Vai al contenuto

massimo fagnoni

Scrittore
  • Numero contenuti

    151
  • Iscritto

  • Ultima visita

Risposte risposto da massimo fagnoni


  1. Immagine di copertina: 12183954_10203523830816721_2598521077938

    Titolo: Bologna non c'è più
    Autore: Massimo Fagnoni
    Collana: 
    I tascabili

    Casa editrice: Fratelli Frilli Editori 

    (ISBN:  9788869430763 

    Data di pubblicazione novembre 2015

    Prezzo: 11,90 cartacea, 4,90 digitale

    Genere:noir

    Pagine: 215

    Sinossi: Pietro Ricci educatore, cinquantenne, laureato in filosofia, è bravissimo nel suo lavoro, non c’è nessuno in grado di gestire pazienti psichiatrici come lui, ma non è contento né del suo lavoro, né della sua vita. L’unica vera soddisfazione è un seminario organizzato da lui sul terrorismo delle Brigate Rosse, dove ha conosciuto tante persone interessate all’argomento e tante persone scontente, come lui, della propria vita. Pietro incrocia Trebbi in piscina dopo un allenamento e scambiano due chiacchiere. Due sconosciuti bolognesi davanti alla macchinetta del caffè. Inizia così la seconda indagine di Galeazzo Trebbi che questa volta dovrà fare i conti con il passato, quel passato recente che tanto ha segnato la storia del nostro paese e che lui conosce bene. Trebbi dovrà scoprire cosa si sta muovendo a Bologna fra i gruppi della sinistra più marginale ed estrema, fra le inquietudini e le frustrazioni dei nuovi poveri, sempre più poveri e sempre più arrabbiati, dovrà capire cosa sta per esplodere nella sua città e dovrà farlo in fretta. Il commissario Guerra sarà ancora al suo fianco per cercare di svelare la realtà, quella che nessuno vuole venga rivelata. Mentre Trebbi si trova suo malgrado ad affrontare un’ indagine dai risvolti politici inaspettati viene assunto da una famiglia dell’alta borghesia bolognese per vegliare sul loro giovane rampollo, e si trova costretto nuovamente a fare i conti con la sua occulta umanità. Sarà un inverno difficile quello di Trebbi, e la conclusione … quella come al solito non sarà né facile, né scontata.

    Link all'acquisto:http://www.amazon.it/gp/product/B0183WOAO8/ref=dp-kindle-redirect?ie=UTF8&btkr=1

     


  2. La ragazza del fiume è la mia prima novella scritta intorno al 2010 e pubblicata da una piccola casa editrice in poche copie e subito esaurita.

    alcuni affezionati lettori mi hanno chiesto dove potevano trovare la novella e ho deciso di pubblicarla in ebook gratis fino a stasera 21 agosto 2015 e a 0,99 centesimi in seguito

     

    51yAqf9aEiL._BO2,204,203,200_PIsitb-stic

    Titolo: La ragazza del fiume
    Autore: Massimo Fagnoni

    Casa editrice: autoprodotto

    Prezzo (formato kindle): 0.99 euro

    Genere: Noir

    Pagine: 128

    Sinossi: Durante una passeggiata lungo l'argine del fiume Navile, Marco Belli, agente della municipale di Bologna, si imbatte nel cadavere di un uomo. La sua giornata di vacanza dedicata alla fotografia si trasforma in un quieto incubo e suo malgrado il protagonista si ritrova a indagare sul misterioso omicidio per conto del maresciallo dei carabinieri del paese. Sullo sfondo la campagna fra Bologna e Ferrara in un tiepido mese di febbraio.

     

    Link all'acquisto: http://www.amazon.it...39566255&sr=1-8


  3. E' il mio ottavo romanzo, terzo della serie dedicata al maresciallo Greco del nucleo operativo dei carabinieri di Bologna. Editrice Eclissi, Milano, costo 12 euro, lo trovate in tutto il bel paese nelle librerie ordinandolo tranne a Bologna e Milano dove è facilmente reperibile, oppure in rete nei diversi store : Amazon, Ibs, etc etc

    non è prevista versione ebook

    questo il mio blog
    www.massimofagnoni.com

    qui trovate la recensione di Milano Nera

    http://milanonera.hotmag.me/vuoti-a-perdere/

    41bJsUdxZwL._SX301_BO1,204,203,200_.jpg


  4. Il_silenzio_della_bassa_per_web.jpg

     

     

    Questo è il mio settimo romanzo:

    Editore Frilli (Genova).

    Come tutti gli altri non ho pagato un euro per la sua pubblicazione.

    costa 9,90 euro come tutti i tascabili Frilli.

    256 pagine.

     

     

    Indicato a chi come me vive in quella striscia di terra vasta e pianeggiante chiamata Bassa.

    Per chi ama gli antieroi, gli investigatori privati con una vita privata residuale e un futuro ipotetico.

    Per chi ama i personaggi seriali, perché questa è la prima indagine di Galeazzo Trebbi, ma ho già pronta la seconda e sto per iniziare la terza.

    Per chi conosce Bologna, Ferrara e l'Emilia, per chi non la conosce ma è curioso.

    per chi ha figli adolescenti e non li capisce, per chi è adolescente anche se ha già trent'anni e non sa cosa vuole fare della propria vita. 

    E' un nero chiaramente, il meno truculento della mia carriera, invecchiando divento incline ai buoni sentimenti, ma se mi leggerete alla fine non troverete la soluzione, io sono solo un tanfòl (cantastorie).

    sabato 7 giugno sarò a Milano, poi quando mi dicono dove vi passo la dritta.

    ciao

     


  5. 1467431_10202677844457540_216456179_n.jp

     

     

     

    Boxeo literario©. La presentazione di due libri secondo le regole del pugilato. Un’idea di Emanuele Memè Cimatti e Steven Forti.

    In questo quarto incontro di boxeo literario, Matteo Bortolotti sale sul ring indossando i guantoni de "Il mistero della loggia perduta" (Felici) per sfidare Massimo Fagnoni e il suo romanzo "Lupi neri su Bologna" (Minerva). Boxeo literario si tinge così di giallo e noir, rendendo ancora più intrigante e coinvolgente questo imperdibile match pre-natalizio.

    Giudice d'eccellenza: Dr. Cimatti
    Arbitro primo (e unico): Steven Forti
    Ring-girl guest-star: Paola Sini
    Broker loschissimo: Mr. Rap

    L'evento è promosso dal progetto “Bolonia enamora Barcelona... y viceversa" (http://boloniaenamorabarcelona.blogspot.com/), è sponsorizzato dalla Società Sportiva “Sempre Avanti” (www.sempreavanti.it) ed è realizzato in collaborazione con il Macondo (https://www.facebook.com/macondobolognaclub?ref=ts&fref=ts) e l’associazione culturale “Vitruvio” (www.vitruvio.emr.it).

    Boxeo literario©. Informazioni e proposte sul sito www.boxeoliterario.com


  6. 150704_471477272950541_1413177569_n.jpg

     

     

     

    534287_471477452950523_1894560123_n.jpg

     

     

     

    1187287_471477202950548_880516253_n.jpg

     

     

     

    Come coglieva Silvia Bernardi brava addetta stampa di Giraldi editore, nella serata sono emersi alcuni spunti che inconsciamente fanno capolino nei miei racconti.
    Come reagiamo quando subiamo un torto, una violenza ingiustificata, un sopruso?
    Come sono cambiati i rapporti fra le persone e come invece sono sempre disperatamente difficili quelli fra uomo e donna?
    Alcuni spunti   emersi ieri sera durante la presentazione del libro di racconti Solitario bolognese.
    Ma in realtà come dicevo ieri,  non propongo ricette, mi limito come sempre a raccontare storie più o meno inventate e spero solo che vi piacciano.
    Alla prossima, il 4 ottobre a villa Torchi, ma quella è un'altra storia.


  7. Ci siamo:
    presentazione alla Feltrinelli di Via dei Mille a Bologna
     
    martedì 17 settembre 2013
    ore 21.
     
    Andrea Piselli presenterà il mio primo libro di racconti
     
     
    l'amico
    Marco Piovella leggerà alcuni brani
    vi aspetto

     

    geltro.jpg

     

     

     

    Libreria-Feltrinelli-3-2.jpg


  8. blues.jpg

     

    Fra due giorni la prima presentazione di Solitario Bolognese a Corticella in via Bentini 65, quasi ai confini della città sulla strada che porta verso Castel Maggiore, perché Bologna non è solo via dell'Indipendenza, o Piazza Maggiore, Bologna è soprattutto la periferia, con le associazioni, i circoli, culturali, le sezioni del PD, gli orti degli anziani, i giardini sconosciuti che in estate si popolano dei cittadini, quelli che non partono per le vacanze, e da anni non escono dalla città.

    Bologna è città di anziani e di tante piccole realtà e solitudini, dignitose e per questo poco appariscenti, e allora mercoledì se sei in città sacrifica un'ora del tuo tempo per venire a chiacchierare con me di Bologna, quella periferica, marginale e per questo motivo ancora più viva, ancora più concreta.

    Potrai bere un aperitivo e comprare uno dei miei libri oppure non fare nessuna delle due cose e semplicemente cercare di capire cosa spinge uno come te a scrivere e a mettersi in piazza in un pomeriggio d'estate.

    Ti aspetto, alle 19, al Blues caffè, mercoledì 24 luglio


  9. non ricordo che tempi abbia eclissi è passato molto tempo dalla prima pubblicazione, solitamente credo almeno qualche mese, ma adesso non so come siano messi, magari hanno un sacco di materiale. magari prova anche a scrive un e-mail fra qualche tempo per chiedere come si muovono ora


  10. probabile che ci sia stato un restringimento nelle uscite  2013. credo che Eclissi come piccola realtà editoriale arranchi come tanti.

    credo che tu possa fare un rapido calcolo andando sul suo sito e controllando libro per libro quanti ne ha pubblicati quest'anno, non ha un catalogo così esteso da rendere il lavoro impossibile,   il vero problema di eclissi come di tutte le piccole case editrici è la promozione. anche se ti pubblicano poi devi sbatterti e molto per promuovere il tuo lavoro, ed è così quasi per tutte le piccole realtà, e anche per le medie, le grandi purtroppo non le conosco. problema che diventa ancora + gravoso se tu sei in un altra città.

    se sei di milano e pubblichi con loro bene o male puoi cercare di entrare nei circuiti della città.

    per me che sono di bologna promuovere un romanzo di eclissi significa lavorare in tandem con il distributore locale che non ha solo il tuo romanzo da promuovere.

    ​se non hai agganci con i media, come me, se puoi solo puntare sulle presentazioni,  se hai pochi soldi, come me, se sei sconosciuto,  e se fai un altro lavoro per vivere, o hai molta fortuna, o non ti stacchi da terra, non puoi affidarti alla casa editrice, lei più di tanto non può fare. sai quanto costa un pezzo di vetrina da feltrinelli in centro? io non lo so, ma tanto e se non sei fabio volo, o pupo, o dan brown finisci nel mucchio, dopo un po' è fisiologico, siamo in troppi a scrivere e pochi a leggere in questo paese del terzo mondo, e dopo lo sfogo concludo dicendo che eclissi è un'ottima casa editrice, che paga come tutti la crisi, e il coraggio delle proprie scelte.

×