminose e impegnative in un agguato.
  8. Fraudolente

    Ordine in caso di contemporaneità

    Urca, un mitra nel tredicesimo secolo! Sono stanco, non connetto più. Faccio una pausa, scendo il cane dabbasso e lo mangio. Ciao e grazie!
  9. Fraudolente

    Ordine in caso di contemporaneità

    Un nonno accompagna le nipoti alla fonte. Una nipote si allontana per raccogliere le mele. Il racconto si divide in due “azioni” contemporanee, ma separate. Alla fonte succede una strage e la raccoglitrice di mele sopravvive. Ho scelto di scrivere prima la strage e dopo la raccolta delle mele (contemporanea alla strage) che continua con la scoperta del fatto (successiva), che riunisce. Ho staccato saltando una riga. Spero che il lettore non faccia confusione sui tempi. Altrimenti?
  10. Fraudolente

    Passato remoto e trapassato prossimo

    @dyskolos, sei il solito dedocente! Grazie, ragazzi!
  11. Fraudolente

    Passato remoto e trapassato prossimo

    Guai a estrapolare le frasi dal contesto! L’oste aveva messo in giro la voce che la pùta fosse la figlia del rufiàno, anche se Malgarita, bionda e con gli occhi azzurri come il mare, non somigliava al padre, nero come la pece. Con il visetto magro e sottile, la fanciulla aveva i tratti di una nobildonna. Betina, infatti, era convinta che fosse la figlia di un gran signore, un ricco mercante raguseo dalla parlata strana, che, a Venezia per affari, era passato per Rialto. Dopo aver pagato, con gran soddisfazione di Biasio, anca più del dovuto, il foresto aveva lasciato alla putàna il ricordo di un cliente beneducato e assai gentile. Comunque, nonostante i sospetti di Betina, e come per chiunque altro al mondo, non è dato sapere con certezza chi fosse il vero padre di Malgarita. Betina è la madre, ed era convinta che la figlia fosse.
  12. Fraudolente

    Passato remoto e trapassato prossimo

    Con il visetto magro e sottile, la fanciulla aveva i tratti di una nobildonna. Betina, infatti, era convinta che fosse la figlia di un gran signore, un ricco mercante raguseo dalla parlata strana, che, a Venezia per affari, era passato per Rialto. Dopo aver pagato, con gran soddisfazione di Biasio, anca più del dovuto, il foresto aveva lasciato alla putàna il ricordo di un cliente beneducato e assai gentile. Con il visetto magro e sottile, la fanciulla aveva i tratti di una nobildonna. Betina, infatti, era convinta che fosse la figlia di un gran signore, un ricco mercante raguseo dalla parlata strana, che, a Venezia per affari, era passato per Rialto. Il foresto pagò più del dovuto e lasciò al rufiàno e alla putàna il ricordo di un cliente beneducato e assai gentile. La versione scritta di getto è la prima. E credo la migliore.
  13. Fraudolente

    Passato remoto e trapassato prossimo

    Betina, infatti, era convinta che fosse la figlia di un gran signore, un ricco mercante raguseo dalla parlata strana, che, a Venezia per affari, era passato per Rialto. Dopo aver pagato, con gran soddisfazione di Biasio, anca più del dovuto, il foresto aveva lasciato alla putàna il ricordo di un cliente beneducato e assai gentile. Betina, infatti, era convinta che fosse la figlia di un gran signore, un ricco mercante raguseo dalla parlata strana, che, a Venezia per affari, era passato per Rialto. Dopo aver pagato, con gran soddisfazione di Biasio, anca più del dovuto, il foresto lasciò alla putàna il ricordo di un cliente beneducato e assai gentile. Il trapassato prossimo è un tempo verbale dell’indicativo e si usa per indicare un fatto avvenuto prima di un altro nel passato o comunque a esso collegato. (Treccani) Il passato remoto è un tempo semplice dell’indicativo, che esprime un evento avvenuto nel passato senza che ci sia relazione tra il momento dell’enunciazione e il momento dell’avvenimento, e senza che ci sia possibilità di riattualizzazione della situazione. (Treccani) Risolverei così: Il foresto pagò più del dovuto e lasciò al rufiàno e alla putàna il ricordo di un cliente beneducato e assai gentile. Ma, preso dalla stanchezza di correggere, persevero nel dubbio: passato remoto o trapassato prossimo?
  14. Fraudolente

    Alcheringa Edizioni

    @Horselover Fat, credo che la signora Anielli abbia avuto qualche problema di salute. Ho visto su Facebook una gamba ingessata...
  15. Siamo alle solite! Si narra nell'ambiente, vecchio mio, che ai tuoi tempi tu abbia iniziato con l'editing dei quattro tomi di un autorucolo del quale non ricordo il nome. Mi pare (se ora "mi pare", pensa a come sarò messo quando avrò anch'io la tua età!) che il titolo del romanzo fosse qualcosa del genere Fermo e Lucia. Ebbe successo?
×