Vai al contenuto

Gioia Climbing

Utente
  • Numero contenuti

    475
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    4

Gioia Climbing ha vinto il 16 marzo 2012

Gioia Climbing ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

17 Piacevole

Su Gioia Climbing

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 13/09/1978

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna

Visite recenti

5.033 visite nel profilo
  1. Gioia Climbing

    Il comportamento delle case editrici

    Nerina cara, sei una persona bellissima.
  2. Gioia Climbing

    Il comportamento delle case editrici

    E' talmente tanto tempo che non scrivo... In questa discussione sono chiamata in causa in prima persona. Non ho intenzione di discutere con nessuno. Le prove? Sono a casa mia, nel faldone di lettere e mail che ho ricevuto fino a qualche giorno fa con tanto di numero di protocollo. Ma queste sono cose mie. Ovviamente, ultimamente, da una sola CE perché da quando è scesa lei in campo le altre sono sparite. Vorrei avere la certezza di pubblicare per maggio 2013 come mi è stato promesso, ma a questo punto non ne sono tanto sicura. Il mondo dell'editoria è piccolo e so che a certi livelli si conoscono tutti. Per questo motivo preferisco tenere quello che penso per me. Forse, un giorno, se le cose andranno male, sarò disposta a tirare fuori tutte le carte e a raccontare la mia esperienza. Per il momento preferisco aspettare. Voglio dare ancora un po' di fiducia a questa CE anche se persone direttamente interessate l'hanno già persa. Sicuramente Lem ha detto una cosa giustissima. Il mondo dell'editoria è un mercato che premia la moda del momento. E la crisi del settore rende tutto complicato. Vorrei poter raccontare tutto anche perché mi piacerebbe sentire un po' di pareri su questa strana situazione ma vi giuro che non posso. E quanto lo vorrei... Comunque non mi arrendo. Sto scrivendo un altro romanzo e intanto aspetto ancora questa bozza di contratto che è stata cambiata non so quante volte. Un abbraccio. PS: Grazie Gianni. Sei un grande amico. Grazie Ali e tutti quanti ancora credono in me. Spero, presto, di potervi dire che è tutto ok. PS: Se avessi saputo che sarei stata così male, non avrei mai cominciato a scrivere.
  3. Gioia Climbing

    Mi chiedevo... tra narrazione e dialogo quale vi riesce più lunga?

    Hai espresso perfettamente ciò che penso anch'io. Concordo in pieno!
  4. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    OT. E' vero, oggi è uno dei nomi più dati ma trentacinque anni fa no. Anch'io ne conosco pochissime della mia età.
  5. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    Adesso sarei curiosa di sapere dove hai letto che io andrei a 'spezzare i sogni a un ragazzo'. O hai, come dire, fatto qualche volo pindarico su quanto ho scritto, oppure non è chiaro che alla domanda iniziale, ovvero "il mio romanzo sarà troppo infantile per un editore?" ho semplicemente risposto "a 14 anni sì, lo ritengo troppo infantile". E ho portato gli innumerevoli esempi di baby autori degli ultimi anni, che non sono stati precisamente un bell'esempio di come lavorano gli editori. Dove avrei scritto che deve prendere i suoi sogni, accartocciarli e buttarli nell'immondizia? Lem, ma io parlavo con te, non di te. Siccome avevi quotato me, il post era molto ambiguo. Prendo atto che non era tua intenzione insinuare niente. Effettivamente, rileggendo il post, poteva sembrare che io ce l'avessi con te. Non è così
  6. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    Adesso sarei curiosa di sapere dove hai letto che io andrei a 'spezzare i sogni a un ragazzo'. O hai, come dire, fatto qualche volo pindarico su quanto ho scritto, oppure non è chiaro che alla domanda iniziale, ovvero "il mio romanzo sarà troppo infantile per un editore?" ho semplicemente risposto "a 14 anni sì, lo ritengo troppo infantile". E ho portato gli innumerevoli esempi di baby autori degli ultimi anni, che non sono stati precisamente un bell'esempio di come lavorano gli editori. Dove avrei scritto che deve prendere i suoi sogni, accartocciarli e buttarli nell'immondizia? Lem, ma io parlavo con te, non di te.
  7. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    Nerina anche tu hai ragione. Ma perché quel qualcuno non dobbiamo essere proprio noi? Una volta lessi un pezzo che avevi scritto tu. Ti ricordi? Era molto bello e te lo dissi. A me piace come scrivi. A parte questo, penso che tutti i consigli dati a Salvo siano utili a farlo riflettere. Salvo in bocca al lupo!
  8. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    Se è per questo nemmeno io ho preso calci, anzi più che altro ne ho dati e mi sono tolte delle belle soddisfazioni (tra cui rifiutare un contratto con una big, gegnegne... ehm... no, non era così... vabbè insomma, quella roba là). Ma mi sono messa in gioco quando sono stata pronta per farlo, non prima. 14 anni è troppo presto, e d'altronde tu stessa scrivi di aver sempre studiato molto. E anche questa giornata è stata una giornata ben spesa. Ora Swetty mi uccide per il quotone. Swetty, Perdono! Sono una frana col computer. Lem, quattordici anni sono pochi, e su questo siamo tutti d'accordo, ma niente è impossibile e non sono io la persona che va a spezzare i sogni a un ragazzo. Se poi la sua storia è sensazionale perché non provarci. Io a quattordici anni ancora giocavo con le bambole. Non ho mai pensato di scrivere un romanzo e il fatto che abbia studiato tanto non era certo orientato alla stesura di un libro, semmai a ritagliarmi una bella carriera nel mio campo. Ovviamente mi è tornato utile. Sono contenta per i tuoi sassolini. Grazie Mario.
  9. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    Hai ragione anche tu! E chiarire è una cosa che mi fa sempre piacere. Scusate l'OT : Mi chiamo Giulia. Gioia Climbing è il nome di un tipo di rosa. Grazie
  10. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    Non sono d'accordo quando si dice che per ottenere le cose bisogna sempre faticare, lottare fino a prendere tanti calci. Io credo che nella vita non sia sempre così e dire a un ragazzo di quattordici anni quanti calci e insulti deve ancora prendere non é giusto. Io non ne ho presi. Per questo ti smentisco. Esistono anche casi come il mio e se anche non fanno media esistono comunque. Scusami se ti sono sembrata aggrassiva. Non volevo mandare questo messaggio. Sul +1 giocavo perché mi sbaglio spesso al posto della citazione!
  11. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    E il +1 te l'ho dato io per sbaglio! I miei soliti casini
  12. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    Io sì (49), e confermo che capita a qualunque età. Secondo me è proprio un problema di tutti quando cominciano a scrivere: non ci credo a quelli che improvvisamente si svegliano un giorno, cominciano a scrivere e buttano giù il più grande best-seller di tutti i tempi. Scrivere è sudore e arrabbiature, calci in culo e insulti; come credo qualsiasi attività fatta col cuore, oltre che con la penna... Devo smentirti. Non è sempre così e sinceramente non mi piace sentire sempre la solita storia dello scrittore massacrato per raggiungere la pubblicazione. Io scrivo da appena due anni, col cuore (oltre a una gran preparazione perché nella vita ho studiato molto), non ho faticato e non ho preso calci.
  13. Gioia Climbing

    Cosa succederebbe se mi dicessero che il mio romanzo è troppo infantile?

    Ciao Salvo, sei giovane come ti hanno già detto, pensa che hai vent'anni meno di me. Mi risulta strano visto che io mi sento ancora una ragazzina. A parte questo, immagino che tu abbia scritto una storia particolarmente entusiasmante ma spero non sia la prima. L'esperienza è importante. Tradurre in parole ciò che abbiamo dentro non è semplice come sembra. Bisogna metterci quel "qualcosa" in più. Essere caratteristici. E ciò si apprendere con un po' di allenamento e anche preparazione. A quattordici anni mi piaceva scrivere poesie. Oggi, rileggendole, mi rendo conto di quanto siano acerbe. Poi ho capito che la poesia non era per me. L'ho capito scrivendo il mio primo libro. Dopo poco tempo ho cominciato il secondo e già il primo non era più all'altezza. Però ti dico anche che non esiste solo il modo di scrivere. In un romanzo subentra anche la" forza della storia". Ma tu devi aver creato una storia talmente avvincente da lasciare senza parole (appunto). Se sei fermamente convinto della storia allora provaci. Se dovesse andare male prendila come un'esperienza per migliorare! Comunque non è facile finire un romanzo. Ci sei riuscito e questo è gia un punto a tuo favore.
  14. Gioia Climbing

    Ma voi come fate per migliorare?

    Alessio hai espresso perfettamente la mia idea. Scrivere aiuta a tirar fuori il meglio che abbiamo dentro. Scrivere aiuta a capire quali sono i punti deboli e i punti di forza. Scrivere ti svela il tuo modo di essere, quello che a volte non viene fuori in una vita intera. Se poi riusciamo a trovare la coerenza tra noi e ciò che abbiamo scritto allora siamo sulla giusta strada.
  15. Gioia Climbing

    Se hai già pubblicato con un casa editrice a pagamento...

    Segnalalo tra le tue esperienze precedenti senza enfatizzarlo troppo. Senza dare rilievo al fatto. Stanno valutando la tua opera e non il tuo passato!
×