Vai al contenuto

giozze

Scrittore
  • Numero contenuti

    120
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di giozze

  1. giozze

    Meucci Agency

    No, rifiutato ;-)
  2. giozze

    Meucci Agency

    Un paio di anni fa ci provai per un altro testo e ci riuscii... pensavo di farcela senza troppi problemi anche questa volta. Peccato. Notte.
  3. giozze

    Meucci Agency

    Pazzesco, ci ho messo 90 secondi e non sono passato!
  4. giozze

    IoScrittore

    Una tale impostazione l'accetto senza batter ciglio. Il mio scritto puo' essere considerato il peggiore della storia, puoi darmi 0 su 10. Puoi non apprezzare l'aggressività, il genere, la scrittura. Ma squalificarmi per linguaggio osceno no, è difficile da digerire. Poi, come ho detto, poco male, avevo comunque deciso che mi sarei fermato qui, ma avrei letto volentieri i giudizi riguardo al mio incipit.
  5. giozze

    IoScrittore

    Non saprei... allora Bret Easton Ellis è osceno? Probabilmente si... per me è "osceno" un certo modo di scrivere, completamente incapace di catturare l'attenzione e creare intensità narrativa. E poi, ripeto, il mio incipit non aveva nessuna scena particolarmente cruda o, appunto, oscena; ma semplicemente un personaggio incazzato col mondo appena uscito di prigione che odia il suo capo, la sua analista, le donne, ma in realtà anche gli uomini, perché in fondo odia soprattutto se stesso. Un personaggio cresciuto per la strada, in modo violento, sboccato, volgare e pieno di rabbia. Sinceramente avrei quasi voglia di farvelo leggere per sapere se davvero lo troviate osceno. Forse oggi i primi a essere cambiati sono i lettori. E purtroppo non in meglio. Invece di chiedere opere di qualità, magari controverse e complesse (sia chiaro non parlo di me!), chiedono opere lisce e rassicuranti, politicamente corrette. Ma vabbè, dimentichiamo questa storia. In bocca al lupo a chi è ancora in corsa.
  6. giozze

    IoScrittore

    Ah ok, questo mi era sfuggito.
  7. giozze

    IoScrittore

    Ah, fra l'altro scusate, ma vorrei anche sottolineare che tra le 10 sinossi che ho letto (come sapete ogni incipit è corredato dalla sinossi), nove non erano sinossi, bensì la brutta copia di una quarta di copertina scritta male (in alcuni casi con degli auto-elogi che mi hanno fatto molto ridere). E' impressionante come la stragrande maggioranza dei sedicenti aspiranti autori non sappia nemmeno come scrivere una sinossi.
  8. giozze

    IoScrittore

    Lo leggero', grazie per il consiglio. Certo, avevo letto attentamente il regolamento, ma è estremamente difficile capire a cosa si riferisca esattamene una tale regola. In ogni opera, di qualunque genere, ci possono essere espressioni scurrili o stereotipi; questo non ha niente a che vedere con il valore della stessa opera, che puo' essere infimo o notevole. Forse ho sbagliato io a non aver dato il giusto peso a questa regola prima di partecipare, ma onestamente mai avrei pensato che riguardasse un testo come il mio. Qual è il futuro della letteratura, del cinema, del teatro , della musica e dell'arte in generale si si usano paletti di questo genere? Credo che serva una seria riflessione su questo. E' uno dei dibattiti più attuali e più importanti del nostro tempo. Ad ogni modo, niente di grave per il mio testo, su cui sto ancora lavorando e che spero trovi una collocazione in futuro. Grazie per le vostre risposte.
  9. giozze

    IoScrittore

    Buongiorno a tutti, Vorrei condividere con voi la mia esperienza per capire se sono pazzo io oppure se il mondo sta perdendo la ragione. Ho partecipato (per la prima volta) all'edizione 2020 del torneo. Ho fatto tutto come richiesto e ho giudicato (seriamente) i 10 incipit assegnatomi. Questa mattina ho ricevuto una mail in cui mi si annunciava che il mio incipit era stato squalificato. Ho dovuto rileggerla 8 volte per crederci. Sette incipit tra i 10 che ho giudicato non rispettavano le pur basilari norme di impaginazione richieste, eppure io non mi sono sognato di segnalarli (come avrei potuto), ma anzi me li sono pappati tutti nonostante il livello infimo di alcuni di loro. Ho scritto per chiedere spiegazioni e la risposta mi ha lasciato ancora più basito. L'incipit è stato squalificato "in quanto riporta in alcuni tratti un linguaggio offensivo". Davanti a questo ho deciso di rispondere così (spero di non violare nessuna regola, ma copiando solo la mia riposta - e non la loro - non credo ci siano problemi): Se la decisione è questa, l'accetto. Tuttavia, consentitemi un brevissimo ragionamento: uno dei miei libri cult è "Il lercio" di Irvine Welsh, pubblicato per di più da uno dei vostri marchi (Guanda). Il protagonista è sboccato, sessista, xenofobo e razzista. Ovviamente non è solo questo, è molto più profondo, ma il testo è farcito di espressioni violente e volgari (in una prosa meravigliosa). Ho finito di leggere pochi giorni fa Piattaforma di Michel Houellebecq. Un grande romanzo (come tutti i suoi), pieno zeppo di scene di sesso con prostitute tailandesi e altrettante pagine con "linguaggio offensivo", come dite voi. Ovviamente loro sono grandi scrittori e io una nullità, ma mi fa comunque tristezza prendere atto che né Welsh né Houllebecq non avrebbero probabilmente passato la prima fase del vostro torneo. La cosa dovrebbe preoccuparvi in quanto editori. Nel mio incipit, il personaggio principale ha riflessioni sessiste (fa parte della sua psicologia) e nella scena iniziale racconta alla sua terapeuta una storiella al cui interno avviene una fellatio. Questo è quanto. Sono basito, soprattutto visto il livello della maggioranza degli incipit che ho giudicato. Il politicamente corretto è davvero uno dei grandi cancri della nostra società moderna. Vi saluto e vi auguro buon lavoro Cordialità, Per favore, potreste quindi dirmi se il pazzo sia il sottoscritto o se forse qualcosina non va? La mia è una domanda seria, ve lo giuro. Grazie NB: Personalmente avevo già deciso di non proseguire nel torneo in quanto non voglio legarmi a nessuna eventuale pubblicazione e-book, quindi tutto il mio discorso è più filosofico che pratico. Certo, mi brucia il fatto di non poter leggere i giudizi sul mio testo! Chiudo semplicemento sottolineando che almeno ho apprezzato che mi abbiano risposto in tempi brevi.
  10. giozze

    La strada per Babilonia

    Nome: La strada per Babilonia Generi trattati: Credo tutti (anche illustrati) Modalità di invio dei manoscritti: http://www.babiloniaedizioni.com/invia-un-manoscritto Distribuzione: Libri diffusi, in alternativa FastBook o Cento Libri Sito: http://www.babiloniaedizioni.com/ Facebook: https://www.facebook.com/babilonia.edizioni/
  11. giozze

    Psocoidea

    La mia è di esattamente 179 parole :-)
  12. giozze

    Psocoidea

    Sono un po' perplesso. Ho aspettato oltre 4 mesi per ricevere la loro scheda. Mi hanno inviato un'analisi si 10-15 righe, anche ben fatta, nel senso che è palese che abbiano letto il romanzo, ma un po' breve, sinceramente. Non che mi aspettassi 8 pagine di scheda, per carità, pero' nemmeno un giudizio cosi stringato e tutto sommato banale, nel senso che non mi hanno detto niente che non sapessi già. In seguito, ho chiesto un preventivo per un editing (perché credo di averne bisogno) e mi hanno risposto che ho tutti gli strumenti per fare il restyling da solo. Non capisco... di cosa vive questa agenzia? Che tipo di modello operativo c'è dietro? Mi sembrano persone oneste e competenti, ma non riesco a inquadrarle. Senza dimenticare che dal mio punto di vista ho perso 4 mesi e mezzo...
  13. giozze

    Psocoidea

    Ciao, per caso qualcuno di voi si è mai appoggiato a loro per un editing? Abbiamo capito che fanno ottime schede di valutazione (gratuite, per di più!), l'attività di rappresentanza resta a mio avviso un po' misteriosa, tuttavia mi chiedevo se ci fossero testimonianze dirette sul lavoro che potrebbero essere in grado di fare direttamente sul testo affiancando l'autore. Grazie.
  14. giozze

    Bookat literary agency

    Ho mandato un messaggio per chiedere informazioni. Per farsi leggere bisogna per forza passare per i servizi editoriali, il che significa pagare la scheda di lettura. Dai 200 euro in su.
  15. giozze

    Ceccacci literary agency

    Anch'io ho finalmente ricevuto la riposta. Non rientro tra i primi tre. Era comunque il mio primo tentativo.
  16. giozze

    Ceccacci literary agency

    Altra cosa, tuti quelli tra di voi che hanno inviato hanno ricevuto risposta? Alcuni sembra di si, ma io ad esempio non ho ricevuto nulla...
  17. giozze

    Ceccacci literary agency

    Mah scusa @Xal se il pc è connesso a internet non dovrebbe sincronizzarsi in automatico? Anche perché un secondo dopo aver inviato la mail all'agenzia Ceccacci ho aperto senza problemi il form della Meucci, quindi la mezzanotte era passata.
  18. giozze

    Ceccacci literary agency

    Io ho cliccato su "invia" appena l'orologio del pc è scattato sulla mezzanotte. Eppure, secondo yahoo ho inviato la mail alle ore 23:58 del 30 settembre.... non capisco. Ho anche inviato una mail all'agenzia, ma non ho ricevuto risposta...
  19. giozze

    Meucci Agency

    Ciao @drak invece ci sono limitazioni. Se leggi i post precedenti scoprirai che non puoi inviare tramite il form due volte con la stessa mail. Vieni in pratica "bloccato". Ero a conoscenza di questa cosa, ma ero tranquillo perché come detto non sono mai riuscito a inviar loro un romanzo. Ci avevo provato ma ero stato troppo lento. per quanto mi riguarda è questo il punto controverso.
  20. giozze

    Meucci Agency

    A me è capitata una cosa davvero strana. Ho fatto tutto velocissimo, credo in un minuto massimo. Quando ho schiacciato su "invia" mi è comparsa la scritta "Lei è già presente nella nostra banca dati". Ora, tralasciando che preso dall'adrenalina ho scambiato sul subito questo messaggio come una conferma del buon esito del mio invio e solo dopo qualche minuto invece ho realizzato cio' che significava, la cosa non mi quadra. Io non ho mai inviato loro nessuna proposta. Ci provai una volta nel 2013 e non ce la feci. Preso dal dubbio ho anche fatto una ricerca nella mia casella di posta elettronica per "meucci" o "meucciagency". Non ho mai ricevuto nessuna mail da parte loro. Se avessi inviato un manoscritto, avrei quantomeno dovuto ricevere la mail di avvenuta ricezione e successivamente anche la mail di rifiuto. Onestamente non capisco. Ho inviato una mail all'agenzia chiedendo se potessero verificare, ma per ora nessuna risposta... Per caso qualcuno tra voi ha avuto esperienze simili? Grazie
  21. giozze

    Ceccacci literary agency

    4 mesi per leggere 30 pagine? Andiamo bene...
  22. giozze

    Tutto quello che non serve

    Se interessa, un bel servizio di Video Novara su Tutto quello che non serve (al minuto 5:50):
  23. giozze

    Tutto quello che non serve

    Titolo: Tutto quello che non serve Autore: Valerio Baselli Collana: Tomahawk Casa editrice: AUGH! Edizioni ISBN: 978-88-9343-159-0 Data di pubblicazione: 20 giugno 2017 Prezzo: 13,00€ cartaceo - 5,99€ elettronico (l'ebook uscirà a settembre) Genere: Narrativa non di genere Pagine: 182 Quarta di copertina Tutto quello che non serve è un romanzo ambientato nel mondo della finanza. La storia ha due personaggi principali: Daniele e Riccardo. Estremamente diversi, quasi opposti per background culturale, indole e aspirazioni, si ritrovano colleghi alla Sterling Investment Bank. Daniele è un matematico pieno di talento, con alle spalle una storia d’amore terminata all’improvviso senza perché. Cerca la logica in ogni cosa e trova nei numeri e nelle formule matematiche quell’equilibrio che gli sfugge nella vita. Riccardo, invece, è un trader cinico e determinato a ottenere successo sul lavoro, costi quel che costi. La sua filosofia di vita lo condurrà a fare delle scelte in cui il rischio diventerà un’indispensabile adrenalina di cui non riuscirà più a fare a meno. Sullo sfondo della crisi greca e delle speculazioni sui mercati internazionali, le loro esistenze si intrecciano tra cambiamenti, successi e fallimenti. In un crescendo di pathos, tra climax psicologici ed emotivi, Valerio Baselli racconta le dinamiche del mondo finanziario con straordinaria semplicità e ci conduce in un universo spietato in cui ogni decisione implica un atto di responsabilità verso se stessi e gli altri. Link all'acquisto Sito editore: http://www.aughedizioni.it/tomahawk/quello-non-serve/ IBS: https://www.ibs.it/tutto-quello-che-non-serve-libro-valerio-baselli/e/9788893431590 Amazon: https://www.amazon.it/dp/8893431599/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1500452114&sr=1-1 Mondadori Store: http://www.mondadoristore.it/Tutto-quello-che-non-serve-Valerio-Baselli/eai978889343159/ Hoepli: http://www.hoepli.it/libro/tutto-quello-che-non-serve/9788893431590.html Pagina Facebook: https://www.facebook.com/tuttoquellochenonserve/
  24. giozze

    Tutto quello che non serve

    Grazie Marco, ma fa molto piacere che il libro ti interessi, peccato tu non possa passare a Parigi :-). Per quanto riguarda le segnalazioni in effetti siamo contenti (io e la CE), sicuramente il mio lavoro ha aiutato in questo senso. Spero che le lettura ti risulti piacevole, magari fammi sapere il tuo giudizio dopo. Ciao!
  25. giozze

    Tutto quello che non serve

    Anche se non credo che molti di voi possano venire, mi fa piacere condividere la prossima presentazione del romanzo, che si terrà a Parigi: http://blog.libreria.fr/index.php?option=com_content&view=article&id=431:mercredi-7-fevrier-2018-a-19h-valerio-baselli-tutto-quello-che-non-serve&catid=39:rencontres-prevues&Itemid=54
×